Carta Europea dell'Acqua (promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'Europa) - PowerPoint PPT Presentation

carta europea dell acqua promulgata a strasburgo il 6 maggio 1968 dal consiglio d europa l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Carta Europea dell'Acqua (promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'Europa) PowerPoint Presentation
Download Presentation
Carta Europea dell'Acqua (promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'Europa)

play fullscreen
1 / 103
Carta Europea dell'Acqua (promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'Europa)
2682 Views
Download Presentation
clint
Download Presentation

Carta Europea dell'Acqua (promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'Europa)

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Carta Europea dell'Acqua(promulgata a Strasburgo il 6 Maggio 1968 dal Consiglio d'Europa) 1) Non c'è vita senza acqua. L'acqua è un bene prezioso, indispensabile, a tutte le attività umane.2) Le disponibilità di acqua dolce non sono inesauribili. E' indispensabile preservarle, controllarle e, se possibile, accrescerle.3) Alterare la qualità dell'acqua significa nuocere alla vita dell'uomo e degli altri esseri viventi che da lui dipendono.4) La qualità dell'acqua deve essere tale da soddisfare tutte le esigenze delle utilizzazioni previste, ma deve sopratutto soddisfare le esigenze della salute pubblica.5) Quando l'acqua, dopo essere stata utilizzata, è restituita, al suo ambiente naturale, essa non deve compromettere i possibili usi, tanto pubblici che privati che in questo ambiente potranno essere fatti.6) La conservazione di una copertura vegetale appropriata, di preferenza forestale, è essenziale per la conservazione delle risorse idriche.7) Le risorse idriche devono formare oggetto di inventario.8) La buona gestione dell'acqua deve formare oggetto di un piano stabilito dalle autorità competenti.9) La salvaguardia dell'acqua implica uno sforzo importante di ricerca scientifica, di formazione di specialisti e di informazione pubblica.10) L'acqua è un patrimonio comune, il cui valore deve essere riconosciuto da tutti.11) La gestione delle risorse idriche dovrebbe essere inquadrata nel bacino naturale piuttosto che entro frontiere amministrative e politiche.12) L'acqua non ha frontiere. Essa ha una risorsa comune, che necessita di una cooperazione internazionale.

  2. Carta Europea dell’Acqua (1968) “Non c’è vita senza acqua. L’acqua è un bene prezioso, indispensabile a tutte le attività umane. (….) Essa è per l’uomo, per gli animali e per le piante un elemento di prima necessità. (…) Essa è indispensabile all’uomo come bevanda e come alimento, per la sua igiene e come sorgente di energia (…)”

  3. L’acqua • indispensabile per la vita • il 70% del nostro pianeta è ricoperto da acqua • disponibilità limitata: 1450 milioni di miliardi di m3 (97%: mari e oceani; 2,6%: acqua dolce nei continenti come acque sotterranee e ghiacciai e come laghi e fiumi; 0,1% in atmosfera come umidità) • meno dell’1% dell’acqua può essere utilizzata dall’uomo (fiumi, laghi e acqua nel sottosuolo) ed è distribuita in maniera irregolare in rapporto alle precipitazioni

  4. Distribuzione dell’acqua

  5. La situazione mondiale All’inizio del 2000 un sesto della popolazione mondiale (oltre 1 miliardo di persone) ancora non godeva di accesso ad acque sicure.

  6. La maggior parte di queste persone viveva e vive in Asia ed Africa, paesi dove meno della metà della popolazione è coperta da adeguato approvvigionamento idrico.

  7. Differenze tra aree urbane e rurali

  8. Fabbisogno idrico per l’uomo • Fabbisogno giornaliero per l’uomo: 2-2,5 litri (un uomo adulto assume giornalmente 2400-2700 ml di acqua) • Costituente fondamentale degli organismi viventi: 70% del peso corporeo (60% del peso corporeo di un adulto, 80 % del peso di un neonato) • E’ la sostanza che in maggior quantità entra ed esce dal corpo umano

  9. Il fabbisogno idrico • 50/60 litri abitante/die • < 5.000 abitanti • fino a 1.000 litri abitante/die • città di medie dimensioni • >1.000 litri abitante/die • megalopoli con oltre 5 milioni di abitanti

  10. La percentuale di persone con adeguato accessoad acque sicure è aumentata dal 79% (4,1 miliardi)del 1990 all’82% (4,9 miliardi) del 2000. Nello stesso periodo la proporzione della popolazione mondiale con adeguati dispositivi sanitari di smaltimento dei rifiuti è passata dal 55% (2,9 miliardi) al 60% (3,6 miliardi).

  11. Il fabbisogno idrico industriale Le industrie richiedono quantità enormi di acqua Alcuni esempi: • per produrre una tonnellata di gomma sintetica occorrono 2700 m3 di acqua • per produrre una tonnellata di acciaio occorrono 270 m3 di acqua

  12. Agricoltura:settore più idroesigente • 70% agricoltura • 20% industria • 10% consumo umano

  13. I consumi • La domanda di acqua è triplicata dal 1950 e si prevede che raddoppi entro il 2050. • L’Italia è prima in Europa e terza nel mondo (dopo USA e Canada). • Nel 1999 la quantità di acqua prelevata complessivamente per uso potabile è stata pari a 9.137.651 di migliaia di m3 (dati ISTAT 2004).

  14. I consumi di acqua in Italia • 12.347 acquedotti che gestiscono oltre 9 milardi di m3 di acqua (dati 1999, ISTAT 2004). • 307 litri al giorno per abitante è la quantità media fornita dagli acquedotti. • Il 35% della popolazione, pur servita da rete acquedottistica, non dispone di acqua sufficiente in uno o più trimestri all’anno. • Il 15% della popolazione italiana si trova sotto la soglia minima del fabbisogno idrico (Puglia, Sicilia e Sardegna). • Fatiscenza di gran parte della rete acquedottistica che disperde fino al 30%-40% dell’acqua circolante (contro una media europea del 13%).

  15. Approvvigionamento idrico in Italia • 85% acque profonde • 15% acque superficiali

  16. Acque superficiali Acque di falda Sistemi di distribuzione Disinfezione • Sostanze naturali • Pesticidi • Scarichi industriali • Rifiuti solidi • Scarichi industriali • Scarichi urbani • Rifiuti solidi CONTAMINAZIONE DELLE ACQUE POTABILI • Disinfettanti • Sostanze naturali Rilascio da parte delle condutture

  17. EFFETTI DELL’INQUINAMENTO DELL’ACQUA • effetti sull’aspetto delle acque • effetti sulle caratteristiche chimico-fisiche delle acque • effetti sulla flora e sulla fauna • effetti sull’utilizzo delle acque • effetti generali sull’ambiente • effetti sulla salute dell’uomo

  18. L’aspettodelle acque

  19. I RISCHI • infettivo • tossico • ambientale

  20. Principali agenti di inquinamento presenti nell’acqua • Agenti inquinanti Effetti sulla salute umana • Batteri • Virus Numerose malattie infettive e parassitarie a prevalente • Protozoi ciclo di diffusione oro-fecale • Elminti • Alghe Effetti tossici • Metalli Effetti tossici e/o cancerogeni (piombo, mercurio, cadmio, • arsenico, cromo, zinco, antimonio, nichel, selenio, cobalto) • Nitrati Metaemoglobinemia • Solventi organici Effetti tossici e/o cancerogeni • alogenati • Fluoruri Lesioni dentarie per eccesso e/o per difetto • Iodio Gozzo • Pesticidi Effetti tossici e/o cancerogeni • Petrolio e idrocarburi Effetti tossici • Fenoli Effetti tossici • Sostanze radioattive Azione cancerogena e danni genetici • Asbesto Azione cancerogena

  21. EFFETTI TOSSICI DI SOSTANZE CHIMICHE RISCONTRABILI NELL’ACQUA • Nitrati:se >50 mg/L: metaemoglobinemia (soprattutto lattanti) • Fluoruri:se >1,5 mg/L: fluorosi dentale • Idrocarburi policiclici aromatici: cancerogenesi • Composti organoclorurati: cancerogenesi (PCB, erbicidi, insetticidi, fungicidi, solventi industriali: cloroformio, trielina) • Metalli: (Pb, Cd, Cr, Ag, Se, Ba, Hg, Cu, Va, Zn: neurotossicità, epatotossicità, patologie muscolari e vascolari, sospetta cancerogenesi; bioaccumulo nella catena alimentare

  22. Planktothrix rubescens

  23. Anabaena lemmermannii Anabaena flos-aquae

  24. Microcystis aeruginosa

  25. caratteristiche: organolettiche fisiche chimiche biologiche QUALITÀ DELL’ACQUA • Temperatura (12°C) • Conducibilità elettrica • pH (6,5-9,5) • Odore • Sapore • Colore • Torbidità • Durezza • Fluoro (1,5 mg/l) • Carico organico • COD=azoto organico+carbonio organico • Ammoniaca (0,5 mg/l) • Nitriti (0,5 mg/l) • Nitrati (50 mg/l) • Cloruri (250 mg/l) • Inquinanti • Indicatori di superficialità • Indicatori di contaminazione fecale

  26. Studio dei caratteri chimici • presenza di sostanze tossiche • presenza di sostanze indesiderabili talora tossiche ad elevate concentrazioni • indicatori chimici di mineralizzazione (sostanze che rendono l’acqua inadatta ad usi domestici) • indicatori di contaminazione microbica • indicatori di rischio radioattivo

  27. Caratteri chimici riferibili, prevalentemente, alla mineralizzazione di un'acqua potabile (DPR 236/88 e D.Lgs. 31/2001) μg/l F

  28. Caratteri chimici riferibili, prevalentemente, alla contaminazione biologica di un'acqua potabile (DPR 236/88 e D.Lgs. 31/2001)

  29. Caratteri chimici riferibili, prevalentemente, alla contaminazione industriale o agricola di un'acqua potabile (DPR 236/88 e D.Lgs. 31/2001)

  30. Principali patogeni trasmissibili con l’acqua e relative patologie ORGANISMO PATOLOGIA ORGANISMO PATOLOGIA Contatto con l'acquaIngestione di acqua Actinomyces Attinomicosi Aeromonas hydrophila Gastroenterite Aeromonas hydrophila Infezioni di ferite Arizona hinshawii Gastroenterite Leptospira Leptospirosi Bacillus cereus Gastroenterite Staphylococcus aureus Infezioni di ferite Campylobacter coli Gastroenterite Pseudomonas spp Otite esterna Citrobacter freundii Gastroenterite Vibrio spp Infezioni di ferite, Plesiomonas shigelloides Gastroenterite otite esterna Proteus vulgaris Gastroenterite Pseudomonas aeruginosa Otite, congiuntivite, Providencia spp Gastroenterite infezioni urinarie, Pseudomonas aeruginosa Gastroenterite ascessi, gastro- Salmonella typhi Tifo enterite in neonati Yersinia enterocolitica Gastroenterite Adenovirus Faringiti, infezioni Vibrio cholerae Colera dell’occhio Enterovirus Diarrea, meningite, Naegleria Meningoencefalite miocardite Astrovirus Enteriti Inalazione di acquaPoliovirus Poliomielite Flavobacterium meningosepticum Meneingite Rotavirus Enterite Francisella tularensis Tularemia Entamoeba hystolitica Dissenteria Legionella sppLegionellosi, Cryptosporidium Dissenteria febbre di Pontiac Giardia lamblia Enterite Da Aulicino e Volterra, mod.

  31. Virus enterici umani potenzialmente presenti nelle acque inquinate(Rao et al, 1986) GRUPPO DI VIRUS N.TIPI MALATTIE CAUSATE Enterovirus Poliovirus 3 Paralisi, meningite, febbre Echovirus 31 Meningite, affezioni respiratorie, esantemi, diarrea,febbre Coxsackie A 23 Angina erpetica, affezioni respiratorie, meningite, febbre Coxsackie B 6 Miocardite, anomalie cardiache congenite, esantemi, febbre, meningite, affezioni respiratorie, pleurodinia Nuovi enterovirus Tipi 68‑71 >4 Meningite, encefalite, affezioni respiratorie, congiuntivite emorragica acuta, febbre Enterovirus tipo 72 1 Epatite virale A (virus epatite A) Virus di Norwalk 2 Diarrea, vomito, febbre Rotavirus 4 Vomito e diarrea, principalmente nei bambini Reovirus 37Affezioni respiratorie, infezioni oculari, gastroenteriti Parvovirus 3 Febbre, esantemi, anemia aplastica