slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
USES and GRATIFICATIONS PowerPoint Presentation
Download Presentation
USES and GRATIFICATIONS

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 7

USES and GRATIFICATIONS - PowerPoint PPT Presentation


  • 124 Views
  • Uploaded on

USES and GRATIFICATIONS. Fine ’50 inizio ’60: Nonostante l’approccio degli effetti limitati godesse ancora di grande popolarità, le contraddizioni fra i dati empirici e le ipotesi fondanti le teorie mostravano che:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'USES and GRATIFICATIONS' - caitir


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

USES

and

GRATIFICATIONS

slide2

Fine ’50 inizio ’60:

Nonostante l’approccio degli effetti limitati godesse ancora di grande popolarità, le contraddizioni fra i dati empirici e le ipotesi fondanti le teorie mostravano che:

IL PROCESSO COMUNICATIVO ERA MOLTO PIU’ COMPLESSO DI QUANTO IL PARADIGMA DELL’INFLUENZA SELETTIVA FOSSE IN GRADO DI PREVEDERE.

slide3

Fine anni ’50:

I sociologi iniziano ad abbandonare le teorie comportamentiste e cominciano a studiare il fenomeno dei mass media attraverso i quadri teorici di orientamento funzionalista (vedi T. Parsons e R.K.Merton) dando vita ad un modello che considera più la dimensione del consumo che quella degli effetti dei media. Tale modello è detto:

“USES AND GRATIFICATIONS”

slide4

Secondo tale modello esiste un rapporto diretto fra l’uso dei media e il bisogno dei fruitori dei media stessi

I media non fanno altro che FORNIRE PRODOTTI SIMBOLICI [non più organizzazioni persuasorie] il cui uso è legato alla decisione di SOGGETTI IN GRADO DI DECIDERE ATTIVAMENTE E FINALISTICAMENTE SULLA PROPRIA CONDOTTA  [individui = soggetti attivi]

Da qui la domanda che guida la ricerca:

“QUALI FUNZIONI SVOLGONO I MEDIA PER L’INDIVIDUO E LA COLLETTIVITA’?”  [da “cosa fanno i media agli individui” a “cosa fanno gli individui con i media”]

slide5

FUNZIONI DEI MEDIA PER GLI INDIVIDUI:

  • INFORMAZIONE: eventi nel mondo; suggerimenti su argomenti e opinioni per decisioni; soddisfacimento curiosità ed interessi; raggiungimento del senso di sicurezza mediante la conoscenza, ecc..
  • IDENTITA’ PERSONALE: rafforzamento valori individuali; modelli di comportamento; identificazione con altri sistemi di valori
  • INTEGRAZIONE ED INTERAZIONE SOCIALE: conoscere la condizione altrui; realizzazione del senso di appartenenza; argomenti di conversazione; surrogato delle relazioni, ecc..
  • INTRATTENIMENTO: evasione e distrazione; piacere culturale ed estetico; tempo libero; liberazione delle emozioni, ecc..
slide6

L’AGIRE DI CONSUMO DI PRODOTTI MEDIALI E’ LEGATO ALL’INCONTRO FRA LE ESIGENZE DELL’INDIVIDUO E L’OFFERTA SIMBOLICA DEI MEDIA

  • Audience attiva
  • Il rapporto gratificazione/uso dipende dal destinatario
  • I destinatari possono fornire indicazioni su questo rapporto (livello metodologico)
  • I media competono con altre fonti di soddisfazione dei bisogni
slide7

Questo approccio però non si presenta come alternativo a quelli tradizionali, semmai si integra con questi, prendendo in considerazione aspetti che non erano stati considerati (bisogni e consumo)

  • Come i precedenti rimane infatti legato a due aspetti fondamentali:
  • E’ legato all’ideologia del “NON C’E’ DA AVERE PAURA DEI MEDIA”
  • Rimane limitato ad una prospettiva di BREVE TERMINE
  • Pur se legato ad un approccio teorico macrosociologico, rimane limitatamente legato all’analisi di gruppi di individui più che della società nel suo insieme