Le nuove vaccinazioni
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 129

LE NUOVE VACCINAZIONI PowerPoint PPT Presentation


  • 140 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

LE NUOVE VACCINAZIONI. Dottor Roberto Cionini Modena 17 Ottobre 2009. HPV. 16. 58.1% 73.8% 78.2% 82.2% 85.1% 86.7% 87.9% 88.9%. 18. 33. 31. 45. 35. 58. 56. 52. 73. 6. 68. 11. 51. 39. 66. 59. 70. 82.

Download Presentation

LE NUOVE VACCINAZIONI

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Le nuove vaccinazioni

LE NUOVE VACCINAZIONI

Dottor Roberto Cionini

Modena 17 Ottobre 2009


Le nuove vaccinazioni

HPV


Le nuove vaccinazioni

16

58.1%

73.8%

78.2%

82.2%

85.1%

86.7%

87.9%

88.9%

18

33

31

45

35

58

56

52

73

6

68

11

51

39

66

59

70

82

Distribuzione percentuale dei carcinomi del collo dell’utero, per tipo di HPV in Europa

8 tipi di HPV sono responsabili del 90% dei cancri del collo dell’utero

*

Casi di carcinoma della cervice attribuiti ai genotipi di HPV (%)

Smith JS, Lindsay L, Hoots B et al. Int J Cancer 2007;121:621-32


Dati oms 2008

Dati OMS 2008

  • Nel mondo 288.000 morti/anno per cancro cervicale

  • 510.000 nuovi casi/anno di cui:

    - Africa: 68.000

    - America Latina: 77.000

    - Asia: 245.000


Le nuove vaccinazioni

Patologie Cervicali e Genitali HPV-correlate in Europa

Altri TUMORI GENITALI:

Tumori Vulva e Vagina ~ 1.900 / anno

CANCRO DEL COLLO DELL’UTERO:

33.400 diagnosi / anno 15.000 decessi / anno

Parkin DM, et al. Cancer incidence in five continents (CIS). Volume VIII. P606-611. Daling JR, et al.. Gynecol Oncol 2002;84:263-70. Madeleine MM,. J Natl Cancer Inst 1997;89:1516-23.

Ferlay et al, Globocan 2002: IARC Cancer Base No.5. Version 2.0 ARC Press, 2004.

LESIONI CERVICALI PRECANCEROSE (CIN 2/3)

163.000 CIN2/3 / anno

LESIONI GENITALI PRECANCEROSE

VIN e VAIN ~ 24.000 / anno

Daling JR, et al. Gynecol Oncol 2002;84:263-70.

Madeleine MM, J Natl Cancer Inst 1997;89:1516-23.

Dodge JA, Gynecol Oncol 2001;83:363-69.

Van Beurden et al. Cancer 1995;75:2879-84.

Hording U, Gynecol Oncol 1995;56:276-9.

Jones RW. Eur J Gynaecol Oncol 2001;22:393-402.

Insinga RPAm J Obstet Gynecol 2004;191:105-13.

Smith J Int J Cancer 2007;121:621-32.

LESIONI CERVICALI POTENZIALMENTE PRECANCEROSE (CIN 1)

554.000 CIN1 / anno

Clifford GM Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 2005;14:1157-64.

CONDILOMI GENITALI

Diagnosi di MST più frequente

(1 diagnosi su 3 di MST)*

(*). http://www.dors.it/cmfocus/alleg/iss%20mst.pdf?PHPSESSID=a05d57d1e6259c0e9965c6251cdd0a9a


Le nuove vaccinazioni

1 000

La piramide degli esiti delle infezioni da HPV ad alto rischio


Le nuove vaccinazioni

“Quadrivalent Human Papillomavirus Vaccine:Recommendation of the Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP)”

In Usa la raccomandazione di vaccinare i soggetti di sesso femminile di età compresa fra 9 e 26 anni con preferenza per la fascia 11-12 anni.

Catch-up vaccinazione è raccomandata per donne di età compresa fra 13 e 26 anni non precedentemente vaccinate

La vaccinazione non rappresenta una alternativa allo screening routinario che deve essere eseguito anche dalle donne vaccinate

Markowitz LE,Dunne EF,Saraiya M et all.:Centers for Disease Contro and Prevention.

MMWR Recomm.Rep.2007 Mar 23;56(RR-2):1-24


Le nuove vaccinazioni

“Induction of immune memory following administration of prophylactic quadrivalent human papillomavirus (HPV) types 6/11/16/18 L1 virus-like particle (VLP) vaccine”

La schedula a 3 dosi è in grado di determinare livelli anticorpali alti,efficaci e stabili per almeno 5 anni,superiori a quelli osservati a seguito dell’infezione naturale.

Essendo in grado di determinare una robusta memoria immunitaria è verosimile che titoli anticorpali alti si mantengano per un tempo più lungo.

Sven-Eric Olsson et all.Vaccine 25,Issue 26,Pages 4931-4939,21 June 2007


Long term efficacy of human papillomavirus vaccination

“Long term efficacy of Human Papillomavirus vaccination”

Presenza di anticorpi sierici a livelli elevati dopo ciclo completo,a 5 anni per il quadrivalente (Gardasil);a 6,4 anni per il bivalente (Cervarix)

Ault KA Ginecol.Oncol:2007 Nov 107 (2 Suppl-1):527-530


Le nuove vaccinazioni

a 6.4 anni Risposta Immune elevata e sostenuta contro HPV-16 e 18

RispostaAnticorpale ELISA

Anti-HPV-16

Infezione naturale

≥98% delle donne

sieropositive per entrambi HPV-16/18

a 6.4 anni

Anti-HPV-18

Infezione naturale

ABSTRACTS / Harper D, Gynecologic Oncology 109 (2008) 158–159


E levata correlazione tra anticorpi nel sangue e nella cervice sito dell infezione 1

Elevata correlazione tra anticorpi nel sangue e nella cervice, sito dell’infezione1

Più anticorpi nel sangue, più anticorpi a livello della cervice

1. S. Poncelet et al., 24th International Papillomavirus Conference and Clinical Workshop PS19-25, (2007).


Sicurezza generale a 6 4 anni

Sicurezza Generale a 6.4 anni

Follow up esteso

*ex. diabete mellito, malattia autoimmune

ABSTRACTS / Harper D, Gynecologic Oncology 109 (2008) 158–159

ITT analisi N = numero di soggetti inclusi in ogni gruppo; n = numero di soggetti riportanti almeno un evento in ogni gruppo


Sicurezza nella riproduzione

Sicurezza nella Riproduzione

Follow up esteso

*Il totale non include gravidanze ectopiche.

ABSTRACTS / Harper D, Gynecologic Oncology 109 (2008) 158–159

N = numero di donne gravide incluse in ogni gruppo; n = numero di soggetti riportanti almeno un evento in ogni gruppo

ITT analisi


Effetti collaterali vears

Effetti collaterali (VEARS)

Al 30 Giugno 2008 VEARS ha ricevuto un totale di 9749 segnalazioni di potenziali reazioni avverse dopo vaccinazione HPV.

  • Nel 94% dei casi si trattava di eventi non seri

  • Nel 6% si trattava di eventi seri;per VEARS il limite è compreso fra 10-15%;pertanto gli eventi avversi seri sono minori di quelli riscontrabili per gli altri vaccini


Anaphylaxis following quadrivalent human papillomavirus vaccination

Anaphylaxis following quadrivalent human papillomavirus vaccination

Anafilassi:2,6 casi/100.000 dosi

CMAJ.2008 Sep9;179(6):525-533.Epub 2008.Sep-1

Brotherton JM MdMphetall


Le nuove vaccinazioni

Endpoint

Vaccine efficacy

P-value

%

96.1% CI

HPV-31/45

100

82.2–100

<0.0001

HPV-31/33/45/52/58

68.2

40.5–84.1

<0.0001

HPV-31/33/35/39/45/52/51/56/58/59

68.4

45.7–82.4

<0.0001

A9 species

(HPV-31/33/35/52/58)

66.1

37.3–82.6

<0.0001

A7 species

(HPV-39/45/59/68)

77.3

36.0–93.7

0.0009

14 oncogenic HPV types

(HPV-16/18/31/33/35/39/45/51/52/56/58/59/66/68)

77.7

63.5–87.0

<0.0001


Le nuove vaccinazioni

In conclusion, the HPV-16/18 AS04-adjuvanted vaccine provided protection against CIN2+ lesions that were associated with HPV-16 and HPV-18 as well as lesions that were associated with non-vaccine types HPV-31,HPV-33, and HPV-45; together, these fi ve types are responsible for about 82% of all cervical cancers

Paavonen J, Naud P, Salmerón Jet al


Le nuove vaccinazioni

Lancet. 2009 Jul 25;374(9686):301-14. .

Paavonen J, Naud P, Salmerón Jet al


Le nuove vaccinazioni

Lancet. 2009 Jul 25;374(9686):301-14. .

La proporzione di donne con avventi avversi seri, patologie importanti , malattie croniche di nuova diagnosi e nuova insorgenza di malattie autoimmuni è risultata comparabile nei gruppi delle soggette vaccinate con HPV 16/18 vaccine e nei controlli

Paavonen J, Naud P, Salmerón Jet al


Le nuove vaccinazioni

Descamps D, Hardt K, Spiessens B, et al. Safety of human papillomavirus

(HPV)-16/18 AS04-adjuvanted vaccine for cervical cancer prevention.

A pooled analysis of 11 clinical trials.

Human Vaccines 2009

The safety profi le of the HPV-16/18 AS04-adjuvanted vaccine was generally similar to that of the control vaccine.

In a pooled analysis of data from almost 30 000 girls and women participating in phase II and III trials (including our trial), the vaccine was shown to be generally well tolerated, with a favourable safety profile in women of all

ages.


Le nuove vaccinazioni

25th INTERNATIONAL PAPILLOMAVIRUS CONFERENCE

MAY 8-14 2009, MALMÖ, SWEDEN

Immunogenicity and safety of HPV-16/18 AS04-adjuvanted vaccine up to 7.3y

The HPV-16/18 AS04-adjuvanted vaccine offers high and sustained antibody levels and 100% seropositivity against both HPV-16 and HPV-18 up to 7.3 years after vaccination with a favourable safety profile. This is the longest follow-up reported for any licensed HPV vaccine.

De Carvalho et al


Le nuove vaccinazioni

Comparison of the immunogenicity and safety of

CervarixTM and Gardasil ® human papillomavirus (HpV) cervical cancer vaccines in healthy

women aged 18–45 years

Einstein MH, Human Vaccines 5:10, 705-719; October 2009;


Le nuove vaccinazioni

Comparison of the immunogenicity and safety of

CervarixTM and Gardasil ® human papillomavirus (HpV) cervical cancer vaccines in healthy

women aged 18–45 years

Einstein MH, Human Vaccines 5:10, 705-719; October 2009;


Le nuove vaccinazioni

Comparison of the immunogenicity and safety of

CervarixTM and Gardasil ® human papillomavirus (HpV) cervical cancer vaccines in healthy

women aged 18–45 years

Einstein MH, Human Vaccines 5:10, 705-719; October 2009;


Le nuove vaccinazioni

Comparison of the immunogenicity and safety of

CervarixTM and Gardasil ® human papillomavirus (HpV) cervical cancer vaccines in healthy

women aged 18–45 years

  • Discussione

  • Currently, no serologic correlate has been defined for protection

  • afforded by HPV vaccines. Preclinical data suggest that

  • transudation of neutralizing antibodies to the site of infection constitutes the primary mechanism for protection against HPV- 16/18 infection following vaccination with HPV L1 VLPs.

Einstein MH, Human Vaccines 5:10, 705-719; October 2009;


Le nuove vaccinazioni

Comparison of the immunogenicity and safety of

CervarixTM and Gardasil ® human papillomavirus (HpV) cervical cancer vaccines in healthy

women aged 18–45 years

  • Discussione

  • Although the clinical importance of these differences

  • in immune response is unknown, they may represent

  • determinants of duration of protection against HPV-16 and -18.

  • Long-term follow-up studies evaluating the duration of immune response and efficacy in disease prevention for both vaccines are necessary to determine the clinical relevance, if any, of the immunological differences observed between vaccination with

  • Cervarix™ and Gardasil ®.

Einstein MH, Human Vaccines 5:10, 705-719; October 2009;


Le nuove vaccinazioni

I vaccini sono nuovi, per cui non vi sono dati globali di certezza.L’unica certezza è che ogni anno si perdono circa 1500 donne. Se aspettassimo il 2020 (studio finlandese), perderemmo 30.000 donne


Le nuove vaccinazioni

Gardasil Seropositivity Rates for Anti-HPV 6, 11, 16, and 18 (N=2818)ultimo dato di immunogenicità presentato all’FDA dalla Merck

Vaccinated Women 18-26 years

US FDA review of the Gardasil License Application


A 6 4 anni risposta immune elevata e persistente verso hpv 18

A 6.4 anni Risposta Immune elevata e persistente verso HPV-18

Anticorpi Neutralizzanti

Anti-HPV-18

Natural infection

Sieropositività ≥98%


A 6 4 anni protezione crociata mantenuta verso le infezioni incidenti dai tipi hpv 45 e 31

a 6.4 anni protezione crociata mantenuta verso le infezioni incidenti dai tipi HPV- 45 e 31

Analisi combinata dello studio iniziale di efficacia e dello studio di follow-up esteso

HPV-16, 18, 45 e 31:

Responsabili di 80% dei carcinomi squamosi di >80% degli adenocarcinomi

ABSTRACTS / Harper D, Gynecologic Oncology 109 (2008) 158–159

n = numero di soggetti riportanti almeno un evento in ogni gruppo

ATP analisi


As04 improving immune response

*

*

Anti-J4 HPV-18

Anti-V5 HPV-16

1000

1000

800

800

=AS04

=AS04

GMT Ab tit (EU/ml)

=Al(OH)3

=Al(OH)3

600

600

*

*

400

400

*

*

*

*

*

*

*

*

200

200

0

0

8

48

0

32

40

16

24

8

48

0

32

40

16

24

Vaccine

Vaccine

*Wilcoxon’s non Parametric(p <0.05)

AS04: improving immune response

Adapted from Giannini SL, Hanon E, Moris P, et al. Vaccine 2006;24: 5937-5949


As04 and b cell production

16000

3000

3.6 x*

HPV16

HPV18

Q3

2.2 x

Q3

12000

2000

=AS04

8000

=Al(OH)3

HPV specific B cell: frequency

Median

1000

4000

Median

Q1

Q1

0

0

pre

day 60

day 210

pre

day 60

day 210

vaccine

vaccine

AS04 and B cell production

* statistically significant (p<0.05, Wilcoxon’s test)


Serum and mucosal antibodies

Serum and mucosal antibodies

Anti-HPV-16

Anti-HPV-18

3

15-25 years

R = 0.9114

R = 0.8235

26-45 years

2.5

46-55 years

R = 0.9328

2

Log ratio (anti-HPV-18/total IgG) in CVS

Log ratio (anti-HPV-16/total IgG) in CVS

1.5

1

0.5

0

0

0.5

1

1.5

2

2.5

3

Log ratio (anti-HPV-16/total IgG) in serum

Log ratio (anti-HPV-18/total IgG) in serum

Presentazione di T. Schwarz – Eurogin 2007

M. Stanley, D. R. Lowy, I. Frazer, Vaccine 24 Suppl 3, S106 (2006)

S. L. Giannini et al., Vaccine 24, 5937 (2006)


Le nuove vaccinazioni

“Eficacia,immunogenicità e sicurezza del vaccino ricombinante quadrivalente contro il Papillomavirus umano (tipi 6,11,16,18)in donne di 24-45 anni:uno studio randomizzato in doppio cieco”N.Munoz et all. Lancet 2009;373:1949-57

  • Nella popolazione PPE l’efficacia è stata:

    90,5% nei confronti del 1° endpoint co-primario (incidenza combinata dell’infezione di durata superiore o uguale a 6 mesi e della malattia cervicale e genitale esterna correlate all’HPV 6,11,16,18

  • 83,1% nei confronti del 2° endpoint co-primario (incidenza combinata dell’infezione di durata superiore o uguale a 6 mesi e della malattia cervicale e genitale esterna correlate all’HPV 16,18

  • Nella popolazione ITT l’efficacia è stata:

  • 74,6%nei confronti dell’infezione e 30,9% nella malattia cervicale esterna da HPV 6,11,16,18.


A 6 4 anni risposta immune elevata e persistente verso hpv 16

A 6.4 anni Risposta Immune elevata e persistente verso HPV-16

Anticorpi Neutralizzanti

Anti-HPV-16

Natural infection

Sieropositività ≥98%


Le nuove vaccinazioni

VARICELLA


Le nuove vaccinazioni

Varicella ... in Italia:

  • 1 caso di varicella

    • Al minuto

  • Circa 1440 casi

    • Dalle 7 alle 11 ospedalizzazioni

    • Al giorno

  • Circa 42 mila casi di varicella

  • Al mese


  • Le nuove vaccinazioni

    Varicella ... in Italia:

    540.000 casi

    anno


    Letalit per varicella in soggetti sani

    LETALITÀ PER VARICELLA IN SOGGETTI SANI

    Numero di

    morti per

    100.000 casi

    < 1

    1-14

    15-19

    20-29

    > 30

    anni


    Le nuove vaccinazioni

    Ospedalizzazioni per varicella per classi di età

    numero di casi/anno

    Lombardia

    Toscana

    Lazio

    Puglia

    0-14 anni

    15-64 anni

    > 65 anni


    Le nuove vaccinazioni

    Encefalite post-varicella per classi di età

    numero di casi/anno

    Lombardia

    Toscana

    Lazio

    Puglia

    0-14 anni

    15-64 anni

    > 65 anni


    Encefaliti postvaricella 2002 158

    Encefaliti postvaricella 2002158

    82.3%

    www.ministerosalute.it


    Le nuove vaccinazioni

    varicella

    confronto tra meningiti batteriche e encefaliti varicellose 2002

    GVR

    fimp

    2004

    http://www.simi.iss.it/dati.htm


    Le nuove vaccinazioni

    varicella

    confronto tra meningiti meningococciche ed encefaliti varicellose 2002

    GVR

    fimp

    2004

    http://www.simi.iss.it/dati.htm


    Varicella complicanze

    Varicella: complicanze

    Dipartimento di Pediatria, Firenze

    Dimissioni tra 1 gennaio 2002 - 15 giugno 2006 in bambini< 18 anni

    • 349 bambini ricoverati di cui 13 (3.7%) avevano comorbilità significative

    • 261 bambini (74.8%) di età media 41 mesi con complicanze di varicella di cui

      • Disturbi neurologici in 100 bambini (38,3%),

      • Infezioni della cute e dei tessuti molli in 63 bambini (24,1%),

      • Infezioni delle basse vie respiratorie in 57 bambini (21,8%)

      • Anomalie ematologiche in 24 bambini (9,2%)

    • Mortalità 0.4% (1/261 bambini)

      La varicella è associata a potenziali complicanze gravi ed ospedalizzazioni anche in soggetti sani senza fattori predisponenti

    Marchetto S et al Acta Paediatr. 2007 Oct;96(10):1490-3


    Sieroprevalenza della varicella nelle donne in et fertile

    Sieroprevalenza della varicella nelle donne in età fertile

    Indagine condotta in Toscana tra gennaio 2001 e dicembre 2002

    728 donne di età compreso tra 17 e 42 anni

    Suscettibilità alla varicella

    Età (anni)

    Complessivamente ~ 20% donne in età fertile sono suscettibili alla varicella

    Alfonsi V et al, Vaccine 2007; 25(32):6086-6088


    Le nuove vaccinazioni

    Quanto costa un caso di varicella?

    Bambino

    Adulto

    Costi diretti (€)

    23

    15

    visite

    8.2

    47.2

    ricoveri

    14

    20.6

    farmaci

    80-120

    710 *

    Costi indiretti (€)

    * 11 giorni in media di assenza dal lavoro

    Coudeville e Giaquinto, Pharmacoeconomics, 2004

    Giaquinto C, Studio Pedianet 2001

    Fornaro, Pediatr Infect Dis J. 1999

    Coudeville Vaccine. 1999


    Le nuove vaccinazioni

    ospedalizzazioni

    visite

    costi

    -88%

    -59%

    -74%

    Impatto della vaccinazione anti-varicella sull’utilizzo del sistema sanitario in USA

    Zhou F et al., JAMA 2005;294:797-802

    Livello in epoca

    pre-vaccinale

    120

    100

    pre-vaccino

    80

    post-vaccino

    60

    40

    Inizio della vaccinazione: 1995

    20

    0


    Le nuove vaccinazioni

    Ricoveri per varicella come diagnosi principale (Italia)

    1648 ricoveri

    N ospedalizzazioni

    Varicella diagnosi principale (COD.052)

    http://www.ministerosalute.it/programmazione/sdo/ric_informazioni/default.jsp


    Vaccini

    Vaccini

    VARILRIX (GSK): virus vivo attenuato (OKA-rit),ottenuto per diffusione virale in colture di cellule diploidi umane

    VARIVAX (MERK): ceppo vivo attenuato OKA coltivato su cellule diploidi umane


    Le nuove vaccinazioni

    Decline in Mortality Due to Varicella after Implementation of Varicella Vaccination in the United StatesNguyen H. Q., Jumaan A. O., Seward J. F.N Engl J Med 2005; 352:450-458, Feb 3, 2005.

    Programma vaccinazione

    mortalità/100.000

    0,041

    mortalità/100.000

    Bianchi 0,037

    66

    mortalità/100.000

    0,014

    mortalità/100.000

    Negri 0,066


    Le nuove vaccinazioni

    M. Lo Giudice


    Le nuove vaccinazioni

    M. Lo Giudice


    Le nuove vaccinazioni

    Sieronegatività stratificata per classi di età in 11 Paesi (ESEN)

    1995-2003

    Gabutti G, 2009


    Le nuove vaccinazioni

    La vaccinazione anti-VVZ nel mondo

    • vaccinazione universale contro la varicella a 1 anno

    • di età in tutti i nuovi nati negli Stati Uniti (1996),

    • Canada, Brasile, Giappone, Corea, Australia,

    • Uruguay, Germania, Finlandia

    • in Italia, vaccinazione universale a 1 anno di età

    • in Sicilia (2002), nel Veneto, in Puglia, in Toscana

    • e in altre Regioni con vaccino monocompotente

    • o con MPRV

    • in Italia vaccinazione a 12 anni per i suscettibili,

    • in quasi tutte le Regioni italiane


    Le nuove vaccinazioni

    Incidenza di varicella per gruppi di età e per anno. Sicilia 2003-2007


    Le nuove vaccinazioni

    Copertura vaccinale in USA per varicella

    MMWR 2004, 53:658-61 / 2005, 54:272-4/ 2005, 54:717-21; 55:988-93, 2006


    Incidenza di casi di varicella per 1000 abitanti per et 1995 2000 antelope valley

    Incidenza di casi di varicella per 1000abitanti, per età 1995-2000, Antelope Valley

    Seward J.F. et al. (CDC), JAMA 287:606-11, 2002


    Le nuove vaccinazioni

    Le criticità

    • relativa benignità della varicella

    • temuto trasferimento del virus vaccinico dal vaccinato

    • al convivente suscettibile

    • frequenza della varicella breakthrough dopo 1 dose

    • dubbi sulla durata dell’immunità anche dopo 2 dosi

    • effetti collaterali spiacevoli

    • rapporto fra vaccinazione contro la varicella e

    • frequenza dell’herpes zoster


    Le nuove vaccinazioni

    Trasmissione del virus vaccinale

    • la trasmissione del virus Oka da un vaccinato a un

    • suscettile è eccezionale

    • solo 5 volte, con 6 casi secondari, su centinaia di

    • milioni di dosi nel mondo

    • il rischio è presente solo se sviluppa un esantema

    • varicelloso in un soggetto vaccinato

    • nella pratica è possibile non tener alcun conto della

    • trasmissibilità del virus vaccinale

    Red Book, 28° ed., 2009, pag. 724


    Le nuove vaccinazioni

    Varicella breakthrough

    • comparsa di varicella a distanza di tempo dalla

    • vaccinazione contro la varicella

    • la varicella breakthrough è tanto più frequente

    • quanto maggiore è il tempo dalla vaccinazione

    • nel 50% dei casi si tratta di una forma lieve con

    • meno di 50 elementi

    • la contagiosità di una forma lieve è inferiore a

    • quella di una forma di media entità o grave


    Le nuove vaccinazioni

    Varicella breakthrough

    • comparsa di varicella a distanza di tempo dalla

    • vaccinazione contro la varicella

    • la varicella breakthrough è tanto più frequente

    • quanto maggiore è il tempo dalla vaccinazione

    • nel 50% dei casi si tratta di una forma lieve con

    • meno di 50 elementi

    • la contagiosità di una forma lieve è inferiore a

    • quella di una forma di media entità o grave


    Le nuove vaccinazioni

    Efficacia delle due dosi

    Pediatr Infect Dis J 2009 28:678-81

    • In una scuola elementare con 880 studenti sono

    • vaccinati con una dose il 97% e con due dosi il 39%

    • 53 bambini, che avevano ricevuto una dose, e 25 bambini

    • che avevano ricevuto due dosi, si ammalano di varicella

    • tutti quelli che avevano ricevuto una dose e l’80% di

    • quelli che avevano ricevuto due dosi si ammalano di

    • una forma lieve varicella, con meno di 50 elementi


    Le nuove vaccinazioni

    Convulsioni febbrili dopo ProQuad

    • dopo MPRV (prima dose) il rischio relativo per

    • convulsioni in corso di febbre è di 2,2 volte superiore

    • in confronto all’uso di MPR + V (p < 0,05).

    • questo rischio è concentrato fra il 5° e il 12°

    • giorno dopo la vaccinazione

    • dopo 0-30 giorni il rischio è simile

    • il rischio non è più presente alla seconda dose

    • L’ACIP ha tolto la preferenza per il vaccino MPRV

    • nelle raccomandazioni 2008

    Un fenomeno simile non è stato descritto dopo la

    vaccinazione con Priorix tetra

    CDC, MMWR 2008, 57:258-60; Jacobsen SJ et al, Vaccine 2009, 27:4656-61


    Le nuove vaccinazioni

    Varicella versus herpes zoster

    • la varicella è la manifestazione primaria in un soggetto

    • suscettibile; l’herpes zoster è dovuto alla riattivazione

    • del VVZ, latente nei gangli nervosi

    • l’herpes zoster può insorgere in soggetti vaccinati

    • con VVZ con una frequenza minore che dopo la

    • varicella

    • è possibile comunque che in un futuro lontano i casi

    • di herpes zoster possano aumentare per la riduzione

    • dei richiami esogeni asintomatici, legati alla diminuzione

    • del numero dei casi di varicella, grazie alla vaccinazione


    Ped infec dis j june 2009 civen r et all

    Ped.Infec.Dis.J. June 2009 Civen R. et all

    Riduzione dell’incidenza di H.Z. in soggetti vaccinati per varicella rispetto ai soggetti che avevano contratto la malattia naturale.


    Ped inf dis j 2009 aug 28 8 746 8 angelini p et all

    Ped.Inf.Dis.J. 2009 Aug;28(8):746-8Angelini P.et all

    Segnalato un caso di Anemia Aplastica insorta 3 settimane dopo la vaccinazione in un soggetto immunocompetente.

    Si tratta di un evento possibile,raro,che deve essere sempre tenuto in considerazione dai medici


    Le nuove vaccinazioni

    Vaccine 2009 Mar 18,27 (13):1970-3“Acute Cerebellar Ataxia in the Netherlands:a study on the association with vaccination and varicella zoster infection”

    Incidenza di ACA (Atassia Cerebellare Acuta) in bambini di età inferiore a 5 anni

    - 0,15:100.000 dosi di vaccino

    - 5:100.000 casi di VZV infezione


    Le nuove vaccinazioni

    “Modelling the impact of varicella vaccination on varicella and zoster”Karhunen M,Leino TEpidem.Infect.2009 Oct 2:1-13

    • La vaccinazione determinerà nei prossimi 50 anni un aumento di casi di varicella in giovani adulti (35 anni)

    • Tuttavia la schedula a 2 dosi sarà in grado di ridurre drasticamente la trasmissione del virus della varicella nella popolazione


    Le nuove vaccinazioni

    ROTAVIRUS


    Le nuove vaccinazioni

    THE FACE OF ROTAVIRUS

    • Diarrhea

    • Vomiting

    • Dehydration

    • Shock

    • Death


    Le nuove vaccinazioni

    Paesi industrializzati

    Paesi in via di sviluppo

    Parassiti

    ndd

    Rotavirus

    ndd

    Rotavirus

    Altri batteri

    Escherichia coli

    Bacteria

    Adenovirus

    Adenovirus

    Astrovirus

    Calicivirus

    Astrovirus

    Calicivirus

    Rotavirus:ogni anno sono responsabili a livello mondiale di circa 1/3 degli episodi di diarrea acuta

    L’incidenza di RVGE è simile nei paesi industrializzati ed in quelli in via di sviluppo1

    1Parashar et al, Emerg Infect Dis 1998;4(4):561–570

    Figure:Kapikian AZ, Chanock RM. Rotaviruses. In: Fields Virology 3rd ed. Philadelphia, PA: Lippincott-Raven; 1996:1659


    Il virus

    Il Virus

    I

    A

    Sotto-gruppo

    (2)

    II

    Reoviridae

    Gruppo

    B

    VP6

    C, D, E, F, G

    (7)

    Famiglia

    Tipo

    Le due proteine strutturali VP7 (G protein) e VP4 (P protein) inducono la produzione di Ab neutralizzanti

    VP7

    VP4

    G

    P

    (1-14 )

    (1-14)

    G9P[8]

    G1P[8]

    G2P[4]

    G3P[8]

    G4P[8]

    Modificato da 1Parashar et al, Emerg Infect Dis 1998;4(4):561–570; 2Santos N, Hoshino Y. Rev Med Virol 2005;15:29-56


    Nomenclatura dei ceppi di rotavirus

    Nomenclatura dei ceppi di rotavirus

    G1 P[8]

    Questo ceppo contiene una proteina VP7 con il sierotipo\genotipo G1

    Questo ceppo contiene una proteina VP4 con il genotipo P [8]

    G2 P[4]

    Questo ceppo contiene una proteina VP7 con il sierotipo\genotipo G2

    Questo ceppo contiene una proteina VP4 con il genotipo P [4]


    Nomenclatura dei ceppi di rotavirus1

    Nomenclatura dei ceppi di rotavirus

    G1 P1A[8]

    Questo ceppo contiene una proteina VP7 con il sierotipo\genotipo G1

    Questo ceppo contiene una proteina VP4 con il sierotipo P1 (sottotipo P1A) ed il genotipo P [8]

    G2 P1B[4]

    Questo ceppo contiene una proteina VP7 con il sierotipo\genotipo G2

    Questo ceppo contiene una proteina VP4 con il sierotipo P1 (sottotipo P1B) ed il genotipo P [4]


    Protezione fornita dall infezione naturale

    Protezione fornita dall’infezione naturale

    • La maggior parte dei bambini sono infettati più di una volta

    • L’infezione naturale attenua la severità delle infezioni successive

      • I bambini diventano immuni dopo 1–3 infezioni

    • Infezioni ripetute sostenute dallo stesso ceppo sono generalmente rare

    • 2 infezioni conferiscono virtualmente il 100% di protezione contro le diarree moderate/severe da rotavirus, indipendentemente dal sierotipo

      • L’immunità produce una guarigione accelerata da una infezione successiva

      • Non protegge da una re-infezione o da una forma lieve di malattia

    Bernstein et al, J Infect Dis 1991 164 277–283; Ward and Bernstein, J Infect Dis 1994 169 900–904; Velazquez et al, N Eng J Med 1996 335 1022–1028; Offit Pa, J Infect Dis 1996; Vesikari, Lancet 1997 350 1538–1541; Velazquez et al, J Infect Dis 2000 182 1602–1609; Offit, Novartis Found Symp 2001 238 106–113; Jiang B et al. Clin Infect Dis 2002; Anderson EJ et al, Lancet Infect Dis 2004


    Le nuove vaccinazioni

    ROTAVIRUS: SEGMENTED RNA VIRUS WITH A WHEEL SHAPE

    VP2 Core

    VP1, VP3 Subcore

    VP6 Subgroup antigen

    VP4Neutralization antigen

    (P serotype)

    VP7Neutralization antigen

    (G serotype)

    • Double-shelled capsid: outer (VP4, VP7) and inner (VP6)

    • Genome: 11 segments of dsRNA


    Modalit di trasmissione 1

    Modalità di trasmissione - 1

    • Principale: Feco-orale

    • Altre possibili modalità:

      • Secrezioni respiratorie (droplets)

      • Contatto persona-persona (mani)

      • Superfici ambientali contaminate

    • La trasmissione avviene independentemente dal livello igienico-sanitario

    Fischer et al Vaccine 2004; 22S:S49-S54

    Dennehy Pediatr Infect Dis J 2000;19:S103–5;

    Linhares and Bresee, Pan Am J Public Health 2000;8(5):305–30;

    Parashar et al, Emerg Infect Dis 1998:4(4):561–70;


    Le nuove vaccinazioni

    A “DEMOCRATIC” VIRUS

    100

    80

    60

    40

    20

    0

    India

    Myanmar

    Mexico

    Japan

    Taiwan

    Spain

    USA

    Cumulative % of

    Rotavirus positive infants

    01224364860

    Age, months


    Modalit di trasmissione 2

    Modalità di trasmissione - 2

    • Contagiosità elevata

    • Dose minima infettante bassa: 10 PFU

    • Elevata concentrazione nelle feci: >1010 virioni/g

    • Eliminazione prolungata (8-10 gg)

    • Elevata resistenza su mani, superfici, acqua

    Fischer et al Vaccine 2004; 22S:S49-S54

    Dennehy Pediatr Infect Dis J 2000;19:S103–5;

    Linhares and Bresee, Pan Am J Public Health 2000;8(5):305–30;

    Parashar et al, Emerg Infect Dis 1998:4(4):561–70;


    Epidemiologia

    Epidemiologia

    • I Rotavirus sono i principali agenti etiologici della gastroenterite acuta (GE) nei bambini di tutto il mondo

    • Globalmente ogni anno causano > 135 milioni di casi di GE acuta infantile

    • Ogni anno determinano circa 600.000 decessi, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo

    Distribuzione dei circa 600.000 decessi da rotavirus stimati ogni anno in bambini <5aa. di età

    1 punto = 1000 decessi

    1Parashar et al, Emerg Infect Dis 1998 4(4) 561–570; 2Linhares and Bresee, Pan Am J Public Health 2000 8(5) 305–331; 3Parashar et al, Emerg Infect Dis 2003 9(5) 565–572; Parashar UD et al, Emerg Infect Dis 2006; 12:304-6


    Rvge incidenza globale stimata

    RVGEIncidenza globale stimata

    Rischio

    Evento

    1 : 205

    610.000 decessi

    1 : 50

    2,4 milioni ospedalizzazioni

    24 milioni visite ambulatoriali

    1 : 5

    114 milioni episodi a domicilio

    1 : 1

    Figure:Glass et. al., The Lancet. 2006;368:323-332


    Le nuove vaccinazioni

    I soggetti più giovani sono i più colpiti da RVGE

    • RVGE può colpire a qualsiasi età

      MA

    • Le conseguenze cliniche sono fortemente influenzate dall’età:

      - I neonati di età inferiore a 12 mesi hanno difficoltà a correggere l’equilibrio idro-elettrolitico

    • Il peso maggiore della malattia si registra nei soggetti <12 mesi di età

      • Il picco di incidenza delle forme sintomatiche si registra nei soggetti di 6-24 mesi di età

    Bishop RF. Arch Virol 1996

    Clark HF et al. In: Vaccines, 2004


    Picchi epidemici di malattia da rotavirus in eu

    Picchi epidemici di malattia da rotavirus in EU

    picco

    epidemico:

    6-24 mesi

    N° di pazienti

    Con infezione

    da rotavirus

    Ryan et al, J Infect Dis 1996 174 S12–-S18


    Rotavirus ge impatto epidemiologico nei paesi industrializzati ed in via di sviluppo

    Rotavirus GEImpatto epidemiologico nei Paesi industrializzati ed in via di sviluppo

    decessi

    ospedalizzazioni

    Basso

    Medio-basso

    Medio-alto

    Alto

    Livello socio-economico

    Parashar et al, Emerg Infect Dis 2003 9(5) 565–572


    Epidemiologia punti chiave

    Epidemiology

    EpidemiologiaPunti chiave

    1Linhares and Bresee, Pan Am J Public Health 2000 8(5) 305-331; 2Cook et al, Bull WHO 1990 68 171-177;

    3Parashar et al, Emerg Infect Dis 1998 4(4) 561–570; 4Ramachandran et al, J Clin Microbiol 1996 34 436–439;

    5Leite et al, Arch Virol 1996 141 2365–2374; 6Tucker et al, JAMA 1998 279 1371–1376;

    7Parashar et al, Emerg Infect Dis 2003 9(5) 565–572

    1Linhares and


    Le nuove vaccinazioni

    EuropaIncidenza stimata di RVGE (25 Paesi)

    RVGE è la patologia infettiva prevenibile mediante vaccinazione più frequente in ambito pediatrico: si stimano circa 3.6 milioni di RVGE tra i 23.6 milioni di bambini di età <5aa ogni anno

    Rischio

    End-point

    1 : 14 000

    231 decessi

    1 : 54

    87 000 ospedalizzazioni

    700 000 visite ambulatoriali

    1 : 7

    2.8 milioni di casi a domicilio

    1 : 1

    Soriano-Gabarro M et al. Pediatr infect Dis J 25(1):S7-S11.


    Europa ospedalizzazioni da rv

    EuropaOspedalizzazioni da RV

    • La lunghezza della degenza varia nei diversi paesi

      • Francia1 and Spagna2:4 gg

      • UK3: 2 gg

    • Rischio cumulativo di ospedalizzazione da RV in bambini di età <5aa

      • 1/40 in UK3

      • 1/33 in Finlandia4

      • 1/20 in Polonia5

      • 1/17 in Irlanda6

    1Marie-Cardine et al.. Clin Infect Dis 2002;34(9):1170-8; 2Gil et al. Abstract, ESPID annual meeting, May 2002; 3M.J. Ryan et al, Journal of Infectious Diseases 1996;174(suppl 1):S12-8;4Vesikari et al, Acta Pediatr 1999;S426:24-30; 5Mrukowicz et al. Abstract: JPGN 2003; 6M. Lynch et al, Pediatr Infect Dis J 2001;20:693-8


    Rvge peso sociale

    RVGEPeso sociale

    • I Rotavirus sono altamente contagiosi e si trasmettono efficacemente in comunità chiuse, come guardia pediatrica, centri di diagnosi e cura ed abitazioni1

    • GE rappresenta uno stress per il bambino ed impegna pesantemente la famiglia

      • Soprattutto nei casi di severa disidratazione, si rendono necessari ospedalizzazione e monitoraggio per numerosi giorni2


    Rvge peso economico

    RVGEPeso economico

    • RVGE ha un impatto significativo su:

      • Famiglia1

        • Perdita di produttività per chi accudisce il bambino

      • Sistemi sanitari2,3

        • Competizione per le scarse risorse, posti-letto inclusi

        • Sovraccarico delle strutture durante i mesi invernali in UE 1

      • Società1

        • Perdita di produttività

        • Consumo di risorse sanitarie

        • I costi per ospedalizzazione e cure mediche sono alti nei paesi industrializzati4

    1Carabin et al, Pediatrics 1999;103(3):556–564; 2Arredondo, Health Policy 1997;42(1):39–48; 3Avendano et al, Ped Infect

    Dis J 1993;12(11) 897–902; 4Glass R et al. Abstract: 3rd WSPID Santiago, Chile, Nov 19-23 2002


    Rvge in ue impatto economico sulla sanit pubblica

    RVGE in UEImpatto economico sulla Sanità Pubblica

    Non ben definito, perchè:

    • Gli studi a disposizione sono pochi e sono stati condotti in pochi paesi europei:

      • Sono focalizzati sulle ospedalizzazioni

      • Forniscono pochi dati sulle cure primarie

    • Impossibilità di trarre conclusioni o estrapolazioni:

      • Metodologie differenti per:

        • Indagini epidemiologiche

        • Indagini di laboratorio

      • Differenze sostanziali tra i sistemi sanitari nei diversi paesi


    Impatto dei rv sulla sanit pubblica in eu l esempio francese

    Impatto dei RV sulla Sanità Pubblica in EU:l’esempio francese

    • Ogni anno si registrano:

    • 300.000 casi in bambini < 5 aa

    • 138.000 visite ambulatoriali

    • 18.000 ospedalizzazioni

    •  se nosocomiale: incremento medio della durata della degenza: + 4.9 gg

    • 9 decessi

    • Costo medio di un caso : 1930€

    • Costi diretti : 28 milioni €

    • I costi indiretti possono costituire il 60-70% del costo totale

    Melliez H et al, RICAI,2003

    Piednoir E et al, Journal of Hospital Infection,2003


    Impatto dei rv sulla sanit pubblica in eu l esempio austriaco

    Impatto dei RV sulla Sanità Pubblica in EU:l’esempio austriaco

    • Costo medio di un caso : 2442 €

    • Costi annuali: 6.2 M €

    Fruhwirth et al. Paediatr Infect Dis J 2001


    Impatto rvge in italia nei bambini 5aa di et

    Impatto RVGE in Italia nei bambini <5aa di età

    Soriano-Gabarro M et al. Pediatr infect Dis J2005


    Epidemiologia conclusioni

    EpidemiologiaConclusioni

    • L’intervento preventivo contro i rotavirus rappresenta una priorità considerato l’impatto epidemiologico che questi agenti etiologici hanno nel mondo industrializzato ed in via di sviluppo

    • Le attuali misure preventive hanno una valenza limitata

    • Il miglioramento del livello igienico-sanitario, della qualità dell’acqua e l’approccio terapeutico non garantiscono il controllo su larga scala dell’infezione rotavirale

    • Rimane l’esigenza di approfondire l’epidemiologia molecolare dei rotavirus, ancora troppo poco conosciuta e sicuramente importante per attuare un adeguato piano di prevenzione.


    Le nuove vaccinazioni

    Obiettivi della vaccinazione anti-rotavirus

    • Mimare la risposta immune conseguente all’infezione naturale per:

      • Proteggere contro le forme di malattia moderate/severe

      • Prevenire le ospedalizzazioni e le morti

      • Attenuare la severità e la durata di malattia

      • Ridurre i costi socio-economici


    Le nuove vaccinazioni

    Storia dei vaccini RV

    • Vaccini contenenti ceppi non umani  approccio Jenneriano

    • RIT4237, ceppo bovino

    • WC-3, ceppo bovino

    • RRV, ceppo rhesus

    • LLR, ceppo agnello, licenziato in Cina

    • Vaccini riassortanti uomo-animale

    • UmanoAnimale

    • Rotashield (BioVirx)G1, G2, G4RRV

    • Rotateq (SanofiP MSD)G1, G2, G3, G4P1[8]WC-3

    • Vaccino riassortante uomo-bovino UK, NIH

    • Vaccini contenenti ceppi umani

    • - Ceppi comuni attenuati

    • Rotarix (GSK), G1P1[8]

    • - Ceppi isolati occasionalmente da neonati asintomatici

    • RV3

    • Ceppo neonatale indiano


    Le nuove vaccinazioni

    RR IS

    Rix4414 vs

    Placebo

    (95% CI)

    Insorgenza IS

    Rix4414

    n ~ 31,000

    Placebo

    n ~ 31,000

    IS entro 31gg

    post- dose 1 o 2

    7

    0.85

    (0.30;2.42)

    6

    IS

    tra dose 1 e

    30-90gg

    post-dose 2

    16

    0.56

    (0.25;1.24)

    9

    Trial clinici di fase III:> 60.000 soggetti

    Nessun incremento di rischio per

    IS tra Rix4414 e placebo1

    1Ruiz-Palacios GM et al. New Engl J Med 2006;354(1):11-22


    Efficacia clinica nelle ga gravi da rv

    Efficacia clinica nelle GA gravi da RV

    N soggetti conRV GE severa

    Vaccinati

    n=9009

    Placebo

    n=8858

    Efficacia Vaccino (95% CI)

    P-value

    84.7(71.7 - 92.4)

    84.8(71.1 – 92.7)

    Clinica

    Scala Vesikaripunteggio 11

    77

    71

    12

    11

    < 0.001

    < 0.001

    Da 2 settimane post-vaccinazione fino ad 1 anno di vita

    Ruiz-Palacios G. et al N. Engl. J. Med. 2006; 354: 11-22


    Efficacia clinica nelle ga gravi da rv classi 11 19

    Efficacia clinica nelle GA gravi da RV: classi >11 - > 19

    84.8

    87.3

    100

    Efficacia vaccino (% CI)

    15

    19

    11

    Scala Vesikari

    Punteggio

    Da 2 settimane post-vaccinazione fino ad 1 anno di vita

    Ruiz-Palacios G. et al N. Engl. J. Med. 2006; 354: 11-22


    Efficacia clinica nelle ga gravi da rv sierotipi prevalenti

    Efficacia clinica nelle GA gravi da RV: sierotipi prevalenti

    Efficacia vaccino (%)

    In una meta-analisi presentata all’ICACC 2006 l’efficacia di RIX4414 verso il sierotipo G2P[4] risulta > 70%

    Ruiz-Palacios G. et al N. Engl. J. Med. 2006; 354: 11-22Velazquez et al, 46th ICAAC, 2006; abs G-617


    Efficacia clinica nelle ga gravi da rv ospedalizzazioni

    N soggetti ospedalizzati

    Vaccinati

    n=9009

    Placebo

    n=8858

    Efficacia vaccino [95% CI]

    P-value

    85(69.6 - 93.5)

    Clinica

    59

    9

    < 0.001

    Efficacia clinica nelle GA gravi da RV: ospedalizzazioni

    Efficacia verso l’ospedalizzazione per GE da qualsiasi causa42%

    Da 2 settimane post-vaccinazione fino ad 1 anno di vita

    Ruiz-Palacios G. et al N. Engl. J. Med. 2006; 354: 11-22


    Efficacia del vaccino 95 ci

    Efficacia del vaccino [95% CI]

    100%

    [82;100]

    87%

    [80;92]

    96%

    [90;99]

    Efficacia vaccino (%)

    96%

    [86;100]

    100%

    [45;100]

    100%

    [65;100]

    95%

    [78;99]

    75%

    [-386;100]

    Efficacia vaccino (%)

    Vesikari T et al. ESPID, Basel, Switzerland May 3-5, 2006 Abstract 75


    Rix 4414 conclusioni

    RIX 4414Conclusioni

    • Il vaccino anti-rotavirus con ceppo umano attenuato, RIX4414, si è dimostrato efficace verso i sierotipi G1 e non G1, sicuro e ben tollerato nei neonati

    • 2 dosi somministrate a partire dalla 6a settimana hanno il potenziale di prevenire le GE da RV e le ospedalizzazioni

    • Può essere co-somministrato con gli altri vaccini dell’infanzia: DTPa, HBV, Hib, IPV, Meningococco coniugato e Pneumococcco coniugato

    • E’ stato registrato in 97 Paesi


    Le nuove vaccinazioni

    PRV

    • Vaccino vivo attenuato pentavalente umano-bovino (WC3) riassortante

    • 3 dosi per os a partire dalla 6a-12a settimana (intervallo tra le dosi: 1-2 mesi)


    Le nuove vaccinazioni

    Studio REST

    Rotavirus Efficacy and Safety Trial


    Le nuove vaccinazioni

    RR IS

    PRV vs

    Placebo

    (95% CI)

    Insorgenza IS

    PRV

    n ~ 34,000

    Placebo

    n ~ 34,000

    * IS entro 42gg

    post- dose 1 o 2

    5

    1.6

    (0.4;6.4)

    6

    ** IS

    1 anno

    post-dose 1

    15

    0.8

    (0.3;1.8)

    12

    Trial clinici di fase III:>70.000 soggetti

    Nessun incremento di rischio per

    IS tra PRV e placebo

    *N=59.210 lattanti sani di età compreso tra 6-12 settimane di vita al momento della prima dose hanno ricevuto 3 dosi di vaccino o placebo con un intervallo di 4-10 settimane tra le dosi

    **N=56.310

    Vesikari T et al. New Engl J Med 2006;354(1):11-22


    Prv sicurezza e tollerabilit nel trial clinico di fase iii 68 000 soggetti

    PRVSicurezza e tollerabilità nel trial clinico di fase III (>68.000 soggetti)

    Vesikari T et al, N Engl J Med, 2006


    Prv sicurezza e tollerabilit nel trial clinico di fase iii 68 000 soggetti1

    PRVSicurezza e tollerabilità nel trial clinico di fase III (>68.000 soggetti)

    • % di febbre, vomito, diarrea ed ematochezia, entro 42 gg dopo qualsiasi dose, sovrapponibili tra vaccinati e placebo

    43.0

    40.9

    Incidencza(%)

    19.7

    19.1

    13.4

    12.8

    0.6

    0.6

    Febbre

    Vomito

    Diarrea

    Ematochezia

    Eventi avversi

    1Vesikari et al N Engl J Med 2006;354:23-33.


    Prv efficacia vs placebo

    PRV: efficacia vs placebo

    • PRV è efficace nel prevenire RVGE sostenuta da ceppi G1-G41

      • 74% (95% CI 66.8-79.9) efficacia verso RVGE di qualsiasi severità

      • 98% (95% CI 83.3-100.0) efficacia verso RVGE severa

    1Vesikari et al N Engl J Med 2006;354:23-33.


    Prv riduzione di ospedalizzazioni ed accessi al ps

    PRVRiduzione di ospedalizzazioni ed accessi al PS

    100

    [67.4-100]

    100

    [<0-100]

    95

    [91.6; 97.1]

    93

    [49.4;99.1]

    100

    89

    [52.0-97.5]

    88

    [<0-98.5]

    90

    80

    70

    60

    % Efficacia vaccino

    50

    40

    30

    20

    10

    0

    G1

    G2

    G3

    G4

    G12

    G9

    Ceppo

    1Vesikari et al N Engl J Med 2006;354:23-33.


    Prv conclusioni

    PRVConclusioni

    • Il vaccino vivo attenuato pentavalente umano-bovino riassortante si è dimostrato efficace, sicuro e ben tollerato nei neonati

    • 3 dosi somministrate a partire dalla 6a settimana hanno il potenziale di prevenire le GE da RV e le ospedalizzazioni

    • Può essere co-somministrato con gli altri vaccini dell’infanzia: DTPa, HBV, Hib, IPV, Pneumococco coniugato

    • Licenziato da FDA e d EMEA (registrato in 56 paesi)

    • Raccomandato dai CDC per l’immunizzazione di routine dei bambini negli USA


    Acip 2006 analisi farmaco economica

    ACIP 2006Analisi farmaco-economica

    Un programma vaccinale con 3 dosi a 2, 4 e 6 mesi permetterebbe di evitare ogni anno nei bambini <5aa:

    255.000 visite

    137.000 accessi al PS

    44.000 ospedalizzazioni

    13 decessi


    La vaccinazione rappresenta la migliore opzione per il controllo delle rvge

    La vaccinazione rappresenta la migliore opzione per il controllo delle RVGE

    • RVGE acuta è una malattia “universale” che colpisce tutti i bambini <5aa

    • Non esiste un fattore di rischio noto che permetta di predire un decorso grave (diarrea severa e disidratazione)

    • Nessun trattamento specifico disponibile

    • Problema etico legato ai decessi

    • Non sono identificabili “gruppi a rischio”


    Calendario fimp 2008

    Calendario FIMP 2008


    Impatto della vaccinazione in belgio

    Impatto della vaccinazione in Belgio


    Le nuove vaccinazioni

    “Safety and efficacy of human Rotavirus Vaccine during the first 2 years of life in Asian Infant.Randomised,double-bind,controlled study” K.B. Phua et all. Vaccine 2009 (in press)

    Efficacia:

    G1P[8] :100%

    non G1 :93,6%

    G3P[8] :94,5%

    G9P[8] :91,7% (sierotipo emergente)

    Sicurezza:

    1. Nessun caso di IS (intussuscezione) è stato

    riportato entro 31giorni dalla vaccinazione

    2. 12 casi (8 con RIX 4414 e 4 nel gruppo placebo) sono

    stati riportati compresi fra la prima dose e i due anni di

    vita.Tutti i casi si sono verifati fra il 57°e 561°giorno dopo la

    vaccinazione.

    3. Tutti i casi si sono risolti favorevolmente e non è stato trovato alcun

    rapporto di correlazione con la vaccinazione


    Le nuove vaccinazioni

    WHO

    Dimostrata efficacia del Vaccino Rotavirus in USA,Europa ed America Latina.

    Viene raccomandata l’inclusione della vaccinazione nei Piani Nazionali Vaccini,laddove la malattia rappresenti un impatto significativo sulla pubblica salute e siano presenti adeguate risorse economiche


    Le nuove vaccinazioni

    “Finland introduces Rotavirus Vaccine into the National Vaccination Programme in September 2009”H.Nohynek et all.

    • Rapporto costo-efficacia favorevole

    • Assenza di relazione con IS e M.di Kawasaki

    • Monitoraggio sistematico per la rilevazione degli eventi avversi e dell’eventuale mutamento nella prevalenza dei sierotipi circolanti nel 2011


    Le nuove vaccinazioni

    OGNI STUDIOSO USA IL “METTERE IN DUBBIO”MA IN CERTI CASI MI VIENE IN MENTE UNA FRASE DI SIR FRANCIS BACON, UNO DEI PADRI DEL METODO INDUTTIVO E DELLA LOGICA SCIENTIFICA:“Se l’uomo vuole cominciare con certezze, allora finirà con l’avere dei dubbi; ma se sarà contento di cominciare con dei dubbi, allora finirà per avere delle certezze”


    Le nuove vaccinazioni

    Grazie per l’attenzione


  • Login