il clima n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Il clima PowerPoint Presentation
Download Presentation
Il clima

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 21

Il clima - PowerPoint PPT Presentation


  • 322 Views
  • Uploaded on

Il clima. di ANTONIO CANGIANO. U.A . X 100. U. MAX . X U.R . U.A .=. U.R . =. L’umidità. LA TROPOSFERA contiene umidità, sotto forma di vapore acqueo , in quantità variabile da punto a punto e, nello stesso punto, nei vari momenti.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Il clima' - betty_james


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
il clima
Il clima

di

ANTONIO CANGIANO

l umidit

U.A. X 100

U. MAX. X U.R.

U.A.=

U.R. =

L’umidità

LA TROPOSFERA contiene umidità, sotto forma di vapore acqueo, in quantità variabile da punto a punto e, nello stesso punto, nei vari momenti.

UMIDITA’ ASSOLUTA: la quantità di vapore acqueo espressa in grammi contenuta in un metro cubo di aria a una determinata temperatura.

UMIDITA’ RELATIVA:il rapporto percentuale tra l’umidità assoluta e l’umidità massima (definita come la quantità massima di vapore acqueo che, a una data temperatura, può contenere un metro cubo di aria)

U.A. : U.MAX. = U.R. : 100

100

U.MAX.

nuvole e nebbie
Nuvole e nebbie

La quantità di vapore che un metro cubo d’aria può contenere(umidità massima) dipende dalla temperatura; all’aumentare della temperatura aumenta la quantità di vapore. Quando tale quantità è superata, (aria satura) l’eccesso di vapore condensa, cioè passa allo stato liquido.

Si formano

NUVOLE

E

NEBBIA

Un abbassamento di temperatura (punto di rugiada) della massa d’aria è in sostanza la causa della condensazione del vapore acqueo.

L’aria umida staziona al suolo che è più freddo, cedendogli calore e raffreddandosi, si formano le NEBBIE.

Ciò può avvenire perché aria carica d’umidità sale, si dilata e si raffredda, si formano NUVOLE

OPPURE

precipitazioni
Precipitazioni
  • Possiamo avere diversi tipi di precipitazioni:
  • pioggia: l’acqua è allo stato liquido
  • neve: si formano cristalli di ghiaccio, l’acqua ha una temperatura inferiore allo zero.
  • grandine: si formano strati di ghiaccio concentrici con una struttura che ricorda la cipolla; si forma nelle nuvole molto sviluppate in altezza, i cumuli, a causa di fenomeni convettivi.

Il monitoraggio delle precipitazione rappresenta un altro importante elemento dello studio del clima. La quantità di precipitazioni è misurata in mm di pioggia su metro quadrato.

le perturbazioni
Le perturbazioni

Le perturbazioni delle medie latitudini si formano per l’incontro delle masse d’aria calda proveniente dai tropici con le masse d’aria fredda che proviene dal polo.

Le masse d’aria fredda allontanandosi dal polo incontrano le masse d’aria calda le sollevano violentemente, queste si raffreddano e producono nuvole cumuliformi con precipitazioni temporalesche

Le masse d’aria calda allontanandosi dai tropici incontrano le masse d’aria fredde e si pongono sopra di esse, senza diventare instabili e producono nuvole stratificate con precipitazioni di scarsa entità.

come si formano le perturbazioni
Come si formano le perturbazioni?

Si formano dall’incontro tra le masse d’aria calda proveniente dai tropici (fronte caldo) con le masse d’aria fredda (fronte freddo)proveniente dai poli.

La linea d’incontro al suolo tra le due masse d’aria si chiama fronte polare.

Le due masse d’aria sono sottoposte alla forza di CORIOLIS:

l’aria fredda avanza in direzione sud/ovest.

l’aria calda avanza in direzione nord/est.

slide7
Ciò determina un’increspatura del fronte con la formazione di un vortice depressionario.

L’aria calda salendo si raffredda e, a causa della rotazione terrestre, assume un moto vorticoso in senso antiorario, nell’emisfero boreale, orario in quello australe.

slide8

In tal modo si formano le perturbazioni delle medie latitudini, in gruppi di quattro o cinque e assumono un andamento che da nord-ovest prosegue verso sud-est.

Il fronte freddo, essendo più veloce, si avvicina progressivamente al fronte caldo, fino al loro congiungimento (fronte occluso) con conseguente sollevamento dell’aria calda dal suolo.

È nella fase di occlusione che il sistema frontale dà il meglio o – se vogliamo – il peggio di sé: il ciclone raggiunge la massima intensità, la pressione al livello del mare tocca i valori minimi, i venti soffiano più forti che mai, i fenomeni di condensazione assumono il ritmo più intenso.

il clima1
Il clima

Definizione: andamento del tempo meteorologico durante tutto l’ anno.

Valutare il clima di una determinata località comporta osservazioni che devono avere una durata almeno trentennale, per evitare che eventi eccezionali possano fuorviare.

Il clima è determinato dall’influenza di FATTORI ed ELEMENTI.

I FATTORI, non variano ; gli ELEMENTI invece variano, e dipendono dai fattori.

fattori ed elementi

ELEMENTI

  • temperatura
  • pressione
  • venti
  • umidità e precipitazioni

variano

fattori ed elementi

Non variano

FATTORI

  • Latitudine
  • Presenza di montagne
  • Vicinanza dal mare o da grandi laghi
  • Correnti marine

CLIMA

Temperatura e precipitazioni sono gli elementi più importanti

temperatura e clima
Temperatura e clima

E’ molto importante conoscere l’andamento della temperatura di una località attraverso le medie diurne, mensili e annue, che permettono ai meteorologi di seguirne l’andamento.

  • MEDIA DIURNE: media aritmetica tra le diverse temperature registrate durante il giorno in una determinata località.
  • MEDIA MENSILE :media aritmetica delle temperature medie diurne di un mese.
  • MEDIA ANNUA: media aritmetica delle medie mensili di un anno.
le isoterme
Le isoterme

Sono linee che uniscono località aventi le medesime temperature in una carta.

Le carte delle isoterme possono essere giornaliere, mensili, annue.

Le più importanti sono quelle mensili riferite ai mesi di Gennaio e Luglio, il mese più freddo e quello più caldo.

Se si vogliono ottenere informazioni sulla temperatura senza tener conto dell’influenza dell’altitudine( salendo in montagna la T diminuisce) alle temperature misurate si aggiungono 0,6 °C ogni 100m di quota.

Si ottengono così le isoterme ridotte.

classificazione dei climi
Classificazione dei climi

Köppen propose nel 1918 un nuovo sistema di classificazione nel quale definì i vari tipi di clima soltanto con particolari valori della temperatura e della piovosità,

Koppen dunque distingue anzitutto cinque grandi classi di clima, distribuite secondo latitudini crescenti dall'equatore ai poli e le indica con le lettere maiuscole dalla A alla E:

A=climi caldi umidi della zona intertropicale (tutti i mesi contemperatura > +18°), B = climi aridi (con varie condizioni); C =climi temperati umidi (temperatura del mese più freddo compresa fra + 18° e -3°) D = climi freddi umidi (temperatura di gennaio inferiore a -3°, ma con quella di luglio> + 10°>; E = climi nivali (anche il mese più caldo con t < + 10°).

slide15

Clima caldo umido

Tropicale

Medie superiori a18°C

una Stagione secca e una stagione umida

savana

Equatoriale

Medie annuali tra 25 e 30 °C

Precipitazioni abbondanti

Foresta pluviale

Clima arido

Arido caldo

Forti escursioni termiche diurne

Precipitazioni quasi assenti

oasi

Arido freddo

Forti escursioni annue

Precipitazioni scarse

Rade piante erbacee

Clima temperato umido

Mediterraneo

Estati calde e secche,

Precipitazioni invernali

Macchia mediterranea

Marittimo oceanico

Temperature miti

Precipitazioni abbondanti tutto l’anno

Foresta di latifoglie, brughiera

slide16

Clima freddo umido

Continentale umido

Estati brevi e calde, inverni lunghi e freddi

Precipitazioni abbondanti nelle stagioni intermedie

Foresta latifoglie, steppa e prateria

Continentale subartico

Inverno molto lungo, estate brevissima e tiepida

Precipitazioni nevose

Foresta di conifere (taiga)

Clima nivale

Clima della tundra

Temperature basse tutto l’anno

Precipitazioni scarse

Terreno permanentemente ghiacciato

Muschi e licheni

Clima del gelo perenne

Temperature sempre bassissime

Precipitazioniscarse

Vegetazione assente