Comunicazione mediata dal computer CMC - PowerPoint PPT Presentation

Pat_Xavi
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Comunicazione mediata dal computer CMC PowerPoint Presentation
Download Presentation
Comunicazione mediata dal computer CMC

play fullscreen
1 / 28
Download Presentation
Comunicazione mediata dal computer CMC
456 Views
Download Presentation

Comunicazione mediata dal computer CMC

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

    1. Comunicazione mediata dal computer (CMC) 20 aprile 2005 Uno scambio di informazioni e conoscenze attraverso la mediazione di un computer, connesso on line, ovvero di avere accesso al network di reti telematiche di Internet Uno scambio di informazioni e conoscenze attraverso la mediazione di un computer, connesso on line, ovvero di avere accesso al network di reti telematiche di Internet

    2. La connessione avviene attraverso il modem o attraverso la presenza in un circuito di rete LAN Il primo ad inviare il messaggio per e-mail Ray Tomlinson nel 1972, la prima forma di CMC La mailing list lestensione della posta elettronica a pi utenti I newsgroup sono simili alle bacheche elettroniche a cui ciascun individuo pu accedere per partecipare alle discussioni relative ad uno specifico tema. IM consente di segnalare ogni volta che si entra in internet la presenza in linea di altri utenti intenzionati a discutere in tempo reale attraverso linvio di messaggi brevi simili alle mail, una sorta di botta e risposta. Attraverso questo programma possibile dialogare con altri utenti noti o ignoti, si tratta di una comunicazione testuale ed immediata I MUd sono forme di comunicazione multiutente perch vi possono partecipare contemporaneamente pi utenti. Sono scenari di gioco virtuali nei quali gli utenti possono assumere delle maschere e interpretare personaggi, inoltrarsi in avventure rispettando delle regole stabilite o predefinite dagli inventori del gioco. Ogni mossa dei partecipanti avviene digitando degli appositi comandi condivisi da tutti i giocatori. La chat la comunicazione istantanea in chat roomLa connessione avviene attraverso il modem o attraverso la presenza in un circuito di rete LAN Il primo ad inviare il messaggio per e-mail Ray Tomlinson nel 1972, la prima forma di CMC La mailing list lestensione della posta elettronica a pi utenti I newsgroup sono simili alle bacheche elettroniche a cui ciascun individuo pu accedere per partecipare alle discussioni relative ad uno specifico tema. IM consente di segnalare ogni volta che si entra in internet la presenza in linea di altri utenti intenzionati a discutere in tempo reale attraverso linvio di messaggi brevi simili alle mail, una sorta di botta e risposta. Attraverso questo programma possibile dialogare con altri utenti noti o ignoti, si tratta di una comunicazione testuale ed immediata I MUd sono forme di comunicazione multiutente perch vi possono partecipare contemporaneamente pi utenti. Sono scenari di gioco virtuali nei quali gli utenti possono assumere delle maschere e interpretare personaggi, inoltrarsi in avventure rispettando delle regole stabilite o predefinite dagli inventori del gioco. Ogni mossa dei partecipanti avviene digitando degli appositi comandi condivisi da tutti i giocatori. La chat la comunicazione istantanea in chat room

    3. CMC asincrona: carattesistiche Invio di un testo scritto a utenti distanti spazialmente e temporalmente Ricezione del testo in tempi successivi rispetto allemissione Identit dichiarata degli interlocutori della comunicazione

    4. CMC sincrona: caratteristiche Testualit della comunicazione Compresenza temporale degli interlocutori Anonimit degli interlocutori

    5. I fase dei MUD: anni 50 I MUD sono gli eredi dei giochi da tavolo, in particolare dei wargame, come giochi di simulazioni di battaglie come Waterloo, Stalingrado Le battaglie gi allora duravano parecchie ore e giornate, impegnavano i giocatori attraverso il rispetto di regole precise Caratteristiche del Dungeons and Dragons: abbandono dellambientanzione storico-militare e inaugurazione di un nuovo ambiente fatto di gnomi, maghi, ed elfi seguendo il modello storico fiabesco presente nei libri di Tolkien. Le imprese sono disegnate e regolate da un semidio: dungeon masterche propone ostacoli allavventura o compense x chi sopravvive secondo il gioco di regole e premi. Il gioco interminabile e passa di avventura in avvent. Fino a quando il protagonista muore. Limiti del gioco: la mappa geografica scritta a mano, le azioni decise dal lancio di dadiper la risoluzione di conflitti e la parola per comunicare con altri giocatoriLe battaglie gi allora duravano parecchie ore e giornate, impegnavano i giocatori attraverso il rispetto di regole precise Caratteristiche del Dungeons and Dragons: abbandono dellambientanzione storico-militare e inaugurazione di un nuovo ambiente fatto di gnomi, maghi, ed elfi seguendo il modello storico fiabesco presente nei libri di Tolkien. Le imprese sono disegnate e regolate da un semidio: dungeon masterche propone ostacoli allavventura o compense x chi sopravvive secondo il gioco di regole e premi. Il gioco interminabile e passa di avventura in avvent. Fino a quando il protagonista muore. Limiti del gioco: la mappa geografica scritta a mano, le azioni decise dal lancio di dadiper la risoluzione di conflitti e la parola per comunicare con altri giocatori

    6. III fase: dai D&D a Adventure Recupero della carenza tecnologica dei D&D Il dungeon master sostituito da codici del programma Lambiente descritto dal testo L azione descritta dal testo Progenitore del MUD

    7. CMC: Excursus storico possibile distinguere tre periodi: Periodo degli scritti divulgativi Periodo dei primi studi scientifici Periodo degli studi critici Gli studi sulla CMC nascono in America tra la fine degli anni 80 e linizio degli anni 90 Il primo periodo ha una funzione divulgativa, descrittiva e giornalisticaGli studi sulla CMC nascono in America tra la fine degli anni 80 e linizio degli anni 90 Il primo periodo ha una funzione divulgativa, descrittiva e giornalistica

    8. Gli scritti divulgativi (anni 80-90) Si parla di Internet Articoli, inchieste rubriche su Internet, sul cyberspazio nei quotidiani e settimanali americani Carattere descrittivo Obiettivo didattico informativo Si parte dal presupposto che il fenomeno poco conosciuto, quindi si ha uno scopo divulgativoSi parte dal presupposto che il fenomeno poco conosciuto, quindi si ha uno scopo divulgativo

    9. Le ragioni degli apocalittici: Peggioramento della vita politica, economica e culturale Frammentazione della vita sociale Indebolimento dei rapporti interpersonali

    10. Le ragioni degli integrati: Internet = la nuova frontiera della civilt Rafforzamento della democrazioa Rafforzamento delleconomia Riduzione della disuguaglianze sociali Nascita di nuovi modelli culturali Abbattimento di barriere spazio temporali

    11. I primi studi scientifici: II generazione Internet come spazio sociale Offre lopportunit di costruire comunit virtuali I testo sulla CMC: Howard Rheingold, A Slice of life, II testo: Sherry Turkle, La vita sullo schermo. Nuove identit e relazioni sociali nellepoca di Internet Interne come spazio sociale si riferisce alla possibilit delle persone di incontrarsi faccia a faccia Il I testo affronta il tema delle comunit virtuali Il 2 testo affronta il tema della costruzione dellidentit negli ambienti virtuali. Si offrono indicazioni sulle opportunit comunicative e di socializzazione offerte dalle tecnologie telematicheInterne come spazio sociale si riferisce alla possibilit delle persone di incontrarsi faccia a faccia Il I testo affronta il tema delle comunit virtuali Il 2 testo affronta il tema della costruzione dellidentit negli ambienti virtuali. Si offrono indicazioni sulle opportunit comunicative e di socializzazione offerte dalle tecnologie telematiche

    12. Nuovi interessi Spostamento di focus dalla tecnologia alla cornice socioculturale. In particolare: La sociologia Linterazionismo simbolico La teoria dellazione sociale LAntropologia culturale Ricerche etnografiche sulluso di Internet

    13. Gli studi critici (anni 90) Fiorisce una letteratura scientifica su Internet Diversi filoni di ricerca: Lanalisi e lo studio delle interazioni sociali considera il condizionamento del contesto socioculturale, dei sistemi infrastrutturali, delle strutture temporali e delle caratteristiche dei suoi utilizzatori Le condizioni sociali si pongono alla base della facilitazione o meno dellaccesso da cui il tema del divario digitale, I processi tecnologici riguardano lo studio delle interfacce grafiche e testualiLanalisi e lo studio delle interazioni sociali considera il condizionamento del contesto socioculturale, dei sistemi infrastrutturali, delle strutture temporali e delle caratteristiche dei suoi utilizzatori Le condizioni sociali si pongono alla base della facilitazione o meno dellaccesso da cui il tema del divario digitale, I processi tecnologici riguardano lo studio delle interfacce grafiche e testuali

    14. Focus tematici Le condizioni economiche determinano o meno laccesso e lesclusione di interi gruppi di persone, dipendente dalla situazione geografica, sociale e culturale La comunicazione viene percepita e studiata non soltanto come fenomeno tecnologico, ma sociale e culturale, in tal senso la CMC diventa oggetto di studio e di riflessione nel campo della sociologia della comunicazioneLe condizioni economiche determinano o meno laccesso e lesclusione di interi gruppi di persone, dipendente dalla situazione geografica, sociale e culturale La comunicazione viene percepita e studiata non soltanto come fenomeno tecnologico, ma sociale e culturale, in tal senso la CMC diventa oggetto di studio e di riflessione nel campo della sociologia della comunicazione

    15. Nascita del computer 1944 lIBM presenta ad Harvard il primo computer Mainframe Al MIT (Massachussetts Institute of Technology si usa il modello IBM 704 1974 fu messo in vendita negli Usa il I personal computer: Altair Allorigine di questa rivoluzione due fattori: Digitalizzazione Miniaturizzazione Il primo computer lungo 17 mt, pesa 5 tonnellate e la casa produttrice ne lancia sul mercato soltanto 5. oggi la stessa casa ne produce annualmente miliardi, dopo 50 anni. Libm 704 occupava unintera stanza e unaltra stanza era destinata a perforare le schede che servivano per farlo funzionare Anche il primo PC era ingombrante e compiva soltanto operazioni di calcolo e scrittura Cosa signiIl primo computer lungo 17 mt, pesa 5 tonnellate e la casa produttrice ne lancia sul mercato soltanto 5. oggi la stessa casa ne produce annualmente miliardi, dopo 50 anni. Libm 704 occupava unintera stanza e unaltra stanza era destinata a perforare le schede che servivano per farlo funzionare Anche il primo PC era ingombrante e compiva soltanto operazioni di calcolo e scrittura Cosa signi

    16. Digitalizzazione e miniaturizzazione Possibilit di far circolare i bit di informazione su circuiti elettronici impressi nel silicio Il primo microprocessore inventato nel 1971 nella Silicon Valley (valle del silicio) Queste innovazioni e progressi hanno consentito di trasformare i grandi pc ingombranti nei pc moderni Questa rivoluzione comporta un aumento della memoria e della potenza di elaborazione dei dati Il bit un numero binario (01), numerico e corrisponde al binary digit Ogni gruppo di ottobit compone un byte, ad esempio ogni carattere grafico (lettera, numero o segno di interpunzione corrisponde a 1 byte. Il computer una macchina programmabile allinfinito, esiste quindi un linguaggio di programmazione utilizzato , delle regole di sintassi di quel linguaggio che danno avvio allazione del pcQueste innovazioni e progressi hanno consentito di trasformare i grandi pc ingombranti nei pc moderni Questa rivoluzione comporta un aumento della memoria e della potenza di elaborazione dei dati Il bit un numero binario (01), numerico e corrisponde al binary digit Ogni gruppo di ottobit compone un byte, ad esempio ogni carattere grafico (lettera, numero o segno di interpunzione corrisponde a 1 byte. Il computer una macchina programmabile allinfinito, esiste quindi un linguaggio di programmazione utilizzato , delle regole di sintassi di quel linguaggio che danno avvio allazione del pc

    17. Dal punto di vista sociologico Tre fattori hanno inciso alla nascita e allo sviluppo del PC: La subcultura degli hacker negli anni 50 La cultura imprenditoriale Lo spirito libertario dei movimenti studenteschi degli anni 60

    18. Subcultura degli hacker Cultura antiburocratica Epicentro geografico in 2 aree di Cambridge e del Nord della California Universit di Stanford e Berkeley Programmatori di software e progettisti di hardware con indole ribelle Competenze tecniche + curiosit intellettuale Negli anni 50 , nel periodo dei mainframe, luso di questa macchina era riservato soltanto a pochi eletti, lobiettivo sociale intenzionale era quello di conservare e incrementare il potere e il prestigio del management a scapito del lavoro meno qualificato Cambridge dove risiede il MITNegli anni 50 , nel periodo dei mainframe, luso di questa macchina era riservato soltanto a pochi eletti, lobiettivo sociale intenzionale era quello di conservare e incrementare il potere e il prestigio del management a scapito del lavoro meno qualificato Cambridge dove risiede il MIT

    19. Etica hacker Programmazione e progettazione libera e cooperativa per il continuo miglioramento e sviluppo Tutti possono contribuire alla progettazione e programmazione Motto: learning by doing and by uding i mainframe I primi prototipi di personal computer Il motto significa mettere le mani dentro a questo strumento per vedere come funziona e per migliorarlo. Questo lavoro porta nuove conoscenzeIl motto significa mettere le mani dentro a questo strumento per vedere come funziona e per migliorarlo. Questo lavoro porta nuove conoscenze

    20. Etica degli hacker Mentalit aperta e collaborativa Condivisione delle scoperte e delle invenzioni Sostegno di imprese economiche che cominciano ad investire sulla ricerca Dagli hacker si sviluppa la cultura imprenditoriale Venture capital La cultura imprenditoriale comincia ad investire sullinnovazione tecnologica e lattivit degli ackerLa cultura imprenditoriale comincia ad investire sullinnovazione tecnologica e lattivit degli acker

    21. Cultura imprenditoriale Desiderio di sperimentare, commercializzare e diffondere i prodotti inventati e di valutarne lutilit pratica Tre elementi: Materie prime Lavoro Capitale Il terzo elemento il clima di contestazione che accelera il processo di cambiamento tecnologico e inaugura sistemi operativi apertiIl terzo elemento il clima di contestazione che accelera il processo di cambiamento tecnologico e inaugura sistemi operativi aperti

    22. Spirito libertario degli anni 60 Enfasi su: la comunicazione interattiva le relazioni cooperative Labbattimento delle gerarchie e della segretezza La solidariet e il sostegno reciproco Rottura con gli stili consolidati nelle grandi aziende e istituzioni Rottura con i modelli centralizzati e burocratici della gestione delle risorse informatiche Questo clima cambia i rapporti sociali e intellettuali, il modo di organizzare il lavoro e di gestire gli affari Questo cambiamento culturale ha permesso il passaggio dai mainframe ai personal computer e alla commercializzazione del computer, alla sua diffusione sul mercatoQuesto clima cambia i rapporti sociali e intellettuali, il modo di organizzare il lavoro e di gestire gli affari Questo cambiamento culturale ha permesso il passaggio dai mainframe ai personal computer e alla commercializzazione del computer, alla sua diffusione sul mercato

    23. Nel 1973 a Berkeley il primo club del computer fatto in casa: lHomebrew Computer Club Elaborazione dei primi programmi alla base dellAltair La costruzione di Apple II -1976 da Steve Wozniac I membri del club erano hacker il cui obiettivo era costruire un computer traparente utilizzabile nella quotidianit, a casa, come stimolo per le relazioni socialiI membri del club erano hacker il cui obiettivo era costruire un computer traparente utilizzabile nella quotidianit, a casa, come stimolo per le relazioni sociali

    24. Dagli hacker degli anni 50 Bill Gates Un giovane studente di Seattle, appartenente al Club Homebrew Computer Club, insieme a Paul Allen elaborano un linguaggio di programmazione chiamato Basic e lo fanno girare sullAltair. Rottura con la cultura hacker di Bill Gates Privatizzazione della scoperta Sviluppo della Microsoft Ricordiamo che Altair un prototipo di PC realizzato dalla societ MITS Usu ha la rottura con questo tipo di cultura perch un membro del club pubblicizza e condivide linvenzione promossa dal club, gates si oppone accusandolo di furtoRicordiamo che Altair un prototipo di PC realizzato dalla societ MITS Usu ha la rottura con questo tipo di cultura perch un membro del club pubblicizza e condivide linvenzione promossa dal club, gates si oppone accusandolo di furto

    25. Nasce lidea del software chiuso o software proprietario alla base della microsoft software di cui non si conoscono gli elementi componenti e delle dinamiche di composizione

    26. Impero Microsoft Il DOS il sistema operativo inventato da Gates e Allen che ha permesso lo sviluppo della societ pi importante nel campo della tlematica oltre ad essere un gigante finanziario Permane tuttavia la politica degli hacker

    27. Dalletica hacker al software libero Nascita di Linux allinizio degli anni 90 da uno studente di informatica finlandese Linus Torvalds Prodotto distribuito liberamente sul mercato per chi vuole utilizzarlo e continuamente modificabile e migliorabile da tutti Fondato sul lavoro collaborativo e cooperativo Lo sviluppo di linux stato possibile anche grazie allo sviluppo di Internet, torvalds stato quindi capace di utilizzare le opportunit della reteLo sviluppo di linux stato possibile anche grazie allo sviluppo di Internet, torvalds stato quindi capace di utilizzare le opportunit della rete

    28. Internet Excursus storico

    29. Internet Insieme complesso di computer e reti, diffuse su scala mondiale, collegate fra loro attraverso canali trasmissivi diversi (cavi, onde radio, satelliti) e unite dal gruppo di protocolli denominato tcp/ip (Trasmission Control Protocol/ Internet Protocol)

    30. Tre fasi di sviluppo di Internet Prima fase: sviluppo di Arpanet Seconda fase: il World Wide Web Terza fase: Internet commerciale e usi commerciali

    31. I fase storica Arpanet (Advanced Research Projects Agency) = I rete telematica Progetto finanziato dal Dipartimento della difesa del governo americano Il termine Internet stato coniato verso la met degli anni 60 Contesto: II dopogruerra, la guerra fredda e la concorrenza sovietica spinsero lUSA a investire sulla ricerca scientifica e su progetti di ricerca pi avanzati, i primi esperimenti si ebbero negli anni 60 e lobiettivo era condividere risorse di calcolo. La prima rete prevede 4 elaboratori elettronici situati in diversi centri universitari Internet evidenzia la capacit di collegare sistemi informatici eterognei e distanti fra loro.il merito della flessibilit deriva dellindividuazione di un linguaggio comune, chiamato in termini tecnici protocollo di comunicazione ed stato costruito a partire daglianni 1973/74. nel corso del tempo ha subito modifiche e integrazioniContesto: II dopogruerra, la guerra fredda e la concorrenza sovietica spinsero lUSA a investire sulla ricerca scientifica e su progetti di ricerca pi avanzati, i primi esperimenti si ebbero negli anni 60 e lobiettivo era condividere risorse di calcolo. La prima rete prevede 4 elaboratori elettronici situati in diversi centri universitari Internet evidenzia la capacit di collegare sistemi informatici eterognei e distanti fra loro.il merito della flessibilit deriva dellindividuazione di un linguaggio comune, chiamato in termini tecnici protocollo di comunicazione ed stato costruito a partire daglianni 1973/74. nel corso del tempo ha subito modifiche e integrazioni

    32. Principi di base Ridondanza della connettivit Commutazione a pacchetto Modalit di time sharing Protocollo di trasmissione (tcp/ip Transmission Control Protocol/Internet Protocol) Modem: dispositivo modulatore/de-modulatore nato nel 1978 da due studenti di Chicago: Ward Christensein e Randy Suess Le linee di connessione tra i vari nodi della rete non passano attraverso un unico canale, ma percorsi multipli e flssibili cos che se un nodo intasato o interrotta, linstradamento dei dati pu avvenire seguendo un percorso alternativo La commutazione a pacchetto consiste nella possibilit di trasmettere i propri messaggi facendoli a pezzi, il messaggio viene scomposto in tanti piccoli pezzettini ogni pezzo contiene una parte del messaggio in ogni messaggio impresso il nome dellemittente, del destinatario e il numero complessivo dei pacchetti.ogni pezzo segue il so percorso nella rete ma tutti arrivano allo stesso punto, alla stessa destinazione. Giunto a destinazione, il computer ricevente si incarica di fare loperazione inversa ovvero riassembla i vari pacchetti secondo il loro numero progressivo restituendo integro al destinatairio il messaggio La modalit di time sharing si riferisce alla possidbilit di condividere il tempo di utilizzo del pc in modo tale da consentire a pi utenti laccesso interattivo ai grandi computer dai terminali individuali Il protocollo un insieme di regole condiviso Oermettono il trasferimento dei dati attraverso le linee telefoniche senza passare dal server centraleLe linee di connessione tra i vari nodi della rete non passano attraverso un unico canale, ma percorsi multipli e flssibili cos che se un nodo intasato o interrotta, linstradamento dei dati pu avvenire seguendo un percorso alternativo La commutazione a pacchetto consiste nella possibilit di trasmettere i propri messaggi facendoli a pezzi, il messaggio viene scomposto in tanti piccoli pezzettini ogni pezzo contiene una parte del messaggio in ogni messaggio impresso il nome dellemittente, del destinatario e il numero complessivo dei pacchetti.ogni pezzo segue il so percorso nella rete ma tutti arrivano allo stesso punto, alla stessa destinazione. Giunto a destinazione, il computer ricevente si incarica di fare loperazione inversa ovvero riassembla i vari pacchetti secondo il loro numero progressivo restituendo integro al destinatairio il messaggio La modalit di time sharing si riferisce alla possidbilit di condividere il tempo di utilizzo del pc in modo tale da consentire a pi utenti laccesso interattivo ai grandi computer dai terminali individuali Il protocollo un insieme di regole condiviso Oermettono il trasferimento dei dati attraverso le linee telefoniche senza passare dal server centrale

    33. Nel 1986 nasce Nsfnet gestita dalla National Science Foundation statunitense Obiettivo diffusione di strumenti telematici e di cooperazione a distanza nelle Universit

    34. Nel 1991 presso il Cern (Centro europeo per la ricerca nucleare) di Ginevra viene elaborato il world wide web (= ragnatela grande come il mondo) da Tim Berners Lee Il linguaggio comune lhtml (Hyper-text Markup Language) Nel 1999 la societ Tiscali offre per la prima volta in Italia la connessione gratuita Il web viene creato per condividere collegialmente dati e risultati sperimentati dagli scienziati, la sua specificit duso tuttavia lo ha trasformato in uno strumento utilizzabile da tutti con i lweb si concretizzano i progetti del Memex di Bush del 1945 e Xanadu di Nelson nel 1965 Internet non il world wide web, questultimo solo un aspetto accanto alla posta elettronica, da quel momento luso di internet diventa familiare quasi quanto il telefonoIl web viene creato per condividere collegialmente dati e risultati sperimentati dagli scienziati, la sua specificit duso tuttavia lo ha trasformato in uno strumento utilizzabile da tutti con i lweb si concretizzano i progetti del Memex di Bush del 1945 e Xanadu di Nelson nel 1965 Internet non il world wide web, questultimo solo un aspetto accanto alla posta elettronica, da quel momento luso di internet diventa familiare quasi quanto il telefono

    35. Principi di base Linterfaccia grafica Il criterio dellipertestualit Berners mette in pratica i concetti teorizzati da Vanner Bush, un ricercatore presso la facolt di ingegneria del MIT

    36. Anni 90: applicazioni ipertestuali Origine: 1954 Vannevar Bush pubblica As we may think nasce MEMEX ( memory extension, 1945) strumento di archiviazione e consultazione di dati associazione fra molti testi sulla scia della struttura della mente umana linadeguatezza tecnologica non consente lo sviluppo del modello

    37. Il contributo di Engelbart Sulla scia di Bush, Engelbart intende Aumentare le potenzialit della mente umana costruire un rapporto uomo-macchina di natura simbiotica nel 1968 realizza il NLS (on line System) Englehart ricercatore della Stanford University NellNLS si prevede luso dellipertesto come strumento e sistema di lavoro di gruppoEnglehart ricercatore della Stanford University NellNLS si prevede luso dellipertesto come strumento e sistema di lavoro di gruppo

    38. Nelson fu il primo a parlare di Ipertesto nel 1965 obiettivo: ricerca di nuovi metodi di strutturazione dellinformazione Ideazione del progetto Xanadu Hypertext Editing System: primo prototipo di ipertesto nella storia negli anni 80 esplodono questi sistemi Il world wide web oggi sembra la forma migliore di ipertesto riuscitoIl world wide web oggi sembra la forma migliore di ipertesto riuscito

    39. 1992 decollo del World Wide Web Con la nascita di borwser di navigazione Nel 1992 un gruppo di programmatori dellUniversit dellIllinois realizza Mosaic, browser di navigazione sul web Nel 1995 nasce Netscape

    40. Lipertesto una rete di documenti, di testi legati tra loro come in una ragnatela, i rimandi da una pagina allaltra vengono effettuati attraverso una procedura informatica che viene attivata facendo click su una certa parola, unimmagine o un pulsante. Gli elementi che lo caratterizzano sono: la reticolarit, linterattivit e la multimedialit.

    42. Interattivit La potenziale capacit di un medium di lasciare che lutente eserciti uninfluenza sul contenuto e sulla forma della comunicazione mediata (Jensen 1999, 183)

    43. possibile individuare tre livelli di interattivit: Selezione delle informazioni fra le possibilit offerte Feedback del ricevente secondo una modalit comunicativa broadcast circolazione dei contenuti e scambio reciproco delle informazioni Nel primo caso non previsto un feedback da parte dellutente e la comunicazione monodirezionale, ad esempio il televideo Un esempio del 2 tipo di comunicazione il world wide wed. Si tratta di consultare informazioni gi predefinite tuttavia lutente comunica il suo assenso o meno. Esempi del terzo tipo sono la mail, o i sistemi di conferenz elettronica (liste di discussione, newsgroup, forum) Nel primo caso non previsto un feedback da parte dellutente e la comunicazione monodirezionale, ad esempio il televideo Un esempio del 2 tipo di comunicazione il world wide wed. Si tratta di consultare informazioni gi predefinite tuttavia lutente comunica il suo assenso o meno. Esempi del terzo tipo sono la mail, o i sistemi di conferenz elettronica (liste di discussione, newsgroup, forum)

    45. La multimedialit indica larticolazione dei contenuti attraverso diversi canali sensoriali ed espressivi: suoni, immagini fisse e in movimento, testi scritti.La multimedialit indica larticolazione dei contenuti attraverso diversi canali sensoriali ed espressivi: suoni, immagini fisse e in movimento, testi scritti.

    46. Lipertestualit Le caratteristiche: non linearit: si annullano i canoni aristotelici della scrittura (introduzione, svolgimento, conclusione); non sequenzialit: non si deve predisporre una cronologia di lettura; accesso aperto: non esiste uno specifico punto di inizio n di arrivo; messa in rete dei contenuti: la consultazione pu essere verticale orizzontale; gerarchia variabile dei contenuti: lordine dei contenuti, la loro gerarchia decisa dal lettore, che pu definirsi un co-autore.

    47. Ipermedialit Gli ipermedia sono strumenti per la mente che favoriscono i processi di acquisizione del sapere e sviluppano processi metacognitivi del pensiero La navigazione in un ipermedia consente lo sviluppo di abilit trasversali di apprendimento sfruttando linterattivit ed il potere di autonomia del ragazzo

    49. Ipertestualit e sviluppo della conoscenza Costruisce processi cognitivi di tipo associativo e flessibile Sviluppa consapevolezza metacognitiva Incentiva cooperazione e interazione Sperimenta lintegrazione fra linguaggi Sviluppa il pensiero paradigmatico (Bruner) Sviluppa lautonomia di orientamento e ricerca

    50. III fase storica: Internet commerciale e usi alternativi Convergenza multimediale Convergenza di funzionalit e servizi Commercializzazione e privatizzazione di Internet

    51. Ultima grande tappa rappresentata dalla tecnologia Adsl (Asymmetric digital subscriber line) e dalle connessioni in fibra ottica Modalit di connessione a banda larga Questa modalit ha modificato luso sociale della rete offrend caratteristiche tradizionalmente riservate solo a grosse aziende o centri di ricerca. Il pc collegato continuamente a internet con un costo fisso mensile indipendente dal tmpo di connessione e dal volume del traffico avendo la possibilit di fruire ampiamente dei contenuti multimediali in tempo reale Riassumendo la storia di internet sintetizzabile in tre fasi: 1. quella limitata alluso militare, 2. quella pubblica usata dalle universit ed altri centri 3. come strumento di comunicazione, informazione e intrattenimento iniziata nella fase della sua commercializzazione.Questa modalit ha modificato luso sociale della rete offrend caratteristiche tradizionalmente riservate solo a grosse aziende o centri di ricerca. Il pc collegato continuamente a internet con un costo fisso mensile indipendente dal tmpo di connessione e dal volume del traffico avendo la possibilit di fruire ampiamente dei contenuti multimediali in tempo reale Riassumendo la storia di internet sintetizzabile in tre fasi: 1. quella limitata alluso militare, 2. quella pubblica usata dalle universit ed altri centri 3. come strumento di comunicazione, informazione e intrattenimento iniziata nella fase della sua commercializzazione.

    52. Focus tematici Le comunit virtuali Digital divide

    53. comunit virtuali: una definizione sono luoghi di incontro di persone con gli stessi interessi e passioni e che si avvalgono dellausilio della rete per comunicare in modo continuativo ed intenso (H. Rheingold, Comunit virtuali, p. 5)

    54. Funzioni della comunit virtuale Funzione strumentale Funzione espressiva Sperimentazione dellidentit La funzione strumentale concerne lo svolgimento di compiti specifici (reperimento di informazioni, elaborazione dei progetti in rete La funzione espressiva si riferisce alla possibilit di stare insieme e sperimentare nuove forme di espressivitLa funzione strumentale concerne lo svolgimento di compiti specifici (reperimento di informazioni, elaborazione dei progetti in rete La funzione espressiva si riferisce alla possibilit di stare insieme e sperimentare nuove forme di espressivit

    55. caratteristiche Condivisioni di interessi Condivisioni di valori Capacit di attenzione e relazione interpersonale Capacit di discussione Esistenza di una morale La morale si riferisce al rispetto di un insieme di regole , di unetica internaLa morale si riferisce al rispetto di un insieme di regole , di unetica interna

    56. Cusinato Le comunit di pratiche hanno soprattutto l'obiettivo di trovare soluzione a problemi attraverso lo scambio delle esperienze. Il ciclo di vita non definibile a priori in quanto risulta spesso legato alla diffusione di nuovi strumenti o alla innovazione dei processi di lavoro. una comunit costruita per risolvere situazioni partendo dallo scambio delle singole esperienze, oltre che di informazione, da cui accrescere la conoscenza Cusinato Le comunit di pratiche hanno soprattutto l'obiettivo di trovare soluzione a problemi attraverso lo scambio delle esperienze. Il ciclo di vita non definibile a priori in quanto risulta spesso legato alla diffusione di nuovi strumenti o alla innovazione dei processi di lavoro. una comunit costruita per risolvere situazioni partendo dallo scambio delle singole esperienze, oltre che di informazione, da cui accrescere la conoscenza

    57. cusinato cusinato

    58. La comunit di apprendimento Un ambiente in cui si apprendono conoscenze e competenze dallo scambio di sapere in cui si ha: un ruolo attivo e partecipativo dei soggetti; un forte senso di appartenenza; una personalizzazione del percorso; una concezione ermeneutica e dialogica dell'apprendimento; un sistema articolato di supporti e risorse Lambiente di apprendimento il luogo, lo spazio reale e/o virtuale (rete) ricco di mezzi, strumenti, sostegni, per lapprendimento, in cui chi apprende protagonista della costruzione del proprio sapere (comportamenti, atteggiamenti, abilit, contenuti ); in cui si collabora, si coopera, si scambiano, si condividono le conoscenze. Cusinato Lambiente di apprendimento il luogo, lo spazio reale e/o virtuale (rete) ricco di mezzi, strumenti, sostegni, per lapprendimento, in cui chi apprende protagonista della costruzione del proprio sapere (comportamenti, atteggiamenti, abilit, contenuti ); in cui si collabora, si coopera, si scambiano, si condividono le conoscenze. Cusinato

    59. Ambienti di apprendimento Dalla sperimentazione della Cognition & Technology Group di Vanderbilt(1992/93) caratteristiche: Istruzione ancorata e situata illustrazione di situazioni reali immersione del soggetto nelle situazioni discussione collettiva con le differenti prospettive di sviluppo

    60. Gli ambienti di apprendimento del costruttivismo enfatizzare la costruzione della conoscenza contestualizzare lo svolgimento dei compiti rappresentare la complessit reale offrire ambienti di apprendimento fondati sul reale offrire rappresentazioni multiple della realt alimentare la riflessione favorire la costruzione cooperativa della conoscenza

    61. Digital divide indica il divario digitale ovvero la disuguaglianza nella ripartizione allaccesso e alluso delle nuove tecnologie dellinformazione e della comunicazione, nei paesi industrializzati e in via di sviluppo Abbraccia diverse sfere: sociale, economica, culturale e politica

    62. Digital divide: percezione Nasce come un fenomeno circoscritto nella realt americana Si parla per la prima volta di digital divide nel 1994 quando Clinton prevede come obiettivo la costruzione di autostrade dell0informazione Termine utilizzato per la prima volta nel 1995 dal National Telecommunications and information Administration (NTIA), Organo consultivo del governo americano Da qui deriva una politica di sviluppo e potenziamento delle infrastrutture che consentissero la diffusione territoriale di Internet. Il digital divide dunque percepito come difficolt di accesso ad internet in determinate zone del paese. Il non essere connesso a internet nellera dello sviluppo della rete diventa una forma di povert Da qui deriva una politica di sviluppo e potenziamento delle infrastrutture che consentissero la diffusione territoriale di Internet. Il digital divide dunque percepito come difficolt di accesso ad internet in determinate zone del paese. Il non essere connesso a internet nellera dello sviluppo della rete diventa una forma di povert

    63. Digital divide: le cause Il grado di connettivit Il costo medio di accesso a Internet La lingua come fattore di inclusione Il livello di alfabetizzazione informatica Il grado di connettivit indica la disponibilit, la qualit e laffidabilit delle infrastrutture tecnologiche che consentono laccesso ad internetIl grado di connettivit indica la disponibilit, la qualit e laffidabilit delle infrastrutture tecnologiche che consentono laccesso ad internet

    64. Il divario allinterno di uno Stato Diversit di acceso individuale determinato da: Reddito e occupazione Genere di appartenenza Et e generazione Livello di istruzione Localizzazione geografica

    65. Gap culturale Deficienza di bisogni comunicativi Scarsa diffusione di una cultura comunicativa Multimedialit Nel primo caso la deficienza determinata dalla presenza nella scala gerarchica dei valori di un individuo o di un popolo di altri bisogni legati alla sopravvivenza La multimedialit pu essere un ostacolo perch rende poco leggibile una pagina web, poco scaricabile, lenta a caricare, Nel primo caso la deficienza determinata dalla presenza nella scala gerarchica dei valori di un individuo o di un popolo di altri bisogni legati alla sopravvivenza La multimedialit pu essere un ostacolo perch rende poco leggibile una pagina web, poco scaricabile, lenta a caricare,