Download
1 / 22

il programma - PowerPoint PPT Presentation


  • 126 Views
  • Uploaded on

il programma. mattino: presentazione dei lavori workshop intervento Autorità consegna attestati e riconoscimenti pomeriggio: breve sintesi della situazione e bilancio attività presentazione delle linee guida per l’anno 2011 dibattito e conclusioni. workshop.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' il programma ' - arnaud


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Il programma
il programma

mattino:

  • presentazione dei lavori

  • workshop

  • intervento Autorità

  • consegna attestati e riconoscimenti

    pomeriggio:

  • breve sintesi della situazione e bilancio attività

  • presentazione delle linee guida per l’anno 2011

  • dibattito e conclusioni


Workshop
workshop

Dal passato abbiamo tratto utili indicazioni dai lavori dei gruppi che sono diventati poi fattori significativi dell’attuale organizzazione e delle sue modalità operative (es. sala operativa, tesserini, comunicazione interna/esterna, corsi di aggiornamento, modalità di controllo, modifiche divise, ecc.).

Oggi propongo di approfondire un tema che è ineludibile per la situazione socio economica contingente:

  • miglioramento dei processi interni e controllo di qualità


Workshop miglioramento dei processi interni e controllo di qualit 1
workshop: miglioramento dei processi interni e controllo di qualità(1)

Il titolo non è felice, lo ammetto, ma dietro il suo ermetismo tecnico v’è una realtà indubbiamente interessante e coinvolgente.

Come sapete, in molti settori privati e pubblici la ricerca del miglioramento è una condizione essenziale per rispondere al mutare continuo delle esigenze del contesto sociale.

La P.A. non ha in genere parametri di mercato come riferimento ma sicuramente ha necessità di parametrare i costi delle proprie azioni in ossequio ai principi generali a cui si ispira (buon andamento, economicità, efficacia, efficienza, ecc.) e di diminuirne gli importi vista la particolare situazione di sfavorevole congiuntura economica.

Da qui nasce l’esigenza prioritaria di ricercare e sfruttare metodi di controllo dei propri processi aziendali al fine di renderli quanto più possibile efficienti.


Workshop miglioramento dei processi interni e controllo di qualit 2
workshop: miglioramento dei processi interni e controllo di qualità(2)

Ecco quindi l’argomento su cui siamo tenuti a dibattere:ridurre gli sprechi, eliminare le inefficienze ed aumentare il livello di servizio offerto.

Ci sono due modi completamente diversi di migliorarsi:

  • l'innovazione (un miglioramento rapido, radicale che necessita di grandi risorse e di una completa rottura rispetto al passato)

  • il miglioramento continuo (un miglioramento lento ma costante e inarrestabile che non si colloca in posizione di rottura col passato ma del passato si nutre per migliorare il presente e il futuro) → questo metodo coinvolge ogni collaboratore


Workshop miglioramento dei processi interni e controllo di qualit 3
workshop: miglioramento dei processi interni e controllo di qualità(3)

L'idea fondamentale che sta dietro al metodo del miglioramento continuo è la seguente:

  • una persona ha un'idea per migliorare qualcosa (Plan)

  • vengono fatte delle prove e delle simulazioni per verificare la validità dell'idea (Do)

  • i risultati raggiunti vengono valutati per stabilire se l'idea ha centrato l'obiettivo che si era posta (Check)

  • se è così, si cambiano le procedure standard, adottando il nuovo metodo (Act)


Le gev ieri ed oggi
le Gev ieri ed oggi qualità

  • Le Gev oggi sono 357 (oltre 6 aspiranti e 17 sospesi). L’andamento storico delle Gev è caratterizzato da un turnover medio del 8% su base annua. I motivi principali sono:

  • nuove esigenze lavorative o famigliari (circa 35%),

  • condizioni di salute (55%),

  • demotivazione (10%),

  • altro (5%).

  • Questioni collegate:

  • programmazione corsi

  • processo di integrazione

  • mantenimento professionalità

  • Il grafico considera solo Gev in servizio (con esclusione dei sospesi e degli aspiranti).


Le gev oggi
le Gev oggi qualità



Le violazioni contestate nel 2010
le violazioni contestate nel 2010 qualità

A sinistra: le violazioni contestate nell’ultimo esercizio completato (anno 2010)

Sotto: l’andamento storico


Le violazioni contestate nel 2010 11
le violazioni contestate nel 2010-11 qualità

Sanzioni per categoria di legge violata:

Anno 2010 Anno 2011

(sino ad agosto)


L educazione ambientale
l’educazione ambientale qualità

Anno scolastico 2010-2011


Resoconto gestione 2010 1 6
resoconto gestione 2010 (1/6) qualità

Il 44% delle attività riguarda attività di vigilanza (37% generica, 7% svolta su base di convenzioni).

Se a questi dati si aggiungono il 2% di attività su progetti di monitoraggio appare evidente che la priorità data è stata soprattutto sul controllo del territorio.


Resoconto gestione 2010 2 6
resoconto gestione 2010 (2/6) qualità

Nel grafico sono indicati i dati relativi al numero di servizi, di ore e di km percorsi per ogni argomento.

Accanto alla vigilanza ittica, venatoria e ambientale, caratteri dell’ordinaria azione di controllo del territorio indicate nel grafico, occorre segnalare che in quest’ambito si devono anche annoverare i servizi svolti in convenzione e vari servi a progetto, nonché molti lavori di manutenzione mirati specialmente al ripristino della sentieristica nei parchi provinciali.


Resoconto gestione 2010 3 6
resoconto gestione 2010 (3/6) qualità

Sala operativa: ha offerto la copertura giornaliera dalle 9.00-17.00 per un complessivo di 2.608 ore di servizio, offrendo riscontro tramite interventi diretti delle GEV o tramite altri uffici a 4.108 richieste di intervento, nonché assistenza alle GEV in servizio di vigilanza e controllo, l’acquisizione presso le banche dati delle informazioni utili agli accertamenti di illeciti (visure camerali, dati PRA/MCTC, dati anagrafi comunali, dati anagrafi canine, ecc.), scambio di informazioni con le strutture territoriali di polizia e le amministrazioni locali.

Osservatorio sulla modificazione degli alvei: attività svolta da 30 Gev del gruppo di Ivrea in collaborazione con il Servizio Pianificazione Risorse Idriche e Difesa del Suolo. Dopo la loro formazione le GEV hanno verificato le opere lungo i corsi d’acqua del bacino del torrente Chiusella (dalla confluenza con la Dora Baltea sino  al tratto compreso nel comune di Quagliuzzo) per un totale di circa  15 km (con la sola esclusione del ponte di Pavone che è in corso di  rifacimento). Complessivamente sono state compilate in totale 77 schede (corrispondenti  ad altrettante opere idrauliche) tutte rese disponibili anche in  formato pdf; tutte le uscite sono state registrate con traccia g.p.s. e documentate con fotografie georiferite.


Resoconto gestione 2010 4 6
resoconto gestione 2010 (4/6) qualità

Attività di polizia giudiziaria:

sono scaturite da servizi svolti dalle GEV n.45 notizie di reato trasmesse all’A.G., in gran parte connesse a violazioni del D.Lgs. 3-4-2006 n. 152 “Norme in materia ambientale”.


Resoconto gestione 2010 5 6
resoconto gestione 2010 (5/6) qualità

Altre attività:

  • Protezione civile e di supporto: la prima si colloca a supporto dell’azione dei servizi provinciali operanti nella protezione civile, le altre a supporto dei servizi svolti dalle GEV descritti nei punti precedenti ovvero espletati in ausilio a servizi provinciali (es. la partecipazione a “Bosco e territorio” in Oulx -fraz. Beaulard). Si tratta di un settore di attività estremamente significativo perché consente l’operatività esterna delle GEV ed è rilevante anche per i suoi dati quantitativi: 2.160 servizi per un totale di 16.398 ore/uomo.


Resoconto gestione 2010 6 6
resoconto gestione 2010 (6/6) qualità

Altre attività:

  • Parchi: miglioramento delle strutture di informazione ed accoglienza alpine con attività di manutenzione e riattamento

  • Manifestazioni e rassegne: Gara di gran fondo “D. Bertrand”, Giornata Mondiale dell'Ambiente e Giornata Europea dei Parchi, Campionato Italiano e Coppa Italia di Triatlhon, “Trofeo Danilo Re”, Sere d’estate al Castello di Candia, Puliamo il Mondo, Natale in Piazza, ecc.,

  • Sentieri: catalogazione, sistemazione e georeferenziazione dei percorsi

  • Favella: attivazione della casa del parco con eventi didattici e l’allestimento scenografico di un’area montana con la fauna tipica


Linee di indirizzo per l attivit del 2012
linee di indirizzo per l’attività del 2012 qualità

Si pone in continuità degli anni precedenti ed in funzione delle risorse finanziarie disponibili sarà teso a migliorare gli aspetti organizzativi, logistici, le dotazioni di servizio individuali e di gruppo, i materiali didattici e di informazione.

Servizi:

  • attività di supporto ai Servizi provinciali

  • aumento delle convenzioni comunali sulla base delle capacità operative dei gruppi

  • priorità a:

    • gestione e vigilanza parchi provinciali

    • contrasto all’abbandono dei rifiuti

    • didattica nelle scuole, presso l’ospedale infantile Regina Margherita e nei parchi provinciali

    • monitoraggio fiumi, siti d’interesse comunitario (S.I.C.) e le zone speciali di conservazione (Z.P.S.)

  • presenza a manifestazioni locali

  • attività con le associazioni aderenti al Comitato provinciale


Linee di indirizzo per l attivit del 2011
linee di indirizzo per l’attività del 2011 qualità

Formazione:

  • richiedere alla Regione (programma triennale): 3 corsi di formazione per nuove Gev e 2 di aggiornamento con cadenza annuale (obj: aumentare abilitazioni individuali)

  • corso di perfezionamento didattico per l’educazione ambientale nelle scuole medie superiori

  • studio e produzione dei materiali didattici ed informativi per le scuole medie superiori

    Informazione ed educazione ambientale:

  • presenza a manifestazioni locali

  • sperimentazione di programmi educativi con scuole secondarie di secondo grado

  • presentazione delle attività e competenze a varie Istituzioni allo scopo di far conoscere le Gev


Grazie per l’attenzione qualità

Il dirigente del Servizio

Aree protette e vigilanza volontaria

Andreoli


ad