La medicina d urgenza
Sponsored Links
This presentation is the property of its rightful owner.
1 / 44

La Medicina d’Urgenza PowerPoint PPT Presentation


  • 177 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

La Medicina d’Urgenza. Tra passato, presente e futuro Considerazioni personali tiziano lenzi imola. Il passato. Pronto Soccorso Astanteria (Mediche, Uomini e Donne, Chirurgiche) Osservazione Medicherie. Il passato. Pronto Soccorso generalmente gestito da “chirurghi”

Download Presentation

La Medicina d’Urgenza

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


La Medicina d’Urgenza

Tra passato, presente e futuro

Considerazioni personali

tiziano lenzi imola


Il passato

Pronto Soccorso

Astanteria (Mediche, Uomini e Donne, Chirurgiche)

Osservazione

Medicherie


Il passato

Pronto Soccorso generalmente gestito da “chirurghi”

Luogo di penitenza sia per il personale che vi veniva assegnato che per i pazienti che vi accedevano

Gli accessi erano numericamente contenuti (ma vi erano gli ultimi medici condotti, le mutue e una cultura diversa)


Il passato

Vengono nel tempo assegnati medici di Medicina Interna con criteri non espliciti quali l’espiazione o la qualifica di aiuti


Il passato

Tra gli anni 80-90 nascono

le USL e le Aziende

Gli Ospedali diventano Stabilimenti per poi diventare Presidi


Il passato

30.12. 1992 DL

Disciplina di Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza

Essendo priva di specialità è un walzer di equipollenze ed affinità


Il passato

Sintesi: assenza di alcuna professionalità specifica e quindi assenza di peso specifico

anzi la scarsa professionalità di allora ci ha profondamente segnato agli occhi degli specialisti


Il presente

Sottosistema Centrali Operative

Sottosistema Emergenza territoriale-FaseIntraospedaliera

(piano sanitario regionale 2003)


Il presente

In maniera non definita abbiamo:

CO indipendenti o semindipendenti

(preferenzialmente assegnate ad anestesisti-rianimatori)

Emergenza territoriale assegnata a UO diversificate e diretta talora da figure professionali non del settore


Il presente

Centrali Operative

Emergenza Territoriale

Punti di primo intervento

Pronto Soccorso

Medicine d’Urgenza

Osservazione Breve Intensiva

Aree critiche

Strutture Complesse diverse tra loro

Dipartimenti di Emergenza disomogenei


Il presente

Professionisti qualificati ma ancora con specialità diverse (ma specializzati nell’urgenza secondo percorsi formativi accreditati e sul campo)

Forte variabilità tra le singole realtà

Non identità di vision e forse anche di mission


Uno sguardo sul mondo e su casa nostra


cesena


Piemonte


In sintesi si può rilevare una ampia disomogeneità sul territorio nazionale così come a livello internazionale.Ma vi è un comune denominatore….


Il presente

Alto turnover dei professionisti

Scarse gratificazioni

Carichi di lavoro intensi

Assenza di standard

Assenza di sistemi di verifica

Assaltati dagli utenti

Invisi ai colleghi interni


Il presente

Ma finalmente la specialità in Medicina di Emergenza e Urgenza

Anche se saremo a regime tra alcuni decenni

Anche se il percorso formativo forse andrebbe rivisto


Il presente

La specialità ha accentuato il conflitto interno con gli anestesisti-rianimatori

Come tutti sappiamo eticamente la nostra professione è quella del potere non certo quella del bene del paziente


Il futuro

Lo specialista in Medicina d’Emergenza Urgenza

La sua attività inizia sul luogo dell’evento (casa, strada)

La sua attività si continua e si svolge nelle sale del Pronto Soccorso OBI


Il futuro

Lo specialista in Medicina d’Emergenza Urgenza

Gli organici devono essere comprensivi di tutti i medici che lavorano nell’emergenza sia extra che intraospedaliera

Le Centrali Operative devono essere in totale sinergia con il sistema dell’emergenza, ma le risorse umane che operano sul territorio devono essere completamente inserite nella Struttura Complessa di Pronto Soccorso


Il futuro

Lo specialista in Medicina d’Emergenza Urgenza

La sua mission è stabilizzare il paziente critico, valutare e stabilire l’appropriatezza del ricovero,

la dimissione sicura del singolo paziente anche con il supporto di percorsi di assegnazione a DH o D Service o al medico di famiglia.

Ma la sua mission è anche:

La Medicina delle catastrofi, EBM, centralità del paziente, educazione, didattica, ma soprattutto etica


Il futuro

Lo specialista in Medicina d’Emergenza Urgenza

Pieno sviluppo e utilizzo dell’osservazione breve intensiva secondo criteri predefiniti, condivisi e verificati a livello regionale.


Il futuro

Lo specialista in Medicina d’Emergenza Urgenza

Non vedo spazio per reparti di degenza quando si possa disporre di aree di OBI adeguate come dimensioni e risorse


Il futuro

Le Medicine d’Urgenza dovrebbero diventare delle aree che accolgono i pazienti ricoverati per poter definire il percorso ottimale sia come reparto che come tempi (Holding unit)

I ricoveri avvengono a tutte le ore mentre i letti si liberano solo nel pomeriggio…

I pazienti in attesa di posto letto sono quelli a maggior rischio clinico di eventi avversi

E chi meglio di un Medico di Medicina d’Urgenza potrebbe gestire queste holding unit ?


Il futuro

Le aree critiche vanno ben interpretate, il primo obiettivo della stabilizzazione del paziente lo si deve raggiungere in sala di emergenza, ove si deve completare l’iter diagnostico e la prima fase terapeutica ma poi…


Il futuro

Le aree critiche devono essere gestite da personale medico multidisciplinare ove cardiologo, pneumologo, medico d’urgenza e altri specialisti possono e devono lavorare insieme per gestire la fase iperacuta del paziente.

Verosimilmente il miglior responsabile di un’area critica è un medico proveniente dall’emergenza

Va ricordato di come i posti letto siano o dovrebbero essere dei pazienti e non degli specialisti


Le cose da fare

  • Verifica costante dei pazienti dimessi su patologie a rischio (dolore toracico, dolore addominale, trauma cranico, cefalea…)

  • Da anni abbiamo chiesto la codifica in uscita da PS agli organismi regionali (che comunque sottende tempo e risorse)

  • Verifica sui DRG di dimissione dai reparti internistici o chirurgici per patologie e sviluppo di percorsi (TIA, malattie gastro esofagee, sincope…)


Sviluppo di un modello regionale sulla Medicina d’Urgenzaa cui le singole Aziende possano ispirarsi che tenga conto di organizzazioni anche sovraziendali (CO, Traumi, STEMI, Medicina delle Catastrofi, collegamenti con Protezione Civile…)


Le cose da fare

  • Studiare

  • Studiare

  • ma Studiare in modo moderno


Le promesse

  • Sudore e sangue

  • Grandi soddisfazioni

  • Uno sviluppo di carriera tra Holding Unit e aree critiche

  • Ma forse si dovrebbero mettere in gioco anche delle certezze


Quant’è bella giovinezza che ci sfugge tuttavia chi vuol essere lieto sia

di doman non v’è certezza…

Lorenzo il Magnifico


  • Login