come percepiamo la realt n.
Download
Skip this Video
Download Presentation
Come percepiamo la realtà?

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 26

Come percepiamo la realtà? - PowerPoint PPT Presentation


  • 116 Views
  • Uploaded on

Come percepiamo la realtà?. ATTRAVERSO LE IMMAGINI MENTALI. Le componenti del processo immaginativo Supponete di voler descrivere a qualcuno la vostra casa, dall’aspetto esterno fino ai dettagli dell’arredamento.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Come percepiamo la realtà?' - thi


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
come percepiamo la realt
Come percepiamo la realtà?

ATTRAVERSO LE IMMAGINI MENTALI

slide3
Le componenti del processo immaginativo

Supponete di voler descrivere a qualcuno la vostra casa, dall’aspetto esterno fino ai dettagli dell’arredamento.

slide4
Dovete anzitutto richiamare a voi stessi, nel modo più vivido e articolato possibile, l’immagine della casa in modo da comunicare all’interlocutore una descrizione che gli permetta di farsi a sua volta una immagine di quanto gli riferite.

la vostra mente deve ricostruire l’immagine della facciata e poi una mappa dell’interno

slide5
Quanto prodotto ed elaborato a livello di immaginazione può essere comunicato con
  • una descrizione verbale
  • o riprodotto medianteuno schizzo o undisegno.

Infatti spesso è necessario trasformare mentalmente l’immagine per riuscire a ruotare le coordinate della mappa mentale e ripercorrere meglio i vari particolari.

slide6
La costruzione della realtà interiore è mediata dalle immagini e si sviluppa quando la mente - grazie alla maturazione neuronale e all’apprendimento - è in condizione di cogliere i significati simbolici della realtà esterna
slide7
Sono le immagini che consentono di anticipare i comportamenti prima di metterli in atto e di creare un mondo interiore in cui desideri ed emozioni possono essere tematizzati
slide8
Come si suddividono

le immagini

(o rappresentazioni)?

slide9
Rappresentazioni

Esterne Interne

(o mentali)

Pittoriche Linguistiche Simboliche Distribuite

Analogiche Proposizionali

(immagini, modelli Proposizioni

mentali)

slide10
Le rappresentazioni analogiche sono immagini che possono essere:

uditive olfattive gustative tattili

Infatti possiamo ricostruire mentalmente non solo l’immagine visiva di un tramonto o il volto di una persona, ma anche:

  • il fischio di un treno
  • ricordare il profumo di un certo fiore
  • il gusto di un buon vino
  • la ruvidezza di un tessuto
le immagini mentali si producono
ConsapevolmenteLe immagini mentali si producono

con il supporto della nostra volontà

  • Istintivamentea seguito di una stimolazione esterna

(ES: se udiamo, al di fuori della nostra finestra e in lontananza, uno stridio di freni e subito dopo suoni ripetuti di clacson istintivamente nella nostra mente si formerà un’immagine di un incidente stradale, e a seconda delle nostre esperienze la costruiremo in maniera più o meno tragica e reagiremo ad essa diversamente).

slide12
La struttura e il contenuto delle immagini sono determinati dalla storia evolutiva peculiare dell’individuo.

Ogni immagine rappresenta l’essenza di un insieme di esperienze passate

slide13
Le immagini mentali

si basano :

  • sulle nostre esperienze personali,
  • sulle caratteristiche di base della nostra personalità
  • sugli stati d’animo del momento, divenendo il punto di contatto tra una stimolazione esterna e la nostra realtà interiore
  • Sulla “fonte” dei dati percettivi
slide14
Le immagini mentali sono:
  • mutevoli
  • facili da trasformare
  • funzionalmente informali e indefinite
  • non restano le stesse per molto
  • scorrono veloci come i fotogrammi di uno spot.
slide15

Le immagini possono essere immagazzinate dalla memoria a lungo termine depositate in un “taccuino visuo-spaziale” (dove saranno mantenute il tempo necessario per ispezionarne le parti mentalmente)

al processo immaginativo si associa
una componente

psicofisiologica

(codificata in risposte

a livello somatico)

Per esempio: ricordando la casa della propria infanzia grazie a questa componente si può attivare un’interpretazione con un significato emotivo

una rappresentazione cerebrale (costituita da una mappa aggiornata delle afferenze provenienti dalla periferia)

Al processo immaginativo si associa:
slide17
Pensare esige immagini, e le immagini contengono pensiero, ma in uno stadio “elastico” che il contesto definisce e precisa.
come si immagina la malattia
Come si “immagina” la malattia

Un paziente malato di cancro potrebbe vedere la propria malattia come un’enorme macchia nera, una parte oscura…

slide20
Solo in un secondo tempo ed in seguito all’accettazione della malattia, l’immagine potrà assumere connotati meno spaventosi e il paziente potrà iniziare a “lottare” per la sua guarigione.
slide21
Un caso famoso

Il dottor Carl Simonton, un radiologo dell’Università del Texas, nel 1971 si trovò a visitare un paziente di sessantun anni affetto da un tumore alla gola, ormai in stadio avanzato.

La prognosi era particolarmente sfavorevole e il dottore non credeva probabile che l’uomo potesse rispondere positivamente al ciclo di radiazioni generalmente prescritto in casi del genere. Quindi, suggerì al paziente di provare anche con la tecnica delle visualizzazioni e di ripeterla parecchie volte al giorno.

slide22
La tecnica consisteva, inizialmente, nel visualizzare il cancro in un modo vivido, realistico e poi di provare la stessa cosa relativamente al suo sistema immunitario. Il paziente, si costruì un immagine mentale delle sue cellule immunitarie come se periodicamente si trasformassero in una tempesta di particelle bianche, simili a fiocchi di neve, che investivano e sovrastavano un ammasso di roccia scura identificato con il suo cancro.

Nel giro di qualche settimana il tumore era realmente regredito e dopo circa due mesi scomparso del tutto.

slide23
Ma casi simili non sono rari e vengono ormai documentati con sempre maggiore serenità anche dal mondo scientifico.

E’ il potere della mente sul corpo che oggi non va più trascurato.

slide24
Naturalmente in guarigioni del tipo di cui abbiamo descritto, possono intervenire anche mille altri fattori a modificarne il decorso ma di certo le visualizzazioni che il paziente ha adottato hanno avuto il loro peso.

Le immagini mentali, dunque, possono provocarci emozioni positive e servono a migliorare il nostro stato fisico e psichico.

slide25
Vi è una forte connessione

tra EMOZIONI E MALATTIE

Emozioni negative indebolimento delle difese immunitarie, alterata funzionalità di apparati e organi, inibizione del sistema neuro endocrino tristezza, depressione

Convinzioni positive rinforzo delle difese immunitarie e attivazione del sistema neuro endocrino serenità, buon umore, voglia di vivere

slide26

Immaginarci felici

è il primo passo

verso la felicità !