ix corso regionale di aggiornamento irc lecce 14 16 maggio 2012 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
IX CORSO REGIONALE DI AGGIORNAMENTO IRC LECCE 14-16 MAGGIO 2012 PowerPoint Presentation
Download Presentation
IX CORSO REGIONALE DI AGGIORNAMENTO IRC LECCE 14-16 MAGGIO 2012

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 49

IX CORSO REGIONALE DI AGGIORNAMENTO IRC LECCE 14-16 MAGGIO 2012 - PowerPoint PPT Presentation


  • 156 Views
  • Uploaded on

IX CORSO REGIONALE DI AGGIORNAMENTO IRC LECCE 14-16 MAGGIO 2012. I NATIVI DIGITALI ASPETTI ANTROPOLOGICI E PSICOPEDAGOGICI. Di MICHELE ILLICETO. CHI SONO I NATIVI DIGITALI?. Il termine è stato coniato da Mark Prensky nel 2001. PROFILO DEI NATIVI DIGITALI.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'IX CORSO REGIONALE DI AGGIORNAMENTO IRC LECCE 14-16 MAGGIO 2012' - althea


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
ix corso regionale di aggiornamento irc lecce 14 16 maggio 2012
IX CORSO REGIONALE DI AGGIORNAMENTO IRCLECCE 14-16 MAGGIO 2012

I NATIVI DIGITALI

ASPETTI ANTROPOLOGICI E PSICOPEDAGOGICI

Di

MICHELE ILLICETO

chi sono i nativi digitali
CHI SONO I NATIVI DIGITALI?

Il termine è stato coniato da Mark Prensky

nel 2001

profilo dei nativi digitali
PROFILO DEI NATIVI DIGITALI
  • Sono quelli nati nel III millennio e che si trovano sottoposti a profonde, pervasive e precoci immersioni nella tecnologia digitale;
  • le osservazioni attuali già ci consentono di notare vere e proprie mutazioni del sistema cervello-mente;
  • I nativi digitali imparano subito a manipolare parti di sé nel virtuale attraverso gli avatar e i personaggi dei videogiochi, sviluppano ampie abilità visuospaziali grazie ad un apprendimento prevalentemente percettivo;
  • viceversa non sviluppano adeguate capacità simboliche (con qualche modificazione di tipo metacognitivo), utilizzano il cervello in modalità multitasking (cioè sanno utilizzare più canali sensoriali e più modalità motorie contemporaneamente);
slide4

sono abilissimi nel rappresentare le emozioni (attraverso la tecnomediazione della relazione), un po’ meno nel viverle

  • Tendono a scomporre l’esperienza emotiva e a viverla su due binari spesso non paralleli: quello dell’esperienza propria e quello della sua rappresentazione);
  • sono meno abili nella relazione face-to-face, ma molto capaci nella relazione tecnomediata;
  • sono in grado di vivere su due registri cognitivi e socioemotivi molto diversi: quello reale e quello virtuale. Inoltre non hanno come riferimento la comunità degli adulti, poiché, grazie alla tecnologia diventano spesso autonomi e indipendenti (AUTOREFERENZIALITA’);
  • vivono in comunità tecnoreferenziate e prevalentemente virtuali, nelle quali costruiscono autonomamente i percorsi del sapere e della conoscenza;
quale contesto sociale
QUALE CONTESTO SOCIALE?
  • Viviamo in un’era digitale;
  • Assistiamo alla creazione di un intreccio di reti sociali;
  • Le relazioni che si creano permettono di superare le barriere spazio temporali;
  • Dominano la velocità e la mobilità: tutto diventa fluido ed evanescente;
  • Quando si pattina su ghiaccio sottile, la salvezza sta nella velocità (Ralph Waldo Emerson).
1 eta della tecnica g galimberti psyche e techne feltrinelli 2003
1° ETA’ DELLA TECNICA(G- GALIMBERTI, Psyche e techne, Feltrinelli, 2003)
  • La tecnica non è un più vista come un semplice insieme di strumenti che l’uomo possa ormai dominare in vista di un fine, ma un AMBIENTE nel quale vive e che ha sostituito la NATURA;
  • Non è più l’uomo a usare la tecnica ma è la tecnica che si serve dell’uomo (ciò crea dipendenza e assuefazione);
  • Ciò che l’uomo sta creando gli si sta rivoltando contro;
  • Inversione mezzi–fini: la tecnica da strumento si sta modificando essa stessa infine e l’uomo in strumento;
multimedialita invasiva
MULTIMEDIALITA’ INVASIVA
  • Il Medium è diventato il messaggio (MCLUHAN)
  • La multimedialità da semplice strumento si è trasformato in vero e proprio ambiente di vita, in un contesto che ha modificato linguaggi, relazioni e visioni del mondo;
2 societa complessa n luhmann la societ complessa armando 1982
2° SOCIETA’ COMPLESSA(N. LUHMANN, La società complessa, Armando 1982)
  • La società di oggi è senza centro e senza unità. E’ policentrica (VMPM, n.2) in quanto il centro è dappertutto.
  • Essa ha perso quella unità che caratterizzava le società di un tempo. La società di oggi non è più riconducibile ad un unico sistema, ma è formato da tanti sottosistemi autoreferenziali.
  • Per cui si appartiene a mondi diversi, distanti e a volte contraddittori (VMPM, n. 2).
  • La cosa più difficile è passare da un sistema ad un altro (dalla scuola al mondo del lavoro, dalla vita familiare alla vita sociale, di gruppo, dalla vita affettiva alla vita sociale, etc..).
  • Essa è caratterizzata dalla frammentarietà e dalla conflittualità. E nel passaggio da un sottosistema ad un altro molti si perdono. Oggi dobbiamo aiutare le nuove generaioni a rimettere insieme i pezzi.
  • La metafora è quella dell’uomo ragno che tesse le fila della ragnatela per non perdersi negli infiniti meandri della complessità.
societa liquida z bauman
SOCIETA’ LIQUIDA (Z. BAUMAN)
  • le forme sociali non riescono a conservare a lungo la propria forma.
  • Si disciolgono prima di essere in grado di assumere solidità, non viene lasciato loro il tempo sufficiente per divenire ciò che avrebbero potuto (o dovuto) essere.
  • Transitorietà permanente, effimero durevole, ruoli sociali inadeguati.
  • Futuro incerto, posizione sociale fragile e insicurezza esistenziale.
figure della postmodernita o modernita liquida
FIGURE DELLA POSTMODERNITA’O MODERNITA’ LIQUIDA
  • Z. Bauman (La società dell’incertezza, Il mulino, 1999):
  • il flâneur
  • il vagabondo
  • il turista
  • il giocatore

IL VENIRE MENO

DELLA FIGURA DEL PELLEGRINO

slide11

DA PELLEGRINI A TURISTI E…. GIOCATORI

  • Il flaneur: è il bighellonare senza meta, sempre estraneo e fuori posto;
  • Il vagabondo: colui che per costrizione (sloggiati di casa, dal loro paese) è costretto a subire le decisioni dei nativi;
  • Il turista: viaggia per puro piacere – alla ricerca di sensazioni nuove e gratificanti, avendo una casa che è un postulato;
  • Il giocatore: colui che vede il mondo come puro gioco con partite slegate dove dominano il rischio, l’intuizione. Scopo del gioco è vincere, non sono ammessi scrupoli morali.
cambiamenti a livello antropologico

L’ERA DIGITALE

CAMBIAMENTI A LIVELLO ANTROPOLOGICO

PROVOCAZIONI PER LA FEDE

E’ VENUTO MENO IL QUADRO ANTROPOLOGICO DI RIFERIMENTO

DIFFICOLTA’ A LIVELLO DI COMUNICAZIONE DEL MESSAGGIO EVANGELICO

PASSARE DA UN CRISTIANESIMO SOCIOLOGICO AD UN CRISTIAMNESIMO DELLA SCELTA

benedetto xvi

BENEDETTO XVI

“Oggi la profonda trasformazione in atto nel campo delle comunicazioni guida il flusso di grandi mutamenti culturali e sociali. Le nuove tecnologie non stanno cambiando solo il modo di comunicare, ma la comunicazione in se stessa, per cui si può affermare che si è di fronte ad una vasta trasformazione culturale.

Con tale modo di diffondere informazioni e conoscenze, sta nascendo un nuovo modo di apprendere e di pensare, con inedite opportunità di stabilire relazioni e di costruire comunione” .

(BENEDETTO XVI, Messaggio per la 45 giornata delle comunicazioni sociali del 5 giugno 2011)

mutazione antropologica
MUTAZIONE ANTROPOLOGICA

SCUOLA

FAMIGLIA

PARROCHIE

NATIVI DIGITALI

SOCIETA’

CULTURA

ISTITUZIONI

slide15

INTELLIGENZA

PIANO COGNITIVO

MEMORIA

CRETIVITA’ E IMMAGINAZIONE

PIANO DELLA COMNICAZIONE

I SIGNIFICATI

I VARI LINGUAGGI

DINAMICHE DELL’APPRENDIMENTO

PIANO DELLE RELAZIONI

PIANO AFFETTIVO

FORMAZIONE DELLA PROPRIA IDENTITA’

SOCIALIZZAZIONE

EMOZIONE E SENTIMENTO

STIMADISE’

CORPOREITA’ E SESSUALITA’

piano cognitivo
PIANO COGNITIVO

DINAMICHE DI APPRENDIMENTO

MEMORIA

ATTENZIONE

DECISIONI

I nuovi media estrernalizzano la memoria..dal soggetto alla banca dati

Hanno poco tempo per decidere….e se decidono lo fanno senza l’ANALISI

Segue ritmi diversi…è molto ridotta…è periferica, distribuita e non è focalizzata

L’assenza della memoria sradica e rompe le appartenenze

Senza passato sono appiattiti sul presente e non si proiettano nel futuro (reso incerto)

cambia l apprendimento
CAMBIA L’APPRENDIMENTO
  • situato (e non decontestualizzato): non è generalizzabile e trasferibile in altri contesti
  • Esperienziale (non astratto)
  • Implicito (non insegnato)

CONSEGUENZE

Il contesto INFORMALE sta diventando sempre più importante e preponderante rispetto ai TRADIZIONALI CONTESTI FORMALI

Difficoltà nella scuola che invece prevede un apprendimento: CONTESTUALIZZATO, ASTRATTO E INSEGNATO in un contesto FORMALE

OPPORTUNITA’ PER L’IRC

INTESO COME APPRENDIMENTO INFORMALE

dalla scrittura alla multimedialita
DALLA SCRITTURA ALLA MULTIMEDIALITA’
  • La scrittura produce una certa segmentazione della realtà in una sua linearità che consente l’assimilazione e  la valutazione dei contenuti del testo;
  • I mezzi elettronici, soprattutto quando sono vettori di immagini, tendono invece a favorire una percezione più globale, più incisiva sull’osservatore, posto in condizioni di passività, se le sue facoltà  critiche non sono sufficientemente attivate.
  • Quella della scrittura è una logica sequenziale, analitica e riflessiva;
  • La logica del computer è invece associata, reticolare, parallela e multimediale
oralita di ritorno e perdita della scrittura
ORALITA’ DI RITORNO E PERDITA DELLA SCRITTURA
  • La scrittura ha il potere di ricreare il pensiero che l’ha prodotta
  • La scrittura non è solo codificazione simbolica…ma è essa stesso pensiero
  • L’intelligenza che si forma nella scrittura ne assume le strutture e ne interiorizza le categorie
slide20

Nella lettura, essendo comunque il testo scritto un medium filtrante, l’eccitazione emotiva risulta maggiormente modulata rispetto a quella indotta dai messaggi visivi e sonori offerti dalla televisione.

  • Ciò significa che si ha il tempo e il modo di assimilare, elaborare ed integrare equilibratamente i dati informativi e conoscitivi tratti dal testo scritto.
tutto e ridotto a sola informazione
TUTTO E’ RIDOTTO A SOLA INFORMAZIONE

Secondo TheodoreRoszak (1968), l’incredibile quantità di informazioni presenti sul web e la loro accessibilità rischiano di far pensare ai ragazzi che non ci sia alcuna necessità di ragionamentonè di deduzione nei confronti di quello che compare sul video, né di padronanza di livelli più alti come il giudizio, l'interpretazione, la valutazione e la comprensione di ideali e valori; inoltre – aggiunge - la navigazione in rete non è di per sé apprendimento:

“L'informazione è solo il livello più basso del pensiero. I ragazzi possono passare ore a cliccare su icone o a navigare su Internet, ma questo non significa che stanno imparando: è come giocare a flipper. I computer creano la letale impressione che tutto ciò che riguarda l'apprendimento sia divertente”.

infopollution
“INFOPOLLUTION”
  • Assistiamo (vedi la navigazione in Internet) alla possibilità di  fare indigestione di informazioni.
  • Gli americani hanno coniato il termine infopollution: inquinamento da informazione. Si tratta di un inquinamento dato sia dalla pletora informativa, che spesso porta con sé insuperabili difficoltà di ricapitolazione e di introspezione, sia da contenuti volutamente o potenzialmente manipolatori.
ipertrofia informativa
IPERTROFIA INFORMATIVA

È reale il rischio di una ipertrofia informativa che, senza il dovuto vaglio di una coscienza matura, inducendo modelli culturali prefabbricati, opinioni massificanti, pregiudizi al servizio dell’ideologia dominante, produce l’effetto di addomesticare, se non quello di addormentare le coscienze.

sul piano cognitivo
SUL PIANO COGNITIVO

La conseguenza è che “i giovani d’oggi [...] stanno rapidamente passando dalla logica della scrittura e della lettura alla cultura del monitor e al culto ossessivo dell’immagine” (Ferrarotti, 1997).

E’ il trionfo dell’adolescente televisivo e ipermedializzato, dalla “mente reticolare” che allarma spesso gli educatori, in quanto “il mondo per immagini che ci viene proposto dal video-vedere disattiva la nostra capacità di astrazione e, con essa, la nostra capacità di capire i problemi e di affrontarli rapidamente” (Sartori, 1998).

sul piano dell apprendimento e dei saperi

La conoscenza (il quadro delle competenze): un edificio a quattro piani

4°PIANO

SAPERI

SUPERIORI DIVERGENTI

PIANI ALTI

METACONOSCENZE

3° PIANO

SAPERI

SUPERIORI CONVERGENTI

2° PIANO

SAPERI

INTERMEDI

PIANI BASSI

MONOCONOSCENZE

SUL PIANO DELL’APPRENDIMENTO E DEI SAPERI

1° PIANO

SAPERI

ELEMENTARI

slide26

METODO

APPRENDIMENTI

SUPERIORI CONVERGENTI

SINTESI

ANALISI

SAPER ESEGUIRE

LE

CONOSCENZE

APPRENDIMENTI

INTERMEDI

SAPER APPLICARE

SAPER COMPRENDERE

I SAPERI MNEMONICO-RIPRODUTTIVI

APPRENDIMENTI

ELEMENTARI

SAPER RICORDARE E RICONOSCERE

slide27

APPRENDIMENTI

SUPERIORI DIVERGENTI

INTUIRE

INVENTARE

SAPER IPOTIZZARE…

SAPER COGLIERE LA STRUTTURA CHIAVE DEL PROBLEMA

SAPER FORMULARE STRATEGIE…

SAPER ELABORARE PROGETTI

cambia il rapporto tra realta e virtualita

L’idea di realtà è alleggerita da ogni implicazione ontologica e privata della stabilità e della determinazione che le conferiscono un’identità propria;

  • Si afferma una universalità senza totalità;
  • Questo crea problemi per la ricerca della verità
  • La morte della realtà (E. Garin, Il delitto perfetto)
CAMBIA IL RAPPORTO TRA REALTA’ E VIRTUALITA’
sul piano affettivo
SUL PIANO AFFETTIVO

NARCISISMO

INDIVIDUALISMO ESASPERATO

LA CRISI DEI LEGAMI

CRISI DELLA COMUNITA’

SENSO DI FRAMMENTARIETA’

ACQUISIZIONE DIUNA IDENTITA’ FUNZIONALE E MODULARE

CRISI DELLO

SPAZIO INTERIORE

crisi dei legami z bauman amore liquido laterza 2006
CRISI DEI LEGAMI (Z. BAUMAN, Amore liquido, Laterza 2006)
  • Dalle relazioni alle connessioni
  • I legami hanno una scadenza
  • Istantaneità al posto della stabilità e della fedeltà (mentalità a breve termine)
  • Si ha paura di legarsi perchè legarsi vuol dire DIPENDERE…
  • e la dipendenza diventa un ostacolo alla mobilità…
1 fenomeno e poca delle passioni tristi
1° FENOMENOEpoca delle passioni tristi
  • Prima le passioni erano in funzione dei legami;
  • Ora abbiamo le passioni ma senza i legami;
  • l’incremento del tema narcisistico nelle società postmoderne (di cui gli innamoramenti in chat e le amicizia in facebook sembrano essere i corrispettivi telematici);
  • I bisogni sono dinvetaticapricci
  • Diritti senza doveri
  • Libertà senza responsabilità.
  • DA CITTADINI A CONSUMATORI (cfr. Caritas in veritate n, 66)
2 fenomeno emozionalismo
2° FENOMENOEMOZIONALISMO
  • il fenomeno del “sensationseeking”, caratterizzato da una sorta di ricerca di emozioni, anche estreme, capace di parcellizzare e scomporre l’esperienza interumana facendola coincidere con l’emozione stessa;
  • è come se tutta la relazione interpersonale coincidesse con l’emozione;
  • Il sentimento non è più qualcosa che si prova, ma qualcosa che si compra, si usa e si getta;
  • I sentimenti cadono sotto la ferrea legge della negoziazione secondo la logica del rapporto costi-benefici;
  • Nella realtà virtuale si ha la scissione di AGAPE ed AGON
  • DISSOCIAZIONE tra emozione-sentimento-virtù
3 fenomeno la solitudine del cittadino globale z bauman
3° FENOMENOLA SOLITUDINE DEL CITTADINO GLOBALE (Z. Bauman)
  • Siamo una massa di individui isolati..non una comunità…ma uno sciame
  • I cellulari consentono a chi se ne sta in disparte di tenersi in contatto e a chi si tiene in contatto di restarsene in disparte
  • Le connessioni sono rocce solide circondate da sabbie mobili e le sabbie mobili sono gli spazi vuoti (Z. BAUMAN, Amore liquido)
la solitudine crea estraneit
La solitudine crea estraneità
  • Del singolo
  • Nella coppia
  • In famiglia
  • A scuola
  • Sul territorio
  • In città
  • In parrocchia
  • Tra generazioni
  • Davanti a Dio
esito finale
ESITO FINALE

ALLA SOCIETA’ ESTETICA

DALLA SOCIETA’ ETICA

FONDATA SULLE EMOZIONI

FONDATA SULL’IMPEGNO E SULLA RESPONSABILITA’

BENEDETTO XVI, Caritas in veritate

EROS SENZA LOGOS

EROS E AGAPE

EROS SENZA AGAPE

DALLA LOGICA DEL DONO ALLA LOGICA DELLO SCAMBIO

nuova concezione del tempo e dello spazio
NUOVA CONCEZIONE DEL TEMPOE DELLO SPAZIO
  • “Il risultato generale è la frammentazione del tempo in episodi, ciascuno separato dal suo passato e dal suo futuro, ciascuno conchiuso e concluso. Il tempo non è più un fiume, ma un insieme di pozzanghere e piscine”(Z. BAUMAN, La società dell’incertezza, Il Mulino 1999);
  • La crisi dello spazio determina un nuovo rapporto tra vicinanza e lontananza;
  • La crisi dello spazio provoca sradicamento e nomadismo;
  • TEOLOGICAMENTE lo spazio e tempo sono la carne della creazione (fine della dimensione creaturale);
  • La morte della prossimità reale e l’avvento della prossimità virtuale (dov’è Abele tuo fratello?);
  • Che fine ha fatto il comandamento “Ama il prossimo tuo…..?
identita funzionale e modulare
IDENTITA’ FUNZIONALE E MODULARE
  • il tema dell’ambiguità, cioè la rinuncia all’identità e al ruolo in favore di una assoluta fluidità dell’identità stessa e dei ruoli, con la conseguente rinuncia alla responsabilità della relazione ed alle sue caratteristiche generative.
  • IDENTITA’ FUNZIONALE: ciò che si è, è in funzione al RUOLO che si riveste…QUANDO CAMBIA IL RUOLO CAMBIA L’IDENTITA’;
  • IDENTITA’ MODULARE: è assemblare diverse identità assunte nei vari ambienti e nelle varie circostanze….
1 esito finale identita fluida
1° ESITO FINALE: IDENTITA’ FLUIDA
  • Il trionfo dell’ambiguità e della fluidità dell’identità:
  • impedisce una stabile assunzione di identità (esserci);
  • che a sua volta si riflette nella instabilità della relazione (esserci -con);
  • la quale infine mina profondamente le possibilità generative e progettuali della relazione stessa (esserci -per).
  • Si ha il dominio delle maschere
slide39

2° ESITO FINALE

CORPI SENZA VOLTI

  • L'uomo dello schermo perde la capacità di esprimere e di interpretare il linguaggio del corpo, riducendo la comunicazione a un puro scambio di dati, senza l'involucro di metamessaggi che rende così calda e complessa la comunicazione umana;
  • il corpo come ostentazione ed esibizione
  • Il corpo come potere di seduzione
  • Effeti devastanti sulla sessualità
sfida educativa
Sfida educativa
  • Esserci, esserci-con, esserci-per
  • questa è la “progressione magnifica” che permette di partire da un Io (l’esserci), per passare ad un Tu (l’esserci-con) e infine giungere ad un Noi (l’esserci-per), dimensione ultima e sola che apre alla generatività, alla creatività ed all’oblatività.
che cosa fare
CHE COSA FARE?
  • INTEGRARE I VARI LINGUAGGI TRA DILORO;
  • PREDISPORRE UNA SCUOLA APERTA A TUTTE LE PRATICHE E FORME SOMBOLICHE;
  • AIUTARE LE NUOVE GENERAZIONI A COLGIERE LE SPECIFICITA’ DEI VARI LINGUAGGI E LE RECIPROCHE COMPLEMENTARIETA’;
  • EVITARE LA GIUSTAPPOSIZIONE NEUTRA E STERILE DEI VARI MEDIA;
  • EVITARE IL PREDOMINIO DI UNO SUGLI ALTRI
slide42

È importante chiarire che ogni tecnologia è un filtro, che potenzia certe capacità umane e ne indebolisce altre;

  • Occorre saper cogliere i limiti ma anche il valore della rivoluzione digitale ;
  • Per fare questo è necessario sottoporla a riflessione, considerandone la funzione formativa, come educazione alla criticità e alla complessità;
  • Bisogna riconoscere che essa può essere altamente “maieutica” rispetto ad aperture cognitive, emotive, culturali e sociali;
  • Può diventare stimolante e liberante, capace di far maturare nuove potenzialità espressive e di liberare energie creative.
  • L’atteggiamento del genitore, dell’educatore e dell’insegnante della nuova Scuola non deve essere né apocalittico né integrato’ (U. ECO);
  • Bisogna evitare sia la tecnofilia e sia la teconofobia: ma farsi guida che, lavorando in un clima di collaborazione con coloro che educa, è capace di cogliere e valutare con rigore etico i benefici e le contraddizioni della ‘futura vita elettronica’ (Stoll, 2001).
slide43

NEW MEDIA

FAMIGLIA

I

R

C

PARROCCHIA

  • RIDIMENSIONA
  • FA DA FILTRO
  • ORIENTA

SCUOLA

NUOVE GENERAZIONI

proposte pedagogiche
PROPOSTE PEDAGOGICHE
  • Educare suscitando domande e non dare risposte;
  • Lavorare sulle domande mute
  • I tre temi della identità
  • CERCARSI….TROVARSI….DONARSI
sfide e interrogativi per i gruppi di lavoro
SFIDE E INTERROGATIVI(per i gruppi di lavoro)
  • Siamo capaci di sviluppare una cultura mediatica critica e un’educazione ai media, interrogandosi su questa nuova condizione mondiale?
  • Si tratta di adeguarsi alla diffusione di semplici strumenti tecnologici o di accompagnare, con attenzione e responsabilità, una rivoluzione culturale globale?
  • Il computer è una macchina della libertà individuale e collettiva o produce sradicamento e omologazione? Internet sarà strumento di una nuova emancipazione o di un nuovo controllo culturale? Quali le conseguenze sui ragazzi, sugli individui e sui gruppi umani?
slide46

Avviare la discussione sull’idea scontata che qualsiasi progresso tecnologico sia, per definizione, un vero progresso, ponendosi domande del tipo: in che senso la multimedialità è, o potrebbe essere, progressista e “al servizio dell’uomo”?

L’interrogativo esige risposte fondate su distinzioni e valutazioni le quali rifiutino ogni esaltazione acritica, ma anche la condanna indiscriminata, nella convinzione che l’avvento della tecnologia multimediale è certamente inevitabile, ma non per questo deve essere accettata senza una responsabile riflessione;

slide47

Abbiamo comprensione della rivoluzione antropologica in atto? Essa sta cambiando la natura dell’uomo attraverso il “tele-vedere” e il “video-vivere”, che “stanno trasformando l’homo sapiens, prodotto dalla cultura scritta, in un homo videns, nel quale la parola è spodestata dall’immagine” (G. SARTORI, Homo videns, 1998). Per cui tutto diventa visualizzato e virtuale.

Si tratta, cioè, di tenere presente l’importanza del libro e della cultura scritta, la cui perdita non sempre è compensata dall’acquisizione della cultura audiovisiva e tematica.

L’obiettivo è quello di saper risolvere il contrasto tra le due culture, rigettando la tesi dei nostalgici del passato - per cui la cultura audiovisiva e digitale è incolta e, quindi, non è cultura - ma anche senza cadere in eccessi ottimistici;

sfide in positivo
SFIDE IN POSITIVO

Il nuovo “adolescente multimediale” dal “pensiero reticolare” sembra sempre più richiedere un’integrazione tra computer, famiglia e Scuola, che lo ponga al centro della scena, in una modalità creativa ed “autoformativa” nella quale poter usufruire, oltre che di sistemi di socializzazione e di acquisizione delle conoscenze di tipo tradizionale, anche di nuove modalità esperenziali e “multisensoriali”, spesso sentite come più gioiose, attraenti e partecipative.

slide49

Per coglierne i limiti ma anche il valore, la rivoluzione digitale va quindi sottoposta a riflessione, considerandone la funzione formativa, come educazione alla criticità e alla complessità; bisogna riconoscere che essa può essere altamente “maieutica” rispetto ad aperture cognitive, emotive, culturali e sociali;

  • Può diventare stimolante e liberante, capace di far maturare nuove potenzialità espressive e di liberare energie creative.
  • L’atteggiamento del genitore, dell’educatore e dell’insegnante della nuova Scuola non sarà quindi né ‘apocalittico’ né ‘integrato’, ma potrà essere quello di una guida che, lavorando in un clima di collaborazione con coloro che educa, è capace di cogliere e valutare con rigore etico i benefici e le contraddizioni della ‘futura vita elettronica’ (Stoll, 2001).