Usi fitoterapici
Download
1 / 15

RTI SVILUPPO DEL MATESE - PowerPoint PPT Presentation


  • 109 Views
  • Uploaded on

Usi fitoterapici e/o cosmetici Gli oli volatili di Allium ursinum hanno mostrato una spiccata capacità antiossidante ma anche la capacità di rendere più fluide le membrane. Ciò lascia ipotizzare un loro possibile uso nella cura dell’ipertensione e della artereosclerosi.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'RTI SVILUPPO DEL MATESE' - hoshi


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Usi fitoterapici e/o cosmetici

Gli oli volatili di Allium ursinum hanno mostrato una spiccata capacità antiossidante ma anche la capacità di rendere più fluide le membrane. Ciò lascia ipotizzare un loro possibile uso nella cura dell’ipertensione e della artereosclerosi.

Gli estratti, in generale, mostrano anche la capacità di abbassare il contenuto di lipidi e di colesterolo, ipotizzando in tal modo un loro impiego contro disturbi cardiovascolari.

Tutte le parti della pianta hanno gli stessi composti, ma i bulbilli sono più efficaci.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Aglio orsino

famiglia ALLIACEAE

Usi alimentari

Le parti verdi vengono consumate fresche come alimento in insalate miste.

I bulbi o le foglie si utilizzano per condire ed aromatizzare le patate lesse in insalata.

Allium ursinum L. s.l.

Nome matesino

Aglietiello

Inglese

Wild garlic

Francese

Ail des ours

Tedesco

Bärlauch

Spagnolo

Ajo silvestre

Descrizione botanica: pianta erbacea perenne con un bulbo affusolato, biancastro da cui emergono le foglie e lo scapo fiorale.

Le foglie sono generalmente due o più raramente una, sono ovato-lanceolate di colore verde lucente ed emanano un caratteristico odore agliaceo quando stropicciate.

Lo scapo fiorale ha sezione semicilindrica, alto 10-40 cm. L’infiorescenza è un’ombrella semplice, costituita da 6-20 fiori portati su pedicelli lunghi circa 1,5 cm. Il fiore è di colore bianco. Il frutto è una capsula a tre logge.

Habitat: luoghi ombrosi, boschi, siepi.

Parti utilizzate: foglie, bulbi.

Costituenti: dallefoglie composti solforati, dai bulbi e dalle foglie acido p-cumarico, ferulico, p-idrossi-benzoico e vanillico. Dalla pianta furocumarine ad attività antimicotica.

Proprietà: depurativa, ipotensiva, diuretica, antisettica.

Usi agronomici e/ozootecnici

Viene usata come repellente di insetti e talpe.

Usi vari

Pare sia richiesto dalle industrie per la produzione di disinfettanti e repellenti.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

La si usa contro le infiammazioni della gola, facendo gargarismi con il decotto.

Impacchi imbevuti con il decotto vengono usati per irritazioni cutanee.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Usi alimentari

La pianta ha anche proprietà coloranti conferendo un colore giallo, con tonalità più intense se raccolta in autunno, o grigio-marrone in presenza di mordenti ferrosi.

Agrimonia

famiglia ROSACEAE

Agrimonia eupatoria L. s.l.

Nome matesino

Lacrimonia, Fraulella

Inglese

Common agrimony

Francese

Aigremoine eupatorie

Tedesco

Gemeiner Odermenning

Spagnolo

Hierba de San Guillermo

Usi agronomici e/ozootecnici

Una cultivar di agrimonia con un profumo particolarmente intenso simile a quello della pesca è molto popolare in Francia per preparare il tè.

Usi vari

Uso agronomico: è usata in veterinaria nella cura di malattie della pelle di animali

Descrizione botanica: pianta erbacea perenne, rizomatosa con fusti alti fino a 100 cm. Le foglie sono irregolarmente pennatosette, con i margini dentati. Alla base del picciolo sono presenti due stipole. I fiori sono piccole dimensioni, di colore giallo limone, con cinque petali, riuniti in racemi allungati. Il frutto è costituito da due acheni racchiusi dal ricettacolo, fornito, nella sua porzione apicale, di setole uncinate.

Habitat:praterie , siepi, muri.

Parti utilizzate: le sommità fiorite e le foglie.

Costituenti: la pianta contiene tannini, gomme, sostanze amare, fitosterina, mucillaggine. Dall’agrimonia si estrae anche un olio essenziale. Contiene cumarine che possono determinare affezioni cutanee se la pelle venuta a contatto con la pianta viene esposta al sole.

Proprietà: anticatarrali, antinfiammatorie, coleretiche, colagoghe.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

È usata per la cura della tosse e del catarro e per infiammazioni della bocca.

L’estratto ottenuto dalle radici ha proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti, utile per pelli infiammate, escoriate e per ulcere.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Usi alimentari

Possono essere consumate le foglie e le radici, cotte o crude.

Altea

famiglia MALVACEAE

Usi agronomici e/ozootecnici

L’Altea è buona mellifera.

Althaea officinalis L.

Nome matesino

Malvònu

Inglese

Marshmallow

Francese

Guimauve

Tedesco

Weisse Mauve

Spagnolo

Malvavisco

Usi vari

Alcune creme, gel e lozioni a base di estratti sono usati in dermatologia per curare l’invecchiamento della pelle, rimuovendo i radicali liberi e inibendo la produzione di ossido nitrico, senza causare irritazione.

Descrizione botanica: specie perenne, che raggiunge 1,5 m d’altezza. La pianta è sparsamente pelosa, che le dà un colore biancastro. Le foglie, palminervie, quelle in basso sono ovali e con il margine appena inciso in 3-5 lobi, quelle verso l’alto sono più o meno triangolari con la base cuoriforme e apice acuto, palmato-lobate, talvolta ripiegate come un ventaglio. I fiori sono portati in numero di 1-3 all’ascella delle foglie superiori, sono grandi circa 3 cm di colore che va dal bianco-roseo al porporino. Il frutto è un mericarpo.

Habitat: dalla pianura fino alla zona submontana, luoghi umidi.

Parti utilizzate: radici, foglie, fiori.

Costituenti:mucillagini, pectine, carboidrati, lipidi, proteine (albumina, asparagina, lecitina), acidi grassi.

Proprietà: antinfiammatorie, leggermente lassative, emollienti e lenitive, decongestionanti, espettoranti.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

Viene utilizzata nella regolazione dei flussi mestruali.

Usi alimentari

Dal sapore simile al cavolo Si usa la rosetta basale nelle insalate e nelle minestre primaverili.

Dai semi si può estrarre dell'olio commestibile.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Borsa del pastore

famiglia BRASSICACEAE

Usi agronomici e/ozootecnici

Le piante di Capcsella sono utilizzate per ridurre la concentrazione di sale nei terreni particolarmente salsi .

Capsella bursa-pastoris

(L.) Medicus

Nome matesino

Cimino

Inglese

Shepherd’s purse

Francese

Borse-à-pasteur

Tedesco

Gewöhnliches Hirtntäschel

Spagnolo

Bolsa de pastor

Usi vari

Viene riportato che i semi, quando si inumidiscono, si ricoprono di una sostanza vischiosa in grado di catturare ed uccidere piccoli insetti.

Descrizione botanica: pianta annuale, dotata di peli, ha fusti alti fino a 80 cm, semplici o ramificati. Le foglie basali sono portate in rosetta e brevemente picciolate, con il margine variabilissimo da intero a pennatofido. Quelle cauline sono sessili, sagittate ed amplessicaule. I numerosi fiori sono portati in racemi ed hanno quattro sepali verdi e quattro petali bianchi. I frutti sono siliquette triangolari, compresse, con la base cuneata e l’apice incavato, portanti diversi semi in ciascuna delle due logge. La forma delle siliquette, richiamando quella delle borse dei pastori, ha suggerito il nome della specie.

Habitat:luoghi coltivati, lungo le strade, ma anche sui muri, negli incolti e nelle radure dei boschi.

Parti utilizzate: parte aerea, semi

Costituenti: olio essenziale, Burserina, tannini, tiramina.

Proprietà: antiemorragiche, regolatrici del flusso mestruale.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

Sulla pelle si usa per lenire piccole ustioni, curare l’acne e le punture d’insetto.

Per uso interno viene usata per alleviare il mal di gola e infiammazioni del cavo orale.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Usi alimentari

Si raccolgono le foglioline centrali della rosetta finché non sono troppo grandi e coriacee. Dato che la pianta è molto forte, potete addirittura tagliare tutte le foglie, così che, la volta dopo, sarete sicuri di trovare le giovani foglioline adatte alla vostra tavola. La raccolta può essere effettuata senza paura di compromettere la specie data la sua notevole diffusione. Le foglie sono ottime come insalata verde, se avrete l'accortezza di scegliere solo quelle più tenere. Questo è un uso decisamente consigliato per salvare integralmente il contenuto di vitamina A e C di cui la pianta è ricca. Ottima anche per preparare squisiti minestroni. Spesso è unita ad altre piante, lessata e condita con olio e aceto aromatico. Quando viene cotta presenta ha la proprietà di tingere di verde le pietanze in cui è presente.

Centonervi

famiglia PLANTAGINACEAE

Plantago lanceolataL.

Nome matesino

Centonervi

Inglese

Ribwort plantain

Francese

Plantain lancéolé

Tedesco

Spitzwegerich

Spagnolo

Llantén menor

Descrizione botanica:pianta erbacea perenne con radice fittonante legnosa, foglie in rosetta, lungamente picciolate. Le infiorescenze sono spighe portate su lunghi scapi alti 10-40 cm, emergenti dal rizoma. La spiga è ovoidale, densa, lunga 1-4 cm. I fiori hanno una corolla di colore brunastra. I filamenti degli stami sono bianchi così come le antere. Il frutto è una capsula membranosa deiscente trasversalmente ovvero per apertura di un coperchietto e per tal motivo la capsula è detta a “pisside”.

Habitat: stazioni a terreno umidiccio, ricco di nitrati, nei ruderati.

Parti utilizzate: foglie, semi.

Costituenti:luteolina, acteoside, plantamajoside, isoacteoside, lavandulifolioside e aucubina, vari polisaccaridi tra cui glucuroxilano, amminoacidi liberi e di peptidi oltre a vitamine, retinoidi , minerali e microelementi e acidi grassi.

Proprietà: astringenti intestinali, antifiammatorie ed emollienti in affezioni delle mucose orali e della cute.

Usi agronomici e/ozootecnici

L’estratto presenta un’interessante attività fungicida utile nella prevenzione di infezioni fungine di piante, frutti semi e grano.

Usi vari

In dermatologia si usano per idratare le pelli secche e disidratate.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

Viene utilizzata come depurativo dell’organismo in decotti o infusi.

Usi alimentari

La Cicoria deve la sua notorietà al consumo che si fa delle foglie nelle insalate e delle radici come surrogato del caffè. Sotto il profilo salutare, le foglie della Cicoria, in infuso, hanno la proprietà di stimolare le funzioni dell'intestino, del fegato e del rene, con un conseguente effetto depurativo e detossicante generale che si riflette anche nell'aspetto della pelle.

Le stesse proprietà si possono ottenere anche con un uso alimentare costante delle foglie fresche (o anche cotte) in insalate poco condite, con il vantaggio di sfruttarne integralmente il contenuto di sali e di vitamine. Le radici della Cicoria hanno praticamente le stesse proprietà delle foglie.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Cicoria

famiglia ASTERACEAE

Cichorium intybusL. s.l.

Nome matesino

Cardo

Inglese

Chicory

Francese

Chicorée sauvage

Tedesco

Gemeine Wegwarte

Spagnolo

Achicoria común

Descrizione botanica: è una pianta annuale, biennale o perenne con radice fittonante, con foglie inferiori disposte in rosetta basale, con margine roncinato, ovali o lanceolate, dentate, quelle inserite sui fusti sono lanceolate o cuoriformi, sessili e amplessicaule. Le foglie possono essere glabre (spesso nelle forme coltivate) o fortemente pelose (nelle forme spontanee).

I capolini sono sessili, di colore azzurro o più raramente rosei o bianchi. Il frutto è un achenio.

Habitat: incolti, tra le macerie e ai margini delle strade.

Parti utilizzate: radici, foglie.

Costituenti: inulina, lattoni sesquiterpenici, acido cicorico, zuccheri riducenti, mannite, tannino, sali minerali.

Proprietà: coleretica, lassativa, diuretica, disintossicante, digestiva.

Usi agronomici e/ozootecnici

Si usava la cicoria per problemi gastrici delle vacche.

Usi vari

Della cicoria sono utilizzate anche le radici che essiccate diventano un surrogato del caffè.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

L’infuso viene utilizzato come digestivo e aperitivo.

Usi alimentari

In cucina i frutti (detti semi) si abbinano con pasta alle sarde, porchetta e tutte le carni grasse.I giovani getti e le foglie fresche sono indicate per aromatizzare insalate, piatti di pesce, salse e aceti aromatici.Apporta un tocco di rustica genuinità, tanto che molti buongustai tengono segreti i luoghi dove le piante allignano per sfruttarle per i loro condimenti. I semi vengono consumati crudi, o aggiunti a ogni tipo di salsina per condimento, o ancora impiegati per una tisana digestiva e aromatica gradevolissima. Vengono poi utilizzati sia sul pane fatto in casa o sopra le focacce, nelle minestre e come condimento per piatti di pesce, nei quali il loro sapore prepotente domina le altre spezie.In tutti gli usi suddetti, a seconda il variare del gusto personale, vengono impiegati anche i semi di anice o di cumino, piante che assomigliano molto al finocchio selvatico, in quanto appartenenti alla stessa famiglia, e perfino simili nel portamento. Ricordatevi però di non usare i semi di queste piante mescolandoli nella stessa ricetta: i sapori si annulleranno oppure sì combatteranno fra di loro. Usate una manciata di semi di una di queste piante nei condimenti delle insalate miste, a base di olio, aceto e sale.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Finocchio selvatico

famiglia APIACEAE

Foeniculum vulgare Mill.

Nome matesino

Fenucchio selvatico

Inglese

Fennel

Francese

Fenouil

Tedesco

Gemeiner Fenchel

Spagnolo

Hinojo

Descrizione botanica: Pianta erbacea perenne con aroma dolce e intenso; radici rizomatose e fusti eretti alti fino a 150 cm. Le foglie sono 3-4 pennatosette completamente divise in lacinie quasi capillari. I fiori, piccoli e gialli, sono riuniti in un'ampia infiorescenza ombrelliforme composta. Il frutto è un achenio verdastro, fortemente aromatico, privo di ali.

Habitat: luoghi aridi ed assolati, negli incolti, nelle scarpate sassose e ai margini delle strade.

Parti utilizzate: foglie, frutti, radice.

Costituenti:nei frutti sono presenti anetolo, alfa-pinene, canfene, fellandrene, feniculina, acido anisico, limonene, acido caffeico, acido clorogenico, pentosano, pectine.

Proprietà: frutti e pianta, contegono meno olio essenziale rispetto ai primi, hanno proprietà aromatiche, digestive, carminative, diuretiche ed emmenagoghe. La radice ha proprietà simili.

Usi agronomici e/ozootecnici

Utilizzato durante i lavaggi delle botti.

Usi vari

Le foglie e i fiori sono usate come coloranti fornendo varie tonalità di giallo e marrone

In cosmesi si usa per aromatizzare dentifrici, saponi, deodoranti.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

Decotti rinfrescanti o pediluvi, o trattato con alcool per ricavarne un profumato e aromatico liquore dalle proprietà digestive.

L'olio essenziale trova uso in profumeria, il decotto con foglie fresche miscelate a Rosmarino, Salvia e Ortica, sembrerebbe un valido rimedio per problemi di alopecia. Il decotto di foglie viene anche usato per bagni rilassanti e per pediluvi antisudiferi e utili a lenire la stanchezza.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Lauro

famiglia LAURACEAE

Usi alimentari

Utilizzato come aromatizzante generale con moltissimi alimenti, dalle carni, al pesce, alle verdure, alle zuppe. In una zona dell'Emilia Romagna con i frutti (drupe) di questa essenza si produce un noto liquore, il Laurino. Il suo legno intensamente aromatico viene utilizzato per fumigare formaggi e carni.

Laurus nobilisL.

Nome matesino

Lauro

Inglese

Bay Laurel

Francese

Laurier, Laurier-sauce

Tedesco

Echte Lorbeer

Spagnolo

Laurel común

Descrizione botanica: arbusto o albero alto fino a 10 m, sempreverde, con foglie verde scuro, coriacee, di forma oblunga e a margine intero e leggermente ondulato, dotate di un breve picciolo. I fiori sono dioici sono portati in piccole ombrelle di 4-6 fiori. Il perigonio è diviso in quattro lobi. I fiori maschili hanno 8-12 stami, quelli femminili portano stami sterili ed un ovario. Il frutto è una drupa nerastra di 10-15 mm.

Habitat: boschi freschi e umidi, di sclerofille sempreverdi e latifoglie eliofile, in consorzio con querce caducifoglie.

Parti utilizzate: foglie, frutti.

Costituenti: tannino, olio essenziale composto principalmente da cineolo. Olio essenziale presente nei frutti contiene, oltre al cineolo, anche geraniolo e linalolo. I frutti contengono anche un olio grasso.

Proprietà: disinfettante, deodorante, stimolante.

Usi agronomici e/ozootecnici

L'alloro è una pianta rustica, cresce bene in tutti i terreni e può essere coltivato in qualsiasi tipo di orto.

Usi vari

come rimedio casalingo per allontanare le tarme dagli armadi (ottimo e più profumato sostituto della canfora)


Usi fitoterapici e/o cosmetici

E' utilizzata nei casi di bronchiti, per regolare le funzioni intestinali, e come emolliente della bocca e della gola. Per uso esterno, trova applicazione come collutorio, nei casi di ascessi dentari, afte, stomatiti. Infuso nei casi di tosse, infiammazioni intestinali e raffreddore: ponete 3g di fiori e foglie per 100 ml di acqua bollente, e lasciate riposare per 10 minuti. Filtrate, e bevete una tazza due-tre volte al giorno.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Malva selvatica

famiglia MALVACEAE

Usi alimentari

Bisogna tener presente che la malva, grazie alla grande tollerabilità, può e deve essere assunta giornalmente con costanza. Ottimo sarebbe pranzare accompagnando le pietanze con tè di malva, tutto l'organismo trarrebbe grande giovamento da questa sana abitudine alimentare. Per le sue tante e valide proprietà terapeutiche spesso ci si dimentica che la malva è pure un'eccellente pianta alimentare. A questo scopo si utilizzano sia le foglie sia i teneri germogli. Il sapore leggermente dolciastro la rende gradevolissima per confezionare risotti rinfrescanti. Mescolando alle verdure qualche foglia di malva tagliuzzata, si arricchisce l'insieme di proprietà salutari. Anche i fiori possono ingentilire le pietanze essendo commestibili al pari delle foglie. Fiori e foglie sono ottimi in insalate miste di stagione. I boccioli possono essere confettati nell'aceto e serviti come condimento

Malva sylvestrisL. s.l.

Nome matesino

Marva

Inglese

Common mallow

Francese

Mauve sylvestre, Mauve des bois

Tedesco

Wilde Malve

Spagnolo

Malva común

Descrizione botanica: E' una pianta erbacea biennale o perenne, dalla radice affusolata e carnosa, con diramazioni secondarie, e l'altezza del fusto può arrivare a un metro. Le foglie sono tondeggianti, a lungo peduncolo, divise in 5 o 7 lobi, caratterizzate, in superficie, da peli semplici e ramificati. I fiori hanno il peduncolo lungo alcuni centimetri; il calice è composto da cinque sepali triangolari; la corolla ha cinque petali, di colore rosa-violaceo, che compaiono dalla primavera all'autunno.

Habitat: terreni ricchi, porosi, sui cigli delle strade submontane.

Parti utilizzate: foglie, fiori.

Costituenti: mucillagini, malvina, flavonoidi, antocianine, proteine, amminoacidi.

Proprietà: antinfiammatorie, leggermente lassative, emollienti e lenitive.

Usi agronomici e/ozootecnici

Usata come pianta foraggera.

Usi vari

Le radici utilizzate durante la vendemmia per tappare le botti.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

Particolarmente indicata per uso esterno come topico per le emorroidi, nelle ragadi mammarie e anali, varici, flebiti, gonfiore ai piedi e caviglie.Con l'infuso lavare la ferita e quindi applicare sopra l'erba cotta.

Infuso: 40gr. in 1 litro d'acqua, si può aggiungere un po' d'anice e basilico. E' consigliabile preparare piccole quantità da consumarsi in breve tempo, perché l'infuso annerisce rapidamente. (nei casi d'insonnia bere 2 tazzine prima del sonno, contro le emorroidi bere 4 tazzine nella giornata)La macerazione nel vino si fa con le stesse quantità ed è usata come aperitivo.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Millefoglio nobile

famiglia ASTERACEAE

Achillea nobilis L.

Nome matesino

Erba tagliolina

Inglese

Noble yarrow

Francese

Achillée noble

Tedesco

Edelschafgarbe

Spagnolo

Milenrama

Usi alimentari

L'odore intenso rispetta il sapore, amaro ma gradevole. Le foglioline più tenere possono essere aggiunte a insalate e minestre, facendo però attenzione a non eccedere nella dose perché sono molto aromatiche. Ottima anche per insaporire salse, aceti e liquori casalinghi.Caratteristica la frittata con le foglie. Fiori e foglie, essicati all'ombra, entrano spesso nella composizione di liquori aperitivi e digestivi a base di erbe.

Descrizione botanica: possiede un fusto slanciato e resistente. Le foglie sono finemente pennate. I capolini fiorali, di colore bianco e rosato, sono piccoli e riuniti in vistosi corimbi. La fioritura avviene in primavera-estate. La pianta è alta 50-60 cm.

Habitat: diffusa dalla pianura monte alla montagna, nei prati, lungo i sentieri, negli incolti.

Parti utilizzate: sommità fiorite, intera pianta.

Costituenti: olio essenziale, resine, tannino, achilleina, un glucoside amaro, sali di potassio, acido aconitico, mucillagini.

Proprietà: trova impiego nei disturbi genitali feminili (mestruazioni irregolari, ansia da menopausa), nei casi perdite sanguigne causate da emorroidi e ferite, nei problemi di circolazione. Proprietà digestive, amaro- toniche, antispasmodiche, antiemorragiche, emmenagoghe, diaforetiche.

Usi agronomici e/ozootecnici

L'odore intenso rispetta il sapore, amaro ma gradevole. Le foglioline più tenere possono essere aggiunte a insalate e minestre, facendo però attenzione a non eccedere nella dose perché sono molto amarotiche. Ottima anche per insaporire salse, aceti e liquori casalinghi.

Usi vari

I fiori erano utilizzati per tingere tessuti di giallo.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

Viene utilizzata per la cura della tosse, raffreddore, influenza. Per uso esterno è usata per la cura di piaghe, pruriti, dermatosi, psoriasi.

L’olio essenziale è usato in cosmesi per saponi e profumi.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Origano

famiglia LAMIACEAE

Usi alimentari

Si raccolgono le parti aeree e si seccano all'ombra. Viene usato al pari della maggiorana, con la quale, tra l'altro, spesso viene confuso. Tipico della cucina delle regioni meridionali è l'aroma ideale per sughi di pomodoro, pizza, carni arrostite e in umido.

Origanum vulgare L. s.l.

Nome matesino

Aureteco

Inglese

Oregano, pot marjoram

Francese

Origan

Tedesco

Oregano

Spagnolo

Orégano

Usi agronomici e/o zootecnici

La pianta ha un’azione repellente nei confronti di insetti

Descrizione botanica: Pianta erbacea vivace con rizoma lignificato, dal quale si sviluppano i fusti, alti fino a 70 cm; le foglie sono ovali-allungate. L'infiorescenza è un'ampia pannocchia inserita all'apice del fusto; alla base di ogni fiore è presente una brattea ovale; la corolla, tubulare, è di colore bianco o rosato. Il frutto è dato da quattro acheni racchiusi nel calice persistente.

Habitat: Comune nei luoghi selvatici fino al piano montano.

Parti utilizzate: sommità fiorite.

Costituenti: L’olio essenziale è composto da timolo, β-bisadolene, cariofillene, p-cimene, borneolo, linaiolo, linalil-acetato, geranil-acetato, α- e β-pinene, γ-terpinene, luteolina, diosmetina, apigenina, tannino e acidi ursolico, oleanolico, rosmarinico, caffeico.

Proprietà: aromatizzanti, aperitive, digestive, antispasmodiche, espettoranti. L'olio essenziale ha anche proprietà diuretiche e coleretiche.

Usi vari

I fiori conferiscono un colore rosso porpora ma non molto persistente.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

per spremitura a freddodai semi di ortica si ricava un olio con attività biostimolante indicato nei casi di debolazza e astenia. La radice riesce a ridurre del 70% il volume della ghiandola prostatica con ipertrofia benigna inibendo la crescita delle cellule prostatiche.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Usi alimentari

In cucina l'ortica trova un impiego assai vasto grazie alla bontà dei suoi giovani apici. Combinata con altre verdure forma gusti eccellenti: è ottima con le tenere foglie di parietaria. Di sapore delicato, sovente superiore a quello di molte verdure commercializzate, con questo pungente vegetale si possono preparare passati rinfrescanti, minestre e perfino ripieni. La clorofilla viene usata dall'industria come colorante degli alimenti

Ortica

famiglia URTICACEAE

Urtica dioicaL.

Nomematesino

Ardica, Ortiva, V’rdica

Inglese

stinging nettle

Francese

grande ortie

Tedesco

Große Brennnessel

Spagnolo

ortiga mayor

Descrizione botanica: Pianta erbacea con rizoma ampiamente ramificato e strisciante; i fusti sono eretti, alti fino a un metro e mezzo; la superficie presenta peli urticanti. Le foglie hanno il margine inciso in grossi denti; sulla superficie e specialmente lungo le nervature sono presenti i peli urticanti. I fiori sono riuniti in spighe divise in maschili erette e in femminili, pendule. I fiori hanno quattro tepali che racchiudono i quattro stami nei fiori maschili e l'ovario in quelli femminili. Il frutto è un achenio ovale.

Habitat: suoli umidi ed ombrosi, stazioni ricche di nitrati

Parti utilizzate: foglie giovani, radice, semi

Costituenti: I semi dell'ortica sono ricchi di acidi grassi insaturi (acido linoleico, fitostimoline, fitormoni ec.)

Proprietà:nutritive, emostatiche, stimolanti, diuretiche, antinfiammatorie per uso interno, rilassante

Usi agronomici e/o zootecnici

Viene data fresca per integrare l’alimentazione dei tacchini e spesso viene fornita alle galline per stimolare la deposizione delle uova.

Un decotto di ortica (Urtica dioica L.) e malva silvestre (Malva sylvestris L.), aggiunto alla crusca, viene dispensato alle vacche dopo il parto.

Usi vari

Il rizoma è usato per tingere di giallo i tessuti che vengono bolliti con allume per fissare il colore,. Dai fusti si possono ottenere fibre simili a quelle del lino.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

Le sommità fiorite si usano in infuso, per combattere diarrea, digestioni difficili, disturbi gastrointestinali, per fluidificare catarro nei raffreddori e bronchiti, per lavare ferite e piaghe, e quale collutorio per la gola e la cavità orale infiammata.

La Santoreggia per il suo piacevole aroma, viene anche usata in profumeria.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Santoreggia montana

famiglia LAMIACEAE

Usi alimentari

Pianta di grande interesse in cucina al pari di altre labiate (Timo, Rosmarino, Maggiorana e Origano) si armonizza bene con le carni alla griglia, cereali, legumi, insaccati e salse. La Santoreggia per il suo piacevole aroma, viene anche usata in liquoreria.

Satureja montana L.

Nome matesino

Tume

Inglese

Winter Savory

Francese

Sarriette des montagnes

Tedesco

Winter-Bohnenkraut

Spagnolo

ajedrea

Usi agronomici e/o zootecnici

Sembra che le piante abbiano proprietà repellenti nei confronti di alcuni insetti.

Descrizione botanica: Pianta perenne suffruticosa con forte odore aromatico, alta di norma fino a 30 cm. Fusti legnosi alla base, pubescenti, eretti, normalmente molto ramificati, tanto da formare un piccolo cespuglio. Foglie di colore verde brillante, opposte, assai distanziate sul fusto, intere, lineari-lanceolate, coriacee, bordate da piccole ciglia. Fiori profumati di color bianco e/o bianco rosato, si divide all’apice del tubo in due labbra, quello superiore intero e quello inferiore trilobato col lobo mediano più largo dei laterali. Il frutto è formato da 4 acheni ovali.

Habitat: terreni rocciosi, aridi, ai margini di strade di montagna.

Parti utilizzate: sommità fiorite.

Costituenti: α-pinene, p-cymene, limonene, timolo, carvacrolo, β-pinene e cariofillene.

Proprietà: eccitanti, antielmintiche, antireumatiche, antiasmatiche, antidiarroiche, antisettiche.

Usi vari

È un’ottima pianta mellifera con un potenziale di produzione di circa 400 Kg di miele per ettaro.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

E' utile nei casi di tosse, catarri bronchiali, asma. Ha proprietà stimolati dell'apparato digestivo per cui è consigliato nei casi di astenia, stati di debolezza e affaticamento.

Molto usato nell'industria cosmetica per realizzare saponi, creme, oli, detergenti ad azione tonica e purificante.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Timo pepolino

famiglia LAMIACEAE

Usi alimentari

Assieme alla menta e alla salvia, il timo è una delle erbe aromatiche più apprezzate nella cucina europea.

In cucina viene ampiamente impiegato per insaporire carni e pesci come il timo ma spesso è preferito a questo per il suo aroma più delicato

Thymus serpillumL.

(gruppo)

Nome matesino

Cervuglia, Pimpinella, Serpuglia

Inglese

Wild thyme

Francese

Serpolet

Tedesco

Sand-Thymian

Spagnolo

Serpol, Tomillo sanjuanero

Usi agronomici e/o zootecnici

È una buona mellifera che fiorisce in tarda estate, alimentando le api quando altre specie sono ormai sfiorite.

Descrizione botanica: il fusto, in parte strisciante, produce a ogni nodo radici avventizie da cui partono i fusti verticali; i fusti sono quadrangolari in sezione e abbondantemente pubescenti. Le foglie sono opposte. I fiori sono raggruppati all'apice dei fusticini. La corolla è tubulare e bilabiata con il labbro superiore intero e l'inferiore diviso in tre lobi ovali; il colore è normalmente rosato. Il frutto è formato da quattro acheni.

Habitat: predilige i terreni al margine delle boscaglie, lungo i pendii, nei prati come tra le rocce ed i terreni poveri.

Parti utilizzate: sommità fiorite

Costituenti:tannini, saponine, acido labiatico e un olio essenziale

costituito da carvacrolo, timolo, p-cimene, terpinene, α e β pinene, borneolo, linaiolo, eugenolo, isoeugenolo, zingiberene.

Proprietà: antisettico, antispasmodico, depurativo, espettorante, balsamico e digestivo.

Usi vari

L’olio essenziale ha forti proprietà disinfettanti e fungicide.


Usi fitoterapici e/o cosmetici

Pianta antinfiammatoria, anticoagulante, antielmintica, carminativa, diaforetica, fungicida, antisettica, stimolante, febbrifuga, aromatica, ma soprattutto possiede efficaci proprietà diuretiche ed astringenti ed esercita una benefica azione sull'apparato escretore e sul fegato. Inoltre rende limpida l'urina carica di sedimenti, allevia l'ipertrofia prostatica e facilita l'eliminazione dell'acido urico. Le proprietà astringenti la consigliano nella cura della diarrea.

RTI SVILUPPO DEL MATESE

Verga d’oro

famiglia ASTERACEAE

Usi alimentari

Le sommità fiorite della Verga d’oro sono usate in composti, come integratore alimentare.

Solidago virgaurea L.

Nome matesino

Solidago

Inglese

Goldenrod, Woundwort

Francese

Verge d'or

Tedesco

Gewöhnliche Goldrute

Spagnolo

Vara de oro

Usi agronomici e/o zootecnici

Usata come foraggiera per le capre

Descrizione botanica: Pianta erbacea perenne con rizoma bruno rossastro e fusti eretti, rigidi subglabri, alti oltre 80 cm.Foglie a consistenza membranacea, verdi, glabre, con bordo dentato: le inferiori oblunghe, lungamente picciolate; le cauline lanceolate o lanceolato-lineari, rivolte generalmente verso lo stesso lato e progressivamente ridotte e sessili. Fiori in numerosi capolini del diametro di 1-2 cm, portati su brevi peduncoli pubescenti e raggruppati in racemi eretti a formare una pannocchia oblunga. Fiori giallo vivo. Il frutto è un achenio sormontato da un pappo.

Habitat:boschi, boscaglie, pascoli, scarpate e macereti.

Parti utilizzate: foglie, sommità fiorite.

Costituenti: tannini, resine, mucillagini, una saponina, olio essenziale.

Proprietà: diuretica, aperitiva, astringente, decongestionante, antifiammatoria.

Usi vari

L’intera pianta è utilizzata per ottenere un colore marrone.

Dalle foglie e I fiori si ottiene un colore giallo


ad