L imperfetto vs il passato prossimo
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 15

L’IMPERFETTO VS IL PASSATO PROSSIMO PowerPoint PPT Presentation


  • 177 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Lucyna Marcol Università della Slesia. L’IMPERFETTO VS IL PASSATO PROSSIMO. L’imperfetto vs il passato prossimo.

Download Presentation

L’IMPERFETTO VS IL PASSATO PROSSIMO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


L imperfetto vs il passato prossimo

Lucyna MarcolUniversità della Slesia

L’IMPERFETTO

VS

IL PASSATO PROSSIMO


L imperfetto vs il passato prossimo1

L’imperfetto vs il passato prossimo

  • Imperfetto – deriva dal latinoIMPERFECTUM, cioè ”non compiuto” e segnala quindi azioni „non compiute” nel passato; esprime inoltreuno stato fisico o psichico, un modo di essere, una condizione personale; tuttavia l’imperfetto è un tempo di molti impieghi, non tutti riconducibili alla sua „imperfettività”

  • Passato prossimo – usato per segnalare azioni compiute del passato;lega la condizione ad un momento del passato e mette in evidenza la cessazione della qualità.

    Lui era italiano (e non Lui è stato italiano)

  • L’opposizione tra imperfetto e perfetto si basa sull’aspetto dell’azione, vale a dire se l’azione viene presentata in un momento del suo svolgersi (imperfetto) o nella sua interezza (perfetto).


L imperfetto vs il passato prossimo2

L’imperfetto vs il passato prossimo

ESEMPI

  • Parlavo velocemente per abitudine. - L’imperfetto indica la natura della persona.

  • Ho parlato velocemente per abitudine. – Il passato prossimo indica l’azione momentanea avvenuta in un momento


L imperfetto vs il passato prossimo3

L’imperfetto vs il passato prossimo

  • Parlavo velocemente quando ero nervoso. – L’imperfetto risulta l’unico tempo passato possibile da utilizzare in questo caso dato che l’essere nervoso esprime una condizione personale, mentre il parlare velocemente esprime un fatto determinato ma non legato a nessuna cirsostanza


L imperfetto vs il passato prossimo4

L’imperfetto vs il passato prossimo

  • Parlavo velocemente perché avevo pochi soldi nella scheda telefonica. – L’imperfetto esprime (descrive) due azionisimultanee

  • Ho parlato velocemente perché avevo pochi soldi nella scheda telefonica. – Il passato prossimo esprime un’azione conclusa mentre l’imperfetto ‘avevo’ suggerisce che il soggetto ‘era in possesso’ di pochi soldi.

  • Ho parlato velocemente perché ho avuto pochi soldi nella scheda telefonica. – Il passato prossimo del verbo parlare esprime un’azione conclusa mentre il passato prossimo‘ho avuto’ suggerisce che il soggetto ‘ha ricevuto’ quei soldi.


L imperfetto vs il passato prossimo5

L’imperfetto vs il passato prossimo

  • Avevo una macchina. – Una volta ero in possesso di una macchina ed ero felice per questo.

  • Ho avuto una macchina. – Ho ricevuto ed avuto una macchina dal 1985 al 1998.

  • Avevo paura. – L’imperfetto esprime la condizione di una persona che provava tali sentiementi.

  • Ho avuto paura. – Il passato prossimo esprime il momento in cui sono stati provati.


L imperfetto vs il passato prossimo6

L’imperfetto vs il passato prossimo

  • Ieri sera alle 5.30 aspettavo ancora Luisa. – L’imperfetto presenta un’azione in un solo momento del suo svolgersi, e non in tutta la sua durata.

  • Ieri sera ho aspettato Luisa fino alle 5.30 (vale a dire ho finito di aspettarla alle 5.30). – Il passato prossimo presenta un’azione in tutta la sua durata.


Usi dell imperfetto

Usi dell’imperfetto

  • Imperfetto descrittivo:è quello in cui si coglie con maggiore evidenza la non perfettivà; viene applicato nelle descrizioni

  • Era un corso di informatica.

  • Come funzionava?

  • Si facevano lezioni teoriche e pratiche.

  • Imperfetto per azioni abituali e ripetute

  • Mi alzavo sempre presto la mattina. (Mi sono svegliato prestostamattina.)

  • Quando ero ragazzo, giocavo spesso a tennis.

  • Da giovane abitavo a Milano. (Da giovane ho abitato due anni a Milano.)

  • Quando partivo, mia madre mi accompagnava alla stazione (Ieri miamadre mi ha accompagnato alla stazione.)


Usi dell imperfetto1

Usi dell’imperfetto

  • Imperfetto per azione o situazione che da sfondo:serve per delineare lo sfondo di una storia

  • Mentre passeggiavo per Piazza Vittorio, ho incontrato Andrea.

  • Imperfetto relativo

  • Dormivo già da un paio d’ore quando hanno bussato. (non c’è alcuna relazione tra le due azioni espresse)

  • Imperfetto iterativo:esprime azioni ripetute nel passato

  • Ogni mattina scendevo al bar sotto casa per bere un cappuccio.

  • Andavamo in chiesa tutte le domeniche.


Usi dell imperfetto2

Usi dell’imperfetto

  • Imperfetto narrativo: da il via alle storie; frequente nelle fiabe

  • C’era una volta a Palermo un certo Don Giovanni Misiranti, che a mezzogiorno si sognava il pranzo e alla sera la cena, e di notte se li sognava tutti e due (l’imperfetto narrativo da il via alle storie; frequente nelle fiabe).

  • Imperfetto narrativo storico: ha un valore enfatico

  • Dante nasceva nel 1265.

  • Imperfetto narrativo cronistico:è quello che sembra contraddire la „duratività” tipica dell’imperfetto; con l’uso dell’imperfetto si vuole dare l’idea della durata dell’azione, invece di presentarla come azione conclusa; è un modo per trattenere l’attenzione di chi legge.

  • Nel sorpassare un autocarro l'auto sbandava e andava a sbattere contro il guard-rail.


Usi dell imperfetto3

Usi dell’imperfetto

  • Imperfetto conativo: serve a enunciare fatti rimasti a livello di desiderio, di progetto, ad uno stadio virtuale

  • Pensavo di uscire verso le cinque.

  • Per poco non andavamo a sbattere su un albero.

  • Imperfetto attenuativo (di cortesia, di modestia):si collega in particolare con il verbo volere e sinonimi e serve per conferire un tono di cortesia o di attenuazione del valore iussivo di una richiesta; non ha valore temporale

  • Volevo ancora dire qualcosa (al posto di voglio o vorrei)

  • Venivo a controllare come stai (al posto di vengo o sono venuto)

  • Cosa desiderava signora? (al posto di desidera o desidererebbe)


Usi dell imperfetto4

Usi dell’imperfetto

  • Imperfetto ludico; del sogno e della finzione:caratteristico dei giochi infantili nonché dei racconti di sogni

  • Facciamo che io ero il ladro e tu il poliziotto.

  • Facciamo che io ero il cacciatore e tu eri l’anatra, io ti sparavo e tu ti nascondevi.

  • A questo punto, nel sogno arrivava Ettore, il vigile, che mi dava una multa di duecento milioni perché camminavo a gambe all’aria.

  • Imperfetto ipotetico (periodo ipotetico marcato in senso colloquiale): è comune soprattutto nel parlato; in varietà più formale troviamo invece il condizionale passato

  • ‘Non andavo’ per ‘non sarei andato’

  • ‘Se sapevo’ per ‘se avessi saputo’

  • Facevi meglio se non lo dicevianziché Avresti fatto meglio se non l’avessi detto.


Usi dell imperfetto5

Usi dell’imperfetto

  • Imperfetto irreale:serve a sottolineare un distacco dalla realtà e la creazione di un universo fittizio; è tipico delle narrazioni di sogni o della trama di un’opera letteraria

  • Poi entravo in un’enorme sala a specchi: dopo alcuni secondi le pareti iniziavano a muoversi verso di me.

  • Imperfetto potenziale o prospettivo: equivalente al condizionale passato, è usato per indicare il futuro all’interno di una sequenza di eventi passati

  • Stefano arrivò la sera stessa; ripartiva (=sarebbe ripartito) l’indomani.

  • Mi ha detto che veniva(=sarebbe venuto).


Usi dell imperfetto6

Usi dell’imperfetto

  • Imperfetto al posto del perfetto: serve aricollegarsi ad un discorso lasciatointerrotto

  • Dunque come dicevamo (abbiamo detto) ieri....

  • Imperfetto progressivo

  • Allo squillare del telefono, Piero leggeva il giornale. (imperfetto progressivo = stava leggendo)Senza riferimenti temporali, l’imperfetto sarebbe iterativo: Piero leggeva il giornale.


Riferimenti bibliografici

Riferimenti bibliografici

  • Bocciola M., Gerolin L. (1999): Grammatica pratica dell’italiano dalla A alla Z, Hoepli, Milano.

  • Dardano M., Trifone P. (1995): Grammatica italiana con nozioni di linguistica, Zanichelli, Bologna.

  • Fioretto N., Russo R. (2005): Italiano in trasparenza, Graphe.it, Perugia.

  • Katerinov K. (1975): La lingua italiana per stranieri. Corso superiore, Guerra, Perugia.


  • Login