slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Annalisa Bini - Roberto Grisley PowerPoint Presentation
Download Presentation
Annalisa Bini - Roberto Grisley

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 22

Annalisa Bini - Roberto Grisley - PowerPoint PPT Presentation


  • 314 Views
  • Uploaded on

Annalisa Bini - Roberto Grisley. Chiavi trasversali. Biblioteche e archivi musicali, sonori e audiovisivi: una convivenza difficile su una piattaforma comune. Chiavi trasversali. Biblioteche e archivi musicali, sonori e audiovisivi: una convivenza difficile su una piattaforma comune

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Annalisa Bini - Roberto Grisley' - andrew


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Annalisa Bini - Roberto Grisley

Chiavi trasversali.Biblioteche e archivi musicali, sonori e audiovisivi:una convivenza difficile su una piattaforma comune

slide2

Chiavi trasversali.Biblioteche e archivi musicali, sonori e audiovisivi:una convivenza difficile su una piattaforma comune

  • Sintesi dell’intervento:
  • Configurazione del patrimonio dell’Accademia
  • Natura dei materiali e standard di catalogazione
  • Problemi di colloquio?
  • La via intrapresa
  • Esemplificazione: il fondo Mortari
slide3

La duplice natura dell’Accademia, ente performativo e istituzione culturale, ha comportato negli anni la stratificazione di un patrimonio di natura eterogenea.

Solo recentemente, l’applicazione delle strategie legate alla information technology hanno portato in primo piano la possibilità di condividere, sotto una medesima piattaforma, basi dati e materiali informativi di natura diversa.

slide4

Il patrimonio storico dell’Accademia conserva:

  • Beni librari
  • Beni librari-musicali
  • Beni archivistici: Archivio storico, Archivi di etnomusicologia
  • Beni iconografici: fondi fotografici, raccolta di quadri e ritratti
  • Fondi discografici e audiovisivi: Audioteca, Archivi di etnomusicologia, materiali multimediali on line e off line
  • Collezione di strumenti musicali
slide5

Alle basi dati del patrimonio storico vanno aggiunte almeno altre tre basi dati catalografiche legate all’attività corrente dell’Accademia:

  • La cronologia dei concerti e delle manifestazioni
  • La rassegna stampa
  • Il database della attività didattica
slide6

Tutte le basi dati condividonoalcune liste di autorità, o meglio, degli authority database.

  • Nomi, nomi collettivi, enti e società
  • Titoli
  • Luoghi geografici
  • Luoghi di spettacolo
  • Strumenti musicali
  • Organici

Aldilà della loro formalizzazione testuale normalizzata, le date nel sistema sono sempre considerate un intervallo di date:

Prima metà del XIX sec. > 01 gennaio 1801 - 31 dicembre 1849

Fl. 1652 > 01 gennaio 1652 - 31 dicembre 1652

slide7

In ogni base dati di autorità sono riportate anche le varianti: ad esempio nella voce “flauto” (base dati di autorità Strumenti) sono introdotte anche tutte le varianti etniche (zufolo, ecc…) presenti nelle raccolte di musica popolare e le diverse tipologie di flauto nella musica colta occidentale. Il termine deve poter servire tutte le basi dati: dal Concerto di Mozart per flauto e arpa della Cronologia dei concerti, allo strumento della collezione dell’Accademia, alla registrazione di musica popolare, al compact disc.

Particolarmente delicate sono anche altre liste che impattano su informazioni di natura differente ma che possono essere cercate dall’utente in una ricerca full text:ad esempio i Soggetti (Libri, Archivi etno)

slide10

La babele catalografica...

Raccolta di quadri e ritratti

MusIco

Archivio storico

ASCDOC

Collezione audio e audiovisivi

WinDj

Archivi etno

File Maker Pro

?

Libri & Musica

SBN

Collezione strumentale

Assente

Fototeca

Scheda F ICCD

Cronologia dei concerti

Diversi Dbase Access proprietari

slide11

La nuova piattaforma...

Raccolta di quadri e ritratti

Archivio storico

Collezione audio e audiovisivi

Archivi etno

Polo SBN

OPAC Accademia

Collezione strumentale

Fototeca

Cronologia dei concerti

slide12

PER I LIBRI E LA MUSICA

La via intermedia proposta, in attesa del rilascio e della piena efficienza di SBN INDICE 2 anche sui materiali speciali, è la seguente:

Polo Capitolino

Libro moderno

Da client-server

scarico UNIMARC > XML

Step di catalogazioneinternacon Spoglio & dettaglio

Catalogazione

OPAC Accademia

Bibliomediateca

slide13

La piattaforma è quindi un Content management system destinato prima di tutto alla creazione ed alla gestione interna dei contenuti, il Backoffice.

La figura professionale del bibliotecario in un ente performativo diventa quindi decisiva perché ad essa vengono demandate alcune delle funzioni di controllo e di validazione di informazioni nel sistema (ad esempio nell’inserimento di nuovi titoli o nomi da parte degli altri uffici)

slide14

A ritroso sortirà...

Per generare i contenuti nella piattaforma l’attività corrente guida il recupero del passato.

Ad esempio il protocollo è preparato per confluire nell’archivio di deposito e successivamente nell’archivio storico senza necessità di ulteriore lavorazione.

slide15

Direzione artistica

Archivio musica

Programma:

(nomi, titoli)

Materiali d’orchestra

Didattica

Produzione

Uff. personale

Botteghino

Orchestra

Biglietti venduti

Concerto

Repository delle foto, dei nomidei titoli, dei file audio, ecc...

Programma di sala e rassegna stampa (allegato digitale e spoglio)

Ufficio stampa

Intero recorddella manifestazione

Bibliomediateca

BACKOFFICE

slide16

!

Gli apparati informativi per la musica che hanno origine dai beni librari diventano la struttura di base per il lavoro di un ente concertistico culturale...

slide18

L’entità del fondo

  • Atto di donazione: 23 febbraio 2000
  • Consistenza: circa 400 manoscritti autografi di composizioni musicali di Virgilio Mortari, di cui 200 edite
  • 4 cartelle di carteggio
  • 20 cartelle di programmi di concerti,
  • 4 metri lineari circa di riproduzioni audio su cassette, vinili e compact disc della musica di Mortari
  • circa 25 metri lineari di partiture a stampa del medesimo e di altri autori, riviste specializzate, repertori etc.
  • Un ritratto a olio del M° Mortari e una raccolta fotografica
  • L’archivio è stato dichiarato di notevole interesse storico (10.7.1997) e sottoposto alla disciplina prevista dall’art. 38 del D.P.R. 30 settembre 1963 n. 1409, come da dichiarazione del Soprintendente Archivistico per il Lazio. 
slide19

Come sarà catalogato attualmente il fondo nella piattaforma:

Manoscritti autografi > SBN

Fondo librario > SBN

Audio > Modulo audiovisivi

Documenti (carteggio) > Modulo archivio storico

Programmi dei concerti > SBN e Cronologia concerti

Ritratto > Modulo collezione di quadri e ritratti

Fotografie > Modulo fototeca

Tutti i moduli di catalogazione nella piattaforma hanno alla base, laddove possibile, il formato UNIMARC

slide20

LE RISORSE DIGITALI

È fondamentale che ciascuna risorsa digitalesia in rapporto di molti a molti, e a diversi livelli, con più di una risorsa catalografica.

La fruizione digitale riunisce fondi e crea percorsi trasversali.

slide21

È possibile lavorare trasversalmente tra le basi dati e i documenti solo se, attraverso metadati non squisitamente gestionali-amministrativi e l’attenta costruzione dell’architettura catalografica, si siano predisposti i percorsi.

La necessità è quella di studiare e formalizzare un set di metadati non amministrativi-gestionali

slide22

Durante il lavoro triennale saranno continuamente effettuati aggiustamenti per allineare gli standard con quanto emerge dai gruppi di studio a livello nazionale (SBN e BDI) ed europeo(Minerva, etc.)