Primo annuncio comunic @ zione e media
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 23

Primo annuncio, comunic @ zione e media PowerPoint PPT Presentation


  • 58 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Primo annuncio, comunic @ zione e media. Don Domenico Pompili [email protected] www.chiesacattolica.it/comunicazione. Premessa.

Download Presentation

Primo annuncio, comunic @ zione e media

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Primo annuncio comunic @ zione e media

Primo annuncio, [email protected] e media

Don Domenico Pompili

[email protected]

www.chiesacattolica.it/comunicazione


Premessa

Premessa

«I media… non sono semplici strumenti neutri; essi sono al tempo stesso mezzo e messaggio, portatori di una nuova cultura che «nasce, prima ancora che dai contenuti, dal fatto stesso che esistono nuovi modi di comunicare, con nuovi linguaggi, nuove tecniche, nuovi atteggiamenti psicologici». La loro incidenza sui modi di pensare e di agire, sugli stili di vita, sulla coscienza personale e comunitaria, in una parola sulla cultura e sulla stessa evangelizzazione fa sì che la Chiesa «non può non impegnarsi sempre più profondamente nel mutevole mondo delle comunicazioni sociali». (CM, 4)

1/21


Premessa1

Premessa

  • La comunicazione mediatica ha una inevitabile ricaduta antropologica e sociale

  • Comunicare il Vangelo

  • Evangelizzare

2/21


Il virtuale crea una nuova esperienza

Il virtuale crea una “nuova esperienza”

Siamo noi che ci abituiamo ai media o sono i media che alla fine si abituano a noi?

3/21


Il virtuale crea una nuova esperienza1

Il virtuale crea una “nuova esperienza”

  • L’uomo è in simbiosi con l’apparato tecnologico

  • Il virtuale è una nuova forma di realtà

  • La realtà virtuale si presenta come autoreferenziale

4/21


Il virtuale crea una nuova esperienza2

Il virtuale crea una “nuova esperienza”

  • Le tecnologie sono nuove perché cambiano il concetto di “fare esperienza”

5/21


Una nuova socialit

Una nuova socialità

  • La tecnologia consente di superare barriere linguistiche e culturali mediante uno schermo che fa da filtro.

6/21


Una nuova percezione dello spazio

Una nuova percezione dello spazio

  • Efficacia comunicativa e immediatezza di scambio: benefici e insidie.

    • Temporalità accelerata

    • Smarrire il senso della storia

7/21


Nuovi stimoli per l intelligenza

Nuovi stimoli per l’intelligenza

  • Quantità di informazioni sconfinata

  • Creatività

  • Spirito d’iniziativa

8/21


Integrare il vangelo nella cultura digitale

Integrare il Vangelo nella cultura digitale

  • “Ogni epoca, ogni condizione, ogni contesto richiede un suo specifico linguaggio. La Chiesa lo ha sempre tenuto presente nell’annunciare la parola di Dio…”(CM, 49)

9/21


Integrare il vangelo nella cultura digitale1

Integrare il Vangelo nella cultura digitale

  • W. Ong intuisce che la multimedialità segna una sorta di ritorno all’oralità, per quanto da lui definita secondaria.

10/21


Integrare il vangelo nella cultura digitale2

Integrare il Vangelo nella cultura digitale

  • “Immersi in un mondo”

  • Una visione circolare e non lineare, immaginativa e non solo logica

  • Una nuova socialità

    Se la fede nasce dall’ascolto, che cosa provoca la sordità spirituale nella cultura contemporanea?

11/21


Integrare il vangelo nella cultura digitale3

Integrare il Vangelo nella cultura digitale

  • “La crisi contemporanea della fede è in grandissima parte una crisi di immagini” (A. Dulles)

  • Questa è la variante contemporanea della frattura tra Vangelo e cultura.

12/21


Integrare il vangelo nella cultura digitale4

Integrare il Vangelo nella cultura digitale

  • Fides qua

    • L’atto della libertà che si sbilancia per Dio

  • Fides quae

    • I contenuti del credere

13/21


Integrare il vangelo nella cultura digitale5

Integrare il Vangelo nella cultura digitale

  • La fides qua è premessa alla fides quae: senza la prima non scatta la seconda

  • La fides qua fa leva sul livello simbolico-narrativo

14/21


Integrare il vangelo nella cultura digitale6

Integrare il Vangelo nella cultura digitale

  • In passato:

    • La famiglia garantiva la “fides qua” con il livello simbolico-narrativo

    • La Chiesa garantiva la “fides quae” con il livello informativo-razionale

  • Oggi:

    • Crisi della famiglia e del linguaggio che parla all’immaginazione

    • Crisi della Chiesa e del linguaggio catechistico senza la molla dell’interesse

15/21


Integrare il vangelo nella cultura digitale7

Integrare il Vangelo nella cultura digitale

  • “L’amore è la condizione della fede; e la fede a sua volta è colei che nutre e fa maturare l’amore… l’amore è il fine, la fede il mezzo. (…) E’ l’amore che fa la fede, non la fede l’amore” (J. H. Newman)

16/21


Opportunit per il primo annuncio

Opportunità per il primo annuncio

  • L’immaginario è ancora cristiano, l’immaginazione non più

17/21


Opportunit per il primo annuncio1

Opportunità per il primo annuncio

  • Discernimento culturale senza rancore

  • Paolo all’Aeropago

18/21


Opportunit per il primo annuncio2

Opportunità per il primo annuncio

  • In lingua corrente:

    • Oralità secondaria non è ritorno all’ingenuità delle origini

    • Conoscere (in modo professionale) i meccanismi del linguaggio narrativo e simbolico

19/21


Opportunit per il primo annuncio3

Opportunità per il primo annuncio

  • Feedback

    • Verificare l’impatto del primo annuncio

    • Guardare l’annuncio sugli ascoltatori (gerarchia della verità)

    • Arricchire l’annuncio con le domande che uniscono

20/21


Opportunit per il primo annuncio4

Opportunità per il primo annuncio

  • Predicare l’”inevitabile ricaduta antropologica e sociale” del suo annunzio è l’atto minimo di giustizia che possiamo rendere a un Dio che in Gesù non si è “detto” a noi, ma si è “dato”: come mezzo e messaggio insieme; come via, verità e vita.

21/21


Grazie per l ascolto

Grazie, per l’ascolto.

Don Domenico Pompili

[email protected]

www.chiesacattolica.it/comunicazione


  • Login