riconoscimento di malattie professionali quali ricadute per il datore di lavoro l.
Download
Skip this Video
Download Presentation
Riconoscimento di malattie professionali: quali ricadute per il datore di lavoro?

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 21

Riconoscimento di malattie professionali: quali ricadute per il datore di lavoro? - PowerPoint PPT Presentation


  • 213 Views
  • Uploaded on

Riconoscimento di malattie professionali: quali ricadute per il datore di lavoro?. Tutela obbligatoria Inail: fonti normative. Testo Unico approvato con D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965 (art.3 e 139) D.Lgs. n. 38 del 23 febbraio 2000 (art.10).

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Riconoscimento di malattie professionali: quali ricadute per il datore di lavoro?' - thane


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
tutela obbligatoria inail fonti normative

Tutela obbligatoria Inail: fonti normative.

Testo Unico approvato con D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965 (art.3 e 139)

D.Lgs. n. 38 del 23 febbraio 2000 (art.10)

Rosanna Iacovera

slide3
L’assicurazione è obbligatoria per i lavoratori addetti alle attività considerate a rischio specifico (diretto od ambientale) con presunzione juris et de jure secondo i criteri fissati dall’art. 1 DPR 1124/65.

Esonera il datore di lavoro (dirigenti, preposti, lavoratori) da responsabilità civile per le voci di danno oggetto dell’assicurazione.

Tutela il lavoratore (escluso dolo e rischio elettivo) erogando prestazioni per inabilità temporanea assoluta al lavoro (a decorrere dal 4° giorno) e/o per invalidità permanente assoluta o parziale (a decorrere dal 6%).

Rosanna Iacovera

riconoscimento delle malattie professionali sistema cd misto
Riconoscimento delle malattie professionali- sistema cd. “misto”

La malattia rientra nella tutela obbligatoria:

se “ indicate nella tabella allegato n. 4 al DPR 1124/65, le quali siano contratte nell’esercizio e a causa delle lavorazioni specificate nella tabella stessa ed in quanto tali lavorazioni rientrino fra quelle previste nell’art.1…” (art.3, tabella/riconoscimento delle prestazioni, DPR 482/1975, DPR 336/94, D.M. 9.4.2008);

ovvero

se contratta nell’esercizio e a causa delle lavorazioni assicurate con onere a carico del lavoratore di dimostrarne il rapporto causale con il lavoro ( sentenza Corte Costituzionale n.179/88).

Rosanna Iacovera

slide5
Infatti,

la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale - in riferimento all’art.38, co.2 - dell’art.3, comma primo in quanto, “in aggiunta alla previsione tabellare,non consente (nell’ambito delle attività protette industriali e agricole di cui rispettivamente agli artt.1 , 206…DPR 1124/65) l’indagine sull’eziologia professionale delle malattie indipendentemente dagli elenchi stabiliti e dai tempi della manifestazione morbosa richiesti dalla legge.”

Concludendo,

condizione essenziale per la sussistenza della tutela Inail non è il rapporto di lavoro ma l’esercizio delle attività protette individuate dall’art.1, pertanto, rientrano nella tutela obbligatoria tutte le MP (previste in “tabella”, o non previste ma di cui si dimostri l’origine professionale) causate dalle lavorazioni assicurate.

Rosanna Iacovera

tutela codice civile
Tutela codice civile

Se il lavoratore non rientra nell’assicurazione obbligatoria o la patologia non è riconducibile alle lavorazioni protette ex art.1 DPR 1124/65 potrà agire in sede civile nei confronti del datore di lavoro, provandone la responsabilità (contrattuale).

Rosanna Iacovera

obbligo di denuncia del medico art 139 dpr n 1124 65
Obbligo di denuncia del medico (art.139 DPR n.1124/65)

“E’ obbligatoria per ogni medico che ne riconosca l’esistenza, la denuncia delle malattie professionali, che saranno indicate in un elenco da approvarsi con decreto del Ministero del lavoro di concerto con quello della sanità..”

La denuncia deve essere fatta alla ASL competente per territorio, in caso di inadempimento è prevista una sanzione amministrativa, maggiorata per il “medico di fabbrica”.

Il primo D.M. è datato 18 aprile 1973 e sostanzialmente ricalca la tabella delle malattie professionali.

Rosanna Iacovera

art 10 d lgs 38 2000
Art.10 D. Lgs. 38/2000

Indica gli strumenti per l’aggiornamento sistematico dell’elenco previsto dall’art.139 DPR 1124/65 e della tabella prevista dall’art.3 DPR citato:

  • istituzione commissione scientifica per revisione periodica elenco malattie di cui artt. 139, 3 e 211
  • obbligo per medico accertatore di inoltrare anche all’Inail la denuncia di malattia indicata in apposito elenco prevista ex art.139 per Asl (D.M.18.4.73, DM 27.4.2004, D.M. 14.1.2008, D.M. 11.12.2009);
  • istituzione registro nazionale malattie causate da lavoro o correlate, presso bancadati Inail

Rosanna Iacovera

tabelle a carattere prevenzionale statistico epidemiologico art 139 t u n 1124 65
Tabelle a carattere prevenzionale-statistico/epidemiologico (art.139 T.U. n.1124/65)
  • D.M. 27 aprile 2004 (Lista I, II, III); Lista II, Gruppo 7 “Malattie psichiche e psicosomatiche da disfunzioni dell’organizzazione del lavoro”
  • D.M. 14 gennaio 2008
  • D.M. 11.12.2009

Rosanna Iacovera

tar lazio sentenza n 5454 2005
TAR Lazio sentenza n.5454/2005
  • Annulla la circ.71/2003 con cui L’Inail dava indicazioni operative per l’istruttoria delle patologie da disturbi psichici da costrittività organizzativa sul lavoro;
  • conferma il sistema basato “..sull’indennizzo sia delle malattie”tabellate” sia delle patologie non predefinite ma solo nel senso che la malattia professionale è indennizzata, indipendentemente dalla sua inclusione nelle tabelle allegate al DPR 1124/65 se ne sia accertata la sua derivazione causale dall’esercizio d’una delle lavorazioni di cui al precedente art.1.Non v’è indennizzo se non per rischio lavorativo specifico..Il limite legislativo dell’assicurazione sociale si basa proprio sull’equilibrio tra requisiti soggettivi ed oggettivi ai fini della concessione dell’indennizzo, senza possibilità di forzature…”

Rosanna Iacovera

consiglio di stato sentenza 1576 2009
Consiglio di Stato sentenza 1576/2009

Conferma sentenza TAR per cui “..il sistema misto opera nel senso che la malattia professionale è indennizzata se trova la sua derivazione causale nell’esercizio di una lavorazione di cui all’art.1 del DPR…che condiziona l’intervento dell’assicurazione obbligatoria per le malattie professionali anche non tabellate, alla sussistenza di un rischio “specifico” (e non già comune)cui è esposto il lavoratore addetto a determinate lavorazioni, presuntivamente e preventivamente valutate pericolose dal legislatore mediante, appunto, l’espressa previsione delle attività protette di cui allo stesso art.1”..

Rosanna Iacovera

slide13
Annulla il D.M. 27 aprile 2004 nella parte in cui approvando la lista II, contenente “le malattie la cui origine lavorativa è di limitata probabilità” vi ha inserito il gruppo 7 “malattie psicosomatiche da disfunzioni dell’organizzazione del lavoro”… non legittimamente inseribili, neppure in prospettiva..tra le malattie di cui alla tabella aggiornata dell’art.3 DPR cit., aggiornamento cui è volto il potere esercitato con il DM impugnato ai sensi dell’articolo 10 del D.Lgs. 38/2000”.

Rosanna Iacovera

conseguentemente
conseguentemente…..

dovrebbe risultare nulla l’analoga previsione dei successivi D.M. 14.1.2008 e D.M. 11.12.2009 (gruppo 7, lista II), emanati prima della pronuncia del Consiglio di Stato ma rientrante, quale atto amministrativo, nella disciplina legislativa della L.241/90

(“è nullo il provvedimento amministrativo che…è stato adottato in violazione del giudicato”, art.21 septies)

Rosanna Iacovera

ministero del lavoro interpello n 9 2009
Ministero del Lavoro Interpello n.9/2009

“..l’obbligo di denuncia del datore di lavoro e della relativa sanzione in caso di ritardo/omissione risultano comunque subordinati alla trasmissione...del certificato medico contenente tutti i requisiti previsti dal citato art.53, indispensabile allo stesso datore di lavoro per venire a conoscenza dello stato di salute del lavoratore; certificato che, evidentemente, deve avere i medesimi contenuti sia nella copia trasmessa all’Istituto, sia nella copia che l’Istituto trasmette al datore di lavoro”.La legge sulla privacy, come emerge dallo stralcio del Provvedimento Generale del 2006 consente al datore di lavoro di conoscere lo stato di salute del lavoratore per adempiere ai propri obblighi “..in caso di denuncia di infortuni e malattie professionali; essa, infatti, per espressa previsione normativa, deve essere corredata da specifica certificazione medica.”

Rosanna Iacovera

riconoscimento da parte dell inail e conseguenze per il datore di lavoro
Riconoscimento da parte dell’Inail e conseguenze per il datore di lavoro

Il riconoscimento (comunicato esclusivamente all’assicurato) da parte dell’Inail di una malattia professionale, ha conseguenze:

  • sull’andamento infortunistico aziendale, ai fini della determinazione del premio dovuto;
  • sull’eventuale responsabilità del datore di lavoro (penale, amministrativa ex art.300 D.Lgs 81/2008, civile).

Rosanna Iacovera

azione di regresso dell inail nei confronti del datore di lavoro artt 10 11 dpr 1124 65
Azione di regresso dell’Inail nei confronti del datore di lavoro (artt.10/11 DPR 1124/65)

La malattia professionale rientra nella categoria “ fatto-reato perseguibile d’ufficio” (omicidio colposo, lesioni personali colpose gravi o gravissime, con violazione di norme di igiene /prevenzione) imputabile al datore di lavoro o a coloro del cui operato debba rispondere (dirigenti, preposti, lavoratori, art.2049 c.c.):

  • l’Inail, può esercitare l’azione di regresso in sede penale, costituendosi parte civile (art.61 D.Lgs81/2008) oppure, in sede civile, indipendentemente dal procedimento penale, per recuperare l’indennizzo corrisposto;
  • analogamente l’assicurato può costituirsi parte civile, ovvero agire civilmente, per richiedere l’eventuale “danno differenziale”

Rosanna Iacovera

responsabilit penale artt 589 590 c p e l 125 del 24 7 2008
Responsabilità penale, artt.589, 590 c.p. e L. 125 del 24/7/2008

I delitti previsti dagli artt. 589, 2 co. e 590, 3 co. sono fatti-reati perseguibili d’ufficio sanzionati con le seguenti pene

  • omicidio colposo: reclusione da 2 a 7 anni
  • lesioni colpose gravissime: reclusione da 1 a 3 anni
  • lesioni colpose gravi: reclusione da 3 mesi a 1 anno o multa da € 500,00/2.000,00.

Rosanna Iacovera

slide19
Responsabilità amministrativa enti (art.300 D.Lgs 81/2008, sostituisce l’art. 25 septies del D.Lgs. 231/2001)

Omicidio colposo- con violazione art.55, co. 2 (mancanza del DVR) - sanzione pecuniaria pari a 1000 quote (258.228,00/1.549.370,00), e possibili sanzioni interdittive di cui all’art.9, c. 2 D. Lgs. 231/2001 per tre mesi /1 anno in caso di condanna;

omicidio colposo, sanzione pecuniaria da 250 a 500 quote (da 64.557,00 a 774.685,00) e possibili sanzioni interdittive di cui all’art.9, c. 2 per tre mesi /1 anno in caso di condanna;

lesioni colpose gravi gravissime, sanzione pecuniaria fino a 250 quote (fino a 387.342,00) e possibili sanzioni interdittive non superiori a sei mesi in caso di condanna.

Rosanna Iacovera

d m 24 ottobre 2007 art 9 art 1 co 1176 l 296 2006
D.M. 24 ottobre 2007 art.9 (art.1, co.1176 L.296/2006)

Per fatti commessi dopo il 31 dicembre 2007, la violazione alle disposizioni penali e amministrative in materia di tutela delle condizioni di lavoro indicate nell’allegato A, accertata con provvedimenti, amministrativi o giurisdizionali definitivi, è causa ostativa al rilascio del DURC:

  • omicidio colposo (art.589, co.2 c.p.) per 24 mesi;
  • rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni (art.437 c.p.) per 24 mesi;
  • lesioni personali colpose (art.590, co. 3 c.p.) per 18 mesi
  • altre violazioni a disposizioni specifiche in materia di sicurezza

Per le imprese di tutti i settori il DURC è necessario per ottenere benefici normativi, contributivi,sovvenzioni comunitarie per la realizzazione di investimenti, assegnazione di appalti pubblici, abilitazione all’esecuzione di appalti privati (edilizia).

Rosanna Iacovera

responsabilit solidale del committente
Responsabilità solidale del committente

L’imprenditore committente risponde in solido con l’appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali subappaltatori, per tutti i danni – esclusi quelli derivanti dai rischi specifici propri degli appaltatori e subappaltatori - per i quali il lavoratore, dipendente dall’appaltatore o dal subappaltatore, non risulti indennizzato dall’Inail (art.26, co. 4 D.Lgs.81/2008).

Rosanna Iacovera