slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Relatore: Prof. Maria Inglisa Correlatore: Prof. Paolo Costa PowerPoint Presentation
Download Presentation
Relatore: Prof. Maria Inglisa Correlatore: Prof. Paolo Costa

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 16
Download Presentation

Relatore: Prof. Maria Inglisa Correlatore: Prof. Paolo Costa - PowerPoint PPT Presentation

allen-kinney
108 Views
Download Presentation

Relatore: Prof. Maria Inglisa Correlatore: Prof. Paolo Costa

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, ECONOMIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN COMUNICAZIONE INNOVAZIONE E MULTIMEDIALITA’ L’ INFORMAZIONE IN TV: L’EVOLUZIONE DEI TELEGIORNALI ITALIANI DA IERI AD OGGI Relatore: Prof. Maria Inglisa Correlatore: Prof. Paolo Costa Tesi di laurea di Fiorella Moro N. Matricola 380807 ANNO ACCADEMICO 2011/2012

  2. Analizzare l’informazione in tv… Perché? 1) La tv è il più potente medium di massa; 2) Esercita sul pubblico effetti a lungo termine; 3) È il mezzo più usato per informarsi dagli italiani.

  3. GAP DI CONOSCENZA: la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa tra la popolazione, non facilita l’uguaglianza sociale bensì crea forme di sviluppo e di distribuzione della conoscenza molto squilibrate. SPIRALE DEL SILENZIO: Gli individui costruiscono, attraverso le relazioni interpersonali e i media, una propria percezione dell’opinione dominante su temi di ordine generale e/o specifico. Le persone esprimeranno le loro opinioni solo se riterranno che siano condivise anche da altri membri del proprio gruppo sociale. Effetti a lungo termine COLTIVAZIONE TELEVISIVA: l'uso massiccio del mezzo televisivo non ha effetti immediati sul pensiero ma produce nel lungo termine un effetto di "coltivazione" che porta lo spettatore a vivere in un mondo che somiglia a quello mostrato dal teleschermo. AGENDA SETTING: in conseguenza dell’azione dei mezzi di informazione di massa come quotidiani o televisione, la gente tende a includere o escludere dalle proprie conoscenze ciò che i media includono o escludono dal proprio contenuto.

  4. La televisione ha rappresentato una svolta epocale nel mondo della comunicazione e ad oggi, nonostante la tecnologia progredisca, è ancora il mezzo più utilizzato per informarsi dagli italiani. Laboratorio LaRiCA, Università di Urbino, 2011

  5. Quali sono i contesti televisivi a contenuto informativo?

  6. … i telegiornali:

  7. Programmi d’informazione Programmisatirici e di denuncia …Ma anche: Programmi d’intrattenimento

  8. L’analisisperimentale:

  9. Primo canale televisivo italiano • Ha funzione di servizio pubblico

  10. 3 marzo 1989 4 marzo 2012

  11. Un qualsiasi tg di oggi dura circa il triplo rispetto al 1989-90 I servizi attuali difficilmente durano meno di un minuto Servizi speakerati da giornalisti con immagini Servizi letti dal conduttore del tg mentre scorrono le immagini Notizie lette dal conduttore del tg senza immagini Il numero di notizie date sono tendenzialmente il doppio oggi rispetto al 1989-90

  12. Argomenti sempre presenti Argomenti in rialzo Nuove tipologie di argomenti

  13. Conclusioni :

  14. Leggerezza • Banalità • Più servizi • Spettacolarizzazione • Leva sui sentimenti • Creare attenzione su determinati argomenti per distoglierla da altri • Nuovi schemi comunicativi • Nuove tipologie di servizi

  15. INTERNET può rappresentare un valido sostituto: i contenuti sono selezionabili singolarmente, è un mezzo pratico, veloce e fruibile dove come e quando si vuole, Non tutto quello che circola sul web proviene da fonti verificate o verificabili MA...

  16. Il cittadino in conclusione deve cercare di mantenere una visione critica nei confronti di tali mezzi e applicare filtri in base alle sue conoscenze per capire se l’informazione è reale, contiene omissioni, è alterata o influenzata.