CAMPIONAMENTO
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 15

CAMPIONAMENTO PowerPoint PPT Presentation


  • 78 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

CAMPIONAMENTO. tecniche, errori, strumentazione. Buona pratica di campionamento. si richiede: ispezione del lotto prima di campionare uso di strumenti campionatori adatti al particolare tipo di merce o sostanza e al tipo di campione richiesto uso di contenitori adatti al campione

Download Presentation

CAMPIONAMENTO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Campionamento

CAMPIONAMENTO

tecniche, errori, strumentazione


Campionamento

  • Buona pratica di campionamento.

  • si richiede:

  • ispezione del lotto prima di campionare

  • uso di strumenti campionatori adatti al particolare tipo di merce o sostanza

  • e al tipo di campione richiesto

  • uso di contenitori adatti al campione

  • mantenimento dell’integrita` del campione e dei rapporti allegati

  • uso di precauzioni adeguate per conservare, imballare, spedire e

  • e non inquinare o rovinare il campione

  • provvedere alle appropriate condizioni di stoccaggio per il campione

  • sia prima che dopo l’analisi

  • predisporre un piano di campionamento preciso basato sulla necessita`

  • che il campione raccolto sia rappresentativo dell’intero lotto o corpo campionato


Campionamento

Errori di campionamento

  • Sonodovuti in termini generali a fattoriquali:

  • Forma delleparticelle: particellerotondefluiscononeicomparti del campionatorepiu` rapidamente

  • diquellespigolosedellastessadimensione.

  • 2) Adesivita` superficiale: particelleigroscopichepossonoaveremaggiore o minorefacilita` ad entrarenel

  • campionatore, rispetto a particelle non igroscopiche, anchedi diverse dimensioni.

  • 3) Movimentodifferenziale verso il basso: diparticelledidiversadimensioneduranteilcampionamento

  • (es. effettosetaccio); cio` puo` portare ad unadiversa

  • composizionedisezioniverticaliedorizzontali del lotto.

  • Altra fonte di errori e` il CAMBIAMENTO DI COMPOSIZIONE del campione, durante o dopo

  • il campionamento. Tra i principali fenomeni che si possono verificare:

  • Guadagno o perdita di acqua

  • perdita di componenti volatili

  • inclusione fisica di gas

  • reazione col materiale del contenitore o con materiali estranei in esso contenuti

  • danno meccanico del campione (es. frutta o vegetali, con conseguente rapida degradazione

  • enzimatica e/o chimica)


Campionamento

Altra importante fonte di errore, comune a molte tipologie di campionamento,

e` la MACROETEROGENEITA` tra le varie unita` del lotto e/o la MICROETEROGENEITA`

tra le parti di una singola unita`.

Quest’ultima puo` essere determinante nella determinazione di alcuni

componenti minori che possono essere presenti solo in certe parti

(es. Inquinamento puntiforme e non disperso di un suolo, presenza di stratificazioni

di colonne d’acqua o presenza di solidi sospesi).


Campionamento

Campionamento di GAS

Come raccogliere ed immagazzinare un gas:

Aspirazione per mezzo di recipienti di vetro

Espansione in recipienti sotto vuoto

Spostamento di liquidi e conservazione sopra il liquido

Pompa campionatrice

Come ottenere il campione per l’analisi:

siringhe a tenuta di gas

loop a volume fisso


Campionamento

  • Aspetti operativi:

  • Massa del gas campionato presente nel volume V=f(T,P).

  • Variando temp. e press. rispetto al campionamento si puo` avere condensazione

  • dei composti meno volatili (es. acqua).

  • Tipologia di attrezzatura per il campionamento atmosferico puo` variare in funzione di:

  • Aree molto ristrette (es. pozzo, camino);

  • Vaste aree delimitate (es. fabbriche);

  • Atmosfera aperta.

  • Per rendere il campionamento piu` rappresentativo (spazio, tempo, fenomeni

  • atmosferici) si usa:

  • camp. simultaneo in posizioni diverse dell’area, ad intervalli di tempo fissi o casuali;

  • campionamento continuo per un tempo lungo (12-24 ore) in una singola posizione

  • (es. personal monitors);

  • camp. discontinuo per un tempo lungo per produrre un campione composito.

  • Nel caso di camp. protratti nel tempo, per non dover maneggiare volumi troppo grandi

  • si usano trappole:

  • trappole chimiche (es. precipit., compless.)

  • trappole fisiche: adsorbim. su appositi materiali (es. carbone attivo o polimeri...).

  • I composti adsorbiti sono poi rimossi per estrazione o desadsorbimento per riscaldamento.


Campionamento

Campionamento di LIQUIDI

  • I liquidi presentano solitamente meno problemi di camp. dei solidi, purche`:

  • la quantita` di liquido da prelevare sia piccola e possa essere resa omogenea per agitazione

  • il liquido sia composto da una sola fase

  • Occorre distinguere tra:

  • liquidi che fluiscono in sistemi aperti (es. fiumi...)

  • liquidi che fluiscono in sistemi chiusi (es. condutture...)  vedi figura sotto

  • liquidi conservati in contenitori chiusi

  • liquidi in luoghi aperti (es. pozzi, cisterne, vasche...)

turbolenza

punto di camp.to


Campionamento

Campionamento di SOLIDI

1) materiale particolato in movimento:

La dimensione dello strumento campionatore dev’essere almeno 3 volte il diametro della particella piu` grande.

2) materiale solido statico:

divisione di una singola unita` di campionamento in sottounita`.

- camp.to semplice casuale

- camp.to casuale stratificato

- camp.to sistematico

- camp.to a giudizio dell’operatore


Campionamento

Lisimetri

campionano

liquidi nei suoli

Gas nei suoli


Campionamento

La preparazione del campione determina l’accuratezza

dei risultati dell’analisi.

Gli errori associati alla procedura analitica

posso essere in gran parte ridotti durante la fase di preparazione

del campione, piuttosto che durante le fasi successive.

Gli errori causati da strumentazioni analitiche sono generalmente

molto inferiori di quelli causati dalla preparazione del campione.

Uno dei punti piu` importanti e` l’uniformita` del campione.

O comunque sottoporlo a trattamenti di preparazione che

consentono la disponibilita` chimica di cio` che si vuole analizzare

in modo omogeneo nel campione.


Campionamento

  • Affidabilita` di un’analisi.

  • Specificita`:

    • esistenza di sostanze interferenti (dovrebbero essere assenti o in conc. nota)

    • controllo additivita` degli effetti interferenti

  • Accuratezza: bonta` di approsimazione del valore sperimentale (media campionaria)

  • al valore vero (media della popolazione).

  • L’accuratezza di una procedura analitica viene stabilita attraverso:

  • - metodo assoluto: analisi campioni noti; analisi di standard.

  • - metodo comparativo: confronto con altre tecniche; metodo del recupero

  • Precisione: ripetibilita` del metodo analitico. La precisione deve essere fornita insieme

  • al risultato dell’analisi ed e` valutata per mezzo di parametri statistici:

  • deviazione standard

  • CV%=s/quantita` *100

  • La precisione ottenuta dipende da quella di tutti gli strumenti impiegati per l’analisi

  • Sensibilita`: rapporto tra risposta strumentale e quantita` dell’analita.

  • concetti collegati sono:

  • - rapporto segnale/rumore (S/N)

  • - minima quantita` rivelabile (LOD)

  • - minima differenza rivelabile


  • Login