Il costo del lavoro
Download
1 / 27

Il costo del lavoro - PowerPoint PPT Presentation


  • 197 Views
  • Uploaded on

Il costo del lavoro. Salvatore Nucci Decimomannu vers 04 - novembre 2009. Perché si calcola ?. Formulare un preventivo Determinare il costo di produzione e quindi il prezzo prodotto

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Il costo del lavoro' - andra


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Il costo del lavoro

Il costo del lavoro

Salvatore Nucci

Decimomannu vers 04 - novembre 2009


Perch si calcola
Perché si calcola ?

  • Formulare un preventivo

  • Determinare il costo di produzione e quindi il prezzo prodotto

  • Confronti con altre aziende - scostamenti


Come si calcola 1 2
Come si calcola ? 1/2

Sommando i seguenti elementi per determinare il costo annuo:

  • Retribuzione lorda

  • Contributi previdenziali a carico azienda

  • TFR

  • Ferie e tredicesima

  • Costo sicurezza lavoro

  • Costi formazione, aggiornamento, tutoraggio

  • Reperimento e selezione personale

  • Consulenze

  • Benefit vari a favore dipendenti

  • eccetera


Come si calcola 2 2
Come si calcola ? 2/2

  • Prima formula - Il costo del lavoro per unità prodotta

    costo del lavoro per u.p. = costo annuo del lavoro/produzione dell’anno

  • Seconda formula - Il costo medio orario del lavoro

    costo medio orario del lavoro = costo annuo per dipendente/ ore presunte di lavoro effettivo


Migliorare il costo del lavoro
Migliorare il costo del lavoro

  • Incidendo sui rendimenti (assenteismo, incentivi, motivazioni, qualità e sicurezza sul lavoro, SA 8000, regolarizzazione contratto, formazione, tecnologie)

  • Abbattendo i costi (rigidità – flessibilità del fattore lavoro)


Strumenti per abbattere i costi 1 3
Strumenti per abbattere i costi 1/3

  • Defiscalizzazione oneri sociali

  • Contributi in c/occupazione

  • Sgravi fiscali

  • Credito d’imposta

  • Particolari forme di lavoro subordinato (Telepass 4, pagg. 60-61 e pag. 69)


Strumenti per abbattere i costi 2 3
Strumenti per abbattere i costi 2/3

  • Subappalto

  • Outsourcing

  • Delocalizzazione

  • Ex dipendenti con partita IVA (monocommittenti)

  • Associati in partecipazione con contributo esclusivo di lavoro


Strumenti per abbattere i costi 3 3 sistemi non leciti e altre problematiche
Strumenti per abbattere i costi 3/3(sistemi non leciti e altre problematiche)

  • Lavoro nero

  • Lavoro irregolare

  • Caporalato

  • Taglio sicurezza sul lavoro (e le morti bianche)

  • Evasione contributiva


Defiscalizzazione oneri sociali
Defiscalizzazione oneri sociali

Si trasferiscono gli oneri sociali (INPS e INAIL) sulla fiscalità generale.

Come dire che i contributi a carico dei datori di lavoro li pagano i cittadini attraverso le imposte e le tasse.


Contributi in c occupazione esempio
Contributi in c/occupazione(esempio)

La Regione Sardegna concede alle imprese artigiane un contributo annuo in conto occupazione per ogni soggetto assunto con contratto di apprendistato.L'ammontare del contributo è pari a euro 3615,20 per il primo anno di attività, euro 2582,25 per il secondo, euro 2065,83 per il terzo e euro 2582,25 per i successivi; se l'assunzione riguarda un disabile l'importo del contributo è incrementato del 30%. Se il contratto di apprendistato viene trasformato in contratto a tempo indeterminato il contributo è concesso per ulteriori 2 anni nella misura dell'anno che precede l'assunzione a tempo indeterminato. Sono ammesse le domande delle imprese che hanno proceduto all'assunzione di apprendisti, con una media di ore lavorate non inferiore alle 104 mensili, dopo l’entrata in vigore della legge.

In pratica, il contributo è un importo in danaro accreditato sul conto del soggetto beneficiario

La legge, nel sito della Regione Sardegna


Sgravi fiscali
Sgravi fiscali

Meccanismo che consente di abbattere il carico fiscale.

Agevolazioni regionali Irap per le PMI

Soggetti beneficiariPossono accedere all’agevolazione le imprese che rientrano nella definizione di PMI di cui al Decreto del 18 aprile 2005 del Ministro delle attività produttive.

Presupposti Oggettivi Possono accedere all’ agevolazione le imprese che contribuiscano al raggiungimento di uno dei seguenti obiettivi, secondo le modalità di seguito analizzate nel dettaglio: a) incremento del numero dei lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato; b) stabilizzazione del lavoro precario; ………

Fonte: regione Sardegna


Particolari forme di lavoro subordinato 1 2 telepass 4 pagg 60 61
Particolari forme di lavoro subordinato 1/2(Telepass 4, pagg. 60 – 61)

  • Lavoro a domicilio

  • Part time

  • Telelavoro

  • Somministrazione di lavoro

  • Lavoro ripartito

  • Lavoro a chiamata


Particolari forme di lavoro subordinato 2 2 telepass 4 pag 69
Particolari forme di lavoro subordinato 2/2(Telepass 4, pag. 69)

  • Apprendistato (formazione e qualifica professionale, specializzazione e titolo di studio anche universitario, ragazzi 15 – 29 anni, inquadramento e retribuzione inferiore a qualifica da raggiungere, oneri sociali inferiori)

  • Contratto di inserimento (inserimento o reinserimento di determinate categorie nel mondo del lavoro attraverso progetti individuali di formazione. Es: lavoratori disoccupati > 50 anni, donne residenti in Sardegna, handicap, etc), oneri sociali inferiori


Credito d imposta bonus per nuove assunzioni
Credito d’imposta – bonus per nuove assunzioni

Per le aziende che incrementano la base occupazionale è previsto un credito di imposta.

Il credito, a differenza del contributo in c/occupazione, non viene incassato dal datore di lavoro ma viene utilizzato per pagare meno imposte.

Visita la pagina diborsaitaliana.it


Il subappalto

DEFINIZIONE

Il Subappalto e’ un contratto derivato (o, subcontratto) con cuil’appaltatore affida ad un terzo parti del bene o del servizio da fornire.

Il subappalto, quindi, e’ un contratto che non incide sull’ambito dei diritti e degli obblighi sanciti dal contratto principale, che rimane immutato tra le parti originarie.

Art. 1656 Cod.Civ.

“L’appaltatore non puo’ dare in subappalto l’esecuzione dell’opera o del servizio, se non e’ autorizzato dal committente”.

IL SUBAPPALTO

'Il divieto di subappalto colpisce i piccoli' tratto da Repubblica


Outsourcing
Outsourcing

Assegnazione della gestione di determinate attività o processi produttivi a imprese esterne, al fine di concentrare le proprie risorse su attività a maggior valore aggiunto e/o sul core business. Deriva dalla contrazione di outside resourcing, reperimento di risorse all'esterno. In ambito museale l'affidamento ai privati della gestione di determinati servizi (bookshop, caffetteria, noleggio audioguide, biglietteria) è un esempio di outsourcing.

vai alla fonte


Delocalizzazione
Delocalizzazione

Pratica di trasferimento di attività dell’impresa in aree geografiche diverse da quella della sede organizzativa, con l’obiettivo di ridurre i costi dei fattori produttivi.

Nel nostro caso, succede che moltissime aziende trovano convenienza ad investire in quelle aree dove sono minimi i salari, i contributi da versare, la sicurezza sul lavoro, la forza del sindacato.

visita la fonte


Ex dipendenti con partita iva monocommittenti
Ex dipendenti con partita IVA (monocommittenti)

Pratica non “sempre”lecita di gestione del personale.

Il dipendente prende la partita IVA e si mette in proprio fatturando ad un unico cliente (l’ex datore di lavoro).

Il lavoro diventa flessibile, senza problemi a livello sindacale, si risparmia sui contributi.


Contratto di associazione in partecipazione
Contratto di associazione in partecipazione

Con il contratto di associazione in partecipazione un imprenditore (associante) attribuisce all’associato una partecipazione agli utili della sua impresa o ad uno o più affari in cambio di un determinato apporto che può consistere in patrimonio o capitale, ma anche in una prestazione di lavoro. Sono possibili anche forme miste di apporto, di lavoro e di capitale o di patrimonio.

Continua su “Nidil – Cgil”


Lavoro nero
Lavoro nero

Sei un lavoratore in nero quando svolgi una qualsiasi prestazione lavorativa, in qualunque ambito (a meno che non sia un’azienda familiare, di volontariato o in stage) e sei privo di un contratto di lavoro (o di un contratto per fornire un servizio, per esempio se hai una “partita IVA”). Non hai quindi una busta paga (o non fornisci fattura), vieni pagato in contanti e per le autorità risulti disoccupato. Il lavoratore extra comunitario senza permesso di soggiorno è un caso tipico di lavoro a nero, proprio perché, fino a che la legge rimane quella attuale, non è possibile – anche volendo – assumerlo.

da “Filcams CGIL”


Lavoro irregolare
Lavoro irregolare

Vi possono essere varie forme di lavoro irregolare. Escludendo le attività illegali (perché criminali o perché, per essere esercitate, hanno bisogno di particolari autorizzazioni, come la professione medica per esempio) vi sono varie forme di lavoro irregolare, in cui puoi ritrovarti coinvolto. Vi è il cosiddetto “lavoro grigio”, cioè un lavoro che formalmente è regolare, ma che contiene in sé elementi di irregolarità: un orario di lavoro diverso (spesso ti fanno lavorare più ore di quanto consentito per legge); una parte del pagamento avviene “fuori busta” (cioè percepisci un salario diverso da quello contrattuale, in più o, spesso, anche in meno); si è inquadrati in un modo (per esempio operaio generico o facchino) diverso dalle mansioni che effettivamente svolgi (sei in realtà un operaio specializzato o lavori alla reception di un albergo).

da www.sistemaservizicgil.it


Caporalato
Caporalato

TEMPIO. Pulivano le stanze dei più prestigiosi alberghi della Costa Smeralda, quelle che costano quasi duemila euro a notte lavorando, in nero, per cinque euro l’ora. Lo sfruttamento della monodopera clandestina è costata cara a Michelina Serreri finita in manette per sfruttamento illegale di immigrati clandestini e per caporalaggio, un reato introdotto di recente nel nostro codice penale. La donna gestiva da anni una impresa di pulizie intestata alla figlia, stipulando contratti di affari con i migliori alberghi e locali della Costa Smeralda, non trascurando di assicurare le prestazioni delle sue maestranze anche alle ville dei Vip, di semplici turisti e uffici pubblici. La “Impresa 2000”, assieme al personale locale regolarmente assicurato e retribuito, utilizzava anche 11 donne rumene (di età compresa dai 16 ai 28 anni) entrate clandestinamente in Italia. Al personale “straniero” la donna pagava 5,16 euro all’ora, garantendo loro un alloggio (da “La nuova Sardegna”)

Definizione da “Wikipedia”

L’indagine di Fabrizio Gatti per “L’Espresso”


Taglio della sicurezza sul lavoro e le morti bianche
Taglio della sicurezza sul lavoro (e le morti bianche)

Costruiscono case, scuole, ospedali, strade e ponti, costruttori di pace che muoiono ogni giorno, in silenzio,  in una guerra dimenticata da tutti. Nel 2005 sono state 191 le vittime nei cantieri edili italiani. E’ quanto afferma in una nota la Fillea Cgil, riunita a Pesaro per la seconda giornata del XVI Congresso Nazionale,  che quotidianamente monitorizza sul sito www.filleacgil.it gli infortuni mortali che si verificano nel settore delle costruzioni. Questi dati, sicuramente inferiori a quelli che denuncerà l’Inal per il 2005,  non tengono conto degli infortuni che passano sotto silenzio, poichè i lavoratori colpiti spesso sono “irregolari” .... (leggi l’articolo on line)

  • Alcuni indirizzi on line:

  • Sicurezzaonline.it

  • diario-prevenzione.it/

  • INAIL

Altro articolo su “morti bianche” da :

regione Sardegna (sett 2009)


Sa 8000

La norma etica SA 8000

SA 8000

Il processo di globalizzazione dei mercati rende sempre più difficile comprendere la complessità della catena di fornitura

In questo scenario il consumatore finale è sempre meno tutelato sul “come” vengono prodotti i beni

Fornitore

Cliente finale

Fornitore

Fornitore

Fornitore

Fornitore

Fornitore

Distributore

Fornitore

Fornitore

Fornitore

Fornitore

Fornitore

Fornitore

Fornitore

(segue)


Sa 80001

La norma etica SA 8000

SA 8000

Con la certificazione SA 8000 i consumatori sono informati sulla linea di condotta della Società nei confronti dei lavoratori e dei fornitori

1. lavoro infantile

2.  lavoro forzato

3. salute e sicurezza in azienda

4.  libertà di associazione e rappresentanza sindacale

5.  discriminazioni

6.   pratiche disciplinari

7.  orario di lavoro

8.  retribuzioni minime

La norma SA 8000 riguarda otto temi chiave e la loro gestione:


Sa 80002

La norma etica SA 8000

SA 8000

Ecco qualche esempio di aziende italiane certificate SA 8000 : Coop Italia, Honda Logistic, TNT Global Express, Porto Petroli di Genova, Granarolo, Maina panettoni

Fonte: Il Sole 24 ore (anno 2004)

Altre notizie su: www.bilanciosociale.it/sa.html

Analisi di un caso: www.mainapanettoni.com/



ad