quoziente emotivo l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
quoziente emotivo PowerPoint Presentation
Download Presentation
quoziente emotivo

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 51

quoziente emotivo - PowerPoint PPT Presentation


  • 227 Views
  • Uploaded on

quoziente emotivo. ogni persona può avere più o meno capacità emotive!!!!! Nel benessere, nell’equilibrio, nel successo della persona il QE (quoziente emotivo) è più importante dell’ QI (quoziente intellettivo). il QE ha cinque dimensioni. autoconsapevolezza.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'quoziente emotivo' - Olivia


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
quoziente emotivo

quoziente emotivo

www.marcantogninisammy.net

slide2
ogni persona può avere più o meno capacità emotive!!!!! Nel benessere, nell’equilibrio, nel successo della persona il QE (quoziente emotivo) è più importante dell’QI (quoziente intellettivo)

www.marcantogninisammy.net

slide3
il QE ha cinque dimensioni

www.marcantogninisammy.net

autoconsapevolezza
autoconsapevolezza
  • riconoscere le proprie emozioni
  • capire le cause dei sentimenti
  • riconoscere le differenze tra i sentimenti e le azioni

www.marcantogninisammy.net

autocontrollo
autocontrollo
  • tollerare le frustrazioni
  • gestire la rabbia
  • esprimere la rabbia senza violenza
  • evitare comportamenti esageratamente aggressivi o autodistruttivi
  • avere sentimenti positivi riguardo se stesso, la scuola, famiglia
  • gestire lo stress
  • evitare e gestire solitudine ed ansia

www.marcantogninisammy.net

automotivazione
automotivazione
  • comportarsi responsabilmente seguendo le proprie scelte
  • concentrarsi sul compito mettendo attenzione
  • comportarsi il meno possibile impulsivamente
  • migliorarsi nelle proprie abilità

www.marcantogninisammy.net

empatia
empatia
  • entrare nel punto di vista dell’altro
  • diventare sensibile ai sentimenti degli altri
  • ascoltare abilmente gli altri

www.marcantogninisammy.net

abilit relazionali
abilità relazionali
  • capire gli altri ed interpretare le relazioni
  • risolvere abilmente i conflitti, negoziare le discordanze
  • risolvere i problemi di relazione, comunicare abilmente
  • essere amichevole, armonioso in gruppo, cooperativo e generoso.

www.marcantogninisammy.net

slide9
piccola autovalutazione veloce del QE

www.marcantogninisammy.net

autoconsapevolezza10
autoconsapevolezza

www.marcantogninisammy.net

slide11
e’ una necessità dell’allievo o è la mia?
  • sto andando perché l’allievo mi sta chiamando o sto andando perché vorrei che lui mi chiamasse!!!???’

www.marcantogninisammy.net

autocontrollo12
autocontrollo

www.marcantogninisammy.net

slide13
Grido spesso!!! Ripeto mille volte! Perdo la pazienza!!! I miei NO non sono definitivi!!! Chiedo delle cose e poi io non le rispetto!!!!

www.marcantogninisammy.net

automotivazione14
automotivazione

www.marcantogninisammy.net

empatia16
empatia

www.marcantogninisammy.net

abilit relazionali17
abilità relazionali

www.marcantogninisammy.net

che cosa sono le emozioni
che cosa sono le emozioni?
  • le emozioni fanno parte delle nostre reazioni agli eventi della vita (inevitabilità delle emozioni)
  • sono “vissuti” in risposta ad “eventi esterni o interni”
  • hanno carattere improvviso, intenso e temporaneo

www.marcantogninisammy.net

slide19
le emozioni sono complicate collezioni di risposte chimiche e neurali, che formano una configurazione; tutte le emozioni hanno un qualche ruolo regolatore da svolgere, che porta in un modo o nell’altro alla creazione di circostanze vantaggiose per l’organismo in cui si manifesta il fenomeno……. Il loro ruolo è di assistere l’organismo nella conservazione della vita

www.marcantogninisammy.net

slide20
se le emozioni si presentassero a noi prive della capacità di provocare condizionamenti organici, di loro rimarrebbe ben poca traccia. In sostanza se il battito cardiaco non fosse alterato, o se non si modificasse la temperatura del nostro corpo, o se non iniziassimo a lacrimare o via di seguito, potremmo trovarci di fronte alla difficoltà di ricordare le percezioni.

www.marcantogninisammy.net

slide21
Respirare profondamente è sentire profondamente. Se respiriamo in profondità nella cavità addominale, quella regione si anima. Se la nostra respirazione non è profonda, reprimiamo certi sentimenti associati all’addome.

lowen

www.marcantogninisammy.net

slide22
le emozioni non si possono evitare, si possono vivere e si possono controllare

www.marcantogninisammy.net

slide23
imparare a separare le emozioni dai comportamenti. Spesso i bambini in preda alla rabbia mettono insieme le emozioni che hanno provato e il comportamento attuato che spesso diventa causa di una punizione dell’adulto

www.marcantogninisammy.net

slide24
altre volte i soggetti con disabilità fisiche o psichiche perseverano in comportamenti di rabbia immotivata, capricci, rifiuto di svolgere l’attività. Sembra che lo facciano per provocare tensioni e stress in maniera gratuita nell’educatore

www.marcantogninisammy.net

slide25
così tengono sotto sequestro emotivo la figura dell’insegnante……risulta essere una richiesta di attenzione e affetto…..un modo sbagliato di gestire le emozioni.

www.marcantogninisammy.net

slide26
bisogna SMONTARE il comportamento appreso. L’insegnante che si innervosisce e si prodiga in soccorso continuamente sta rinforzando il comportamento del soggetto

www.marcantogninisammy.net

slide27
smontare significa disinteressarsi del comportamento per non venire sequestrati, per poi aprire una comunicazione nel momento di calma quando il comportamento non è in atto.

www.marcantogninisammy.net

slide28
l’esperienza emozionale è un fenomeno corporeo. Si fa esperienza solo di ciò che avviene nel corpo e l’esperienza è vivida o spenta a seconda della vitalità del corpo. Quando gli eventi esterni influenzano il corpo, ne facciamo esperienza: ma ciò di cui effettivamente facciamo esperienza è il loro effetto sul corpo.

www.marcantogninisammy.net

slide29
la vita del corpo è il sentire: sentirsi vivo, vibrante, buono, eccitato, irato, triste, gioioso, e finalmente soddisfatto. E’ la mancanza di sentire o la confusione riguardo a questo aspetto che porta la gente in terapia.

www.marcantogninisammy.net

slide30
I valori dell’IO riguardano la soddisfazione che ci dà il conseguimento di un obiettivo; quelli corporei, invece, il piacere fisico che proviamo in una qualsiasi attività svolta con grazia. Se concentriamo tutta l’attenzione sul conseguimento dell’obiettivo, sacrifichiamo il piacere di muovere verso di esso.

www.marcantogninisammy.net

slide31
Il corpo non conosce successo e insuccesso. Queste sono funzioni dell’EGO. Il corpo conosce solo piacere e dolore

Lowen

www.marcantogninisammy.net

slide32
le emozioni non si possono evitare, si possono controllare

www.marcantogninisammy.net

slide33
cercate di non dire ai vostri allievi non aver paura o non ci pensare……. Provate a dire la paura è naturale e questa cosa la potrai fare anche con la paura….

www.marcantogninisammy.net

patologie alimentari
patologie alimentari

da alcune indagini sistematiche condotte in alcune famiglie di pazienti anoressiche emerge poi con rilevanza come quest’ultime siano state precocemente catturate in un’infanzia esemplare, in una “gabbia d’oro”, in un mondo ideale dove potevano godere di tutti i favori ma, in virtù del fatto che non potevano mai deludere le aspettative dei loro genitori, non era loro mai concesso di esprimersi secondo propri bisogni o desideri

www.marcantogninisammy.net

slide35
anoressia, tossicodipendenza, e suicidio possono indicare un desiderio di immortalità, un rifiuto del cambiamento, di ogni passo verso nuove emozioni, verso il divenire adulti.

www.marcantogninisammy.net

slide36
violenze bullismo…..perchè non sono più abituato a tollerare la frustrazione, non conosco la solidità delle regole e non so vivere pienamente le emozioni quotidiane e sono alla ricerca di qualcos’altro

www.marcantogninisammy.net

slide37
Cosa fare? Come prevenire?

www.marcantogninisammy.net

slide39
più alto è il quoziente emotivo dell’insegnante più possibilità abbiamo di fare educazione e prevenzione

www.marcantogninisammy.net

slide40
gestire nella maniera migliore la relazione e quindi la comunicazione

www.marcantogninisammy.net

slide41
evitare il paradosso!!!!!

www.marcantogninisammy.net

iperprotezione
iperprotezione

evitare l’iperprotezione. Quando c’è iperprotezione nei confronti di un allievo è perché l’insegnante ha poca autoconsapevolezza, poco autocontrollo e poca empatia

www.marcantogninisammy.net

slide43
l’iperprotezione è una forma di negazione del cambiamento come lo è la ripulsa completa

www.marcantogninisammy.net

slide44
l’iperprotezione stigmatizza l’altro nella sua impotenza confermando l’inadeguatezza nei confronti del cambiamento

www.marcantogninisammy.net

slide45
la convinzione protettiva favorisce le paure dei diversamente abili, privandoli dell’opportunità di imparare a superare i propri timori. La filosofia dell’”imparare ad adattarsi”, invece, aiuta i soggetti più paurosi a farsi coraggio.

www.marcantogninisammy.net

slide46
l’impatto con l’inatteso e l’incerto a piccole dosi è un esercizio utilissimo per gli allievi diversamente abili. Quando l’incontro del soggetto con l’incertezza avviene sotto la guida dell’educatore che, per quanto affettuoso, non si precipita a soccorrerlo e a consolarlo a ogni minimo turbamento, tale persona gradualmente impara a controllare da sé queste situazioni.

www.marcantogninisammy.net

slide47
gli educatori che proteggono i loro allievi altamente reattivi dalla frustrazione e dall’ansia nella speranza di ottenere un buon risultato in realtà esacerbano la loro incertezza e producono l’effetto contrario.

www.marcantogninisammy.net

slide48
a livello neurologico ciò significa che i circuiti prefrontali di questi soggetti perdono l’opportunità di imparare reazioni alternative alla loro paura; invece, la loro tendenza alla paura incontrollata può uscire rafforzata dalla semplice ripetizione

www.marcantogninisammy.net

slide49
un adeguata maturazione emotiva ed affettiva del insegnante consente di educare in modo tale da promuovere apprendimenti significativi e cambiamenti intenzionali volti all’individuazione dell’allievo

www.marcantogninisammy.net

slide50
La chiave della salute è vivere pienamente la vita del corpo. Significa che il sentire è più importante del fare, essere liberi più importante che essere ricchi e che il presente è sempre più importante del futuro

lowen

www.marcantogninisammy.net

slide51
Grazie per l’attenzione!

Dott. Marcantognini Sammy

www.marcantogninisammy.net