CUCINA
Download
1 / 25

Latte di soia e yogurt - PowerPoint PPT Presentation


  • 117 Views
  • Uploaded on

CUCINA VEGANA. Latte di soia e yogurt. Avanzamento con clic del mouse.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Latte di soia e yogurt' - branxton


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

CUCINA

VEGANA

Latte di soia e yogurt

Avanzamento con clic del mouse


Adoro i sapori naturali perciò, pur non essendo vegetariana, non potevo non fare un’incursione anche nella cucina vegana: al primo assaggio sono rimasta entusiasta, tanto da voler provare a fare in casa tutti i derivati della soia gialla!

Questo è quello che sono riuscita a produrre, oltre al latte:

il Tofu, lo yogurt , una “ricottina” e l’okara, che resta.

YOGURT

di soia

OKARA

TOFU

“RICOTTA”

di soia


Sullo sfondo “Grissini di vegetariana, non potevo non fare un’incursione anche nella cucina vegana: al primo assaggio sono rimasta entusiasta, tanto da voler provare a fare in casa tutti i derivati della soia gialla! Okara” al sesamo, sempre fatti da me.


Ma vediamo come si ottiene il “Latte” (pas-satemi il termine, è solo per capirci ma, na-turalmente, non è un vero latte) dalla soia e, successivamente, lo yogurt vegetale.


1- occorre la soia gialla, possi-bilmente biologica; per dare un’indicazione, dalle mie parti costa 2,40 € il pacchetto da 500 grammi;

2- ne pesiamo 150 grammi; fatti i conti, arrotondiamo a 75 cents di spesa;

3- mettiamo a bagno la soia in una insalatiera, per 24 ore;

4- così si presenta il giorno dopo: la soia è ben reidratata, l’acqua di ve-getazione va buttata;


5- ora bisogna frullarla, con l’ag-giunta di 1 litro e mezzo di acqua; la proporzione è 1-10, per questo è opportuno pesare la soia secca;

6- l’acqua dev’essere bollente, o comunque al massimo del calore che il nostro frullatore può sop-portare;

7- facciamo macinare finemente e poi mettiamo tutto in una pentola capiente e dai bordi alti;

8- attenzione, perché si comporta come un vero latte e tende a debor-dare. Farà tanta schiuma che non bisogna togliere, basta mescolare di continuo, per 15 minuti dal bollo.


Ora il nostro composto deve essere filtrato. mezzo di acqua; la proporzione è 1-10, per questo è opportuno pesare la soia secca;


1- sterilizziamo il tovagliolo che ci servirà, facendolo bollire in poca acqua per una decina di minuti;

2- strizziamo il tovagliolo e lo po-niamo in un colapasta, appoggiato ai bordi di una pentola capiente;

4- stringiamo due lembi del tovagliolo;

3- ora travasiamo il tutto;


Il sistema è rudimentale per tutta la preparazione e gli amici casari rideranno di gusto, ma garantisco che funziona … non ho trovato di meglio!


Annodando anche le altre estremità il fagottino si stringe e rilascia il suo latte, tanto da doverlo togliere, perché sarebbe inutile se rimanesse a contatto col liquido.


Ecco il liquido che abbiamo ottenuto finora. e rilascia il suo latte, tanto da doverlo togliere, perché sarebbe inutile se rimanesse a contatto col liquido.


Il fagottino, sospeso all’imboccatura di una caraffa, rilascia ancora il suo prezioso latticello.


Un’ultima spremitura fra le mani, ma sembrerebbe che sia rimasta solo la parte solida della soia.


1- e’ vero: l’OKARA (così si chiama ciò che resta dopo la spremitura) è quasi asciutta; ma non buttatela, anche se fibrosa, ha ancora molto da dare, guardate un po’!

2- L’okara può essere unita all’impa-sto per il pane: metà e metà = meno calorie! Questi sono grissini al se-samo e sono buonissimi;

4- e questo è un hamburger di okara, con zucchine, carote e porri, impasta-to con un po’ di besciamella di soia e cotto alla piastra, senza olio.

3- ecco le pappardelle che ho man-giato oggi, anche queste metà okara e metà farina 0, senza uova;


Naturalmente, tutte queste preparazioni saranno spiegate passo-passo in prossimi PPS.

Ma torniamo al nostro latticello: ora va rimesso su un fornello, a fuoco medio.


Deve cuocere altri 10 minuti, dal “bollo”, mescolando spesso perché farà ancora schiuma

e tenderà a debordare.


Adesso è diventato “latte”, ha perso cioè quel fastidioso retrogusto di fagiolo crudo. Possiamo aromatizzarlo, volendo, con vaniglia o cannella, o addensarlo con un pezzetto di alga Kombu (non saprei, mi sembra buonissimo così, al naturale!), secondo l’uso cui intendiamo destinarlo.

Si può imbottigliare e tenere in frigo, ben tappato, per una settimana, senza che subisca alterazioni.

Ora ne prelevo 1 quarto di litro per farci lo yogurt.


Ingredienti: fastidioso retrogusto di fagiolo crudo. Possiamo aromatizzarlo, volendo, con vaniglia o cannella, o addensarlo con un pezzetto di alga

1 quarto di litro di “latte” di soia;

1 cucchiaio yogurt di soia, o anche di latte vaccino (la prima volta, dopo usatene 1 cucchiaio del vostro)

oppure fermenti vegetali (dose secondo indicazioni della confezione).


Fare lo yogurt dal latte di soia: fastidioso retrogusto di fagiolo crudo. Possiamo aromatizzarlo, volendo, con vaniglia o cannella, o addensarlo con un pezzetto di alga

basta scaldare il “latte” a 37/40 gradi (più o meno la temperatura corporea, immergetevi un dito e non dovrà scottarvi), poi aggiungere due cucchiaiate di yogurt di soia (o quel che avrete scelto), mescolare per bene e chiudere in un thermos per una/due ore.


Per la conservazione, però, è più indicato uno yogurt compatto (tipo quello greco): una cucchiaiata da usare come starter e il nuovo yogurt verrà perfetto.

Se vi piace molto cremoso potete farlo colare: mettetelo in un tovagliolo che foderi un colino all’interno di un pentolino per raccogliere il siero, per tutta la notte, in frigo. Il giorno dopo sarà denso come un formaggino!


Lo si può dolcificare con zucchero grezzo (per contenere la manipolazione industriale), marmellata, miele (per chi, come me, non sia vegano), oppure malto d’orzo, sciroppo d’acero, frutta fresca di stagione, o arricchire con fiocchi di cereali vari …



Un buon bicchiere di “Latte di soia” fatto di fresco, oppure lo yogurt e, magari, anche dei grissini di okara con una fettina di Tofu e sarà una colazione tutta salute, tutta vegetale e, cosa importante, a basse calorie!


Non preoccupatevi se lo yogurt non viene sempre compatto allo stesso modo, questo dipende dal calore del latte o da quello dell’ambiente: la “prova del dito” non è sempre uguale, ma il sapore non cambia.


Con 75 allo stesso modo, questo dipende dal calore del latte o da quello dell’ambiente: la “prova del dito” non è sempre uguale, ma il sapore non cambia.cents si ottiene un litro e mezzo di “latte”, di cui 1 quarto di litro, di yogurt: direi che siamo a meno di metà spesa, rispetto ai costi da supermercato, e la qualità è ottima; perciò vi do’ appuntamento con prossimi PPS per fare insieme il Tofu, la “ricotta di soia” e utilizzare l’Okara,

a presto!

Realizzazione, testo e foto: [email protected]


ad