slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
cip PowerPoint Presentation
Download Presentation
cip

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 79

cip - PowerPoint PPT Presentation


  • 170 Views
  • Uploaded on

cip. comitato italiano paralimpico. CIP. Attività promozionale Attività agonistica Attività paralimpica. CIP. Il CONI vigila sulle attività del CIP

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'cip' - vesta


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

cip

comitato italiano paralimpico

www.marcantogninisammy.net

slide2
CIP
  • Attività promozionale
  • Attività agonistica
  • Attività paralimpica

www.marcantogninisammy.net

slide3
CIP
  • Il CONI vigila sulle attività del CIP
  • Il CIP tramite l’attività svolta dalla FISD (federazione italiana sport disabili) prepara gli atleti per le gare organizzate dal Comitato Internazionale (IPC)

www.marcantogninisammy.net

slide4
FISD
  • 38 attività sportive con una propria organizzazione e autonomia all’interno della Federazione

www.marcantogninisammy.net

slide5
CIP
  • Il CIP organizza corsi di formazione quali
  • Atleta guida
  • Arbitro
  • Istruttore
  • Tecnico
  • Classificatore HF (Handicap Fisico)

www.marcantogninisammy.net

special olympics
Special Olympics
  • Associazione benemerita del CONI che ha sottoscritto un protocollo d’intesa con il MIUR.
  • Obbiettivi di contribuire a garantire le migliori possibilità di integrazione a persone diversamente abili

www.marcantogninisammy.net

sogii
SOGII
  • SO get Into IT programma didattico ed educativo per sensibilizzare gli alunni nelle scuole

www.marcantogninisammy.net

formazione universitaria
formazione universitaria
  • Scienze motorie (modulo di ttd AMA)
  • Specialistica in scienze dell’ AMA
  • Corso di specializzazione della Scuola per insegnanti SSIS

www.marcantogninisammy.net

afa regione toscana
AFA regione toscana
  • Programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo e appositamente predisposti per cittadini con patologie croniche, finalizzati alla modificazione dello stile di vita per la prevenzione secondaria e terziaria della disabilità

www.marcantogninisammy.net

classificazione disabilit

classificazione disabilità

www.marcantogninisammy.net

disabilit funzionali
disabilità funzionali
  • Paralisi cerebrali
  • Interruzione della funzione di sistemi sensitivi (vista, udito…)
  • Anomalie cromosomiche (sindrome di Down, X fragile…..)
  • Situazioni risultanti da eventi traumatici
  • anosognosia

www.marcantogninisammy.net

disturbi correlati a deficit biologici specifici
disturbi correlati a deficit biologici specifici
  • Dislessia, disgrafia, discalculia……. (migrazioni neurali)
  • Disturbi della comunicazione (quando legati ad un danno neurale o all’apparato della produzione del linguaggio (bocca, lingua, corde vocali….)
  • Schizofrenia (malattia ereditaria?)

www.marcantogninisammy.net

disturbi non imputabili a deficit biologici
disturbi non imputabili a deficit biologici
  • Disturbo del comportamento
  • Disturbo d’ansia
  • Disturbi alimentari
  • Tossicodipendenza
  • Comportamento deviante

www.marcantogninisammy.net

damasio
damasio
  • marcatore somatico

www.marcantogninisammy.net

damasio1
damasio
  • le aree prefrontali come dispositivi di classificazione e schedatura delle emozioni.

www.marcantogninisammy.net

slide16
I soggetti con danni a tali zone cerebrali non sono in grado di dare un’etichetta (marcatore somatico) alle sensazioni che il corpo sperimenta

www.marcantogninisammy.net

slide17
per tale motivo ogni loro scelta o struttura di apprendimento non è guidata dall’esperienza degli eventi storici precedenti……

www.marcantogninisammy.net

slide18
Tali pazienti ricordano il fatto, il profumo, il suono e ricordano anche il contesto e gli aspetti temporali, ma non sono in grado di recuperare l’etichetta emotiva corrispondente, proprio perché il dispositivo di raccolta e classificazione è distrutto.

www.marcantogninisammy.net

slide19
“I sentimenti e le emozioni possono non essere affatto degli intrusi entro le mura della ragione: potrebbero essere intrecciati nelle sue reti, per il meglio e per il peggio”

www.marcantogninisammy.net

slide20
“Io suggerisco soltanto che certi aspetti del processo dell’emozione e del sentimento sono indispensabili per la razionalità”

www.marcantogninisammy.net

slide21
L’essenza di un sentimento o un’emozione può non essere una qualità mentale elusiva legata a un oggetto, ma piuttosto la percezione diretta di un paesaggio specifico, quello del corpo

www.marcantogninisammy.net

slide22
Queste informazioni sono centrali per capire e gestire l’attività con soggetti normalmente abili e non……

www.marcantogninisammy.net

slide23
Le indicazioni sono che non esiste apprendimento che si stabilizza nel soggetto se privo di aspetti emotivi

www.marcantogninisammy.net

slide24
Inoltre esistono apprendimenti che si stabilizzano collegati a marcatori somatici positivi o negativi ma mai neutri

www.marcantogninisammy.net

slide26
Apprendimenti collegati a marcatori somatici negativi tendono ad essere evitati e non riprodotti.

www.marcantogninisammy.net

slide27
Quindi l’azione dell’insegnante o dell’educatore o allenatore è un’azione di mediazione

www.marcantogninisammy.net

slide28
Questa mediazione ha due mission principali
  • Intervenire nella zona di sviluppo prossimale (Vigotskij)
  • Tentare di colorarel’apprendimento con emozioni piacevoli (Damasio)

www.marcantogninisammy.net

slide29
La mediazione può diventare più efficace se l’educatore invece di dare solo risposte si preoccupa di fare domande

www.marcantogninisammy.net

slide30
La mediazione può diventare più efficace se è trascendente e cioè il suggerimento o l’indicazione che l’educatore fornisce non riguardano solo il qui ed ora ma possono essere riutilizzati anche in altri contesti di apprendimento.

www.marcantogninisammy.net

slide31
il pensiero non è trascendente ma dipende dal corpo e dal cervello; è parte del corpo. Il significato scaturisce da relazioni con funzioni e necessità del corpo. La mente non rispecchia la natura.

(Putnam, Millikam, Langacker, Lakoff, Johnson, Searle, Edelman)

www.marcantogninisammy.net

slide32
la mente è tanto accuratamente modellata dal corpo e destinata a servirlo che dal corpo può scaturire una sola mente. Se non c’è corpo, non c’è mente. Per ogni corpo, mai più di una mente.

Damasio

www.marcantogninisammy.net

slide33
i modelli cognitivi sono creati dagli esseri umani e in questo senso sono idealizzati: sono, cioè, astrazioni. Essi dipendono tuttavia dalla formazione di immagini come risultato dell’esperienza sensoriale e dipendono anche dall’esperienza cinestesica, la relazione tra il corpo e lo spazio.

“Edelman”

www.marcantogninisammy.net

slide34
quel che è importante cogliere è che i modelli cognitivi idealizzati implicano incorporamento concettuale e questo si realizza mediante attività del corpo prima del linguaggio

“Edelman”

www.marcantogninisammy.net

slide36
3 fasi di attività

www.marcantogninisammy.net

slide37
fase di costruzione

www.marcantogninisammy.net

slide38
fase di gioco

www.marcantogninisammy.net

slide39
rimettere in ordine

www.marcantogninisammy.net

slide40
impariamo a leggere

www.marcantogninisammy.net

slide41
conosciamo le emozioni

www.marcantogninisammy.net

slide42
il contatto con l’altro

www.marcantogninisammy.net

slide43
tra il 15° e il 18° mese, la competenza che i bambini mostrano negli incontri tra coetanei cresce rapidamente. I bambini si impegnano nell’imitazione speculare l’uno dell’altro ed effettuano con successo crescente interazioni complementari e reciproche, che sono veri e propri giochi a due, contrassegnati da divertimento e gratuità

www.marcantogninisammy.net

slide44
selettività

se i bambini vanno fatti incontrare ad intervalli regolari, dimostrano di preferire quasi sempre la compagnia dello stesso coetaneo. (coppie stabili di amici)

www.marcantogninisammy.net

slide46
respirare profondamente è sentire profondamente. Se respiriamo in profondità nella cavità addominale, quella regione si anima. Se la nostra respirazione non è profonda, reprimiamo certi sentimenti associati all’addome.

lowen

www.marcantogninisammy.net

slide47
in questo tipo di attività è centrale insegnare a respirare ai nostri allievi

www.marcantogninisammy.net

slide49
nelle attività in classe o nella valutazione in

studio sono coinvolti solo alcuni aspetti

www.marcantogninisammy.net

slide50
nell’attività di gioco e quindi motoria sono coinvolti numerosi aspetti a partire dagli apparati sensoriali, fino alla vasta gamma di emozioni che vanno a “colorare” l’apprendimento rendendolo stabile

www.marcantogninisammy.net

slide51
“ciò che veramente conta non può essere contato”.

W. Thompson

www.marcantogninisammy.net

slide52
i valori dell’IO riguardano la soddisfazione che ci dà il conseguimento di un obiettivo; quelli corporei, invece, il piacere fisico che proviamo in una qualsiasi attività svolta con grazia. Se concentriamo tutta l’attenzione sul conseguimento dell’obiettivo, sacrifichiamo il piacere di muovere verso di esso.

Lowen

www.marcantogninisammy.net

bioenergetica

bioenergetica

www.marcantogninisammy.net

slide54
Il corpo non conosce il successo e l’insuccesso, queste sono funzioni dell’EGO. Il corpo conosce solo piacere e dolore

lowen

www.marcantogninisammy.net

con un nuovo gruppo
con un nuovo gruppo
  • disposizione in cerchio e partendo da uno ogni membro del gruppo dice il proprio nome e quello dei membri precedenti a lui nel cerchio

www.marcantogninisammy.net

confronto con gli atleti
confronto con gli atleti
  • Che cosa è un’emozione?
  • Si possono evitare le emozioni?
  • Come fate a capire che state provando un’emozione?

www.marcantogninisammy.net

slide57
alla fine di ogni esercizio domandare come si sentono, quali sono le emozioni predominanti

www.marcantogninisammy.net

grounding
grounding

www.marcantogninisammy.net

grounding di gruppo
grounding di gruppo

www.marcantogninisammy.net

esercizi
esercizi
  • Camminare lentamente in contatto con se stessi, respiro e pavimento
  • Incontrando lo sguardo degli altri
  • Ad occhi chiusi e contattare gli altri con le mani cercando di capire chi sono
  • Ad occhi aperti

www.marcantogninisammy.net

il cieco
il cieco
  • A coppie uno guida e l’altro fa il cieco e viceversa. Il cieco viene tenuto per mano e fatto camminare lentamente per la palestra. Si consiglia a chi guida di entrare in contatto con il senso di responsabilità e al cieco con la capacità di affidarsi

www.marcantogninisammy.net

la scultura
la scultura
  • a coppie, uno modella il corpo dell’altro costruendo delle forme. La scultura si lascia modellare.

www.marcantogninisammy.net

massaggi
massaggi

www.marcantogninisammy.net

abbandonarsi
abbandonarsi
  • l’atleta si lascia cadere e il gruppo lo afferra e lo sostiene. Il trainer fa entrare in contatto l’atleta con la capacità di abbandonarsi e la fiducia nel confronto del gruppo

www.marcantogninisammy.net

slide65
la capacità di contenersi è cosciente e volontaria e presuppone la capacità di lasciarsi andare. Se non ci si sa abbandonare perché il controllo è inconscio e strutturato nel corpo, non si può nemmeno parlare di autocontrollo come espressione cosciente del sé. In questo caso la persona non si contiene: è contenuta.

“Lowen”

www.marcantogninisammy.net

giochi di contatto
giochi di contatto
  • Il gruppo si dispone in cerchio e a turno uno alla volta “rotola” appoggiandosi sulla parte posteriore del corpo dei compagni

www.marcantogninisammy.net

tappeto umano
tappeto umano
  • Un soggetto alla volta rotola sul corpo dei compagni disposto a tappeto.

www.marcantogninisammy.net

slide68
Ascolto le vibrazioni del mio respiro

Espansione Contrazione

www.marcantogninisammy.net

slide69
esercizio del sostenere e dell’essere sostenuto……..nel gioco preferisco sostenere o essere sostenuto…….nella vita preferisco sostenere o essere sostenuto

www.marcantogninisammy.net

slide70
la mia indentità!!!!!!

www.marcantogninisammy.net

dire il proprio nome
Dire il proprio nome!!!!!!

www.marcantogninisammy.net

slide72
Dire sì!!!!
  • Dire no!!!!

www.marcantogninisammy.net

slide73
La consapevolezza di sé o il senso di identità dipendono dalla capacità di dire NO! L’asserzione del NO delimita l’individuo all’interno del suo ambiente e afferma la sua individualità nei confronti degli altri. La persona che è capace di dire no è capace di dire anche SI. La persona che non sa dire no è sottomessa e piena di risentimento. La capacità di dire no dipende dalla libertà interna dalle limitazioni, ovvero dalla libertà dalla tensione muscolare cronica, che costituisce una limitazione dell’assertività e della consapevolezza di sé dell’individuo

Lowen

www.marcantogninisammy.net

slide74
Noi insegnanti che capacità abbiamo nel dire NO! Gli individui con capacità bassa a di dire NO avranno molta difficoltà probabilmente anche a dire SI…….

www.marcantogninisammy.net

slide75
Come pretendiamo allora che i nostri studenti dicano SI ai nostri consigli, alle nostre attività e alle nostre indicazioni

www.marcantogninisammy.net

slide76
NO è un espressione di opposizione che costituisce la pietra miliare dell’individualità!

Lowen

www.marcantogninisammy.net

slide77
I nostri NO sono definitivi oppure sono pressappoco….forse……… adesso vediamo?

www.marcantogninisammy.net

slide78
La chiave della salute è vivere pienamente la vita del corpo. Significa che il sentire è più importante del fare, essere liberi più importante che essere ricchi e che il presente è sempre più importante del futuro

“lowen”

www.marcantogninisammy.net

slide79
La paura ha un effetto paralizzante sullo spirito; congela il corpo contraendo i muscoli. Se questo stato persiste, il corpo si intorpidisce e non la si sente più. E’ la condizione in cui si trovano per la maggior parte le persone che vengono in terapia: sono depresse, ma non spaventate e neppure tristi. E’ compito del terapeuta metterle a contatto con la loro paura facendo in modo che avvertano le tensioni presenti nel corpo: quando tenteranno di riattivarne le zone contratte, proveranno paura

www.marcantogninisammy.net