Avanzamento con clic del mouse
Download
1 / 23

Candele fai-da-te - PowerPoint PPT Presentation


  • 110 Views
  • Uploaded on

Avanzamento con clic del mouse. Riciclare la cera, per farne candele come queste, è semplicissimo e creativo. Vediamo passo-passo come fare. OCCORRENTE CERA: pezzi di cera da riciclare, di qualunque colore; STOPPINI, COLORI, STAMPI, PROFUMI .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Candele fai-da-te' - shiloh


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Riciclare la cera, per farne candele come queste, è semplicissimo e creativo.

Vediamo passo-passo come fare.


OCCORRENTE semplicissimo e creativo.

CERA: pezzi di cera da riciclare, di qualunque colore;

STOPPINI, COLORI, STAMPI, PROFUMI

STOPPINI: non sono altro che pezzi di filo di cotone da cucina immersi nella cera liquida;

COLORI: sono comuni colori a cera, di quelli che, un po’ tutti, abbiamo usato da bambini.


SCIOGLIERE LA CERA semplicissimo e creativo.

Si fa a bagnomaria: mettete sul fuoco una pentola abbastanza grande da contenere i vasetti con la cera, con tre dita di acqua; quando l’acqua bollirà, abbassate la fiamma al minimo e lasciate che la cera si sciolga;

se volete colorare aggiungete un pezzetto di colore a cera in questa fase

e mescolate bene.

PROFUMI: se volete potete aggiungere qualche goccia di profumo per cera di vostro gradimento, appena toglierete dal fuoco; se ne trovano di tutti i tipi, sia nei centri-bricolage, casalinghi, erboristi ecc.


GLI STAMPI semplicissimo e creativo.

Si possono usare vasetti di vetro, di qualsiasi forma e grandezza: quelli degli omogeneizzati, i vasetti dello yogurt, vaschette dei biscotti ecc. anche in plastica.

Stampi al silicone

fai-da-te

Stampi di cartoncino,

presi dall’interno dei rotoli di carta da cucina, ecc.

Il silicone offre infinite possibilità per stampi fai-da-te, perché aderisce perfettamente ad ogni superficie e l’oggetto si estrae facilmente data la sua elasticità.

Ora vedremo un esempio di stampi ottenuti dai mandarini.


Acquistate il silicone, anche economico, va semplicissimo e creativo.

bene di qualsiasi tipo;

poi passatelo su tutta la superficie dei mandarini in uno strato alto più o meno mezzo cm.

Fate attenzione a non lasciare fori o spazi vuoti.

Dopo qualche ora possiamo estrarre i mandarini, che butteremo perché potrebbero aver assorbito sostanze chimiche dannose, dal silicone!


Riempiamo gli stampi di cera calda semplicissimo e creativo.

Dopo qualche ora estraiamo le candele a forma di mandarino

Con l’aiuto di un ferro (anche da calza) scaldato alla fiamma, facciamo un foro al centro e vi inseriamo subito lo stoppino; meglio se immerso nella cera, che lo rende rigido.


L’effetto finale è sorprendente, il silicone ha evidenziato anche i pori della buccia e, se ci mettete vicino qualche fogliolina, sembreranno mandarini veri!


Stampi evidenziato anche i pori della buccia e, se ci mettete vicino qualche fogliolina, sembreranno mandarini veri!-uova

Laviamo e asciughiamo le uova, poi facciamo un forellino sulla punta, con un ago;

foriamo anche l’altro lato più largo: vi soffiamo e raccogliamo il contenuto in un bicchiere;

I miei si sono rivelati piccoli, ne ho inserito uno più grande.

li passiamo sotto l’acqua corrente per lavare l’interno, poi chiudiamo il forellino della punta con lo scotch, rigiriamo e cerchiamo di costruirci un “imbuto” con un foglietto di carta.


La cera va evidenziato anche i pori della buccia e, se ci mettete vicino qualche fogliolina, sembreranno mandarini veri!sempre fatta sciogliere a bagnomaria perché è facilmente incendiabile.

Per le uova ho scelto la cera bianca (se non l’avete e dovete comprarle, le candele bianche comuni sono le più economiche): per 3 uova ne bastano 4. Gli stoppini li ho bagnati nella cera liquida.

Poi riempite le uova. Non vi preoccupate se fuoriesce un po’ di cera, tanto i gusci andranno buttati.


Lasciate raffreddare completamente e poi togliete i gusci. evidenziato anche i pori della buccia e, se ci mettete vicino qualche fogliolina, sembreranno mandarini veri!

Sembrano davvero uova sode!


Sistemati nei porta-uovo potrebbe essere un’idea simpatica per il centro tavola di Pasqua!


Stampi vari simpatica per il centro tavola di Pasqua!

Questo è l’interno di un rotolo di asciugatutto tagliato a metà: chiudete un’estremità con nastro-carta e fissatevi lo stoppino;

sopra legatelo ad uno stecco.

il vasetto di vetro di uno yogurt:

versatevi la cera sciolta e quando è un pochino rassodata infilatevi lo stoppino.

Ungiamo con dell’olio la vaschetta di ceramica, sarà più facile estrarre la forma.

Una volta raffreddata la cera, togliamo il cartone dal rotolo e tagliamo l’eccesso dello stoppino.


Con un po’ di fantasia decoriamo le nostre forme di cera, qualunque idea va bene. Qui ho arrotolato su se stessa un po’ di cera, lavorata a caldo, per fare queste roselline.

Questa candela è ottenuta dal rotolo, il fiocco rosa è una fettuccia di carta crespata e arrotolata su se stessa, con appesi due bottoncini di vetro


Altri esempi con i rotoli di cartoncino, qui ho attaccato con colla vinilica (va bene anche il nastro biadesivo se lo avete) strisce di carta crespata in tinta e foglie secche.


Prepariamo il contenitore-rotolo con lo stoppino come abbiamo già visto e tritiamo il ghiaccio

Usiamo ancora rotoli di cartoncino ma stavolta con ghiaccio.

Riempiamo il rotolo con il ghiaccio e lo mettiamo in una vaschetta perché a contatto con la cera si scioglierà.

Riempiamo anche due vasetti di vetro, con ghiaccio, e vi coliamo la cera liquefatta.


Ecco qui le forme che assume la cera: abbiamo già visto e tritiamo il ghiaccio

ho messo troppo ghiaccio, meglio un po’ meno.

Si possono fare anche strati alternati: un po’ di ghiaccio, cera, e così via.


Però, ora che sono confezionate, mi sembrano carine! abbiamo già visto e tritiamo il ghiaccio


Le decorazioni sono ottenute con carta crespata in tinta, l’altro è un nastrino di raso verde con appesi due bottoni a cuoricini in vetro-marroncino.


Ancora un riciclaggio: l’altro è un nastrino di raso verde con appesi due bottoni a cuoricini in vetro-marroncino.

la candela blu decorata con conchiglie, si è consumata solo all’interno.

Ho i pezzi di cera, ma sono troppo chiari, aggiungo un pezzettino di colore blu.

N.B. la cera raffreddandosi si restringe, attorno allo stoppino: conservatevi sempre un po’ di cera per rabboccare e livellare.

Ecco pronta anche la versione blu


Le decorazioni dei vasetti sono fatte con rafia blu e azzurra con attaccati un bottoncino e a destra un campanellino blu.


Questo è il risultato finale: direste azzurra con attaccati un bottoncino e a destra un campanellino blu.

che sono “solo riciclaggi” di cera?

Realizzazione, fotografie e testo:

[email protected]


ad