slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
SISTEMA NERVOSO: ENCEFALO E NERVI CRANICI PowerPoint Presentation
Download Presentation
SISTEMA NERVOSO: ENCEFALO E NERVI CRANICI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 39

SISTEMA NERVOSO: ENCEFALO E NERVI CRANICI - PowerPoint PPT Presentation


  • 243 Views
  • Uploaded on

SISTEMA NERVOSO: ENCEFALO E NERVI CRANICI. Nel corso dell’evoluzione del Sistema Nervoso Centrale, il midollo spinale si è modificato molto poco, mentre l’encefalo è andato incontro a notevoli cambiamenti: - Nell’Homo Sapiens ha un peso di circa 1600 g nel maschio e 1450g nella femmina

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'SISTEMA NERVOSO: ENCEFALO E NERVI CRANICI' - sawyer-holcomb


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

Nel corso dell’evoluzione del Sistema Nervoso Centrale, il midollo spinale si è modificato molto poco, mentre l’encefalo è andato incontro a notevoli cambiamenti:

  • - Nell’Homo Sapiens ha un peso di circa 1600 g nel maschio e 1450g nella femmina
  • L’uomo di Neanderthal possedeva un encefalo di dimensioni maggiori e quindi dal peso maggiore rispetto a quello dell’uomo moderno.
  • Nella descrizione anatomica delle strutture che compongono l’encefalo, i termini di posizione utilizzati non sono prossimale e distale ma rostrale e caudale rispettivamente:
  • Rostrale = in direzione del naso, negli animali quadrupedi, in direzione della fronte nell’uomo.
  • Caudale = in direzione della coda, negli animali quadrupedi, in direzione del midollo spinale nell’uomo.
slide3

L’encefalo è diviso in tre porzioni principali:

  • Il cervello: origina dal telencefalo e rappresenta l’83% della massa encefalica. E’ diviso da un solco longitudinale, la fessura longitudinale in due porzioni sferiche chiamate emisferi celebrali . Ciascun emisfero presenta pieghe (circonvoluzioni) e solchi ed è connesso all’altro tramite uno spesso fascio di fibre chiamato corpo calloso.
  • Il cervelletto: deriva insieme al ponte dal metelencefalo. Si trova in posizione postero-inferiore (caudale) rispetto al cervello, occupa la fossa cranica posteriore ed è il centro deputato al controllo dell’equilibrio ed al controllo motorio.
  • Il tronco encefalico: comprende ciò che rimane dell’encefalo se si escludono il cervello ed il cervelletto ed è ,quindi,
  • costituito dal midollo allungato, dal ponte dal mesencefalo e dal diencefalo.
slide8

SOSTANZA BIANCA E SOSTANZA GRIGIA DELL’ENCEFALO

  • Come il midollo spinale, anche l’encefalo è costituito da sostanza bianca e sostanza grigia che però hanno però una disposizione reciproca inversa rispetto al quella presente nel midollo spinale:
  • La sostanza grigia forma uno strato più superficiale chiamato corteccia e masse più profonde chiamate nuclei circondati da sostanza bianca.
  • La sostanza bianca, composta come nel midollo allungato da fasci di neuroni, si trova internamente alla sostanza grigia e connette una parte dell’encefalo all’altra e al midollo spinale
slide10

MENINGI ENCEFALICHE

  • Proteggono l’encefalo ed offrono supporto strutturale al passaggio delle arterie e delle vene encefaliche.
  • Sono la dura madre, l’aracnoide e la pia madre; di queste l’aracnoide e la pia madre hanno la stessa struttura delle meningi spinali mentre la dura madre è costituita da due strati senza interposizione dello spazio epidurale.
  • La dura madre è, infatti, costituita da due strati:
  • Uno strato periostale esterno equivalente al periostio delle ossa craniche
  • Uno strato meningeo più interno.
  • Solo lo strato meningeo continua nel midollo spinale.
slide11

VENTRICOLI

  • L’encefalo è segnato da 4 cavità o ventricoli al cui interno scorre il liquido cefalorachidiano prodotto dai capillari dei plessi coroidei.
  • I ventricoli di maggiori dimensioni sono i ventricoli laterali che compongono un arco in ciascun arco vertebrale e comunicano con il terzo ventricolo posto in posizione mediana al di sotto del corpo calloso.
  • L’acquedotto del Silvio attraversa la porzione cntrale del mesencefalo e si porta nel IV ventricolo una cavità triangolare più piccola posta tra il ponte ed il cervelletto
slide15

Prodotto dai plessi corioidei nei ventricoli

  • Protezione fisica: la spinta idrostatica riduce il peso e riduce la pressione sui vasi, ammortizza i colpi
  • Protezione chimica: rimuove i prodotti del catabolismo nervoso
  • Viene eliminato attraverso l’apertura mediana e le due aperture laterali presenti nella parete del quarto ventricolo.
  • Viene riassorbito dai villi aracnoidei
slide18

BARRIERA EMATO-ENCEFALICA

  • Struttura di protezione dell’encefalo.
  • Protegge il cervello da agenti patogeni come batteri e tossine che possono danneggiarlo.
  • Sigilla i capillari sanguigni del tessuto celebrale.
  • Gli astrociti che nutrono il cervello in via di sviluppo, avvolgono i capillari e stimolano la produzione di giunzioni strette, costituendo una barriera protettiva tra l’ambiente esterno ed i capillari cerebrali
  • Una barriera simile è presente anche a livello dei plessi coroidei.
slide19

Il tronco encefalico: comprende ciò che rimane dell’encefalo se si escludono il cervello ed il cervelletto ed è ,quindi,

  • costituito dal midollo allungato, dal ponte dal mesencefalo e dal diencefalo.
slide20

MIDOLLO ALLUNGATO

  • Il romboencefalo embrionale forma due vescicole secondarie: il mielencefalo da cui origina il midollo allungato e il metelencefalo da cui originano il ponte ed il cervelletto.
  • Origina a livello del forame magno dell’osso occipitale e si estende rostralmente fino alla zona di congiunzione con il ponte.
  • La superficie anteriore presenta delle sporgenze chiamate piramidi.
  • La porzione posteriore presenta i nuclei gracile e cuneato dove terminano le vie sensitive dei fascicoli gracile e cuneato
slide21

Attraverso la formazione reticolata ed i nuclei che la compongono è caratterizzato da i centri di controllo per importanti funzioni fisiologiche:

  • Controllo della frequenza cardiaca
  • Controllo della vasomotilità
  • Controllo della respirazione
  • Sonno e coscienza
  • Modulazione del dolore
slide22

PONTE

  • Sviluppa insieme al cervelletto dal metelencefalo.
  • Si presenta come un’ampia prominenza posta superiormente al midollo allungato
  • E’ collegato da due gambi chiamati peduncoli al cervelletto.
  • Presenta la continuazione dei fasci del midollo allungato
slide23

MESENCEFALO

  • Struttura di collegamento tra romboencefalo e telencefalo.
  • Presenta le porzioni terminali dei nuclei presenti nel midollo allungato e nel ponte (formazione reticolare e lemnisco mediale).
  • Nucleo rosso: vie motorie per il controllo motorio fine
  • Acquedotto del Silvio: passaggio al IV ventricolo
slide28

CERVELLETTO

  • Occupa la fossa cranica posteriore
  • Rappresenta la seconda porzione più estesa del cervello in toto.
  • Può essere considerato un encefalo mignon: è, infatti costituito da due emisferi denominati emisferi cerebellari, connessi da uno stretto ponte chiamato verme.
  • Presenta una corteccia esterna di sostanza grigia ed una sostanza bianca interna caratterizzata da una morfologia simile a quella di una felce chiamata arbor vitae.
  • Originariamente considerato un centro per il controllo motorio e l’equilibrio, sembra essere coinvolto anche in parecchie funzioni sensitive, del linguaggio, emotive o cognitive.
slide32

NUCLEI DELLA BASE

  • Masse di sostanza grigia poste profondamente alla sostanza bianca.
  • Coinvolti nel controllo motorio:
  • Nucleo caudato
  • Putamen
  • Globo pallido
slide36

Corteccia primaria: costituita da quelle regioni della corteccia cerebrale che:

  • Ricevono afferenze sensitive direttamente dal tronco encefalico o dagli organi di senso.
  • Mandano segnali motori direttamente al tronco encefalico per la distribuzione dei comandi motori.
  • Corteccia associativa: formata da tutte quelle regioni diverse dalla corteccia primaria coinvolte in funzioni integrative
slide38

CONTROLLO MOTORIO

  • L’intenzione di contrarre un muscolo scheletrico per compiere un azione volontaria come ballare o scrivere inizia nella corteccia associativa motoria localizzata nel lobo frontale.
  • Il programma motorio ( l’insieme delle azioni necessarie allo svolgimento di azioni complesse) viene trasmesso alla corteccia motoria primaria, localizzata nel lobo frontale posteriormente all’aerea associativa.
  • I neuroni della corteccia primaria inviano segnali al tronco encefalico ed al midollo spinale che infine determinano la contrazione muscolare
slide39

NERVI CRANICI

  • Via alternativa di comunicazione dell’encefalo con l’esterno.
  • 12 paia di nervi che originano dalla base dell’encefalo (generalmente dal ponte e dal midollo allungato), fuoriescono dalla scatola cranica e si portano ad organi di senso e muscoli localizzati principalmente nella testa e nel collo.
  • Solo il I e II (olfattivo e ottico) sono costituiti da fibre esclusivamente sensitive mentre tutti gli altri presentavo fibre afferenti ed efferenti e sono pertanto nervi misti.