mangia prega ama n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
MANGIA PREGA AMA PowerPoint Presentation
Download Presentation
MANGIA PREGA AMA

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 13

MANGIA PREGA AMA - PowerPoint PPT Presentation


  • 243 Views
  • Uploaded on

Tesi di Laurea di: Jleen Barbara Termine Matricola: 358534/29. MANGIA PREGA AMA. Relatore : Prof Leonardo Terzo Correlatrice: Dott.sa Barbara Berri.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'MANGIA PREGA AMA' - abdalla


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
mangia prega ama

Tesi di Laurea di:Jleen Barbara Termine Matricola: 358534/29

MANGIA PREGA AMA

Relatore : Prof Leonardo Terzo

Correlatrice: Dott.sa Barbara Berri

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PAVIAFacoltà di Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere e Filosofia, Scienze PoliticheCorso di laurea in Comunicazione Interculturale e Multimediale

Anno Accademico 2009/2010

slide2

MANGIA PREGA AMA TRAILER

Elizabeth: Io ho bisogno di cose nuove, da quando avevo 15 anni non ho fatto altro che provare o piantare un fidanzato, non mi sono mai presa 2 settimane di respiro per occuparmi di me stessa...- Delia: Vuoi andare via per un anno?- Elizabeth: Ho sempre avuto una gran voglia di vivere e non ce l'ho più... Vado in Italia, poi in India e poi finirò l'anno a Bali.

mangia prega ama1
MANGIA PREGA AMA

Elizabeth Gilbert nata nel 1969 nel Connecticut. Influenzata da lla sorella per l’arte della scrittura . Laureata in Scienze Politiche alla New York University.La Gilbert è americana, saggista, biografa, memorialista e con il suo penultimo capolavoro intitolato “Mangia Prega Ama” le è stato permesso di rimanere per centonovantanove settimane sul New York Times Best Seller list e viene inserita nella classifica delle cento persone più affluenti al mondo. Mangia Prega Ama è il racconto, audace e sincero, di questo viaggio spericolato fuori e dentro di sé. Il suo scrivere è influenzato da autori come Marco Aurelio e Charles Dickens.

“Nessun vascello c'è che come un libro possa portarci in contrade lontane.” Emily Dickinson

mangia prega ama2
MANGIA PREGA AMA

il libro intitolato “Mangia Prega Ama” ha come protagonista la stessa scrittrice, Elizabeth, che nel libro preferisce abbreviare il suo nome in “Liz”. Una donna bionda e ironica, la quale si rende conto che, all’età di trent’anni, ha tutto quello che si può desiderare; una bella casa a New York, una carriera di successo come giornalista e un marito accanto, ossia le basi per un matrimonio e una vita perfetta, tutto quello che ciascuna donna vorrebbe alla sua età. Ma per lei non è cosi; tutto ciò che la circonda non le appartiene, si sente insoddisfatta e sofferente. Si lascia tutto alle spalle e decide di partire per compiere un viaggio per ritrovare la felicità persa. Le tappe principali sono Italia, India, Indonesia.

E’ meglio vivere la propria vita in modo imperfetto piuttosto che vivere in modo perfetto l’imitazione di quella di un altro. (pag. 113)

italia

AMA

MANGIA

INDIONESIA

ITALIA

INDIA

Un viaggio alla ricerca di se stessa, diviso principalmente in tre parti: ovvero Italia,India e Indonesia

PREGA

Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno.

Guy de Maupassant, Al sole, 1884

slide6

MANGIA

ALLA RICERCA DEL PIACERE ….

L’ Italia, è la prima tappa di Elizabeth. Qui impara l’italiano e conosce la cultura e le tradizioni del nostro paese e soprattutto la nostra cucina tanto che alla partenza per la seconda tappa del suo viaggio, Ingrassa dodici chili.

- Possis nihil Urbe Roma visere maius.Tu non potrai mai vedere nulla più grande di Roma.( Orazio, Carmen Speculare ) 

prega

ALLA RICERCA DELLA DEVOZIONE ….

La seconda tappa è L’india recandosi in una Ashram di una Guru dove inizia a pregare e inizia il suo cammino spirituale.

prega

Il mio segreto è infinitamente semplice. Prego Attraverso la preghiera, divento una cosa sola nell’amore con Cristo. Pregarlo è amarlo.( Madre Teresa)

alla ricerca dell equilibrio
ALLA RICERCA DELL’EQUILIBRIO ….

Infine, ultima tappa:l’ Indonesia grazie all ‘aiuto del maestro Ketut, impara l’arte della meditazione balinese e si innamora.

ama

L'equilibrio tranquillizza, ma la pazzia è molto più interessante Bertrand Russel

slide9

Elizabeth Gilbert paragona la divisione dei capitoli del suo libro a una collana indiana, il cui è nome è composto da due parole: Japa che significa “ripetizione” e Mala, ovvero “circolo”, che prende il nome di “Japa mala”, usata da molti credenti per controllare la concentrazione durante la preghiera. La preghiera consisteva nel tenere tra le mani la collana, mentre si pregava facendo scorrere le mani su ogni perlina di essa; a tal proposito si può asserire che proprio da questo rito abbiano preso spunto gli europei per l’introduzione del Sacro Rosario, usato nelle nostre Chiese per pregare. Essendo la collana di centootto perline, più una che possiamo chiamare la cento nona, che, nel momento in cui il fedele incontra durante la preghiera, si ferma e ringrazia i maestri, anche l’autrice stessa dedica una sezione per i ringraziamenti, a tutti quelli che le hanno permesso di vivere questa esperienza e le hanno insegnato tutto ciò che c’era da sapere. Elizabeth Gilbert decide di dividere il libro in 108 capitoli divisi in tre parti. Ogni parte consta di trentasei capitoli.

La vita di ogni uomo è una favola scritta dalla mano di Dio. (H. C. Andersen)

slide10

Il libro può essere definito un Bildungsroman o romanzo di formazione .Come la Gilbert,scrittori che hanno utilizzato la metafora del viaggio sono il celebre Manzoni, Foscolo, Petrarca, Pirandello, Thomas Mann, Goethe, autori inglesi come Joyce e francesi. come Rimbaud. il tema del viaggio d’eccellenza è l’Odissea di Omero, Mangia Prega Ama libro, in questione racconta il viaggio della giovane Elizabeth alla ricerca del suo IO ormai perduto, per ritrovare un equilibrio oramai andato perso e questo lo fa lasciandosi tutto alle spalle e partendo per ritrovare se stessa, e la gioia.

Il mondo è un libro, e chi non viaggia legge solo una pagina. Sant’Agostino

luoghi visitati e relative culture

ROMA

PALERMO

ASHRAM

INDIA

ITALIA

MUMBAI

LUCCA

Luoghi Visitati e Relative Culture

NAPOLI

FIRENZE

INDONESIA

MESSINA

Bali

SIRACUSA

Meglio è non saper niente che saper molte cose a metà.Friedrich Nietzsche

slide12

Il titolo originario del libro preso in questione sarebbe “ Eat, Pray, Love: One Woman’s Search FOR Everything Across Italy, India and Indonesia” pubblicato nel 2006 ma reso noto nel 2010 a cura della casa editrice Viking. Per quanto riguarda il nostro paese, “Mangia Prega Ama” viene tradotto dalla casa editrice Rizzoli, nel 2007 e fa parte della collana “Rizzoli Best”. Il libro viene tradotto in trenta lingue e con oltre otto milioni di copie vendute. La traduzione in italiiano è stata data grazie al contributo di Margherita Crepax. La chiave del successo di questo libro sta nel fatto che racconta un viaggio veramente accaduto e descritto nei minimi particolari per dare l’idea al lettore di essere stato nei luoghi visitati dalla scrittrice.

Il successo che più c’invidiano è quello che abbiamo meritato ( Roberto Gervaso)

slide13

Concludendo,Elizabeth Gilbert è un’icona per tutte le donne che come lei hanno dovuto affrontare una situazione simile alla sua, ma lei ha saputo reagire, affrontandola e decidendo di partire e lasciarsi tutto alle spalle, ma reagendo e di non avere paura delle proprie azioni e soprattutto cercando di valorizzare la vita di donna e la propria femminilità.

L’uomo è nato libero, ma dovunque è in catene.(Jean Jacques Rousseau)