ambiente energia ed attivit industriale l impatto della limitazione delle emissioni di ges
Download
Skip this Video
Download Presentation
Ambiente, energia ed attività industriale: l’impatto della limitazione delle emissioni di GES

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 16

Ambiente, energia ed attività industriale: l’impatto della limitazione delle emissioni di GES - PowerPoint PPT Presentation


  • 108 Views
  • Uploaded on

Ambiente, energia ed attività industriale: l’impatto della limitazione delle emissioni di GES. Luigi De Paoli, IEFE-Università Bocconi Camera di Commercio di Milano 9 ottobre 2006. Indice. Premessa: emissioni di GES, protocollo di Kioto e imprese Direttiva ETS e imprese

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Ambiente, energia ed attività industriale: l’impatto della limitazione delle emissioni di GES' - dorie


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
ambiente energia ed attivit industriale l impatto della limitazione delle emissioni di ges

Ambiente, energia ed attività industriale: l’impatto della limitazione delle emissioni di GES

Luigi De Paoli, IEFE-Università Bocconi

Camera di Commercio di Milano

9 ottobre 2006

indice
Indice
  • Premessa: emissioni di GES, protocollo di Kioto e imprese
  • Direttiva ETS e imprese
  • L’impatto del Protocollo di Kioto e dell’ETS sulle economie nazionali e sulle imprese
  • Conclusioni: una nuova sfida per le imprese
1 le imprese e le emissioni di ges
1. Le imprese e le emissioni di GES
  • Da alcuni anni le preoccupazioni ambientali si concentrano soprattutto sulle emissioni di gas ad effetto serra (GES)
  • Trattandosi di un problema globale che richiede la collaborazione di tutti i Paesi, l’accordo che disciplina gli sforzi internazionali è il Protocollo di Kioto (PdK) in vigore dal 16 febbraio 2005
  • Tutti i Paesi che hanno ratificato il PdK sono impegnati a conseguire gli impegni sottoscritti, ma questo si traduce soprattutto in un trasferimento dello sforzo sulle imprese (in particolare su quelle del settore energetico) (vedi oltre)
il protocollo di kioto pdk
Il Protocollo di Kioto (PdK)
  • Il PdK ha diviso le parti aderenti in due categorie:
    • PA1 (Paesi industrializzati): hanno un vincolo quantitativo di contenimento delle emissioni di GES (l’UE –8%, l’Italia –6,5%)
    • PnA1 (PVS): partecipano allo sforzo di riduzione delle emissioni senza un vincolo quantitativo nel primo periodo di attuazione (2008-2012)
  • Il PdK ha previsto che la limitazione delle emissioni di GES possa essere conseguita anche ricorrendo a tre “meccanismi flessibili” ovvero di scambio di permessi di emissione:
    • Joint Implementation (progetti che riducono le emissioni nei PA1)
    • Clean Development Mechanism (progetti che riducono le emissioni nei PnA1)
    • Emissions Trading (scambio di permessi di emissione sia “primari” che “secondari”, cioè da JI o CDM)
limitazione delle emissioni di ges e imprese
Limitazione delle emissioni di GES e imprese
  • Benchè il PdK sia firmato dagli Stati, la sua attuazione interessa innanzitutto le imprese (e in parti-

colare quelle del settore energetico)

in quanto:

  • L’industria energetica e gli altri settori produttivi sono responsabili di più del 50% delle emissioni;
  • Il numero di soggetti coinvolti è limitato e quindi è più facile facile controllare e limitare le emissioni
  • Le imprese hanno la capacità e l’interesse a sviluppare progetti che generino crediti di emissione
2 la direttiva ets e le imprese
2. La Direttiva ETS e le imprese
  • La Direttiva ETS trasforma il vincolo di emissione dei Paesi in un vincolo per impianto. Gli operatori possono poi soddisfare il vincolo con la compravendita di permessi di emissione
  • Il periodo di applicazione del PdK viene anticipato per 4 settori e per la CO2 nella fase pilota del 2005-2007.
  • I settori industriali interessati sono:
    • attività energetiche- impianti termici con potenza superiore ai 20 MW (eccetto inceneritori), raffinerie, forni a coke
    • produzione e trasformazione dei metalli ferrosi
    • industria dei prodotti minerali - impianti per la produzione di cemento,del vetro e della ceramica
    • altre attività - produzione di pasta per carta, produzione di carta e cartone
l ets in europa
L’ETS in Europa

Grazie all’ETS, l’UE è riuscita a coprire il 52 % delle sue emissioni con ca 11.500 impianti.

L’Italia, che rappresenta più del 10% del totale.

Le principali critiche che si possono muovere all’allocazione dei permessi nell’ETS sono tre:

  • dipende dal burden sharing agreement stabilito su basi politiche
  • è gratuita
  • gli Stati Membri hanno potuto seguire criteri diversi
le conseguenze del bsa
Le conseguenze del BSA

In teoria, la riduzione delle emissioni all’interno dell’UE avrebbe dovuto essere fissata in modo da uguagliare il CMA.

Il burden sharing agreement invece è stato il risultato di una negoziazione politica.

I paesi che hanno accettato una riduzione troppo alta si trovano oggi penalizzati.

Il primo anno di funzionamento dell’ETS ha mostrato che alcuni paesi, senza aver fatto politiche molto aggressive di riduzione delle emissioni, si trovano in posizione di vantaggio.

la gratuit dell assegnazione dei permessi
La gratuità dell’assegnazione dei permessi
  • In regime di concorrenza, se i prezzi si formano in base ai costi marginali, anche se i permessi sono assegnati gratuitamente, il loro costo-opportunità si scarica sul prezzo dei prodotti.
  • Se invece i prezzi si formano sui costi medi, allora i permessi gratuiti non fanno salire i prezzi dei prodotti
  • Vi sono ragioni di credere che il settore elettrico godrà di notevoli “windfall profits” per i permessi gratuiti e che tutti i consumatori elettrici vedranno un aggravio per i loro acquisti di elettricità
  • L’assegnazione gratuita dei permessi è servita per ottenere consenso politico, ma è poco razionale.
la discrezionalit degli sm
La discrezionalità degli SM
  • La discrezionalità degli Stati membri nell’assegnazione dei permessi ai singoli impianti (in particolare in base alla tecnologia usata) :
    • Può introdurre distorsioni nella concorrenza tra imprese di paesi diversi
    • Può condurre a soluzioni subottimali anche all’interno di ogni paese
3 le conseguenze macroeconomiche del pdk e dell ets
3. Le conseguenze macroeconomiche del PdK e dell’ETS
  • Obbligo di ridurre le emissioni  scarsità della risorsa (assume un prezzo)  riallocazione delle risorse produttive verso input e settori a minore emissione di GES  minore produttività delle risorse impiegate  diminuzione del PIL e dei consumi
  • I paesi che “esportano” permessi ottengono un beneficio in termini di ricchezza a a scapito dei paesi importatori di permessi.
  • Se alcuni paesi introducono l’obbligo e altri no, si modifica il rapporto di competitività e il flusso degli scambi commerciali (dal punto di vista ambientale si ha un “carbon leakage”). La politica di riduzione di GES può quindi avere anche effetti sull’occupazione.
  • I meccanismi flessibili (JI, CDM) riducono il costo dei permessi di emissione
l ets dal punto di vista della teoria microeconomica
L’ETS dal punto di vista della teoria microeconomica
  • Per le imprese, l’ETS equivale alla somma di
    • uno standard quantitativo e di
    • una tassa o sussidio (dipende dal modo in cui sono allocati i permessi e da come si formano i prezzi sul mercato)
  • Per i consumatori l’ETS equivale sempre a una tassa sui prodotti la cui produzione comporta emissioni sottoposte a permessi
  • Tanto più la quantità di permessi attribuiti è limitata, tanto più il valore dei permessi è alto
  • Tanto più il prezzo dei permessi è elevato, tanto più l’ETS è efficace nel mettere in moto i meccanismi economici che limitano le emissioni
quale sar il prezzo dei permessi
Quale sarà il prezzo dei permessi?

Le conseguenze dell’ETS dipenderanno, come è ovvio, anche dal prezzo dei permessi.

Negli ultimi due anni questi hanno oscillato fortemente.

Dopo l’annuncio dei risultati del primo anno (maggio 2006) vi è stato un crollo.

Attualmente (6 ottobre 2006) sono pari a 12,15 €/EUA secondo I dati di PointCarbon

4 una nuova sfida per le imprese
4. Una nuova sfida per le imprese
  • L’introduzione di limiti quantitativi alle emissioni di GES costituisce una nuova sfida per le imprese, specie per quelle ad elevati consumi energetici
  • In qualche caso l’introduzione della risorsa “permessi di emissione” distribuiti gratuitamente può addirittura incrementare i profitti delle imprese (vale soprattutto nel settore elettrico)
  • In linea generale però l’ETS fa aumentare i costi di produzione indebolendo la competitività delle imprese rispetto a quelle non sottoposte ad analogo vincolo (o sottoposte a vincolo meno stringente). Da qui la comprensibile avversione delle imprese per questa politica.
l ets come opportunit per acquisire vantaggi competitivi
L’ETS come opportunità per acquisire vantaggi competitivi
  • La risposta alla sfida posta dall’uso della nuova risorsa può essere molteplice:
    • Delocalizzarsi in paesi dove il vincolo non esiste (oggi vale solo in pochi casi)
    • Ridurre le proprie emissioni a parità di produzione
      • Tramite l’efficienza energetica
      • La modifica del mix di comsbustibili
      • L’innovazione tecnologica di processo o di prodotto
    • Partecipando attivamente al mercato dei permessi attraverso l’acquisizione di crediti “project related”
    • Ricorrendo a strumenti finanziari più sofisticati del semplice acquisto dei permessi (per es. partecipazione a carbon funds)
conclusioni
Conclusioni
  • In definitiva le imprese hanno più strade per cercare di trasformare il “vincolo ambientale” in un vantaggio competitivo
  • In ogni caso l’UE “ci crede” e quindi sarebbe errato assumere un atteggiamento
  • La scommessa UE è che anche i Paesi che oggi non partecipano a questo sforzo e quindi anche le imprese che non devono ancora fare i conti con la risorsa CO2 saranno presto chiamati a seguire la stessa strada.
ad