Intercultura
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 9

Intercultura PowerPoint PPT Presentation


  • 82 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Intercultura. Le differenze delle risorse. Sommario. -I° incontro: “Il PIL e la popolazione” -II° incontro: “La nostra nazione” -III° incontro: “Il commercio equo&solidale” -IV° incontro: “La differenza delle risorse”. Il PIL e la popolazione.

Download Presentation

Intercultura

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Intercultura

Intercultura

Le differenze delle risorse


Intercultura

Sommario

-I° incontro: “Il PIL e la popolazione”

-II° incontro: “La nostra nazione”

-III° incontro: “Il commercio equo&solidale”

-IV° incontro: “La differenza delle risorse”


Intercultura

Il PIL e la popolazione

Durante il I° incontro, abbiamo discusso delle risorse di alcuni

continenti:Asia, Africa,Europa, America del Nord e America

del Sud. Grazie ad una tabella, abbiamo calcolato il PIL (pro-

dotto interno lordo) e la popolazione di questi continenti; suc-

cessivamente abbiamo riportati in una tabella, che ci é servita

per un gioco. Grazie a questo gioco, abbiamo capito la mal di-

stribuzione delle risorse, infatti, alcuni continenti godono di

un’economia ben sviluppata ma divisa solo per alcune persone,

altri, hanno un’economia arretratissima, da spartire con molte

persone.


Intercultura

La nostra nazione

Grazie ad un gioco fatto durante il secondo incontro ( un gioco

Sullo sviluppo di una nazione), siamo arrivati alla conclusione

Che la nostra economia è direttamente legata al PIL, e non si

Preoccupa del soddisfacimento dei bisogni primari dell’uomo,

Come: assistenza sanitaria,lavoro,istruzione.Grazie all’ISU,

(indice di sviluppo umano) si può conoscere il grado di sviluppo

Della popolazione.Gli indicatori per rilevarne l’intensità sono:

Il tasso di istruzione;risultati scolastici;longevità e speranza

Di vita alla nascita.


La tabella del pil e della popolazione

La Tabella Del PIL E Della Popolazione


Intercultura

Il commercio equo&solidale

Durante il terzo incontro , abbiamo scoperto che , in

alcuni paesi sottosviluppati, ci sono molte risorse,

manodopera e agricoltura, che viene sfruttata dalle

multinazionali estere, che al contrario del commer-

cio equo&solidale, sfruttano la manodopera a basso

prezzo per arricchirsi ulteriormante; il commercio

equo&solidale si preoccupa di fornire ai contadini,

una vita più dignitosa.Abbiamo capito tutto ciò, os-

servando due diverse marche di tè, uno equo&soli-

dale, l’altro, Twinings.


Intercultura

La tabella delle

osservazioni

-Tè Twininges

-Costo. 1,85

-Importato: Singapore

-Distribuito:R. twining&

company

-prodotto: trattato

-Responsabile delle gravi

Condizioni economiche dei

Contadini del Sud del mondo

-Involontariamente commer-

Cialzza anche tè proveniente

Dai campi di lavoro di Laogai.

  • Tè equo&solidale

  • Costo: 2,38

  • Importato: Calcutta

  • Distribuito: commercio

  • alternativo

  • -prodotto: biologico

  • -Tea promoters, oltre a pagare

  • Prezzi più alti ai contadini, of-

  • Fre anche abitazioni, case,……

  • -commercio alternativo garanti-

  • Sce la regolarità delle procedu-

  • Re nel rispetto dell’ambiente.


Intercultura

La differenza delle risorse

Durante il quarto, incontro abbiamo discusso delle precedenti

Lezioni e sulla differenza delle risorse. Successivamente, ab-

biamo concluso questa attività, facendo un gioco; ognuno dei

gruppi precedentemente formati, aveva a disposizione alcuni

piatti, bicchieri, posate, tovaglioli e qualche alimento. Ogni

gruppo doveva cercare di ottenere cibo e coperto sufficiente

a ogni membro, attraverso una serie di scambi, anche se, a ca-

usa di qualche incidente o calamità naturali, il gioco risultava

un po’ difficile. Successivamente, abbiamo pranzato tutti in-

sieme con i cibi portati da casa, che alcuni di noi avevano pre-

cedentemente preparato.


Intercultura

F i n e

Di:

Giulia Cardini e Alessia Nocciolini

III sezione G

A. S. : 2 0 0 3 / 2004


  • Login