slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
A centotrenta anni dall’invenzione della celluloide PowerPoint Presentation
Download Presentation
A centotrenta anni dall’invenzione della celluloide

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 15

A centotrenta anni dall’invenzione della celluloide - PowerPoint PPT Presentation


  • 131 Views
  • Uploaded on

A centotrenta anni dall’invenzione della celluloide. a quasi settanta dalla comparsa delle prime calze in nylon , la plastica , nelle sue sconfinate declinazioni. è diventata protagonista della nostra epoca. La plastica si ottiene dalla lavorazione del petrolio.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

A centotrenta anni dall’invenzione della celluloide


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

A centotrenta anni dall’invenzione della celluloide

a quasi settanta dalla comparsa delle prime calze in nylon, la plastica, nelle sue sconfinate declinazioni

è diventata protagonista della nostra epoca.

La plastica si ottiene dalla lavorazione del petrolio

slide2

1941: viene prodotta la prima fibra poliestere, il Terylene.[1]

Sono dette materie plastiche quei materiali artificiali

e pressione subiscono variazioni

permanenti di forma.

con struttura macromolecolare

Si dividono in termoplastici, termoindurenti ed elastomeri. Le

gomme, pur avendo chimicamente e tecnologicamente molti aspetti in comune con le

materie plastiche, non sono normalmente considerate tali

slide3

Si dividono in termoplastici, termoindurenti ed elastomeri. Le

gomme, pur avendo chimicamente e tecnologicamente molti aspetti in comune con le

materie plastiche, non sono normalmente considerate tali

Termoplastica

slide4

Termoindurenti: sono un gruppo di materie plastiche che, dopo una fase iniziale

di rammollimento dovute al riscaldamento, induriscono per effetto di

reticolazione tridimensionale; nella fase di rammollimento per effetto

combinato di calore e pressione risultano formabili.

Se questi materiali vengono riscaldati dopo l'indurimento non ritornano più a

rammollire, ma si decompongono carbonizzandosi

slide5

Caratteristiche

Le caratteristiche vantaggiose delle materie plastiche rispetto ai materiali metallici e

non metallici sono la grande facilità di lavorazione, l'economicità, la colorabilità,

l'isolamento acustico, termico, elettrico, meccanico (vibrazioni), la resistenza alla

corrosione e l'inerzia chimica, nonché l'idrorepellenza e l'inattaccabilità da parte di

muffe, funghi e batteri

slide7

bruciando materiali plastici negli

inceneritori infatti si generano diossine (solo per quanto riguarda i polimeri che

contengono atomi di cloro nella loro molecola, come ad esempio il PVC), una famiglia di

composti tossici. Queste difficoltà hanno incentivato negli ultimi anni la diffusione

della bioplastica, in cui una piccola percentuale di resina è sostituita da farine vegetali

quale quella di mais.

slide8

Tra le lavorazioni a cui vengono sottoposte le materie plastiche, si annoverano:[5]

·· stampaggio per compressione

·· stampaggio ad iniezione[6]

·· stampaggio per trasferimento

·· formatura per estrusione[7]

·· calandratura

·· spalmatura

·· colata

·· soffiaggio[8]

·· termoformatura[9]

·· estrusione in bolla

·· pultrusione.

slide9

Le stesse caratteristiche che rendono la plastica adatta a così tante applicazioni industriali, la sua resistenza e la sua stabilità, rappresentano un problema per gli ecosistemi marini. Ogni anno vengono prodotte quasi dieci milioni di tonnellate di plastica, il 10 per cento delle quali finisce in mare. Il 20 per cento di questa plastica viene gettata dalle imbarcazioni e dalle piattaforme, mentre il resto arriva dalla terraferma.

slide10

Circa 4/5 del rifiuto in mare arriva da terra sospinto dal vento o trascinato da scarichi d'acqua e fiumi . Solamente il 20% proviene da rifiuti dispersi in mare dalle navi. Quasi il 90% del rifiuto galleggiante in mare è costituito da plastica.

Si stima che sia finito in mare il 5% di tutta la plastica prodotta dagli anni 50 in poi.

slide11

A livello mondiale sono almeno 143 le specie marine che sono rimaste vittime di entanglement ( quando gli animali rimangono imbrigliati in sacchetti, reti o altri rifiuti plastici e finiscono per morire di fame, soffocamento o annegamento) con la quasi totalità delle specie di tartarughe marine che inghiottono i sacchetti scambiandoli per meduse, la loro preda principale. Le specie che inghiottono plastica sono stimate in 177 di cui il 95% è costituito da uccelli marini

slide12

La plastica biodegradabile è costituita da materiali rinnovabili come l'amido di mais, un materiale presente in natura. Non solo: la produzione di prodotti in materiale bioplastico produce emissioni di biossido di carbonio nettamente inferiori, e questa è una buona notizia per la nostra atmosfera "intossicata". Ancora meglio: la bio-plastica si decompone molto più rapidamente della plastica non biodegradabile, un punto a favore nella lotta al problema delle discariche sul nostro pianeta

La plastica biodegradabile, al contrario, può essere assorbita dal terreno e diventare nuovamente fertilizzante per piante e cibo per i microrganismi presenti nella terrà.

slide13

Fig.2 Lo schema illustra il ciclo di produzione di contenitori in materie plastiche a basso impatto ambientale. La gran parte della materia prima ha provenienza agricola; il chimico interviene per modificare le caratteristiche del materiale (meccaniche, termiche,…) per renderlo adatto all'uso, ma facendo attenzione a non alterare le sue caratteristiche di biodegradabilita'

slide15

lavoro sulla plastica in collaborazione degli alunni

Alessia Cugnigni, Eleonora Girolami, Martina Ferroni e Valentina Lupi della 2a C

Gabrielli Anese, ILaria, M. Chiara,

Aurora 2^D

Francesco.Ciccone. Priscilla Di benedetto

Catalucci M,Stella "^ A