Gli Intermediari Entratel - PowerPoint PPT Presentation

salena
slide1 l.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Gli Intermediari Entratel PowerPoint Presentation
Download Presentation
Gli Intermediari Entratel

play fullscreen
1 / 26
Download Presentation
Gli Intermediari Entratel
426 Views
Download Presentation

Gli Intermediari Entratel

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Collegio Ragionieri Commercialisti di Prato Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale della ToscanaLA TRASMISSIONE TELEMATICADELLE DICHIARAZIONI:LE ATTIVITÀ, L’OBBLIGO DI RISERVATEZZA E LA RESPONSABILITÀ DELL’INTERMEDIARIOPrato, 9 giugno 2004

  2. Gli Intermediari Entratel • Gli obblighi e le responsabilità del professionista • La Vigilanza dell’Agenzia delle Entrate • Le conseguenze per l’intermediario dell’inadempimento Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  3. Dal cartaceo al telematico • Un nuovo modello di comunicazione tra Fisco e Contribuente • Un nuovo modo di adempiere all’obbligo di presentare la dichiarazione • Nuova definizione della sottoscrizione, dei termini e della prova di presentazione della dichiarazione e degli atti • Introduzione della figura dell’ INTERMEDIARIO Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  4. L’Intermediario • Abilitato dall’Agenzia delle Entrate a trasmettere le dichiarazioni e gli atti • Il rapporto con il cliente è un contratto di mandato o contratto d’opera • Il rapporto con l’Agenzia è d’incaricato di servizio di pubblica necessità Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  5. I professionisti incaricati • Ragionieri e Dottori Commercialisti, Revisori dei conti, Consulenti del Lavoro, Avvocati, Agronomi e Periti agrari, Consulenti fiscali abituali • Iscritti al 30/09/1993 nei ruoli degli esperti tributari della Camera di Commercio • Le società commerciali di servizi contabili e le associazioni professionali Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  6. La procedura di abilitazione • L’intermediario è abilitato dall’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate • La richiesta è presentata su modello scaricabile dal sito web dell’Agenzia delle Entrate • Sono autocertificati i requisiti soggettivi e di onorabilità • Sono indicate le sede secondarie Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  7. Le attività dell’Intermediario • Trasmissione delle dichiarazioni fiscali e degli atti • Pagamenti con Mod.F24 cumulativo • Istanza di ammissione al credito d’imposta art.8 Legge 388/2000 • Registrazione telematica contratti di locazione art. 5 D.P.R. 404/2001 • Invio elementi rilevanti per studi di settore Provvedimento Agenzia del 9/06/2003 Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  8. Il compenso • E’ riconosciuto dall’art 3, comma 3 ter D.P.R. 322/1998 per ciascuna dichiarazione elaborata e trasmessa dopo il 1° gennaio 2004 • E’ fissato in € 0,50 per il 2004 ed adeguato annualmente • Non costituisce corrispettivo imponibile I. V. A. • E’ corrisposto con modalità da stabilire con decreto Ministero dell’ economia e finanze Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  9. Gli obblighi • Rilasciare l’impegno alla trasmissione telematica della dichiarazione • Consegnare copia della dichiarazione trasmessa • Consegnare copia della comunicazione di ricezione da parte della A.F. entro 30 gg.dalla scadenza del termine di presentazione della dichiarazione • Conservare copia e documentazione della dichiarazione trasmessa fino al 31-12 del quarto anno successivo alla presentazione Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  10. L’intermediarioè responsabile • Della trasmissione entro la scadenza delle dichiarazioni • Della trasmissione entro un mese dal rilascio dell’impegno se successivo alla data di scadenza • Della trasmissione dei dati della dichiarazione conformi a quelli contenuti nella copia firmata dal cliente • L’omessa e tardiva trasmissione è punita con la sanzione amministrativa dell’art. 7 bis D. lgs n. 241/1997 Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  11. Il contribuente è responsabile • Dell’avvenuta presentazione della dichiarazione • La prova della presentazione è data dalla ricevuta di ricezione da parte dell’ Agenzia delle Entrate • E’ considerata valida la dichiarazione trasmessa nei 90 gg. successivi alla scadenza • L’omessa presentazione è punita con la sanzione tributaria prevista dagli art. 1 e 2 D. lgs n . 471/97 Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  12. Dopo la trasmissione • La dichiarazione si considera presentata quando è stata completamente ricevuta da parte dell’Agenzia • L’intermediario può correggere entro 5 gg. dalla segnalazione di scarto gli errori che rendono non ricevibile od inattendibile il file • La dichiarazione trasmessa nei termini, scartata e trasmessa corretta nei 5 giorni, è tempestiva Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  13. La vigilanza • L’Agenzia delle Entrate vigila sull’intermediario nella fase di: • Autorizzazione allo svolgimento dell’attività - art. 3, comma 4, D.P.R. 22/07/1998 n. 322 • Verifica della regolarità della trasmissione - art. 3, comma 8, D.P.R. 22/07/1998 n. 322 • Verifica del rispetto della privacy - art. 8, comma 1 lett. h) ed art. 11, comma 3, D. D. 31/07/1999 Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  14. L’Auditing Ha il compito di accertare che gli intermediari siano: • Efficienti nella loro attività • Affidabili nei rapporti con l’Agenzia ed i Contribuenti • Preparati professionalmente Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  15. Il controllo -1 • E’ di esclusiva competenza della Direzione Regionale • Si articola nelle fasi di : - selezione dei soggetti da controllare - attività istruttoria - accesso e verbalizzazione delle operazioni compiute Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  16. Il controllo - 2 • La fase preparatoria al controllo è diretta alla: • Raccolta delle informazioni sull’abilitazione concessa, sull’attività svolta nel periodo considerato • Valutazione elementi raccolti in fase di selezione • Verifica attuale sussistenza requisiti per l’abilitazione Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  17. L’accesso • La data e l’ora dell’accesso è preventivamente concordata con l’intermediario • Le operazioni di controllo saranno svolte in modo di arrecare il minimo disagio • Il controllo è mirato al riscontro dei dati emersi dall’attività preparatoria e che non possono essere altrimenti accertati Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  18. I controlli presso lo studio • Rilevazione in collaborazione con l’intermediario degli aspetti organizzativi delle attività, dei punti di forza e delle criticità • Valutazione dei rischi di disfunzioni e di non conformità alle norme • Proposizione in condivisione con l’intermediario di azioni di controllo dei rischi Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  19. I controlli sulle dichiarazioni • Tempestività e correttezza degli obblighi dell’intermediario di trasmissione delle dichiarazioni predisposte • Conformità dei dati della dichiarazione trasmessa a quella consegnata dal contribuente all’intermediario Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  20. Verifica sulla privacy e sicurezza • Rispetto degli obblighi di riservatezza e sicurezza dei dati personali contenuti nella dichiarazione • Modalità di custodia della chiave privata - Allegato tecnico al D. D. 31/07/1999 Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  21. Il p.v. delle operazioni eseguite • Descrive le operazioni effettivamente compiute, i documenti esaminati, gli esiti del controllo • Formula le raccomandazioni per il miglioramento dell’attività ed il contenimento dei rischi • Contiene l’accertamento delle irregolarità e la contestazione delle violazioni • Recepisce le osservazioni dell’intermediario Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  22. Le conseguenze degli inadempimenti: la sanzione • L’intermediario incorre nella sanzione amministrativa in caso di omessa o tardiva trasmissione da € 516,00 a € 5.164,00 (art. 7 bis D.lgs n 241/1997) • Per l’applicazione della sanzione si tiene conto dei principi generali stabiliti dalla Legge 24/11/1981 n 689 • Avverso l’atto di irrogazione delle sanzioni può esser presentato ricorso alla Commissione Provinciale Tributaria (circ. 21/03/2002 n. 25) Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  23. La sanzione ridotta • E’ ridotta al 10% del minimo edittale (€ 52,00) • In caso di tardiva trasmissione delle dichiarazioni ricevute entro il 31/12/2002 • A condizione che il versamento della sanzione ridotta sia effettuato entro dieci giorni dalla contestazione Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  24. La revoca dell’abilitazione • L’abilitazione è revocata in caso di: • Cessazione attività • Decesso della persona fisica • Procedure concorsuali • Sospensione non inferiore ad un anno e radiazione dall’ordine professionale Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  25. La revoca quale conseguenza degli inadempimenti • In caso di gravi e ripetute inadempienze agli obblighi dell’intermediario (art. 8 D. D. 31/07/1999) • Mancato invio o difformità qualificata tra dati delle dichiarazioni ricevute e quelle trasmesse al superamento delle soglie previste • Mancato rispetto della privacy Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno

  26. In conclusione • L’intermediario svolge un ruolo di crescente interesse nell’assistenza professionale al contribuente • L’efficienza e la correttezza del soggetto esterno influenza il risultato e l’immagine dell’Agenzia • L’Agenzia delle Entrate svolge controlli mirati ad analizzare i rischi di disfunzioni ed a suggerire soluzioni per evitarle Agenzia delle Entrate - D.R. Toscana - Ufficio Audit Esterno