psicologia della folla n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
PSICOLOGIA DELLA FOLLA PowerPoint Presentation
Download Presentation
PSICOLOGIA DELLA FOLLA

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 29

PSICOLOGIA DELLA FOLLA - PowerPoint PPT Presentation


  • 100 Views
  • Uploaded on

PSICOLOGIA DELLA FOLLA. Dr. Marco Cannavicci psichiatra - criminologo. La psicologia collettiva. Studia le influenze che vengono esercitate su un individuo da parte delle altre persone, a lui estranee, che formano il gruppo a cui appartiene.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'PSICOLOGIA DELLA FOLLA' - suchi


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
psicologia della folla

PSICOLOGIADELLA FOLLA

Dr. Marco Cannavicci

psichiatra - criminologo

la psicologia collettiva
La psicologia collettiva

Studia le influenze che vengono esercitate su un individuo da parte delle altre persone, a lui estranee, che formano il gruppo a cui appartiene.

Ogni individuo, incorporato in un gruppo, subisce una modificazione radicale del proprio comportamento

slide3
Nel gruppo ogni individuo si spoglia delle caratteristiche individuali, per un fondo comune indifferenziato:

l’anima della folla presenta aspetti che corrispondono alla vita psichica dei primitivi e dei bambini, con comportamenti analoghi a quelli manifestati nell’inconscio o nella vita onirica

la folla
La Folla è …
  • Impulsiva
  • Volubile
  • Accessibile alle immagini
  • Chiusa alle istanze critiche
  • Affascinata dalle parole
  • Priva del senso di realtà
  • Indifferente alla verità
slide5
Autoritaria
  • Intollerante
  • Convinta di onnipotenza
  • Conservatrice
  • Crudele
  • Brutale
  • Distruggitrice
slide6
È la stessa socializzazione, che nella crescita dell’individuo determina lo sviluppo delle istanze di controllo del Super-Io, a permettere il loro scioglimento nelle condotte collettive impulsive ed istintuali.

Secondo Freud ciò accade solo per le folle “disorganizzate” e non per le collettività “organizzate”.

il contagio mentale
Il contagio mentale

Nel gruppo ogni sentimento ed ogni atto tende a propagarsi e venire riprodotto da tutti i componenti dell’aggregato

È l’effetto della “suggestionabilità”: ogni individuo è pronto a fare propri i sentimenti, le convinzioni e gli impulsi che in condizioni normali rifiuterebbe

slide8
Secondo gli studi di Freud, la folla “tipica” è quella che si costituisce attorno ad un “condottiero”, attraverso un investimento di natura libidica, formante una grande “famiglia”.

Esempi: la chiesa cattolica

l’esercito

slide9
Le folle tipiche si fondano sulla convinzione della presenza, visibile o invisibile, di un capo

Il Capo ha cura in eguale modo ed ama ugualmente tutti i membri della collettività

Se il gruppo non si sente “amato”, la formazione collettiva si disgrega

Esempio: le disfatte degli eserciti dopo la morte, la cattura o la fuga del capo

slide10
Il Capo può essere sostituito da una IDEA o da un DESIDERIO COMUNE

Capo, idea o desiderio possono essere anche negativi, come ad esempio l’odio per un popolo, una razza, una città, …

Meno ci si lega ad un capo e maggiore è il grado di indipendenza ed originalità mantenuto dall’individuo

l orda primitiva di darwin
L’orda primitiva di Darwin

L’origine della società umana è rappresentata dall’orda primitiva: una folla condotta da un maschio forte che ha imposto la sua volontà su tutti

L’orda primitiva è stata la prima folla e tutte le folle occasionali manifestano una regressione alle condizioni presenti in quell’epoca primitiva

il sentimento di giustizia
Il sentimento di giustizia

Nessuna collettività sociale può mantenersi stabile se non viene soddisfatto il sentimento della giustizia

I gregari chiedono una parità di trattamento che renda possibile una identificazione reciproca:

“tutti eguali ed un solo capo al di sopra di tutti”

l aggressivit e la guerra
L’aggressività e la guerra

Negli appartenenti al gruppo le istanze individuali ed aggressive sono proiettate all’esterno, verso gli esclusi, i diversi, gli altri

Emerge la necessità di attaccare gli altri con guerre, conflitti e rivoluzioni, anche in assenza di motivazioni razionali

La presenza dell’odio esclude infatti le motivazioni razionali a favore di motivazioni interiori

slide14
Nei conflitti e nelle guerre vengono mobilitati sentimenti aggressivi di norma repressi

A mobilitarli non è la situazione di guerra, bensì quella del gruppo militare

L’AUTORITA’ DELLO STATO RISERVA A SE’ LA LIBERTA’ DI COMPIERE CIO’ CHE VIETA AI SINGOLI

slide15
TUTTAVIA

GLI UOMINI NON FANNO LA GUERRA

PERCHE’ LO STATO GLIELO IMPONE

GLI UOMINI FANNO LA GUERRA

PERCHE’ LO STATO GLIELO PERMETTE

socialit e sessualit
Socialità e sessualità

Secondo Freud, c’è antitesi tra socialità e sessualità:

- il legame amoroso riduce il desiderio di socialità e disgrega l’unità della collettività

- per amore si rinnega la religione, la razza, la nazione, la classe sociale

- l’amore è la più forte istanza antisociale

il linguaggio della folla
Il linguaggio della folla
  • La semplicità
  • La brevità e concisione
  • L’orecchiabilità
  • Quindi: slogan, aforismi, sentenze, motti di spirito
la psicologia delle folle
“La psicologia delle Folle”

Nel 1895 Gustave Le Bon scrisse “psicologia delle Folle”:

“nella folla la personalità cosciente svanisce, i sentimenti e le idee si orientano lungo una sola direzione, formando così una sorta di anima collettiva”

slide19
“l’anima della folla è formata da un substrato inconscio che accomuna tutti gli individui di una stessa razza o cultura, ma le loro individualità si annullano”

“ la folla è sempre intellettualmente inferiore all’uomo isolato, ha la spontaneità, la violenza, la ferocia ed anche gli entusiasmi e gli eroismi degli esseri primitivi”

slide20
“le folle si possono accendere d’entusiasmo per la gloria e l’onore, si possono trascinare in guerra senza pane e senza armi”

“l’individuo acquista un sentimento di potenza per il solo fatto del numero dei presenti, cedere ad istinti e compiere azioni che da solo non avrebbe mai compiuto”

slide21
“ essendo la folla anonima scompare anche il senso di responsabilità ed ogni atto diventa facilmente contagioso, tanto che l’individuo sacrifica il proprio interesse per quello comune”

“l’assenza dell’aspetto cosciente priva le folle di capacità critica, spingendole ad accettare giudizi imposti e mai contestati, a farsi suggestionare dalle cose più inverosimili”

“ la volontà personale si annulla e si ricerca d’istinto l’autorità di un capo, di un trascinatore”

slide22
“la folla antepone l’istintività al giudizio, all’educazione, alla timidezza, pertanto il capopopolo deve presentarsi ad essa con il linguaggio adeguato alla ricettività del destinatario”
i principi comunicativi le bon
I principi comunicativi (Le Bon)
  • Semplicità di lessico e sintassi
  • Affermazioni laconiche, concise, categoriche, pregnanti
  • La ripetizione
  • Le immagini
  • Il contagio (dissonanza cognitiva)

SUGGESTIONE vs PERSUASIONE

la persuasione
La persuasione

Significa indurre un mutamento nell’opinione altrui solo per mezzo di un trasferimento di idee, un passaggio di contenuti mentali

“persuadere implica che la persona sia libera non solo di volere, di agire, ma anche di pensare, di credere, di decidere”

testi di riferimento
Testi di riferimento
  • Freud – “psicologia delle masse ed analisi dell’Io” – 1921
  • Ortega Y Gasset – “la ribellione delle masse” – 1930
  • W. Reich – “psicologia di massa del fascismo” – 1933
  • N. Smelser – “Theory of collective behavior” - 1963
le collettivit
Le collettività

- PERMANENTI

- TRANSITORIE

- CON ORGANIZZAZIONE GERARCHICA

- AGGREGATI AMORFI

grazie per la vostra attenzione
GRAZIE PERLA VOSTRA ATTENZIONE

Dr. Marco Cannavicci