Prime attivit di valutazione ex ante un esercizio sulla futura programmazione
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 13

Prime attività di Valutazione ex-ante Un esercizio sulla futura programmazione PowerPoint PPT Presentation


  • 62 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Prime attività di Valutazione ex-ante Un esercizio sulla futura programmazione. Il futuro si costruisce adesso Ancona – 19 luglio 2013. Fondazione Giacomo Brodolini – Istituto per la Ricerca Sociale. Outline. Il contesto paese Il contesto regionale Simulazioni di ripartizione delle risorse

Download Presentation

Prime attività di Valutazione ex-ante Un esercizio sulla futura programmazione

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Prime attivit di valutazione ex ante un esercizio sulla futura programmazione

Prime attività di Valutazione ex-anteUn esercizio sulla futura programmazione

Il futuro si costruisce adesso

Ancona – 19 luglio 2013

Fondazione Giacomo Brodolini – Istituto per la Ricerca Sociale


Outline

Outline

  • Il contesto paese

  • Il contesto regionale

  • Simulazioni di ripartizione delle risorse

  • Considerazioni conclusive


Il contesto paese

Il contesto paese

Le Raccomandazioni della Commissione

individuano le sfide più urgenti per l'Italia …

  • basso livello di occupazione, in particolare giovanile e femminile,

  • divario tra le competenze acquisite e quelle richieste dal mercato,

  • il lavoro sommerso,

  • debole capacità amministrativa: scarso utilizzo di servizi e-government, inefficienza sistema giudiziario civile, …

  • … ed indicano le corrispondenti priorità di investimento

    • combattere la disoccupazione giovanile,

    • integrare i più vulnerabili (donne, lavoratori anziani, immigrati e persone a rischio d'esclusione sociale e povertà) nel mercato del lavoro,

    • migliorare la qualità dell'istruzione e della formazione,

    • ammodernare e rafforzare le istituzioni del mercato del lavoro,

    • combattere il lavoro sommerso,

    • ridurre gli oneri amministrativi per le imprese, promuovere l'e-government e l’e-public procurement, garantire l'efficienza del sistema giudiziario


  • Il contesto marchigiano alcuni indicatori

    Il contesto marchigiano: alcuni indicatori

    Mercato del lavoro

    Nonostante il tasso di occupazione abbia sostanzialmente tenuto nelle Marche, si notano:

    • forti differenziali di genere ancora al 2012

    • forte aumento del tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile


    Il contesto marchigiano alcuni indicatori1

    Il contesto marchigiano: alcuni indicatori


    Il contesto marchigiano alcuni indicatori2

    Il contesto marchigiano: alcuni indicatori

    Istruzione

    I tassi di abbandono scolastico per le Marche al 2012 sono molto vicini al target per l’Italia al 2020 (Strategia EU2020)


    Il contesto marchigiano alcuni indicatori3

    Il contesto marchigiano: alcuni indicatori

    Inclusione sociale

    Il rischio di povertà nelle Marche è più basso di quello medio italiano ed EU27

     i bisogni principali regione Marche sono sul mercato del lavoro


    Simulazioni di ripartizione delle risorse

    Simulazioni di ripartizione delle risorse

    • Step 1 (impegnato attuale riconvertito): riconversione dell’impegnato al 30/4/2013 (al netto di Assistenza Tecnica e di Anticrisi Passiva) su obiettivi tematici e priorità di investimento della programmazione 2014-2020;

    • Step 2 (scenarioconservativo): minimizza lo scostamento dallo storico rispettando i vincoli dei nuovi regolamenti:

      • Ob. Tematico 9. “inclusione sociale” almeno 15% delle risorse (soglia più bassa rispetto al 20% nell’ipotesi di “PON Inclusione Sociale”)

      • 4 Priorità d’Investimento più grandi concentrano almeno l’80% delle risorse

    • Step 3 (ipotesi ragionata): mette insieme vincoli e bisogni 


    Simulazioni di ripartizione delle risorse1

    Simulazioni di ripartizione delle risorse


    Considerazioni conclusive

    Considerazioni conclusive

    • Il vincolo di destinare almeno il 15% delle risorse sull’Ob. Tematico 9. “inclusione sociale”, implica che almeno una delle corrispondenti priorità di investimento deve fare parte delle 4 su cui concentrare l’80% delle risorse.

    • All’interno dell’Ob. Tematico 9. “inclusione sociale”, si è concentrato il 14.7% delle risorse sulla Priorità di Investimento 9.1 “inclusione attiva” perché permette di rivolgersi a un’amplia platea di destinatari svantaggiati, da selezionare in base alla situazione economica misurata con (ISEE).

    • Il contesto induce a privilegiare l’Ob. Tematico 8. “mercato del lavoro” in ragione delle forti criticità emerse (come l’aumento del 102% del tasso di disoccupazione dal 2006).


    Considerazioni conclusive1

    Considerazioni conclusive

    • All’interno dell’Ob. Tematico 8. “mercato del lavoro”, sarebbero da privilegiare:

      • la Priorità di Investimento 8.1 “accesso all’occupazione”: per il perdurare della crisi proseguire gli interventi di sperimentata efficacia (orientamento al lavoro, borse lavoro, apprendistato, tirocini, micro-credito, incentivi alle assunzioni), di cui sarebbe opportuno destinare almeno la metà ad under 35 e donne;

      • la Priorità di Investimento 8.2 “integrazione nel mercato del lavoro dei NEET”: per l’aumento del 147% della disoccupazione giovanile dal 2006 ad oggi ed il lancio della Youth EmploymentInitiativecon l'istituzione di regimi di “garanzia per i giovani”. L’alta quota di risorse (15%) destinata ai sui NEET si giustifica con l’alto costo degli interventi per questo target (per es., l’apprendistato di primo livello) ; inoltre la platea di destinatari verrà ampliata fino ai 29enni;

      • la Priorità di Investimento 8.7 “istituzioni del mercato del lavoro”: per garantire il mantenimento dei servizi al lavoro visto l’aumento del 71% delle dichiarazioni di immediata disponibilità dal 2007.


    Considerazioni conclusive2

    Considerazioni conclusive

    • Una volta selezionate le 4 priorità di investimento su cui concentrare (almeno) l’80% delle risorse, le altre 14 priorità avranno una frazione ridotta del budget (media massima dell’1.4%).

    • Tutte le priorità di investimento non selezionate per “fare concentrazione” si vedrebbero diminuire l’allocazione di risorse, fatta eccezione per:

      • la Priorità di Investimento 8.4 “uguaglianza uomo donna”: le risorse sono diminuite solo leggermente alla luce delle persistenti disuguaglianze di genere nel mdl;

      • la Priorità di Investimento 11.1 “miglioramento efficacia amministrativa”: la quota di risorse è preservata per garantire la prosecuzione di progetti di capacity building sull’e-government a supporto di imprese e cittadini.


    Considerazioni conclusive3

    Considerazioni conclusive

    • Nell’ipotesi ragionata verrebbero ridimensionate:

      • la Priorità di Investimento 8.5 “adattamento di lavoratori e imprese al cambiamento”, in linea con l’indicazione del Position Paper di rafforzare l’uso dei Fondi Interprofessionali. Inoltre, parte degli interventi in corso sull’adattabilità potranno essere ricompresi all’interno della Priorità di Investimento 8.1 “accesso all’occupazione” (per esempio, le azioni formative per i lavoratori in mobilità);

      • l’Ob. Tematico 10. “istruzione”, ed in particolare la Priorità di Investimento 10.3 “formazione permanente”, in linea con l’ipotesi di istituzione di un PON nazionale appositamente dedicato;

      • la Priorità di Investimento 8.3 “attività autonoma, imprenditorialità e creazione di impresa”, ma le risorse destinate al Prestito d’Onore (pari a circa un terzo del totale) verrebbero preservate. La riduzione riguarderebbe soprattutto le risorse a fondo perduto per la Creazione di Impresa (pari a circa due terzi del totale), ma la parte destinata ai soggetti svantaggiati potrebbe essere rafforzata all’interno dell’aumento di risorse per la Priorità di Investimento 8.3 “Inclusione. sociale” .


  • Login