la settimana santa l.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La SETTIMANA SANTA PowerPoint Presentation
Download Presentation
La SETTIMANA SANTA

play fullscreen
1 / 16
Download Presentation

La SETTIMANA SANTA - PowerPoint PPT Presentation

corin
569 Views
Download Presentation

La SETTIMANA SANTA

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. LaSETTIMANA SANTA e ilTRIDUO PASQUALE

  2. La Settimana Santa • È la settimana in cui si celebrano i misteri di salvezza che Cristo ha compiuto negli ultimi giorni della sua vita, a partire dal suo ingresso in Gerusalemme.

  3. La domenica “delle Palme” • È il primo giorno della settimana santa in cui la Liturgia celebra inizialmente il trionfo di Cristo, acclamato Messia dagli abitanti di Gerusalemme, e quindi la Passione del Signore, di cui si proclama solennemente il racconto

  4. La Messa del Crisma • È una grande concelebrazione, che il Vescovo presiede nella Chiesa Catte-drale, durante la quale i presbiteri rin-novano le promesse fatte al momento della loro Ordinazione, vengono bene-detti l’Olio dei Catecumeni e l’Olio degli infermi e consacrato il Sacro Crisma.

  5. Il Triduo Pasquale • È il centro di tutto l’anno liturgico, non è una preparazione alla Pasqua ma la celebrazione della Pasqua stessa in tre giorni. • Ogni giorno la Chiesa celebra un aspet-to particolare, una componente del mi-stero del Signore crocifisso, sepolto e risorto.

  6. Il Triduo PasqualeLa messa in Coena Domini • È la prima celebrazione del Triduo Pasquale. • Al centro l’istituzione dell’Eucaristia, memoriale della Pasqua di Cristo, del suo amore infinito per noi, e del ministe-ro sacerdotale, che va esercitato sull’esempio di Cristo, come servizio dei fratelli e delle sorelle nella comunità.

  7. Il Triduo PasqualeLa celebrazione della Passione del Signore • Il Venerdì santo la Chiesa non celebra l’Eucaristia ma fin dal IV secolo a Gerusa-lemme ricorda la morte del Signore. • L’odierna celebrazione si compone di tre momenti: • La liturgia della Parola • L’adorazione della Croce • La comunione eucaristica

  8. Il Triduo PasqualeIl sabato Santo • Anche il sabato santo la Chiesa non celebra l’Eucaristia ma sosta presso il sepolcro del Signore meditando la sua passione e morte in attesa di celebrare il trionfo di Cristo sulla morte con la sua Risurrezione. Il mondo è sempre al sabato santo e sogna tra la sua morte e la sua resurrezione, ma coloro, che sono imprigionati in fondo e non possono dormire, sentono al disotto aprirsi, davanti al Cristo, le porte sotterranee

  9. Il Triduo PasqualeLa VEGLIA PASQUALE • È il culmine della celebrazione della Pasqua iniziata con il ricordo dell’istituzione dell’Eucaristia e del sacerdozio ministeriale. • L’odierna celebrazione si compone di tre momenti: • Il lucernario con l’accensione del nuovo fuoco e l’ingresso del cero pasquale • La liturgia della Parola • La liturgia battesimale • La liturgia eucaristica

  10. LA SETTIMANA SANTA IN PARROCCHIA • DOMENICA 1 APRILE 2012 Ore 10 a S. Annuzza • Benedizione dei rami d’ulivo e delle palme e processione verso la chiesa parrocchiale dove si celebra l’Eucaristia • Lunedì 2, martedì 3, mercoledì 4 • Dalle 8.30 alle 12 e dalle 16.30 alle 19 disponibilità per la Confessione

  11. LA SETTIMANA SANTA IN PARROCCHIA • Giovedì 5 aprile ore 9 in Cattedrale • Santa Messa del Crisma n.b. il mattino la Chiesa è chiusa

  12. Il TRIDUO PASQUALE • Giovedì 5 aprile ore 18.30 • Santa Messa in Coena Domini ore 21.30 • Adorazione Comunitaria

  13. Il TRIDUO PASQUALE • venerdì 6 aprile ore 9.00 • Ufficio delle Letture e Lodi ore 18.00 • Celebrazione della Passione del Signore

  14. Il TRIDUO PASQUALE • sabato 7 aprile ore 9.00 • Ufficio delle Letture e Lodi ore 17 • Disponibilità per le Confessioni nella Sala San Francesco (attigua alla porta della Chiesa)

  15. 7 APRILE ore 22.45 Solenne Veglia Pasquale

  16. Signore, nessun nuovo mattino venga a rischiarare la mia vita senza che il mio pensiero vada alla tua risurrezione e senza che, in spirito, non vada verso il sepolcro vuoto del giardino! Infatti, è il Cristo risorto a venire a me ogni giorno, all'alba. Per quanto grandi possano essere le perplessità, i pericoli, l'inizio di tutte le mie giornate sarà radioso, se mi ricordo - ma con tutta l'anima econ tutta la mente - che il mio salvatore ha vinto le forze del male e della morte. Il mio primo atto di fede, ogni mattina, sarà un atto di fede nella tua vittoria finale. «L’amore è forte come la morte». (Un monaco della Chiesa di oriente)