slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012 PowerPoint Presentation
Download Presentation
Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 17

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012 - PowerPoint PPT Presentation


  • 121 Views
  • Uploaded on

Atlante Statistico delle Province d’Italia Un’esperienza del sistema provinciale degli Uffici di Statistica di Teresa Ammendola Ufficio di Statistica della Provincia di Roma. Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012. Atlante Statistico delle Province d’Italia.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012' - steve


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

Un’esperienza del sistema provinciale degli Uffici di Statistica

di Teresa Ammendola

Ufficio di Statistica della Provincia di Roma

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide2

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide3

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

  • Motivi di interesse
  • Metodo
  • Contenuto

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide4

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

  • Motivi di interesse
  • Metodo. L’Atlante è frutto di un lavoro svolto in un’ottica di sistema. Dal 2002 anno della fondazione sua fondazione formale, il Cuspi, con il sostegno dell’Upi ha lavorato nella direzione di rafforzare i singoli Uffici rafforzando e consolidando il sistema e viceversa. Per questo i progetti vengono condivisi e cercano un respiro più ampio e di raccordo con il PSN. Negli anni gli uffici di statistica hanno accumulato un “tesoretto” di conoscenze e competenze che adesso vengono messe a disposizione delle autonomie locali in un’ottica di ottimizzazione delle risorse e con ovvi risparmi sui bilanci

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide5

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

Motivi di interesse

2. Contenuto. Il perno centrale attorno cui l’Atlante è stato realizzato sono ii dati statistici prodotti nell’ambito della statistica ufficiale. Dall’Istat, innanzitutto, ma anche da altri nodi importanti della rete. Il valore aggiunto del lavoro sta nel livello di analisi. I dati sono infatti discussi a livello provinciale. Si è cercato cioè di “relativizzarli” rispetto ai territori e nelle evoluzioni temporali

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide6

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

  • 2. Contenuto.
  • Evoluzione storica dell’assetto istituzionale delle province
  • Evoluzione demografica delle province
  • Livello di urbanizzazione e montanizzazione delle province
  • Ricchezza dei territori, delle famiglie, dei cittadini
  • Le dotazioni strutturali

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide7

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide8

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

Figura 8 – Percentuale di famiglie unipersonali al censimento del 1971 e al censimento 2001

PERCENTUALE DI FAMIGLIE UNIPERSONALI

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

densit abitativa province
Densità abitativa province

Maggiore densità:

2629 Napoli

2094 Monza e della Brianza

Minore densità:

39 Aosta

31 Ogliastra

Sopra la media - 41,8% delle province

Media nazionale - 201,17

Sotto la media - 58,2% delle province

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

urbanizzazione province
Urbanizzazione province
  • Grado di urbanizzazione dei comuni italiani:
  • 11,2% grado elevato
  • 37,8% grado intermedio
  • 51% grado basso

Il 25% delle province ha popolazione residente

(superiore al 50%) che vive in zone

ad elevato grado di urbanizzazione.

Densità > 90%:

Monza e della Brianza,Napoli, Trieste, Milano, Prato, Genova, Roma, Como e La Spezia

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide11

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

LA RICCHEZZA

Dal confronto fatto per mezzo del PIL pro capite, emerge che la provincia con la maggior quota di ricchezza per ogni residente è quella di Milano (46.092,10 Euro a persona) e la provincia con la minor quota è quella di Crotone (14.088,30 Euro). La differenza che separa le due realtà territoriali è notevole ed è pari a circa 30.000,00 Euro.

Per quanto riguarda la crescita della ricchezza, Ascoli Piceno è stata la provincia più dinamica e nel periodo considerato ha quasi raddoppiato il proprio PIL pro capite (1,83), mentre la provincia che è cresciuta di meno e che, anzi, ha ridotto di poco la propria produzione di ricchezza per abitante è quella di Crotone (0,94).

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide12

Atlante Statistico delle Province d’Italia

Apertura dell’economia

Tasso di apertura delle economie delle province italiane assume i valori più alti a Siracusa (83,8%), ad Arezzo (54,9%) e a Vicenza (49,4%). La provincia dove l’apertura dell’economia verso l’estero è minore è quella di Medio Campidano nella quale il valore delle esportazioni rappresenta lo 0,02% del PIL complessivo.

Agricoltura

A livello Italia, il valore aggiunto del settore primario rappresenta l’1,9% del valore aggiunto totale. Sempre a livello nazionale, la coltivazione di patate e ortaggi rappresenta la quota più alta del valore della produzione agricola complessiva pari al 17,5%, i servizi annessi alla produzione agricola rappresentano il 12,7% e le coltivazioni di frutta e agrumi il 10,0%.

A livello provinciale il contributo più alto da parte del settore agricolo alla formazione della ricchezza si riscontra a Oristano dove il valore aggiunto agricolo costituisce l’8,9% del valore aggiunto provinciale, seguono Ragusa con un peso relativo dell’8,3% e Pistoia con una quota del 7,0%. Milano e Varese sono le province dove il settore agricolo contribuisce in maniera minore alla ricchezza complessiva (0,2%).

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide13

STRUTTURE ALBERGHIERE

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide14

STRUTTURE AGRO-TURISTICHE

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide15

PARCO VEICOLARE

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide16

COMMERCIO AL DETTAGLIO

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012

slide17

Atlante Statistico

delle Province d’Italia

Quale futuro per l’Atlante?

Assembela Cuspi– Torino 7-8 marzo 2012