la seconda fase della poesia leopardiana 1828 1830 i canti pisano recanatesi n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La seconda fase della poesia leopardiana (1828-1830): i canti pisano-recanatesi PowerPoint Presentation
Download Presentation
La seconda fase della poesia leopardiana (1828-1830): i canti pisano-recanatesi

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 30

La seconda fase della poesia leopardiana (1828-1830): i canti pisano-recanatesi - PowerPoint PPT Presentation


  • 174 Views
  • Uploaded on

La seconda fase della poesia leopardiana (1828-1830): i canti pisano-recanatesi. premessa. Con L’epistola Al conte Carlo Pepoli, del 1826, Leopardi aveva pronunciato in via definitiva la rinuncia alla poesia. Alla base di tale distacco stavano: ragioni storiche (la impoeticità del moderno),

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La seconda fase della poesia leopardiana (1828-1830): i canti pisano-recanatesi' - tariq


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
premessa
premessa
  • Con L’epistola Al conte Carlo Pepoli, del 1826, Leopardi aveva pronunciato in via definitiva la rinuncia alla poesia.
  • Alla base di tale distacco stavano:
    • ragioni storiche (la impoeticità del moderno),
    • ragioni ideologiche (la caduta del “sistema della natura e delle illusioni” che aveva animato la prima poesia leopardiana)
lo spazio ampio del vivere sociale
Lo spazio ampio del vivere sociale
  • Leopardi è uscito da Recanati. Vive a Bologna, Milano, Firenze, mantenendosi con lavori editoriali per il libraio Stella di Milano, e con lezioni private; conosce e frequenta Teresa Carniani Malvezzi “quella puttana della Malvezzi”
  • Nell’inverno del ’28 si trasferisce a Pisa per il clima
la rinascita della poesia
La rinascita della poesia
  • Nella primavera del 1828, in sintonia con il clima e con l’ambiente pisano, Leopardi riprende a comporre testi poetici, componendo in poche settimane Il risorgimento e A Silvia. Nei due anni successivi, tornato a Recanati, scrive Le ricordanze, Canto notturno di un pastore errante dell’Asia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio; forse anche Il passero solitario.
    • Le analogie tematiche o strutturali intercorrenti tra questi componimenti li isolano nel corpo della produzione leopardiana, facendone un momento specifico e ben caratterizzato.
il risorgimento
Il risorgimento
  • (aprile 1828)
  • analizza la crisi che aveva provocato il precedente silenzio poetico
        • ripercorrendone i sintomi sulla base dell’esposizione di Al conte Carlo Pepoli, che non a caso la precede nella struttura dei Canti.
      • Il Risorgimento ha una chiara funzione programmatica – strutturale
a silvia
A Silvia
  • La prima grande prova delle potenzialità espressive del nuovo atteggiamento, maturato attraverso l’esperienza delle Operette morali e di pertinenti appunti consegnati allo Zibaldone,
  • primo esempio di canzone libera.
poetica del vago
Silvia

Solo particolari:

Occhi ridenti e fuggitivi

Lieta e pensosa

Perpetuo canto

tenerella

Mondo esterno:

Solo particolari

Le vie dorate e gli orti

Il maggio odoroso

Il ciel sereno

Le quiete stanze

Poetica del vago
filtrazione di dati concreti attraverso l immaginazione
Filtrazione di dati concreti attraverso l’immaginazione
  • Nei Ricordi di infanzia e di adolescenza:”canto delle figlie del cocchiere ed in particolare di Teresa mentre ch’io leggeva”
  • Filtro fisico: la FINESTRA (io lirico separato dal mondo da un diaframma)
  • Interiorità vs esterno \\ immaginazione vs reale
filtraggio
filtraggio
  • Immaginazione: teoria della doppia visione che attribuisce al canto echeggiante in una stanza valore evocativo
  • Memoria: trasfigura il dato reale, recuperando il ricordo delle illusioni
  • Letterietà: qui Virgilio, Aen. VII, 111-14: Solis filia lucos\adsiduo resonat cantu […]arguto tenues percurrens pectine telas
  • Filosofia: l’illusione “ricordata” non può essere recuperata
l aspirazione alla pienezza vitale speranza vita
L’aspirazione alla pienezza vitale (speranza= VITA)
  • Viene ostinatamente negata dalla natura maligna

Linguaggio del VERO (Berardi)

  • Diviene protesta, rivendicazione consapevole -“eroica” -lucidamente perseguita attraverso una “filosofia dolorosa ma vera”

asprezza

dolcezza

vs

livelli
livelli
  • Fonico :
    • fonemi \vi\ (fuggitivi, solevi, salivi, festivi, perivi, Silvia) \a\r\=dilatazione dello spazio
  • Morfologico
    • : imperfetto vs presente
      • = continuità-durata-memoria-illusione vs constatazione del vero-consapevolezza-delusione
  • Liv. Sintattico:
    • sintassi piana, subordinate prev. Temporali (solo nel moento riflessivo compaiono anafore e congiunzioni)
  • Liv. Retorico
    • :numero limitato di metafore e personificazioni.
    • Il linguaggio “ardito” del vero fortemente metaforico e titanico compare nelle strofe dedicate al vero (4 e 6)
  • Liv. Metrico
    • :endecasillabi e settenari senza schema fisso, rime liberamente ricorrenti, settenari dissimulati dentro endecasillabi (prevalentemente senza pausa intena; quelli spezzati riflessivi, di protesta);
    • in enjambement le parole che indicano le mete irraggiungibili (diletti, giovanezza)
situazione
Situazione
  • definitivo abbandono di Recanati, nel 1830,
  • impegnativo contatto con l’ambiente fiorentino dei cattolici moderati dell’«Antologia»,
  • nuove e intense esperienze esistenziali, soprattutto d’amore
  • il confronto - negli anni napoletani- con una tendenza culturale dominante di tipo spiritualistico-regressivo
l amore
L’amore
  • l’esperienza dell’amore, vissuta con intensità negli anni fiorentini tra il 1830 e il 1833.
  • passione del poeta per Fanny Targioni Tozzetti, da lui amata senza essere ricambiato.
    • La donna è chiamata «Aspasia» solo nell’ultimo dei testi a lei dedicati.
      • “Aspasia” è il nome di una etera amata da Pericle; il significato «infamante» (Peruzzi) dal punto di vista etimologico (il termine significa all’incirca ‘donna da letto’) ne rende in qualche modo impropria l’utilizzazione, ormai consueta, per l’intero ciclo (che alcuni studiosi definiscono infatti “canti dell’amore fiorentino”).
cosiddetto ciclo di aspasia
Cosiddetto ciclo di Aspasia
  • si compone di cinque testi composti tra la primavera del 1831 e quella del 1834.
  • Il più antico è con ogni probabilità Il pensiero dominante, dedicato a una definizione e rappresentazione concettuale dell’amore.
  • Amore e morte, Consalvo, A se stesso e Aspasia.
modalit
modalità
  • l’esperienza della passione amorosa si qualifica al di fuori della tradizione lirica del petrarchismo
    • La radicalità dell’esperienza amorosa costringe a rivisitare l’intero sistema concettuale e filosofico che presiede alla meditazione e alla scrittura leopardiana.
  • Si conferma una volta di più il legame intimo tra esperienza personale e riflessione filosofica.
l inganno estremo
L’inganno estremo
  • l’amore costituisce una sorta di illusione non consumabile, cioè non smascherabile mai per intero dalla ragione e non cedevole davanti agli attacchi dell’età adulta.
      • Esso è dunque la dimostrazione più profonda dell’infelicità umana, dato che amando si concepisce e accarezza con l’immaginazione una ipotesi di felicità poi non effettivamente realizzabile;
  • ma, al tempo stesso, è la maggiore consolazione concessa dal fato agli uomini, che attraverso questa illusione possono affrontare consapevolmente il male della vita.
      • Per questo l’amore si associa alla morte quale bene supremo per gli uomini.
      • La formulazione del binomio “amore e morte” (oggetto esplicito di uno dei testi del ciclo) sancisce una nuova apertura eroica per il soggetto, che se sperimenta l’amore può sfidare la morte e perfino invocarla.
con le parole di leopardi
 con le parole di Leopardi
  • Pregio non ha, non ha ragion la vitaSe non per lui, per lui ch’all’uomo è tutto;Sola discolpa al fato,Che noi mortali in terraPose a tanto patir senz’altro frutto;Solo per cui talvolta,Non alla gente stolta, al cor non vileLa vita della morte è più gentile.
  •        Per còr le gioie tue, dolce pensiero,Provar gli umani affanni,E sostener molt’anniQuesta vita mortal, fu non indegno;Ed ancor tornerei,Così qual son de’ nostri mali esperto,Verso un tal segno a incominciare il corso:Che tra le sabbie e tra il vipereo morso,Giammai finor sì stancoPer lo mortal desertoNon venni a te, che queste nostre peneVincer non mi paresse un tanto bene.

Da Il pensiero

dominante

da amore e morte
Da Amore e Morte
  • Fratelli, a un tempo stesso, Amore e MorteIngenerò la sorte.Cose quaggiù sì belleAltre il mondo non ha, non han le stelle.Nasce dall’uno il bene,Nasce il piacer maggioreChe per lo mar dell’essere si trova;L’altra ogni gran dolore,Ogni gran male annulla.
le canzoni sepolcrali
Le canzoni sepolcrali
  • La centralità del soggetto biografico lascia il posto a una ricerca fondata su interrogazioni oggettive di carattere filosofico
  • La rinascita della sensibilità come partecipazione al dolore altrui (Plotino e Porfirio)
  • Il “valore sociale del vero” /G.Berardi.
canzoni sepolcrali
canzoni sepolcrali
  • composte probabilmente tra il 1834 e il 1835, a Napoli
        • ripresa del precedente foscoliano dei Sepolcri e di una tradizione tematica assai diffusa nel periodo neoclassico e preromantico.
    • La morte riacquista in Leopardi la dimensione tragica del lutto che è presente in certi scrittori classici.
    • L’esperienza della perdita diviene l’occasione per interrogare energicamente l’intera vicenda umana, sottoponendo a una verifica esistenziale la condizione dei viventi.
la poesia del periodo napoletano
La poesia del periodo napoletano
    • Al periodo napoletano, che abbraccia gli ultimi tre anni e mezzo di vita del poeta, appartengono le estreme composizioni leopardiane: i Paralipomeni della Batracomiomachia (già iniziati però a Firenze nel 1831), il capitolo in terza rima I nuovi credenti, la Palinodia al marchese Gino Capponi, Il tramonto della luna e La ginestra, o il fiore del deserto.
  • Del libro dei Canti non fanno ovviamente parte, per la struttura poematica, i Paralipomeni; e ne viene esclusa anche la polemica — troppo diretta e risentita — dei Nuovi credenti, rivolta a deridere il rinascente spiritualismo dell’arretrato ambiente culturale napoletano.
  • Il tramonto della luna e La ginestra — nate nell’ultimo anno di vita del poeta — troveranno posto soltanto nell’edizione postuma curata da Ranieri, andando a collocarsi quale conclusione effettiva del libro.
la satira
La satira
  • Paralipomeni, Nuovi credenti e Palinodia sono dominati da una prospettiva intensamente satirica; e questa attraversa più di un luogo della stessa Ginestra, definendosi così quale cifra stilistica dominante dell’ultimo Leopardi.
      • È l’atteggiamento dissacratore che caratterizza le Operette morali infine penetrato anche all’interno della scrittura poetica.
      • ora rinuncia ai presupposti di poetica sui quali si fondava : l’amore del vago e dell’indefinito, la tensione verso il passato e la memoria.
  • Leopardi sembra ora interessato piuttosto a prendere posizione nel dibattito vivo e attuale della società italiana, contrastando con veemenza la ripresa di tendenze irrazionalistiche e spiritualistiche di tipo antilluministico, nonché i facili miti sociali e politici dei moderati cattolico-liberali.
la ginestra o il fiore del deserto
La ginestra, o il fiore del deserto
  • composta a Torre del Greco, nei pressi di Napoli, nella primavera del 1836
  • testamento
  • Il paesaggio desolato del Vesuvio è il luogo-simbolo della condizione umana sulla terra, e consente di smentire ogni facile ottimismo consolatorio.
  • Su questa considerazione si innesta la critica, condotta con acuto disprezzo, per le tendenze filosofiche dominanti negli anni della Restaurazione, improntate a uno spiritualismo religioso e a una prospettiva sociale progressista, ma in ogni caso fiduciose nell’antropocentrismo
leopardi e i modelli della tradizione lirica
Leopardi e i modelli della tradizione lirica
  • La lingua dei Canti è il risultato di una sedimentazione di innumerevoli elementi della tradizione, vicina e lontana, classica e volgare.
  • a Parini lo lega poi, oltre che l’adesione alle categorie del sensismo, la sensibilità ai temi civili e impegnati;
  • ad Alfieri il tono agonistico ed eroico, cioè la soggettività preromantica;
  • a Foscolo un comune interesse per i grandi temi esistenziali e filosofici, possibilmente orientati in prospettiva sociale.
  • Leopardi rilegge (e riutilizza) Petrarca attraverso il classicismo sette-ottocentesco,
      • ripresa da Petrarca di materiali linguistici e figurativi, sottoposti però a un rovesciamento ideologico.
      • il modello cristiano messo in opera da Petrarca è ripreso e rovesciato da Leopardi.
metri forme stile lingua
Metri, forme, stile, lingua
  • la canzonetta non ha nessuna rilevanza nei Canti, dove conta un’unica presenza (Il risorgimento).
  • sonettoode, decisivi per il versante classicistico, sono del tutto assenti.
metri classici ma
Metri classici ma…
  • Nei Canti non vi sono metri diversi dall’endecasillabo e dal settenario, i versi portanti della tradizione lirica italiana. Tuttavia Leopardi forza tali metri sia attribuendo all’enjambement una funzione di primo piano, sia investendo il rapporto tra metro e sintassi di un’eccezionale carica espressiva. (lo si vede benissimo nella Ginestra)
forme metriche
Forme metriche
  • la canzone (ventuno testi)
  • l’endecasillabo sciolto (undici testi).
  • funzionalizzazione ai diversi contesti espressivi

Canzone libera leopardiana

le scelte linguistiche di leopardi
Le scelte linguistiche di Leopardi
  • risentono profondamente di una intensa elaborazione teorica intorno alla lingua in sé e intorno alla lingua della poesia in particolare.
  • predilezione per voci che esprimano vaghezza, distanza, indefinitezza,
  • parole rare e usi peregrini, discosti dalla norma
  • sulla distinzione tra “termini” e “parole”.
  • funzionalizzazione massima delle parole secondo la prospettiva aperta da questa loro possibile significazione multipla.