“BAMBINI SICURI
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 15

Dal testo di Nessia Laniado Edizioni RED – MILANO 2006 PowerPoint PPT Presentation


  • 86 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

“BAMBINI SICURI IN UN MONDO INSICURO” Per coltivare nei propri figli l’ottimismo e la fiducia nelle proprie capacità. Dal testo di Nessia Laniado Edizioni RED – MILANO 2006. Come riconoscere la tendenza alla sfiducia. LE SITUAZIONI NON POSSONO CAMBIARE

Download Presentation

Dal testo di Nessia Laniado Edizioni RED – MILANO 2006

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Dal testo di nessia laniado edizioni red milano 2006

“BAMBINI SICURIIN UN MONDO INSICURO”Per coltivare nei propri figli l’ottimismo e la fiducia nelle proprie capacità

Dal testo di Nessia Laniado

Edizioni RED – MILANO 2006


Come riconoscere la tendenza alla sfiducia

Come riconoscere la tendenza alla sfiducia

  • LE SITUAZIONI NON POSSONO CAMBIARE

    “Nella nuova scuola non conosco nessuno. Sarò sempre

    sola”

  • UN OSTACOLO SI ESTENDE A TUTTI GLI ASPETTI

    “La maestra mi ha messo una nota, non mi vuole bene”

  • IL RISULTATO E’ FRUTTO DEL CASO

    “Mi hanno eletto capogioco per fare un dispetto ad Andrea che si dà un sacco di arie”


Le caratteristiche di una visione ottimistica

Le caratteristiche di una visione ottimistica

  • LE COSE POSSONO CAMBIARE

    “Sono appena arrivata in questa scuola e non conosco nessuno, ma poi, come è successo ai giardinetti, mi farò delle amiche”

  • DI FRONTE A UNA DIFFICOLTA’ SI CERCA IL MODO DI SUPERARLA

    “Il compito era difficile..Non avevo ripassato i verbi…Se studio di più ce la faccio”

  • SI CONSIDERANO I PROPRI RISULTATI COME CONQUISTE PERSONALI

    “Mi hanno eletto capogioco perché sono simpatico”


Ottimisti e pessimisti

OTTIMISTI E PESSIMISTI

  • Il pessimista comincia con ciò che manca,

    l’ottimista con ciò che c’è.

  • Il pessimista in un paese di scalzi dice: “Nessuna possibilità di vendere scarpe, nessuno le porta”.

    L’ottimista dice: “Enormi possibilità, nessuno ha scarpe”

  • Il pessimista vede le difficoltà in ogni opportunità;

    l’ottimista vede le opportunità in ogni difficoltà.

  • Il pessimista vede passare la storia.

    L’ottimista la costruisce.


Cos nascono i pensieri sbagliati

Così nascono i pensieri sbagliati

  • GENERALIZZARE

    “Ho sbagliato il compito, avrò una pagella bruttissima”

  • ESSERE TOTALITARI

    Stefano, 9 anni, arriva a casa con un occhio pesto.

    “Che cosa è successo?”

    “Riccardo vuole sempre giocare all’attacco e mi ha dato un pugno. Non mi lascia mai il pallone.”


Cos nascono i pensieri sbagliati1

Così nascono i pensieri sbagliati

  • MINIMIZZARE

    “Perso un amico, se ne trova un altro”

  • VEDERE IL MONDO SENZA SFUMATURE

    “Il mio disegno fa schifo”

  • CERCARE LA PERFEZIONE

    “Se non prendo ‘ottimo’ nell’interrogazione vuol dire che non valgo nulla”


Cos nascono i pensieri sbagliati2

Così nascono i pensieri sbagliati

  • TRARRE CONCLUSIONI INDEBITE

    “Il papà non mi bacia più quando torna a casa da lavoro. Vuol dire che non mi vuole più bene”

    In realtà, il papà ha una tonsillite e non vuole trasmetterla alla sua bambina

  • ADDOSSARSI LE COLPE

    “Il mio papà se n’è andato via perché non volevo mangiare le verdure”

    Così pensa Felice, 3 anni, dopo che nel corso di un litigio tra i genitori generato dal suo rifiuto di mangiare il minestrone, il papà è uscito di casa e da qualche giorno non si fa più vivo.


Cos nascono i pensieri sbagliati3

Così nascono i pensieri sbagliati

  • ANTICIPARE LE CATASTROFI

    “Si è fermata la macchina. Non potremo più andare alla festa”

  • INTERPRETARE IL PENSIERO DEGLI ALTRI

    “Sono sicura che non sono simpatica alle nuove compagne”


Cos nascono i pensieri sbagliati4

Così nascono i pensieri sbagliati

  • DARE ETICHETTE

    “Questi sono i miei figli: Giacomo, una peste, e Carlotta, un angelo”

    “Sono una frana, ogni cosa che faccio la sbaglio!”

  • FARE PARAGONI CON GLI ALTRI

    “Guarda tuo fratello che buoni voti prende a scuola!”

    “Luca è pieno di amici, mentre io…”


La resilienza

LA RESILIENZA

Il compito in classe

La maestra distribuisce i compiti in classe corretti. Giorgio e Paolo sono compagni di banco e incontrano la stessa sorte: due pagine trafitte da correzioni.

“Adesso mio padre mi ammazza!” dice Giorgio battendosi le manisulla testa. “Addio vacanze! Non è giusto! La maestra è una canaglia! Ci dice di studiare da soli l’ultimo capitolo e ci dà il compito proprio su quello! Cosa dico a mio padre? Cosa gli dico adesso!?”

“Beh, ci sono ancora due compiti in classe. Se ci diamo sotto, possiamo rimediare”, lo consola Paolo. “Magari la prossima volta non stiamo su tutta la sera a rivedere le partite del campionato. Dì’ a tuo padre che adesso ti metti a studiare come un matto…”

“Sì! Diglielo tu a mio padre! Quello mi ammazza! Non ce la farò mai!”


Reazione di giorgio

Reazione di Giorgio

  • Drammatizza: “Mio padre mi ammazza”

  • Si immagina conseguenze catastrofiche: “Addio vacanze!”

  • Incolpa gli altri dei suoi fallimenti: “Non è giusto!....E’ una canaglia…”

  • Si lamenta: “Ci dà il compito su un capitolo che non ha spiegato in classe”

  • Si fa prendere dalla sfiducia: “Non ce la farò mai”


Reazione di paolo

Reazione di Paolo

  • E’ convinto che le difficoltà siano superabili: “Possiamo rimediare”

  • Considera le situazioni difficili sfide che vanno affrontate e non stress da evitare:

    “Diamoci sotto”

  • Cerca una via di uscita:

    “Ci sono ancora due compiti in classe”

  • Riconosce le proprie responsabilità:

    “Se non stavamo su tutta la sera…”

  • Cerca di trovare una soluzione anche per l’amico:

    “Dì’ a tuo padre di darti l’ultima chance…”


Come sviluppare nel bambino autonomia e capacita di giudizio

COME SVILUPPARE NEL BAMBINO AUTONOMIA E CAPACITA’ DI GIUDIZIO

  • Offriamogli un ambiente che possa esplorare

  • Insegniamogli a superare le difficoltà invece di evitarle

  • Lasciamo che faccia degli errori

  • Incoraggiamolo a prendere decisioni autonome

  • Creiamo le occasioni per farlo sentire ‘competente’

  • Affidiamogli una responsabilità

  • Spieghiamogli i motivi dei suoi successi

  • Discutiamo con lui le ragioni degli insuccessi


Principi perche il bambino diventi conscio delle sue esigenze

PRINCIPI PERCHE’ IL BAMBINO DIVENTI CONSCIO DELLE SUE ESIGENZE

  • Ascoltiamo le sue ragioni

  • Non giudichiamo emozioni e desideri

  • Poniamo domande, invece di dare risposte.


Suggerimenti per aiutare il figlio ad essere ottimista

SUGGERIMENTI PER AIUTARE IL FIGLIO AD ESSERE OTTIMISTA

  • Insegnare al bambino a porsi degli obiettivi ed aiutarlo a definire i passi per raggiungerli

  • Pronosticare i suoi successi e sostenerlo nelle difficoltà

  • Farlo sentire protagonista, e non dipendente da fortuna o sfortuna

  • Dare l’esempio


  • Login