slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
APPARATO SCHELETRICO PowerPoint Presentation
Download Presentation
APPARATO SCHELETRICO

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 28

APPARATO SCHELETRICO - PowerPoint PPT Presentation


  • 211 Views
  • Uploaded on

APPARATO SCHELETRICO. è formato dalle ossa e dalle articolazioni che le congiungono e permettono loro di muoversi l'una rispetto all'altra. Lo scheletro è molto importante e ci serve per I SEGUENTI principali motivi. Protegge i nostri organi vitali come il cervello, il cuore e i polmoni

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'APPARATO SCHELETRICO' - zoe


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

APPARATO SCHELETRICO

è formato dalle ossae dalle articolazioni che le congiungono e permettono loro di muoversi l'una rispetto all'altra

slide2

Lo scheletro è molto importante e ci serve per I SEGUENTI principali motivi

  • Protegge i nostri organi vitali come il cervello, il cuore e i polmoni
  • Ci dà la forma che abbiamo. Senza ossa non potremmo stare in piedi!
  • Ci fa muovere. I nostri muscoli sono attaccati alle ossa.
  • È una riserva di calcio, che viene ceduto all'organismo quando ne ha più bisogno
slide3

A livello macroscopico, l’osso è suddiviso in

  • diafisi;
  • epifisi;
  • metafisi;
  • cartilaginearticolare;
  • periostio;
  • cavitàmidollare;
  • endostio.
slide4

Quante ossa abbiamo?

Lo scheletro umano consiste in 206 ossa

  • Cranio e mandibola superiore: 21 ossa
  • Orecchio: 3 ossa piccolissime
  • Mandibola inferiore: 1 osso
  • Osso frontale: 1 osso
  • Spina dorsale: 26 ossa chiamate vertebre
  • Costole: 12 paia di ossa
  • Sterno: 1
  • Arto superiore: 32 ossa. Ciascun arto ha 2 ossa per spalla, 3 per ciascun braccio, 8 ossa nel polso, 19 ossa in ciascuna mano.
  • Arto inferiore: 31 ossa. Ciascun arto ha 1 osso per l’anca, 4 in ciascuna gamba, 7 in ciascuna caviglia, 19 in ciascun piede.
slide5

Le ossa non sono tutte uguali

Nello scheletro dell'uomo possiamo trovare tre tipi di ossa

  • Ossa lunghe: quando sono sviluppate nel senso della lunghezza ( costole e femore);
  • Ossa corte: quando sono sviluppate quasi ugualmente nei vari diametri (le vertebre);
  • Ossa piatte: quando sono estese in superficie (ossa  del cranio, del bacino, delle scapole).
slide6

Ossa lunghe

epifisi

Le ossa lunghe Sono più sviluppate in lunghezza che in larghezza. Le loro estremità si chiamanoepifisi e sono costituite da tessuto osseo spugnoso. La parte centrale si chiama diafisied è formata da tessuto osseo compatto al cui interno si trova un canale con il midollo osseo

diafisi

epifisi

slide7

Le ossa del cranio

frontale

frontale

parietale

temporale

sfenoide

lacrimale

temporale

lacrimale

nasale

zigomatico

nasale

mascellare

mascellare

occipitale

mandibola

mandibola

slide9

Gli arti superiori

L’omero è l’osso del braccio lungo e sottile e si articola con la scapola alla spalla, e con il radio e l’ulna al gomito.

falangette

ulna

falangine

falangi

metacarpo

carpo

slide10

La colonna vertebrale

La colonna vertebrale è composta dalle vertebre.

Esse sono:

  • cervicali;
  • toraciche;
  • lombari;
  • sacrali.
slide11

LE VERTEBRE

Le vertebre, separate da dischi intervertebrali, svolgono la funzione di ammortizzatori.

Numerosi legamenti garantiscono la stabilità e la flessibilità della colonna vertebrale

slide12

Corpo vertebrale

Estensione (piegamento all’indietro)

Disco

Estensione (piegamento all’indietro)

slide13

Vista dall’alto di un disco invertebrale

Annulus fibrosus

Nucleo polposo

slide14

Il bacino

Le due ossa iliache formano la cinturapelvica che connette gli arti inferiori allo scheletro assile e sostiene la colonna vertebrale e i visceri.

struttura delle articolazioni
Struttura delle Articolazioni

CAPSULA ARTICOLARE

è costituita da un manicotto di tessuto connettivo denso, che si inserisce tra i segmenti ossei in connessione rivestendo completamente l'articolazione.

MEMBRANA SINOVIALE

Secerne un liquido vischioso (LIQUIDO SINOVIALE) che ha lo scopo di facilitare lo scorrimento tra le due superfici a contatto. In sostanza ha la stessa funzione di un lubrificante su di un cuscinetto

struttura delle articolazioni1
Struttura delle Articolazioni

CARTILAGINI ARTICOLARI

Rivestono le superfici articolari. La cartilagine articolare è soffice, comprimibile, estensibile e deformabile. Inoltre tende a riacquistare sempre il suo spessore di riposo.

LEGAMENTI

Sono sostanzialmente dei cordoni connettivali che uniscono un capo osseo con l'altro. Sono molto resistenti e possono situarsi all'interno o all'esterno della capsula articolare

TENDINI

I tendini dei muscoli, che si inseriscono direttamente sulle ossa, servono a stabilizzare l’articolazione ed a trasmettere le forze tra gli elementi che mettono in connessione.

.

classificazione delle articolazioni su base funzionale
CLASSIFICAZIONE DELLE ARTICOLAZIONI SU BASE FUNZIONALE

Le articolazioni si suddividono, dal punto di vista funzionale, in:

articolazioni immobili o sinartrosi:legano strettamente i capi ossei, come una cerniera lampo chiusa, tanto da impedirne i movimenti.

Articolazioni ipomobili o anfiartrosi:legano due superfici articolari, ricoperte da cartilagine, tramite legamenti interossei; tra le due superfici è interposto un disco fibrocartilagineo che permette soltanto movimenti limitati.

Nelle vertebre, per esempio, superfici ossee pianeggianti sono unite da un disco interosseo cartilagineo che funge da ammortizzatore.

Articolazioni mobili o diartrosi:permettono un ampio range di movimento, in una o più direzioni dello spazio (ginocchio, spalla, dita...)

slide23

FLESSIONE – ESTENSIONE – ABDUZIONE – ADDUZIONE ROTAZIONE ESTERNA e INTERNA

FLESSIONE – ESTENSIONE ABDUZIONE - ADDUZIONE

SCIVOLAMENTO DEI DUE CAPI ARTICOLARI

slide24

Nelle slide seguenti vedrete in modo più dettagliato alcune articolazioni, tra le più importanti del nostro corpo

slide25

L'articolazione del ginocchio è la più complessa dell'organismo sia dal punto di vista anatomico che funzionale perché dev'essere stabile e al tempo stesso deve permettere una buona mobilità.

Le OssaFormata da tre ossa: femore, tibia e rotula, sarebbe più corretto suddividerla in due articolazioni:· Femoro-rotulea (tra l'area posteriore della rotula e la faccia anteriore distale del Femore),· Femoro-tibiale(tra l'epifisi distale del Femore e l'epifisi prossimale della Tibia).

articolazione della spalla
ARTICOLAZIONE DELLA SPALLA

La cintura scapolare collega le ossa degli arti superiori allo scheletro assile.

slide27

L'anca è l'articolazione prossimale dell'arto inferiore. Situata a livello del bacino, collega la testa del femore con la cavità acetabolare.

L'anca appartiene alla famiglia delle enartrosi, è infatti un tipo di articolazione che ha due superfici articolari, una concava e una convessa, tenute a contatto da una capsula fibrosa rinforzata da legamenti. Le enartrosi sono le articolazioni più mobili del corpo umano: permettono movimenti di flessione-estensione, adduzione-abduzione, intrarotazione-extrarotazione e circumduzione.

slide28

Le articolazioni del piede si instaurano tra le 26 ossa che ne compongono lo scheletro. In base al segmento del piede considerato si distinguono:

Articolazioni della caviglia

Articolazioni del tarso

Articolazioni del metatarso

Articolazioni delle dita