Trombosi atriale sinistra: diagnosi con ecocardiogramma transtoracico e transesofageo. Descrizione di due casi clinici i - PowerPoint PPT Presentation

andrew
slide1 l.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Trombosi atriale sinistra: diagnosi con ecocardiogramma transtoracico e transesofageo. Descrizione di due casi clinici i PowerPoint Presentation
Download Presentation
Trombosi atriale sinistra: diagnosi con ecocardiogramma transtoracico e transesofageo. Descrizione di due casi clinici i

play fullscreen
1 / 14
Download Presentation
Trombosi atriale sinistra: diagnosi con ecocardiogramma transtoracico e transesofageo. Descrizione di due casi clinici i
435 Views
Download Presentation

Trombosi atriale sinistra: diagnosi con ecocardiogramma transtoracico e transesofageo. Descrizione di due casi clinici i

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Trombosi atriale sinistra: diagnosi con ecocardiogramma transtoracico e transesofageo. Descrizione di due casi clinici in Medicina di Urgenza Morabito N.; D’Aiello G.; Imparato S.; Lo Verso P.; La Spada S.U.O. Complessa di Medicina e Chirurgia di Accettazione e di UrgenzaP.O. “G.F. Ingrassia”ASL 6-Palermo III° CONGRESSO REGIONALE SIMEU SICILIA AGRIGENTO 3-4 DICEMBRE 2004

  2. MASSE INTRACARDIACHE • TROMBO • NEOPLASIE • PRIMITVE • SECONDARIE • VEGETAZIONI • ALTRO (SARCOIDOSI, CISTI ECHINOCOCO)

  3. CASO CLINICO 1 • D.A., anni 87, M. • Scompenso cardiaco cronico • Fibrillazione atriale cronica • Si ricovera in Medicina di Urgenza per dispnea e vertigini ingravescenti • ECG: fibrillazione atriale a risposta ventricolare 90 b\m, BBsn completo

  4. CASO CLINICO 1 • OBIETTIVITA’ CLINICA: rantoli alle basi bilateralmente, toni cardiaci ovattati, soffio sistolico 2\6 sulla mitrale. • ECG: fibrillazione atriale a risposta ventricolare 90 b\m, BBsn completo. • ECOCARDIOGRAMMA TT: funzione globale del ventricolo sinistro globalmente depressa (FE 30%), marcata dilatazione biatriale, all’interno dell’atrio di sinistra è visibile una formazione sessile a larga base d’impianto sul setto interatriale, scarsamente mobile, da riferire in prima ipotesi a formazione trombotica

  5. Ecocardiogramma TT Parasternale asse lungo 4 camere apicale con aorta Parasternale asse corto dei vasi della base 2 camere con aorta

  6. CASO CLINICO 1 • IL PAZIENTE HA RIFIUTATO L’ESECUZIONE DELL’ECOCARDIOGRAMMA TRANSESOFAGEO, E’ STATO AVVIATO AL PROPRIO DOMICILIO DOPO ADEGUATA ANTICOAGULAZIONE.

  7. CASO CLINICO 2 • B.M., anni 62, F. • Ipertensione arteriosa, fibrillazione atriale di recente insorgenza (1 mese addietro) • In terapia con dicumarolici, digitale e betabloccante. • Si ricovera in M. Urg. Per dolore addominale, nausea ed aumento degli enzimi di colostasi e riscontro ecografico di versamento pericardico. • Sospensione della terapia anticoagulante per il riscontro di versamento pericardico

  8. CASO CLINICO 2 • OBIETTIVITA’: torace normoventilato, toni cardiaci netti, pause apparentemente libere. • ECG: fibrillazione atriale a risposta ventricolare 120 b\m, sovraccarico ventricolare sinistro. • ECOCARDIOGRAMMA: ventricolo sinistro di normali dimensioni, cinesi globale depressa (FE 35), presenza di formazione adesa al setto interatriale di circa 1,5 cm diametro, versamento pericardico di moderata entità. • ECO TRANSESOFAGEO: presenza di formazione peduncolata, adesa in prossimità dello sbocco della vena polmonare superiore sinistra, di circa 3,5 cm diametro, ecocontrasto spontaneo ++++\4, versamento pericardico di moderata entità

  9. ECOCARDIOGRAMMA TT E TE

  10. TROMBOSI ATRIALE SN • Massa di echi ben demarcata, abitualmente rotondeggiante e con base d’impianto larga. • Stasi ematica • Fattori predisponenti • FA, stenosi mitralica, protesi valvolari, bassa portata del VSn • Rischio embolico

  11. Trombosi atriale sinistra Lin ed al. Echocardiography 1992

  12. CRITERI DIAGNOSTICI • Scenario clinico • Densità acustica diversa dalle strutture circostanti • Bordo definito e ben circoscritto • Movimento sincrono con la parete • Visulizzazione in almeno 2 oproezioni diverse • Identificare in almeno 1 proiezione la base d’impianto

  13. TROMBOSI AURICOLARE • Nel 21% dei soggetti con eventi cerebtrali ischemici o priferici su base embolica sono stati identificati con ETE trombi in auricola • Rischio di trombosi elevato se: • Morfologia complessa (plurilobata) • Bassi flussi di lavaggio (< 0,25 m\sec.) • Change ridotto (< 20%) • Ecocontrasto spontaneo

  14. TROMBOSI ATRIALE SINISTRA • TERAPIA • Scoagulazione • Intervento chirurgico se impossibilità alla scoagulazione o elevato rischio embolico