slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
USCIRE DALLA CRISI SCELTE E PROPOSTE PowerPoint Presentation
Download Presentation
USCIRE DALLA CRISI SCELTE E PROPOSTE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 13

USCIRE DALLA CRISI SCELTE E PROPOSTE - PowerPoint PPT Presentation


  • 105 Views
  • Uploaded on

USCIRE DALLA CRISI SCELTE E PROPOSTE. MISURAR ( SI ) CON LA CRISI. Fulvio MATTIONI, economista. Cordenons, 13 maggio 2010. Fonte: Eurostat. Scenario e collocazione internazionale: l’andamento decennale del livello di benessere economico (Pil procapite, UE a 27 = 100 in ciascun anno).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

USCIRE DALLA CRISI SCELTE E PROPOSTE


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

USCIRE DALLA CRISI

SCELTE E PROPOSTE

MISURAR(SI) CON LA CRISI

Fulvio MATTIONI, economista

Cordenons, 13 maggio 2010

slide2

Fonte: Eurostat

Scenario e collocazione internazionale: l’andamento decennale del livello

di benessere economico (Pil procapite, UE a 27 = 100 in ciascun anno)

L’Italia perde 15,1 punti (-12,9%). Nel 2009 il

livello di benessere economico coinciderà con

la media UE a 27. Perché?

All’inizio del decennio GB, G, I e F godevano

di un livello di benessere superiore di un 15-20%

rispetto a quello della UE a 27 membri

Alla fine del decennio la situazione è assai diversificata.

Nonostante le difficoltà, GB e F mantengono un buon

livello di benessere economico, la E lo aumenta e la F perde

7,4 punti

slide3

Fonte: FMI, aprile 2010

Scenario e collocazione internazionale: la crescita del reddito nel periodo

2002-2009 (var. % cumulata del PIL)

Le macro-aree mondiali più ricche,

invece, crescono ad un tasso dimezzato

(USA e UE a 27). L’Eurozona ad un tasso pari a un terzo

Il Benessere Economico dell’Italia si

riduce molto di più degli altri Paesi

perché l’economia è congelata (-0,2%).

Quella del FVG ha ancora più freddo

(-0,7%)

Ma non per tutti è così. L’economia globale

è cresciuta del 28,6%. I Paesi PECO e CIS più

della media mondiale; l’India ad un tasso doppio,

la Cina triplo (in 10 anni ha raddoppiato il suo PIL)

Lo scenario internazionale è profondamente cambiato è il mondo non è affatto tutto grigio: le opportunità ci sono … per chi ha voglia e capacità di coglierle. E’ un augurio!!!!!

slide4

Fonte: FMI, aprile 2010

Scenario e collocazione internazionale: come sarà il 2010? (crescita % del

reddito dell’economia rispetto al 2009)

Robusta la crescita prevista per USA (+3,1%) che torna sui livelli del 2004-2005 e ante Twin Towers

Le aspettative per il 2010 sono di una crescita globale sostenuta (+4,2% contro un calo dello 0,6% del 2009). Il traino è della Cina (+10%) e dell’India che rappresentano il 17,5% del PIL mondiale (più della UE a 27 membri)

  • Fragile, invece, quella prevista per la UE a 27 (+1%), per l’Italia e per il FVG (+0,8%). Su Italia e FVG pesano le seguenti incognite:
    • La debolezza sui mercati esteri;
    • Le criticità del MdL (più disoccupati, più esuberi, più lavoratori sospesi)
    • La fine degli incentivi a sostegno dell’attività produttiva
slide5

Fonte: Istat, Prometeia

La crescita decennale dell’economia: confronto FVG-ITALIA (var. % annue del

PIL nel periodo 2000-2009)

Per il FVG la 1° fase è già recessiva (per l’Italia è “solo” stagnazione), la 2° fase è di crescita moderata (per l’Italia ancor più moderata), la fase 3° è una recessione profonda (idem per l’Italia)

E prende corpo uno scenario inedito scandito in tre fasi:

Fase 1°: 2002-2004

Fase 2°: 2005-2007

Fase 3°: 2008-2009

La maggiore sofferenza del FVG è imputabile alla competitività industriale e all’idea che si poteva fare a meno dell’industria sostituendola con l’economia della conoscenza!!

Con la crescita del biennio 2000-2001si chiude la fase di sviluppo lunga del dopoguerra iniziata nel 1993

slide6

Fonte: Istat, Prometeia

L’economia del FVG: la centralità industriale (var. % annue del PIL del settore

manifatturiero e terziario)

Quando l’industria cresce, l’economia va. Quando l’industria soffre anche l’economia soffre. Le tre fasi cicliche confermano tale situazione

La forte caduta del PIL del 2009 è figlia di una crisi industriale a 2 cifre (-13,5% il PIL e –19,1% l’export). I 2,5 miliardi di export in meno sono delle province di UD (-1,5 miliardi) e di PN (-1,1 miliardi). E i primi segnali del 2010 non sono incoraggianti!!

Il FVG ha una marcata vocazione industriale. Nell’area friulana si concentra l’80% del settore

slide7

Fonte: Istat, Prometeia

L’economia del FVG: il trend degli investimenti, ovvero la scommessa

imprenditoriale sul futuro (var. % annue)

Da sottolineare che la forte caduta (-12,2%) del 2009 segue al –3,3% del 2008. Gli investimenti manifatturieri del FVG calano da 1,7 miliardi nel 2002 a 1 miliardo nel 2009 (-41,2%)

Per recuperare competitività a mercatoserve una politica industriale di forte rilancio !!!

Il comportamento degli imprenditori riflette fedelmente il trend economico. Dopo l’euforia manifestata nella coda del ciclo positivo (+9,1% nel 2000 e +10,9% nel 2001), gli investimenti ripercorrono le fasi viste in precedenza

slide8

Fonte: Istat, Prometeia

L’economia del FVG: il comportamento delle famiglie, ovvero il trend della

spesa in consumi (Var. % annue)

  • Per convincere le famiglie a spendere non basta la pubblicità. Bisogna che:
  • abbiano un lavoro;
  • il loro reddito non perda potere d’acquisto;
  • le famiglie più povere vengano sostenute.
  • Le famiglie, infatti, non intendono aumentare il proprio livello di indebitamento (per mutui, credito al consumo, ecc.) perché ragionano in termini reali, non virtuali e temono per il loro reddito futuro

In FVG cala drasticamente con l’inversione del ciclo, si stabilizza su livelli bassi nel periodo 2001-2005, si rianima nel biennio 2006-2007, arretra nel 2008 e nel 2009

Anche la spesa per consumi segue l’evoluzione del reddito

slide9

Fonte: Istat

L’economia del FVG: il disagio economico delle famiglie del FVG nel 2008

(in % delle famiglie residenti, 100% = 520 mila famiglie)

Oltre il 30% delle famiglie del FVG non riesce a sostenere spese impreviste dell’importo di 750 € annui.

Quote più limitate, ma crescenti nel tempo, di famiglie sperimentano condizioni di deprivazione materiale

In FVG le famiglie povere e a rischio di povertà sono oltre 50 mila e oltre 90 mila le persone

Serve un intervento di Welfare pubblico e Solidarietà sociale

Il 30% delle famiglie del FVG (circa 160 mila) arriva a fine mese con difficoltà. Circa 1/3 di esse con grande difficoltà

slide10

Fonte: Istat, Prometeia

L’impatto sul mercato del lavoro del FVG: il trend dei disoccupati 2003-2009

e la stima per il 2010 (valori assoluti)

La crisi del 2008-2009 produce, dunque, 10 mila disoccupati addizionali rispetto al 2007 (+54,2%)

La novità è che sono in gran parte disoccupati maschi. E non è finita qui perché si stima un livello pari al 7% alla fine dell’anno in corso (9% per l’ITALIA)

La fase recessiva fa crescere nel 2008 di 5.000 unità i disoccupati il cui tasso passa dal 3,3% al 4,3%. Nel 2009 vi è stata un’ulteriore crescita di 5.000 unità e la quota dei disoccupati sulle forze di lavoro sale al 5,3%

slide11

Fonte: ARL FVG

L’impatto sul mercato del lavoro del FVG: il trend dei lavoratori iscritti nelle

liste di mobilità (valori assoluti)

I lavoratori in mobilità sono esuberi effettivi poiché non hanno più alcun rapporto giuridico con la loro ex impresa

La fase 2 stabilizza il loro numero attorno alle 9.000 unità (metà delle quali sono addetti manifatturieri)

La fase 1 triplica sia il loro numero complessivo

che quello dei soli esuberi manifatturieri

Nel 2009 i mobilitati crescono di 4.000 unità (+42%) in FVG e di 1.000 a PN (+86%)

slide12

Fonte: Inps

L’impatto sul mercato del lavoro del FVG: il trend dei lavoratori “sospesi” dalle

imprese (n°. lavoratori in CIG)

Alla fine della 1 fase di crisi (2005) essi sono triplicati (2.500). Quelli manifatturieri si sono quadruplicati (2.000). Nel 2008 la situazione è del tutto simile

I lavoratori “sospesi” sono quelli temporaneamente coperti dalla CIG. Ho trasformato le ore di CIG in lavoratori Tempo Pieno Equivalente (1 lavoratore = 1.650 ore annue)

Nel 2009 sono quasi 11 mila e l’82% sono manifatturieri. Il 44% di essi è a UD e il 34% a PN. Oltre 4 mila sono potenziali esuberi (CIGS), di cui mille a PN

A conclusione della lunga fase fase di espansione dell’economia (2001) i lavoratori sospesi erano 855 in tutta l’economia, di cui 473 manifatturieri. E’ la normalità

slide13

Fonte: Inps, Istat, ARL FVG

L’impatto sul mercato del lavoro del FVG: quantificazione dell’impatto

complessivo della crisi 2008-2009, n.° lavoratori interessati al 31.12.2009

I disoccupati passano da 18.500 (2007) a 28.300 (2009), con un aumento di 10 mila unità (+ 54%)

Poco meno di 53.000 lavoratori già soffrono la crisi, 23 mila di essi (più 76%) negli ultimi due anni. E’ una situazione straordinaria. Che esige una risposta straordinaria.

I lavoratori “sospesi” salgono da meno di 2.600 a 10.800, con una crescita di 8.200 unità (+ 420%). I lavoratori in esubero salgono da 9.000 a 13.600 (+ 4.600 e + 50%)