economia politica e i n.
Download
Skip this Video
Download Presentation
Economia Politica (E-I)

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 16

Economia Politica (E-I) - PowerPoint PPT Presentation


  • 147 Views
  • Uploaded on

Economia Politica (E-I). Esercitazione lunedì 26 novembre. Le principali variabili della macroeconomia. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) Il livello generale dei prezzi e l’ inflazione Il tasso di disoccupazione. I dati. I dati sull’economia italiana sono raccolti da:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Economia Politica (E-I)' - tessica


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
economia politica e i
Economia Politica(E-I)

Esercitazione

lunedì 26 novembre

le principali variabili della macroeconomia
Le principali variabili della macroeconomia
  • Il Prodotto Interno Lordo (PIL)
  • Il livello generale dei prezzi e l’inflazione
  • Il tasso di disoccupazione
i dati
I dati

I dati sull’economia italiana sono raccolti da:

Istituto italiano di statistica: ISTAT

Banca d’Italia: Bankitalia

Eurostat

Commissione Europea

Banca Centrale Europea: BCE

OCSE

Organizzazione delle Nazioni Unite: ONU

Fondo Monetario Internazionale: FMI

Banca Mondiale (World Bank): WB

il prodotto interno lordo o pil
Il prodotto interno lordo o PIL

Esso è il valore totale di tutti i beni e servizi finali prodotti in un sistema economico in un determinato periodo di tempo (solitamente un anno)

  • OK : concessionario che vende una auto nuova ad un consumatore
  • Non OK: l’acquisto da parte di una casa automobilistica di acciaio da una fonderia o di vetro da un vetraio. In questo caso si parla di beni e servizi intermedi che diventano cioè fattori di produzione di altri beni e servizi. L’acquirente, inoltre, non è l’utente finale.
quali transazioni entrano nel computo del pil
Quali transazioni entrano nel computo delPIL?

Beni usati? No, perché è un trasferimento di ricchezza già esistente.

Le nuove scorte di magazzino? Sì, perché rappresentano produzione di nuova ricchezza (anche se verranno vendute in futuro).

Servizi abitativi. Il servizio abitativo di una casa di proprietà viene imputato al PIL.

Beni intermedi? No. Viene calcolato il valore dei beni finali (quindi il pane ma non la farina venduta per produrlo).

Attività finanziarie , come azioni e obbligazioni, no.

Beni e servizi di produzione estera , no.

slide6

Alcune definizioni

Il PIL,prodotto interno lordo, misura la produzione di nuova ricchezza. È definito come:

  • spesa totale in beni e servizi finali prodotti nel paese in un anno
  • reddito totale prodotto dai fattori di produzione localizzati nel paese durante un anno

3. valore aggiunto dell’economia, ovvero il valore che ciascuna impresa aggiunge nei vari stadi del processo produttivo

il calcolo del pil
Il calcolo del PIL
  • Spesa aggregata per l’acquisto di beni e servizi finali prodotti internamente
  • Valore di produzione dei beni e servizi finali cioè sommando Va delle imprese in tutti gli stadi di produzione
  • Come reddito dei fattori corrisposto dalle imprese
calcolo del pil in una economia semplificata
Calcolo del PIL in una economia semplificata
  • Spesa di beni e servizi finali prodotti dalle imprese nazionali: il Pil può essere misurato dal flusso di fondi che affluisce alle imprese. Per evitare la doppia contabilizzazione (es.automobile e acciaio) si fa riferimento solo ai beni finali acquistati da utenti finali per consumo (C) o investimento (I) .
  • Valore della produzione di beni e servizi finali: sommando, cioè, il valore di tutti i beni e servizi prodotti escludendo quei beni e servizi che contribuiscono alla produzione di altri beni (cd. beni e servizi intermedi),considerando,quindi, il valore aggiunto di ciascun produttore Es:Autoitalia SpA 21500-9000.
  • Somma dei redditi dei fattori produttivi coinvolti nel processo produttivo: ciò significa che il denaro guadagnato dalle imprese vendendo beni e servizi deve essere ripartito tra i soggetti coinvolti (salari, interesse, rendite e profitti).
esercizio 1 approccio beni finali pil dell economia 200 1000 1200
Impresa Siderurgica

Ricavi $400

Costi (salari) $340

Profitti $60

Impresa Ittica

Ricavi $200

Costi (salari) $160

Profitti $40

Impresa automobilistica

Ricavi $1000

Costi

Salari $500

Acquisti di acciaio $400

Profitti $100

Produzione finale dell’impresa siderurgica =0 (acciaio non è bene finale)

Produzione finale dell’impresa ittica = $ 200

Produzione finale dell’impresa automobilistica = $1000

Valore dei beni e servizi finali prodotti dall’economia in un dato periodo di tempo

Esercizio (1) approccio beni finali Pil dell’economia $200+$1000=$1200
esercizio 2 approccio va pil dell economia 400 200 600 1200
Impresa Siderurgica

Ricavi $400

Costi (salari) $340

Profitti $60

Impresa Ittica

Ricavi $200

Costi (salari) $160

Profitti $40

Impresa automobilistica

Ricavi $1000

Costi

Salari $500

Acquisti di acciaio $400

Profitti $100

VA dell’impresa siderurgica =$400

VA dell’impresa ittica = $ 200

VA impresa automobilistica = $1000-$400=$600

VA, ad un certo stadio della produzione, è pari al valore della produzione al netto del valore dei beni intermedi (escluso il lavoro) usati nel processo produttivo

Esercizio (2) approccio VA Pil dell’economia $400+$200+$600=$1200
slide13

Somma dei redditi di tutta l’economia in un dato periodo di tempo: la differenza tra il valore della produzione finale e il valore dei beni intermedi deve prendere la forma di salari, profitti e imposte

Impresa Siderurgica

Ricavi $400

Costi (salari) $340

Profitti $60

Impresa Ittica

Ricavi $200

Costi (salari) $160

Profitti $40

Impresa automobilistica

Ricavi $1000

Costi

Salari $500

Acquisti di acciaio $400

Profitti $100

Salari+profitti =$340 +$60=$400

Salari +profitti = $160+$40=$200

Salari +profitti =$500+$100=600

Esercizio (3) approccio redditi Pil dell’economia $400+$200+$600=$1200

pil nominale reale e deflatore
Il PIL nominale misura questo valore a prezzi correnti

Il PIL reale misura questo valore utilizzando come numerario di riferimento i prezzi di un anno base

Deflatore del PIL: rapporto tra PIL a prezzi correnti e PIL a prezzi costanti per lo stesso anno dà la variazione dei prezzi tra l’anno corrente e l’anno base.

Anno PIL nominale Deflatore PIL reale

(mld $) (1987=1) (p 1987)

1984 3.777,2 0,910

1985 0,940 4.296,5

1986 4.268,6 0,969

1987 4.539,9 1,000

1988 4.900,4 1,039

1989 5.250,8 1,085

1990 5.546,1 1,133

1991 5.724,8 1,176

1992 6.020,2 4.979,5

1993 6.343,3 1,235

Pil nominale, reale e deflatore
pil nominale reale e deflatore 2
Anno PIL nominale Deflatore PIL reale

(mld $) (1987=1) (p 1987)

1984 3.777,2 0,910 4.150,8

1985 4.038,7 0,940 4.296,5

1986 4.268,6 0,969 4.405,2

1987 4.539,9 1,000 4.539,9

1988 4.900,4 1,039 4.716,5

1989 5.250,8 1,085 4.839,4

1990 5.546,1 1,133 4.895,1

1991 5.724,8 1,176 4.868

1992 6.020,2 1,209 4.979,5

1993 6.343,3 1,235 5.136,3

Pil nominale del 1985 0,940(4.296,5)=4.038,7

Deflatore Pil 1992 6.020,2/4.979,5=1,209

Pil reale anni mancanti:Pil nominale/deflatore

4.150,8 ,4.405,2 , 4.539,9 , 4.716,5 , 4.839,4 ,4.895,1 ,4.868 , 5.136,3

Negli anni precedenti il 1987 Pil reale>Pil nominale perché p anno base >prezzi ciascun anno

Pil nominale, reale e deflatore (2)