la cognizione sociale il ruolo delle associazioni implicite
Download
Skip this Video
Download Presentation
La Cognizione Sociale: il ruolo delle associazioni implicite

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 14

La Cognizione Sociale: il ruolo delle associazioni implicite - PowerPoint PPT Presentation


  • 111 Views
  • Uploaded on

La Cognizione Sociale: il ruolo delle associazioni implicite. Implicit Association Test-IAT (Greenwald, McGhee e Schwarz, 1998). resistente ai tentativi di distorsione consapevole. Misura cognitiva di associazione automatica tra concetti.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La Cognizione Sociale: il ruolo delle associazioni implicite' - sierra


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
implicit association test iat greenwald mcghee e schwarz 1998
Implicit Association Test-IAT (Greenwald, McGhee e Schwarz, 1998)

resistente ai tentativi di distorsione consapevole

Misura cognitiva di associazione automatica tra concetti

previsione di comportam spontanei

donne-discipline umanistiche

Misura la forza dei legami associativi tra concetti, tra un concetto ed una valutazione generale nella struttura delle rappresentazioni cognitive delle persone

afroamericani-tratti negativi

i questionari necessitano di capacità introspettive e di autopresentazione

Indaga il concetto che le persone hanno di sé in modo indiretto

slide3
Implicit Association Test-IAT

La logica del funzionamento

Attraverso alcune prove di categorizzazione si indaga il legame esistente, nella rappresentazione cognitiva del rispondente, tra_ _ _ _e _ _ _ _

concetto di sé e tratto di timidezza attraverso blocchi critici di associazione che evidenziano il legame associativo più forte attraverso il tempo di latenza:

rappresentazione implicita di sé e comportamenti spontanei che denotano timidezza-autovalutazioni esplicite e comportamenti che indicano forme più controllate di timidezza

slide4
Implicit Association Test-IAT

Le applicazioni nella ricerca

  • Lo studio dell’opinione di sé
  • Lo studio dei tratti di personalità
  • Lo studio degli stereotipi
  • Lo studio dei pregiudizi
slide5
La Cognizione Sociale
  • È il processo che permette alle persone di pensare e dare senso a se stesse, agli altri e alle situazioni sociali (Fiske e Taylor, 1991);
  • comprendere i processi di elaborazione delle informazioni sociali che stanno alla base delle nostre percezioni, dei nostri giudizi e dei nostri comportamenti sociali;
  • Studia i processi attraverso cui le persone acquisiscono informazioni dall’ambiente, le interpretano, le immagazzinano in memoria e le recuperano da essa;

comprendere e organizzare di conseguenza i propri comportamenti

slide6
I Bias cognitivi

Bias di positività

Quando le persone immaginano gli esiti futuri, le loro aspettative generali amplificano la frequenza attesa degli eventi positivi rispetto a quelli negativi

(Parducci, 1968)

I tratti desiderabili sono ritenuti più comuni di quelli indesiderabili

(Rothbart e Park 1986)

Nella maggior parte delle lingue, i termini positivi soverchiano in numero i termini negativi

(Zajonc, 1998)

slide7
I Bias cognitivi

Esperimento:

sensibilità verso l’evento negativo (Fiske, 1980)

  • le persone osservavano più a lungo i comportamenti negativi e li osservavano tanto più a lungo quanto più essi erano negativi;
  • I comportamenti che attiravano maggiormente l’attenzione influenzavano anche maggiormente le impressioni successive delle persone;
  • la rarità degli eventi negativi li rende più informativi in quanto differenziano la persona dalla norma;

Impossibile mantenere continuamente un elevato livello d’allerta  si tende rapidamente a minimizzare ciò che è negativo, ripristinando un livello di base più positivo.

bias positivi/giustificazioni/effetto moderatore degli altri eventi

slide8
Le Euristiche
  • Euristica della disponibilità
  • (Tversy e Kahneman, 1973)
  • Definisce il modo in cui, a seconda della facilità e velocità con cui esemplari di oggetti o situazioni da stimare vengono in mente, le persone emettono giudizi di frequenza o di probabilità.
  • esempio:
  • probabilità di causa di morte incidente di auto vs infarto
slide9
Le Euristiche:
  • la funzione della memoria implicita
  • Esperimento: effetto di falsa fama
  • (Zogmaister, 2004)
  • Quando una specifica esperienza del passato influenza i processi cognitivi e comportamentali del presente, senza che l’individuo metta in atto processi consapevoli o intenzionali di recupero di informazioni dalla memoria
  • Risultato: la sensazione di familiarità puo’ influenzare i successivi processi di giudizio anche quando il ricordo consapevole si è affievolito nel tempo (gli effetti mnestici impliciti sono soggetti ad un decadimento temporale più lento, rispetto al ricordo esplicito
slide10
Stereotipi e Pregiudizi
  • Esperimento: effetto di falsa fama
  • (Zogmaister, 2004)
  • L’effetto di falsa fama era maggiore per i nomi maschili che per quelli femminili, a causa delle aspettative stereotipiche che attribuiscono maggiore notorietà agli uomini; le donne venivano giudicate famose solo quando il livello di familiarità del loro nome era molto elevato.
slide11
Stereotipi e Pregiudizi
  • Il gruppo razziale ed il genere sono tra le prime e più importanti informazioni acquisite dagli individui di fronte ad una persona sconosciuta (Fiske e Neuberg, 1990).
  • L’esempio del razzismo inconsapevole (Devine, 1989) : l’atteggiamento dichiarato nei sondaggi era in contrasto con l’aumento di episodi di discirminazione razziale negli USA.
  • I comportamenti si producono attraverso processi automatici e processi controllati
slide12
Stereotipi e Pregiudizi
  • Processi automatici: danno luogo a risposte che si sono sviluppate mediante una ripetuta associazione in memoria, non richiedono sforzo consapevole e si attivano in seguito alla presenza di unno stimolonei cui confronti la risposta si indirizza.
  • Processi intenzionali: sono automatici e richiedono l’attenzione attiva dell’individuo e la capacità/disponibilità di elaborare l’informazione.

All’interno di uno stesso contesto socioculturale, attraverso un processo di socializzazione comune, tutte le persone possiedono le stesse conoscenze dei tratti sistematicamente associati a determinati gruppi sociali, indipendenetemente dalle proprie personali convinzioni.

slide13
Stereotipi e Pregiudizi
  • I risultati di molti esperimenti mostrano che le persone caratterizzate da credenze egalitarie e dal fatto di non condividere gli stereotipi sociali non siano in grado di inibire gli stereotipi attivati automaticamente, ma possono solo correggere le loro risposte verso i membri della categoria stigmatizzata in un momento successivo del processo (Arcuri e Zogmaister, 2006)
slide14
Testi consigliati
  • Arcuri, L. e Zogmaister, C. (2006). Metodi di ricerca nella cognizione sociale, Bologna, Il Mulino.
  • Zogmaister, C. e Castelli, L.(2006). La misurazione di costrutti impliciti attraverso l’Implicit Association Test, Psicologia Sociale, 1, pp 65-94.
ad