slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Lezione 7 La costruzione dell’Unione Europea: primo atto PowerPoint Presentation
Download Presentation
Lezione 7 La costruzione dell’Unione Europea: primo atto

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 18

Lezione 7 La costruzione dell’Unione Europea: primo atto - PowerPoint PPT Presentation


  • 138 Views
  • Uploaded on

Lezione 7 La costruzione dell’Unione Europea: primo atto. Storia dell’integrazione europea. Dopoguerra e integrazione…. Europa: cuscinetto strategico tra Est e Ovest. 1948: inizio Guerra Fredda, ma anche del processo di integrazione. Creazione dell’OECE e Congresso dell’Aia.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Lezione 7 La costruzione dell’Unione Europea: primo atto' - ward


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Lezione 7

La costruzione dell’Unione Europea: primo atto

Storia dell’integrazione

europea

slide2

Dopoguerra e integrazione…

  • Europa: cuscinetto strategico tra Est e Ovest.
  • 1948: inizio Guerra Fredda, ma anche del processo di integrazione.
  • Creazione dell’OECE e Congresso dell’Aia.
  • Congresso dell’Aia: punto di ripartenza del dibattito europeista dopo la II GM.
slide3

Grandi correnti di pensiero…

  • Dopo la II GM: tre grandi correnti di pensiero europeista:
  • Confederalista: Stati nazionali unici depositari della sovranità; la cooperazione è determinata da accordi e organismi internazionali dipendono da volontà politica degli Stati-nazione.
  • Federalista: superamento Stati-nazione; sovranità sovranazionale e rapporto diretto con la volontà dei popoli.
  • Funzionalista: integrazioni settoriali; cessione sovranità progressiva e limitatamente a certi ambiti. Col tempo porta all’integrazione politica. Metodo gradualista per evitare il rischio di tensioni e frizioni.
slide4

Congresso dell’Aia…

  • 7 maggio 1948: Congresso dell’Aia, fortemente voluto da Winston Churchill.
  • Dopo un intenso confronto: risultati al di sotto delle aspettative.
  • Non c’è accordo per eleggere una Assemblea Costituente di Europa, ma si stabilisce di costituire una Assemblea nominata dai governi.
  • Scoglio della sovranità non è superato, ma si raggiunge tuttavia un accordo di massima.
  • Istituzione dell’OECE e, in un quadro di forte tensione politica, costituzione del Consiglio d’Europa.
slide5

Blocco di Berlino e difesa comune…

  • In questi anni: vero collante è l’approfondirsi delle tensioni tra i due blocchi, che spinge verso la ricerca di soluzioni di difesa comune.
  • Guerra fredda, non è solamente un concetto teorico: Blocco di Berlino da parte dell’URSS, uno dei momenti di crisi più importanti.
  • Dal 24 giugno 1948 all’11 maggio 1949 l’URSS blocca tutti gli accessi
  • stradali e ferroviari a Berlino Ovest.
  • Berlino Ovest: città assediata e senza viveri.
  • Forze armate anglo-americane decidono di realizzare un ponte aereo per rifornire Berlino.
  • Complessivamente: 280mila voli 2,5 milioni di merci trasportate.
  • 12 maggio 1949: l’URSS toglie il blocco a Berlino Ovest.
slide6

USA e difesa comune…

  • In questo quadro di tensioni: USA decidono un proprio impegno diretto in Europa nel campo della difesa militare.
  • Patto Atlantico: coordinamento delle forze militari americane ed europee a difesa dell’Europa, contro la minaccia sovietica.
  • USA e GB: dottrina del containment, per impedire che altri Stati si avvicinino alla sfera di influenza URSS.
  • Minaccia URSS: nemico esterno, che diventa un collante importante
  • della convergenza degli Stati europei verso una politica di coesione e di cooperazione.
  • Nemico esterno: consolida le alleanze e conferisce identità.
  • Ruolo dell’URSS: paragonabile a quello di Arabi e Turchi nel passato.
slide7

La decadenza del prestigio francese…

  • Guerra Fredda: drastica diminuzione del prestigio della Francia (crescita peso USA e URSS e declino coloniale).
  • Scarsa capacità francese di intervenire in prima persona sulla questione tedesca.
  • Piano Schuman e azione di Jean Monnet: ridanno alla Francia una certa centralità.
  • Inizio cooperazione Francia e Germania: corrisponde agli interessi di entrambi:
  • Francia: riconquista prestigio.
  • Germania: primo passo per uscire situazione inferiorità.
slide8

Piano Schuman: alcuni approfondimenti…

  • Piano Schuman: intercetta spinte e problemi ed è in grado di offrire risposte politicamente praticabili.
  • Visione politica: nazionalismo si è rivelato insufficiente e va sostituito con l’interdipendenza e l’integrazione.
  • Urgenza di tracciare uno spazio istituzionale adeguato ai nuovi rapporti internazionali.
  • Questo approccio è una critica profonda alle modalità con cui si sono costituiti in Europa gli Stati nazionali.
  • Integrazione politica: si deve partire dal cambiamento economico.
  • Questo modo di procedere porta alla costituzione della CECA.
  • Trattato: è firmato il 18 aprile 1951 per entrare in vigore il 27 luglio 1952.
slide9

La CECA: l’organizzazione…

  • Cosa prevede? Rinuncia ai poteri decisionali sovrani degli Stati in materia di carbone e acciaio.
  • Organizzazione CECA:
  • Alta autorità: vero e proprio governo della Comunità.
  • Assemblea parlamentare: nominata dai Parlamenti nazionali.
  • Consiglio: armonizza attività Autorità con Stati membri.
  • Corte di Giustizia: garantire rispetto norme del Trattato.
  • Piano Schuman e CECA: rappresentano parte unica dello stesso processo.
  • CECA: primo mercato comune europeo.
  • Dà soluzione a un problema irrisolto, pone basi MEC, affronta nodi strategici fase di ripresa.
  • Complessivamente: uno degli snodi più importanti dopoguerra.

Sede dell’Alta autorità della CECA a Lussemburgo

slide10

Il progetto di esercito comune europeo…

  • USA: preoccupati che una Europa frammentata non sia in grado di fronteggiare la minaccia URSS.
  • Altra iniziativa francese: il Piano Pleven, per la costruzione di un esercito europeo e una Comunità europea di difesa (CED).
  • Progetto: creazione di un esercito comune e di un Ministro europeo
  • della difesa.
  • Progetto difesa comune: si lega strettamente al progetto di un comune potere politico.
  • Dunque: accelerare per far nascere insieme CED e comunità politica.
  • Assemblea CECA: mandato di predisporre progetto, che disegna una struttura istituzionale molto articolata.

Sede dell’Alta autorità della CECA a Lussemburgo

slide11

La struttura della prima Comunità politica…

  • Nucleo di base: sistema parlamentare bicamerale con Camera e Senato eletti a suffragio universale e con medesime funzioni.
  • Potere esecutivo: affidato al Consiglio esecutivo europeo.
  • Inoltre: Corte di giustizia e Consiglio economico e sociale.
  • Vischiosità del sistema o meccanismi di garanzia?
  • Emergono molte resistenze al progetto, soprattutto da parte francese.
  • Punti di contrasto: rifiuto dell’idea che Stati-nazione siano in crisi; dubbi sulla cessione della propria autonomia militare.
  • 30 agosto 1954: Assemblea nazionale francese respinge progetto CED, e mette fine al primo piano di comunità politica europea.
  • Motivi del fallimento: abbandono del gradualismo per pratiche federaliste.

Sede dell’Alta autorità della CECA a Lussemburgo

slide12

Il ritorno a progetti di integrazione settoriale…

  • Esperienza CED ha mostrato inefficacia di provvedimenti «accelerati» e causa il ritorno a progetti graduali di integrazione settoriale.
  • Italia: molto attiva in questa fase.
  • 1955: creazione di un Comitato per lo studio di un nuovo progetto di Comunità.
  • 1956: presentazione del progetto della CEEA e della CEE.
  • Fatti di Suez: spostano l’attenzione sul progetto di Comunità dell’energia.
  • Negoziati procedono con un ruolo crescente della Francia (e Italia).
  • Mercato comune o protezionismo? Alla fine prevale un cauto ma significativo liberismo.
  • Italia: nonostante la sua relativa debolezza industriale «rischia» la carta dell’integrazione; gli esiti successivi diranno della giustezza della scelta.

Sede dell’Alta autorità della CECA a Lussemburgo

slide13

I Trattati di Roma…

  • 25 marzo 1957: a Roma vengono firmati i Trattati di CEE e CEEA.
  • Sebbene non si parli in modo esplicito di opzioni federaliste, si tratta di un passaggio molto importante.
  • Trattato CEE: introduce il metodo del negoziato permanente tra Stati.
  • Ci sono però alcuni elementi concreti: questione doganale e inizio
  • armonizzazione delle leggi e regolamenti nazionali.
  • Struttura istituzionale del trattato è di natura funzionalista e gradualista.
  • Modello particolare, forse insoddisfacente.
  • Però: unico modello realizzabile in quel determinato momento storico.

Sede dell’Alta autorità della CECA a Lussemburgo

slide14

L’organizzazione della CEE…

  • Al vertice due istituzioni: Consiglio e Commissione.
  • Consiglio: potere decisionale e funzioni esecutive; adotta proposte elaborate dalla Commissione.
  • E’ composto da rappresentanti dei governi nazionali.
  • Commissione: composta da perso-
  • nalità indipendenti dai governi.
  • Ha diritto esclusivo di proposta legislativa e di esecuzione legislazione.
  • Col tempo: tra Consiglio e Commissione si crea una dialettica costante.
  • Trattato di fusione del 1967: unificazione degli organismi CEE e CECA.
  • Fin dal 1967 vengono istituiti 3 organismi unitari:
  • Assemblea parlamentare: organismo politico.
  • Corte di giustizia: sviluppa sistema giuridico comunitario.
  • Comitato economico e sociale: ruolo consultivo.

Sede dell’Alta autorità della CECA a Lussemburgo