slide1 l.
Download
Skip this Video
Download Presentation
Globalizzazione: tra lavoro infantile e piccoli schiavi

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 32

Globalizzazione: tra lavoro infantile e piccoli schiavi - PowerPoint PPT Presentation


  • 129 Views
  • Uploaded on

Globalizzazione: tra lavoro infantile e piccoli schiavi. Globalizzazione: tra lavoro infantile e piccoli schiavi.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Globalizzazione: tra lavoro infantile e piccoli schiavi' - zazu


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Globalizzazione: tra lavoro infantile e piccoli schiavi

Per cercare di conoscere meglio alcune cause del lavoro infantile prendiamo a pretesto un paese del sud del mondo come l’Africa, dove si coltiva una pianta, coltivata anche in Centroamerica,

il cacao

Poi incominceremo a farci alcune domande .

slide3

IL SAPORE AMARO DEL CACAO

BELIZE

HONDURAS

GUATEMALA

EL SALVADOR

NICARAGUA

COSTARICA

PANAMA

NIGERIA

BENIN

CAMERUN

GUINEA EQ.

GABON

CONGO

ZAIRE

L’ESTREMA POVERTÀ E IL CROLLO DEI PREZZI DELLE MATERIE PRIME (SOPRATTUTTO IL CACAO) ALLA BASE DELLA RIPRESA DEL TRAFFICO DI

PICCOLI SCHIAVI

slide4

Due esempi dal sud del mondo:

di fronte a questi dati, quello che più stupisce nella tragedia dello sfruttamento dei piccoli schiavi è ………. la sorpresa dell’occidente!

BELIZE

HONDURAS

GUATEMALA

EL SALVADOR

NICARAGUA

COSTARICA

PANAMA

NIGERIA

BENIN

CAMERUN

GUINEA EQ.

GABON

HONDURAS popolazione 5.600.000

Analfabetismo: 27,3% Mortalità infantile: 43 per 1000

Reddito annuo procapite: 1890 dollari

BENIN

POPOLAZIONE 5.937.000 con meno di 5 anni 1.033.000 con meno di 18 anni 3.175.000 REDDITO ANNUO PROCAPITE 380 dollari MORTALITÀ INFANTILE

99 per 1000 ANALFABETISMO

57 % popolazione maschile

81 % popolazione femminile

CONGO

ZAIRE

slide5

Quali responsabilità?

La liberalizzazione del mercato delle materie prime e la speculazione sulle borse hanno drasticamente ridotto i prezzi del cacao segnando la rovina dei paesi produttori

slide6

Ma noi cosa centriamo?

L’Unione Europea non è estranea a questi processi, anzi con le sue decisioni ha contribuito ad aggravare la situazione.

slide7

Contribuito come?

Ricordate la vicenda della cioccolata?

Nel 2000 il parlamento europeo ha varato la direttiva che permette l’uso di materie grasse al posto del burro di cacao, non ascoltando quanti avvisavano delle conseguenze che una simile decisione avrebbe avuto sulle piccole economie di quanti vivono della produzione del cacao. (solo in Africa sono circa 11.000.000)

slide8

…...e allora?

Allora dal 1998 al 2000 il prezzo del cacao era già sceso da 3.500.000 lire la tonnellata a circa 1.750.000 lire.

Ora a seguito di quella direttiva il prezzo continua a scendere e le pressioni economiche richiedono più competitività.

A proposito anche gli Europarlamentari Italiani hanno votato la delibera. Poi, magari fanno un viaggio in Africa, si turbano e scrivono un libro.

slide9

Più competitività……come?

Tragicamente nel modo più semplice: per essere competitivi anche con i prezzi bassi i produttori cercano di impegnare manodopera gratuita : nell’era della massima celebrazione del valore del mercato globale, la crescita della povertà ha segnato una ripresa del traffico di

piccoli schiavi

slide10

Ma è un “fenomeno” nuovo?

Se il “fenomeno” della schiavizzazione in Africa prima era prevalente nelle zone di conflitto - bambini soldato - ora risponde soprattutto a esigenze prettamente economiche.

Purtroppo il traffico di bambini schiavi, conosciuto soprattutto per il loro sfruttamento in Asia per la fabbricazione dei tappeti, oggi incomincia ad essere diffuso anche nelle piantagioni di cacao.

slide11

Un “fenomeno” in espansione

Secondo l’ILO (l’organizzazione internazionale del lavoro) sono 32.000.000 i bambini vittime di sfruttamento minorile in Africa.

Sono obbligati a lavorare nelle miniere, nelle piantagioni tra i pesticidi, nel commercio dove molte bambine sono sfruttate soprattutto nei lavori domestici.

slide12

32 milioni solo in Africa!!!

Ma allora nel mondo, quanti?

slide13

Lavoro infantile :i numeri.

INDIA: 55-60 milioni CINA: decine di milioni

PAKISTAN: 8 milioni BANGLADESCH: 15 milioni

THAILANDIA: 5 milioni BRASILE: 7 milioni

FILIPPINE: 5,7 milioninei soli settori industriali e commerciali

ITALIA: CENTINAIA DI MIGLIAIA

STIMA DI SINDACATI E ASSOCIAZIONI (LE STIME GOVERNATIVE SONO INFERIORI )

secondo dati UNICEF sarebbero almeno 100.000.000 i piccoli schiavi nel mondo.

FONTE MANI TESE- DOSSIER SUL LAVORO INFANTILE

slide14

Lavoro infantile : gli impegni

La conferenza di Amsterdam sullo sfruttamento minorile chiese che entro il 2000 si arrivasse alla sua messa al bando.

In che anno siamo oggi?

slide15

Lavoro infantile : quali le conseguenze?

1)Analfabetismo a vita: se gli rimane tempo e non è troppo stanco, mentre lavora il bambino potrà frequentare qualche scuola informale, ma non avrà nemmeno un diploma elementare. Analfabeta, non potrà difendere i propri diritti anche di lavoratore adulto.

slide16

Lavoro infantile : quali le conseguenze?

2)Salute minata: prima di tutto dalla stanchezza, poi l’esposizione continua a polveri di prodotti chimici o altro senza la prevenzione sull’ambiente di lavoro causano gravi danni agli organi respiratori,agli occhi, al fegato, ai reni. Portare pesi eccessivi pregiudica lo sviluppo osseo e la crescita.

slide17

Lavoro infantile : quali le conseguenze?

3) Danni psicologici: l’assenza di gioco o riposo, l’eventuale lontananza dalla famiglia non possono che avere ripercussioni negative sulla psiche infantile. Devastanti e senza ritorno sono poi gli effetti fisico-psicologici della prostituzione infantile.

slide18

Lavoro infantile : quali i pericoli?

1) Minaccia per gli adulti: il ricorso a bambini lavoratori sottopagati va di pari passo con la disoccupazione degli adulti e con la distribuzione ineguale delle ricchezze. Eliminata questa piaga sociale i lavoratori adulti avrebbero un maggiore potere di rivendicazione salariale e sociale.

slide19

Lavoro infantile : quali i pericoli?

2) Società impoverite per sempre: l’equazione “bambini=braccia da lavoro” abbinata all’alto tasso di mortalità infantile incentiva le nascite numerose e rinnova la spirale di povertà. Le nazioni erediteranno un’altra generazione di lavoratori a basso reddito, senza professionalità specifiche, analfabeti, magari debilitati o addirittura invalidi.

slide20

Lavoro infantile : quali i pericoli?

3) Il debito estero: grande colpevole che causa a tutti i popoli sudditi di governi indebitati i cosiddetti “piani di aggiustamento” del FMI (fondo monetario internazionale) e della BM (banca mondiale). Questi programmi chiedono di lavorare molto, vendere molto e consumare poco: cioè sfruttamento e tagli alle spese sociali (scuola, sanità, etc) fondamentali per la sopravvivenza di una famiglia pur con un reddito limitato.

slide21

Lavoro infantile : quali le cause?

1) L’intreccio tra povertà della famiglia e lavoro dei bambini è evidente.

Ma la coalizione SUDASIATICA contro la schiavitù infantile sostiene che il lavoro dei bambini - manodopera a basso costo, remissiva e vulnerabile - è anche CAUSA , e non solo CONSEGUENZA , di povertà sociale e individuale.

slide22

Lavoro infantile : quali le cause?

2) Un bambino producie ricchezza quasi quanto un adulto, ma viene pagato un terzo.

Far lavorare adulti con paghe corrette aumenterebbe il reddito famigliare e darebbe possibilità ad uno sviluppo endogeno.

slide23

Una possibile e immediata soluzione

PER EVITARE AL TEMPO STESSO LA FAME E IL LAVORO DEI BAMBINI BISOGNA SEMPLICEMENTE AUMENTARE LE PAGHE DEI GENITORI.

Già, ma forse si potrebbero avere problemi con le “leggi del mercato”!!!

slide24

Lavoro infantile : tante parole!

Come passa il tempo:nel 1990 il segretario dell’ONU Boutrus Ghali ricevette George Bush (il padre, ora abbiamo il figlio, domani forse lo …) e altri 34 presidenti, 27 primi ministri, un Re , un Duca e un Cardinale: si dava inizio al VERTICE MONDIALE SULL’INFANZIA. Grandi discorsi, impegni non solo morali ma anche finanziari per soccorrere:

200.000.000 di bambini costretti a lavorare.

150.000.000 di bambini denutriti.

30.000.000 di bambini che vivono per le strade delle metropoli.

7.000.000 di bambini profughi vittime delle guerre.

PROPOSITI FORTI PAROLE ELEVATE

MA DAL 1990 AD OGGI CHE COSA È SUCCESSO ?

slide25

Già cosa e successo?

NON È SUCCESSO NULLA

I BAMBINI DEL SUD DEL MONDO NON COMPRANO NÉ AEREI DA GUERRA, NÉ CARRI ARMATI, NÉ CANNONI NÉ ARMI.

I BAMBINI NON VOTANO

NON HANNO INCIDENZA NÉ ECONOMICA NÉ POLITICA

slide26

Ma chi ci guadagna?

La molla del profitto ad ogni costo fa sì che le imprese preferiscano i bambini o prodotti fabbricati dai bambini perché essi non hanno voce in capitolo e si possono sfruttare meglio.

I governi degli stati che utilizzano il lavoro minorile sono spesso complici diretti o indiretti.

slide27

Chi è complice ?

Anche noi consumatori del nord del mondo: quotidianamente siamo di fronte a miriade di merci diverse che possiamo liberamente scegliere di acquistare o meno.

I nostri soldi, inconsapevolmente, possono finanziare o sostenere delle industrie che promuovono atteggiamenti da noi coscientemente ritenuti negativi, quali l’utilizzo del lavoro infantile.

slide28

Cosa possiamo fare?

La decisione di acquisto oggi NON DEVE essere presa solo in base a termini di convenienza economica, di piacere personale o di banale abitudine.

In un mondo sempre più interdipendente dobbiamo saper guardare alle conseguenze GLOBALI dell’acquisto di un certo prodotto.

slide29

Coscientizzazione?

Si, dobbiamo imparare a conoscere e scegliere bene l’impatto sociale ed ambientale dei nostri acquisti.

Certo è “difficile” modificare le nostre abitudini, potremmo dire anche che è “impegnativo, faticoso, scomodo,...” ma se pensassimo solo un attimo a quanto ciò è importante ! Almeno proviamoci!

slide30

Un piccolo racconto

Birenter è un bambino nepalese: i suoi genitori avevano un debito di 1.000 rupie, circa 60.000 lire con un usuraio. Contadini poverissimi accettano la proposta di un “uomo d’affari” indiano:affittare il loro bambino che con il suo lavoro avrebbe pagato il debito. Ora Birenter lavora in una cava di granito ad Aravalli, stato indiano dell’Haryana. Birinter non ha mai messo piedi in una scuola, non sa neppure quanti anni ha. Il suo caposquadra dice forse tredici:guadagna 22 rupie-1.000 lire- per 8 ore al giorno, se riesce a tenere 12 ore la sua paga è di 31 rupie. Per il cibo ne deve versare 9 e inoltre, come tutti, deve dare il contributo per l’acquisto della dinamite che non viene fornita dal proprietario della cava: e senza dinamite, niente lavoro. Su quello che guadagna Birinter deve dare una percentuale all’ “uomo di affari” che lo ha fatto assumere, mentre l’altra fetta di salario serve per pagare gli interessi all’usuraio. A fine mese al ragazzo non rimarranno più di 2000 lire. Il debito dei suoi genitori non verrà mai pagato. Birinder rimarrà per anni nella cava fino a morire di silicosi. Ad Aravalli, dove la temperatura in certi giorni supera i 50°, lavorano 5 mila persone: circa 1.000 ha meno di 15 anni

slide31

AMICO POVERO

RASSEGNATI

È LA NEW-ECONOMY ….. AL TEMPO DEL COLERA!

1.300.000.000 di persone vivono con meno di 1$ al giorno: nel 1996 erano 100.000.000

slide32

IL LINGUAGGIO GLOBALE

  • DOCUMENTAZIONE UTILIZZATA
    • MANI TESE
    • BOYCOTT!
    • I PICCOLI DANNATI DELLA TERRA - di Bruno Crimi
    • UNICEF
    • Il sapore amaro del cacao - di Giuliana Sgregna
    • AMANECER - fondazione “Guido Piccini per i diritti dell’uomo”