Corso            di          Fisica             Tecnica
Download
1 / 17

Corso di Fisica Tecnica Anno Accademico 2004/2005 - PowerPoint PPT Presentation


  • 117 Views
  • Uploaded on

Corso di Fisica Tecnica Anno Accademico 2004/2005 Arch. M.Rosaria Giuffré. TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE GRANDEZZE. 1.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Corso di Fisica Tecnica Anno Accademico 2004/2005' - temple


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Slide1 l.jpg

Corso di Fisica Tecnica

Anno Accademico 2004/2005

Arch. M.Rosaria Giuffré



Slide3 l.jpg

Nellatrasmissione del calore, per analogia si può sostituire i con f, V con la differenza di temperatura DT e Re con la resistenza termica RT al passaggio del calore:

(resistenza termica riferita all’unità di superficie)

Un materiale risulterà pertanto tanto più resistente al passaggio di energia termica (calore) quanto maggiore sarà il suo spessore e tanto minore sarà la sua conducibilità termica l.

2


Slide4 l.jpg

Abbiamo visto come, per una parete piana ed omogenea lambita da due fluidi, nell’ipotesi di regime stazionario (ovvero indipendente dal tempo), possiamo esprimere il flusso termico come:

Separando le variabili

ed integrando per parti:

si ha:

da cui, infine:

(W)

dove Q rappresenta la potenza termica trasmessa per conduzione in regime stazionario tra due superfici piane parallele che delimitano un corpo omogeneo ed isotropo.

3


Slide5 l.jpg

Supponiamo di avere una parete piana indefinita, costituita da due spessori di materiale diverso e di conduttanze termiche:

e

Siano t1 e t2 (con t1 > t2) le temperature costanti delle facce esterne e sia t’ la temperatura della isoterma di contatto tra i due strati omogenei.

Essendo t1 > t2 si ha conduzione di calore in regime stazionario ed il flusso termico tra le isoterme t1 e t’ viene espresso dalla:

ovvero: da cui:

mentre il flusso termico tra le isoterme t’ e t2 viene espresso dalla:

ovvero: da cui:

4


Slide6 l.jpg

Ma poiché il flusso deve essere uguale per tutte le isoterme, si avrà che:

Il flusso totale sarà allora dato dalla somma di:

e di:

ovvero:

che si può scrivere:

ovvero:

5


Slide7 l.jpg

PRESENZA CONTEMPORANEA DI DIVERSE MODALITÀ DI SCAMBIO TERMICO

Al momento in cui siamo in presenza di diverse modalità di scambio termico (convezione + irraggiamento + conduzione) si introduce il concetto di coefficiente di trasmittanza U (o coefficiente globale di scambio).

Detto coefficiente, introdotto dalla NORMA UNI 7357/74, riassume in sé le varie forme di scambio termico per convezione ed irraggiamento oltre che per conducibilità interna, che sono sempre presenti nella realtà.

Prima di affrontare in dettaglio l’analisi dello scambio termico per convezione ed irraggiamento si osserva che al fine della valutazione della quantità di energia dispersa attraverso un componente edilizio che separa ambienti a temperatura diversa si può ricorrere a dei coefficienti, detti coefficienti liminari di scambio termico a che conglobano gli effetti dei fenomeni suddetti e si trovano tabulati nelle Norme UNI 7357/76 e successivi adeguamenti in funzione della situazione geometrica (ad esempio struttura verticale, orizzontale ecc.), e nelle norme UNI di accompagnamento della Legge 10/91 (ad es. nelle UNI 10345 per i componenti finestrati).

6


Slide8 l.jpg

7 TERMICO


Slide9 l.jpg

A partire da queste considerazioni, da un punto di vista ingegneristico ed in condizioni di regime stazionario, la relazione che esprime la trasmissione del calore tra due fluidi separati da una parete è rappresentata dalla seguente espressione:

Q = U·S·(Ti - Te) ( W)

dove U è il coefficiente di trasmittanza che tiene conto delle resistenze termiche offerte dalla parete per conduzione interna e all’adduzione del flusso termico sulle superfici interna ed esterna, mentre Ti e Te sono rispettivamente le temperature all’interno ed all’esterno dell’ambiente rilevate in posizione tale da non risentire degli effetti convettivi innescati dalle temperature superficiali della parete.

8


Slide10 l.jpg

RESISTENZA TERMICA LIMINARE E RESISTENZA TERMICA GLOBALE ingegneristico ed in condizioni di regime stazionario, la relazione che esprime la

La resistenza termica liminare in questione è relativa alla resistenza termica complessiva offerta dalle resistenze in parallelo dovute all’irraggiamento ed alla convezione alla superficie del solido; per analogia elettrica si ha:

dove hRe hCsono rispettivamente i coefficienti di scambio termico per irraggiamento e convezione, ed 1/a è la resistenza termica liminare.

La resistenza termica globale è quindi data dalla sommatoria delle resistenze termiche liminari sulle due facce, interna ed esterna,del componente e dalla resistenza termica per conduzione:

(m²K/W)

ed il coefficiente di trasmittanza è dato da:

(W/m²K)

dove: 1/ai e 1/ae sono rispettivamente le resistenze termiche liminari sulla faccia interna ed esterna del componente, e SRintrappresenta la resistenza termica interna per conduzione.

Le relazioni suddette valgono per la determinazione dell’andamento delle temperature superficiali ed all’interno delle strutture al fine di verificare eventuali fenomeni di condensazione del vapore.

9


Slide11 l.jpg

ANDAMENTO DELLA TEMPERATURA ALL’INTERNO DELLA STRUTTURA ingegneristico ed in condizioni di regime stazionario, la relazione che esprime la

L’andamento della temperatura all’interno della struttura si determina mediante la

seguente relazione:

(°C)

10


Slide12 l.jpg

11 ingegneristico ed in condizioni di regime stazionario, la relazione che esprime la


Slide13 l.jpg

Consideriamo il caso di una parete multistrato, del tipo di quella schematizzata nella figura, che separa due ambienti a temperatura diversa.

L’energia termica Q trasmessa tra i due fluidi è calcolata mediante la

Q = U·S·(Ti - Te)( W);

noti i valori del salto termico tra interno ed esterno e le caratteristiche fisiche dei componenti la parete si può calcolare il valore della trasmittanza U e successivamente l’energia termica dispersa attraverso la parete.

12


Slide14 l.jpg

Siano: quella schematizzata nella figura, che separa due ambienti a temperatura diversa.

αi = 8 W/m²K

αe = 23 W/m²K

Ti = 20°C

Te = -5°C

ed inoltre si assumono le seguenti caratteristiche geometriche e fisiche per i materiali costituenti la parete in questione:

13


Slide15 l.jpg

14


Slide16 l.jpg

  • CALCOLO DELLA POTENZA TERMICA DISPERSA quella schematizzata nella figura, che separa due ambienti a temperatura diversa.

  • Il valore della potenza termica dispersa, per una superficie unitaria di parete Q sarà:

15


Slide17 l.jpg

3. quella schematizzata nella figura, che separa due ambienti a temperatura diversa.CALCOLO DELLA TEMPERATURA SUPERFICIALE DI OGNISTRATO (°C)

Si usa la relazione:

Pertanto, per S = 1 m² si ha:

FLUIDO

INTERNO

STRATO 1

STRATO 2

STRATO 3

STRATO 4

STRATO 5

per verifica:

16