ANALISI
Download
1 / 83

ANALISI FUNZIONE DOCENTE - PowerPoint PPT Presentation


  • 126 Views
  • Updated On :

ANALISI FUNZIONE DOCENTE. intervista all'insegnante modello. Laura Rizzi. CHI E’ LAURA?. Laura è nata a Cremona il 23 novembre 1968, insegna da 19 anni. CHE STUDI HAI INTRAPRESO PER OTTENERE L’ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO?.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'ANALISI FUNZIONE DOCENTE' - sal


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

ANALISI

FUNZIONE

DOCENTE


intervista

all'insegnante

modello



Chi e laura
CHI E’LAURA?

Laura è nata a Cremona

il 23 novembre 1968,

insegna da 19 anni.


Che studi hai intrapreso per ottenere l abilitazione all insegnamento
CHE STUDI HAI INTRAPRESO PER OTTENERE L’ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO?

Mi sono diplomata presso l’Istituto Magistrale di Cremona poi mi sono iscritta alla facoltà di lettere a Milano dove mi sono laureata.


Ho poi frequentato la scuola per interprete specializzandomi nelle lingue francese ed inglese, ma con una conoscenza anche dello spagnolo. Ho superato infine il concorso magistrale iniziando a fare le prime supplenze.


DOVE INSEGNI? nelle lingue francese ed inglese, ma con una conoscenza anche dello spagnolo. Ho superato infine il concorso magistrale iniziando a fare le prime supplenze.

Insegno presso la scuola primaria “Santa Francesca Saverio Cabrini” di Grumello Cremonese.


Cosa insegni ed in quale classe
COSA INSEGNI ED IN QUALE CLASSE? nelle lingue francese ed inglese, ma con una conoscenza anche dello spagnolo. Ho superato infine il concorso magistrale iniziando a fare le prime supplenze.

Insegno in classe 5^matematica, scienze, informatica, inglese e musica. ….


Quando iniziata la tua carriera lavorativa
QUANDO È INIZIATA LA TUA CARRIERA LAVORATIVA? nelle lingue francese ed inglese, ma con una conoscenza anche dello spagnolo. Ho superato infine il concorso magistrale iniziando a fare le prime supplenze.

Come ho già detto diciannove anni fa, nonostante fossi laureata e potessi insegnare alla scuola secondaria di primo e/o secondo grado, scelsi di lavorare alla scuola primaria poiché mi piaceva stare a contatto con i bambini.


Come consideri il ruolo dell insegnante nella societ attuale
COME CONSIDERI IL RUOLO DELL’INSEGNANTE NELLA SOCIETÀ ATTUALE?

Fare l’insegnante nella società d’oggi è molto difficile perché difficili sono i bambini d’oggi: molto impegnativi, curiosi, abili nell’uso dei videogiochi e del computer. Spesso risultano disattenti e disinteressati all’attività didattica fin dalla prima e spetta alla docente risvegliare la loro curiosità e l’interesse che si sono sopiti.

COMPITO MOLTO ARDUO!

La matematica così come la geometria, sono spesso materie ostiche fin dai primi anni della scuola primaria ed è molto difficile sciogliere le riserve dei bambini, ma quando ciò avviene è una grande soddisfazione!


Quali caratteristiche deve avere per te l insegnante modello
QUALI CARATTERISTICHE DEVE AVERE PER TE “L’INSEGNANTE MODELLO”?

L’insegnante deve essere:

severa,

materna,

flessibile,

accattivante.


Cosa preferisci del tuo lavoro
COSA PREFERISCI DEL TUO LAVORO? MODELLO”?

La sorprendente capacità di apprendimento dei bambini e lo loro innata curiosità. L’insegnante elementare ha una importanza enorme nella vita dei bambini: è una seconda mamma! Seguire la loro crescita ti dà grandi soddisfazioni.


Quali sono al contrario i difetti di questo lavoro
QUALI SONO, AL CONTRARIO, I DIFETTI MODELLO”?DI QUESTO LAVORO?

Beh! Ci sono diversi contro. Il primo è la difficoltà nel contattare il servizio sanitario quando se ne ha bisogno. Il secondo è il rapporto scuola-famiglia spesso inesistente e difficoltoso perché i genitori si sostituiscono ai docenti, prendono le difese dei loro figli ed entrano a forza in un campo che non è di loro competenza creando problemi anche in aula. Il terzo riguarda il rapporto con i colleghi che non sempre è positivo. Difficile mettere d’accordo 3 o più teste!


Hai sempre desiderato fare l insegnante
HAI SEMPRE DESIDERATO FARE L'INSEGNANTE? MODELLO”?

Sì, insegnare è sempre stata

la miapassione,

AMO IL MIO LAVORO.


Qual era il tuo rapporto con la geometria quando eri piccola
QUAL ERA IL TUO RAPPORTO CON LA GEOMETRIA QUANDO ERI PICCOLA?

Nonostante abbia scelto una facoltà umanistica, ho sempre avuto un buon rapporto con le materie scientifiche ottenendo ottimi voti sia in matematica che in geometria.


Qual il tuo rapporto con questa materia oggi
QUAL È IL TUO RAPPORTO CON QUESTA MATERIA OGGI? PICCOLA?

É sempre molto buonoancheperché

“devotenerequotidianamenteilritmo”

con i bambini.


Utilizzi strumenti informatici in classe quali
UTILIZZI STRUMENTI INFORMATICI PICCOLA?IN CLASSE? QUALI?

In classe ho uncomputerperòquandodevolavorarecontutta la classe, la porto in aulainformaticapoichécisono sei postazioni. Abbiamoanche la LIM cheperòusoraramenteperchépreferiscofar “agire” i bambini, preferiscoil “fare”. L‘attivitàesperienziale NON ha eguali!


Usi un metodo specifico per insegnare la geometria
USI UN METODO SPECIFICO PER PICCOLA?INSEGNARE LA GEOMETRIA?

Così come per l’insegnamento della matematica, anche per la geometria uso il “metodo Pea” basato sull’esperienza diretta del bambino. Quando introduco un nuovo argomento non comincio mai col dare le definizioni dei concetti, ma lascio che siano i bambini, attraverso l’esperienza diretta, a ricavare le regole.


Chi e beppe pea
CHI E’ BEPPE PEA? PICCOLA?

Beppe Pea è un insegnante di matematica, fisica, logica formale ed informale in vari Istituti Superiori, aggiornatore di didattica della matematica e dell’informatica con incarichi ministeriali, ha collaborato a riviste di didattica ed ha pubblicato presso varie case editrici testi di topologia, matematica e geometria.


OGGI … PICCOLA?

Beppe Pea è formatore e responsabile di sperimentazioni metodologico – didattiche di Matematica nelle scuole primarie. Inoltre ricopre incarichi di docenza presso l'Università a Brescia (a Medicina e Scienze della formazione primaria), Parma e Udine (per la SISS) e Roma Tre (allo IUSM).


Cos il metodo pea
COS’È IL METODO PEA? PICCOLA?

Il professor Pea usa un metodo basato sull’esperienzialità del bambino. La geometria è basata su concetti che possono essere compresi se vengono ricondotti ad altri concetti precedenti (anche servendosi delle definizioni) e questi, a loro volta, saranno ricondotti a concetti ancora precedenti.


Nelle slide che seguono ci sono alcune citazioni e disegni tratti dal testo di Beppe Pea “Laboratorio di geometria” Esperienze geometriche per il 2° ciclo della scuola elementare e per l’inizio della scuola media. DESCA Edizioni.

Queste pagine precedono gli elaborati degli alunni della maestra Laura relativi alla misurazione dell’area e degli angoli.

Teoria e pratica del maestro, teoria e pratica … della maestra.


Il bambino ed il mondo
IL BAMBINO ED IL MONDO tratti dal testo di Beppe Pea

Il bambino, attraverso esperienze compiute muovendosi, giocando nel cortile, sul pavimento di casa, in palestra, nel giardino, nell'aula, comincia a scoprire delle relazioni fra sé e l'ambiente, fra gli oggetti e l'ambiente e, quindi, comincia a relazionare fra loro gli ambienti in funzione della possibilità di muoversi e di giocare. Arrivato a questa capacità relazionale, il bambino scopre l'analogia tra il pavimento di una stanza, il pavimento di una palestra, il prato, il cortile, ecc., scopre cioè l'attributo comune a queste realtà diverse.


Le nostre esperienze per conoscere gli angoli
LE NOSTRE ESPERIENZE PER “CONOSCERE” GLI ANGOLI tratti dal testo di Beppe Pea

Come al solito partiamo dalle esperienze legate ai percorsi nel piano, agiamo in una stanza (laboratorio psicomotorio) sgombra da strutture.


INSOMMA LA PAROLA D’ORDINE È … tratti dal testo di Beppe Pea

ESPERIENZA


Gli angoli
GLI ANGOLI tratti dal testo di Beppe Pea

Un bambino si posiziona in un punto interno del piano di lavoro; tale posizione viene evidenziata con un segnaposto (birillo o altro). Si sposta con traiettoria rettilinea fino a raggiungere il confine del piano (la parete della stanza. Il percorso viene documentato da una corda.


Il bambino deve ora percorrere un tratto del confine del piano rasentando la parete. Per rimarcare quest'ultima parte del percorso si

porranno altre corde sugli spigoli formati dal

pavimento con le pareti.


Il bambino ritorna al punto di partenza, sempre con traiettoria rettilinea e documenta l'ultimo tratto di percorso con un'altra corda. La parte di piano delimitata dalle corde non è un poligono perché la sua frontiera non è una poligonale (è fatta da semirette e non da segmenti).


La regione viene evidenziata disponendo sul pavimento strisce di carta, fogli e si dichiara che è un Angolo, rimarcando il confine fatto di Semirette.

Si pongono le seguenti domande:

- puoi raggiungere tutte le posizioni del piano senza

scavalcare le corde?

- La regione che hai descritto con il tuo percorso, da

quali linee è delimitata?

- Per quale motivo questa regione non è un poligono?


Con altre corde si contorna la regione non rimarcata. Chiamate con "a" e "b" le due regioni del piano, si invitano due bambini a percorrere le semirette e le parti di confine del piano: Luca della regione "a", Pino della regione "b".

Alla fine si pongono le seguenti domande:

- entrambi hanno percorso due semirette?

- Entrambi hanno percorso una parte del confine del piano?

- Le due semirette percorse da Pino sono le stesse che ha percorso Luca?

- Luca e Pino hanno percorso la stessa parte di confine del piano?


Occorre rimarcare che le sole due semirette non bastano per individuare un angolo; infatti due semirette con l'origine in comune dividono il piano in due angoli. A quale dei due ci si sta riferendo?

Pino parte dal punto "A" di confine del piano e, con andamento rettilineo, raggiunge un punto interno, cambia direzione e riparte raggiungendo, sempre in modo rettilineo, un altro punto "B" del confine del piano. Le due semirette vengono evidenziate con corde in modo da rimarcare la partizione del piano in due regioni. Domande:

- Pino, col suo percorso, ha ripartito il piano in due regioni. E' possibile distinguere una regione dall'altra?

- Il percorso eseguito da Pino ci fa capire a quale delle due regioni si sta riferendo?

- Se Pino percorre una parte di confine del piano, si può capire a quale delle due regioni si sta riferendo?

- Senza percorrere una parte di confine del piano, come è possibile distinguere a quale delle due regioni ci si sta riferendo?


Come già detto precedentemente, in questo caso non è possibile stabilire a quale delle due parti ci si sta riferendo. I bambini vengono invitati a trovare un modo per distinguere una regione dall'altra e troveranno diverse risposte. Per portarli al segno convenzionale si fanno le

seguenti proposte.


1) Il bambino, in piedi sul vertice, si orienta su una semiretta e ruota fino a trovarsi orientato sull'altra semiretta. Il verso della rotazione indica la regione cui si riferisce. Nella figura è evidenziata la regione "b".

2) Il bambino parte da un punto di una semiretta e raggiunge un punto dell'altra semiretta con un percorso curvilineo. Si evidenzia il percorso con una corda. Nella figura è stata evidenziata la regione "a".


Un po di definizioni
UN PO’ DI DEFINIZIONI. semiretta e ruota fino a trovarsi orientato sull'altra semiretta. Il verso della rotazione indica la regione cui si riferisce. Nella figura è evidenziata la regione "b".

Come già detto, qualsiasi regione piana che ha queste

caratteristiche viene chiamata ANGOLO, perciò, riassumendo:

- si chiama angolo ciascuna delle due regioni in cui è

stato ripartito il piano mediante due semirette aventi

l'origine in comune;

- le due semirette vengono chiamate lati;

- il punto in comune ai due lati viene chiamato vertice

dell'angolo.


SCHEDE SUGLI ANGOLI semiretta e ruota fino a trovarsi orientato sull'altra semiretta. Il verso della rotazione indica la regione cui si riferisce. Nella figura è evidenziata la regione "b".


Angoli interni di un poligono
ANGOLI INTERNI DI UN POLIGONO semiretta e ruota fino a trovarsi orientato sull'altra semiretta. Il verso della rotazione indica la regione cui si riferisce. Nella figura è evidenziata la regione "b".

In un poligono si consideri un vertice A e i due lati consecutivi ("a" e "b") aventi tale vertice in comune. Partendo dal vertice A, i due lati "a" e "b" individuano due semirette aventi per origine il vertice. Tali semirette suddividono il piano in due angoli, uno dei quali contiene tutto il poligono quando questo è convesso o, in alcuni casi, contiene la parte di poligono compresa tra i due lati "a" e "b", quando questo è concavo. In entrambi i casi questi angoli vengono definiti ANGOLI INTERNI del poligono. Ogni poligono ha tanti angoli interni quanti sono i suoi vertici e quindi quanti sono i suoi lati.


Si delimita sul pavimento, con un nastro adesivo, semiretta e ruota fino a trovarsi orientato sull'altra semiretta. Il verso della rotazione indica la regione cui si riferisce. Nella figura è evidenziata la regione "b".

un pentagono concavo. I bambini, con delle corde,

devono indicare un angolo interno del poligono che

contenga interamente il poligono. L'uso delle corde

serve per rimarcare che non è il poligono che contiene

l'angolo, ma è l'angolo (individuato tramite le due

semirette) che contiene il poligono o parte di esso.


Sullo stesso poligono si chiede di disporre le corde in modo da individuare un angolo interno contenente solo una parte del poligono.

Disporre due corde in modo da individuare un angolo concavo interno del poligono. Questo angolo contiene interamente il poligono ?


Schede sugli angoli interni
SCHEDE SUGLI ANGOLI INTERNI da individuare un angolo interno contenente solo una parte del poligono.


Cosa consiglieresti a delle insegnanti in formazione come noi
COSA CONSIGLIERESTI A DELLE INSEGNANTI IN FORMAZIONE COME NOI?

Consiglierei di seguire il mio esempio, ovvero di utilizzare la mia stessa metodologia legata strettamente all’esperienza così da favorire l’apprendimento per quei bambini che generalmente hanno delle difficoltà nell’interiorizzare concetti geometrici spesso studiati solo in forma astratta.


Nella slide seguente vedremo come l’insegnante ha spiegato il concetto di angolo partendo dal concetto di ore: si parte dalla misura dell’angolo retto per passare agli angoli ottusi o acuti. Nel compito individuale poi, viene richiesto ai bambini di riproporre esercizi similari.

L’ insegnante è partita da semplici giochi che aiutassero i bambini a capire il concetto di angolo.



In questa prima lezione la maestra Laura spiega ai bambini cos’è il contorno di una figura e come si può misurare il perimetro.


In questa lezione i bambini iniziano a misurare il perimetro delle figure in decimetri. L’insegnante parte dalla misurazione di un rettangolo sul pavimento per poi proseguire con altri tipi di figure come …


… i loro diari e banchi! delle figure in decimetri. L’insegnante parte dalla misurazione di un rettangolo sul pavimento per poi proseguire con altri tipi di figure come …


Nelle slide di seguito vedremo come Laura ha insegnato un piccolo trucchetto geometrico ai suoi bambini su come misurare il perimetro in un modo più rapido: dividere il rettangolo in due parti formate rispettivamente da un lato corto e uno lungo.


Un altra prova pratica misurare il perimetro del salone della scuola
Un’altra prova pratica: misurare il piccolo trucchetto geometrico ai suoi bambini su come misurare il perimetro in un modo più rapido: dividere il rettangolo in due parti formate rispettivamente da un lato corto e uno lungo. perimetro del salone della scuola.


Nelle slide seguenti riportiamo diverse immagini che illustrano come la docente mette i bambini nelle condizioni di capire da soli come calcolare il quadrato dei numeri da 2 a 10.


Il quadrato di 2 illustrano come la docente mette i bambini nelle condizioni di capire da soli come calcolare il quadrato dei numeri da 2 a 10.

Il quadrato di 3


Il quadrato di 4 illustrano come la docente mette i bambini nelle condizioni di capire da soli come calcolare il quadrato dei numeri da 2 a 10.

Il quadrato di 5


Il quadrato di 6 illustrano come la docente mette i bambini nelle condizioni di capire da soli come calcolare il quadrato dei numeri da 2 a 10.

Il quadrato di 7


Il quadrato di 8 illustrano come la docente mette i bambini nelle condizioni di capire da soli come calcolare il quadrato dei numeri da 2 a 10.

Il quadrato di 9


Il quadrato di 10 illustrano come la docente mette i bambini nelle condizioni di capire da soli come calcolare il quadrato dei numeri da 2 a 10.


Esercitiamoci usando la nuova regola
ESERCITIAMOCI USANDO LA NUOVA REGOLA. illustrano come la docente mette i bambini nelle condizioni di capire da soli come calcolare il quadrato dei numeri da 2 a 10.


Ora verifica delle conoscenze
ORA VERIFICA DELLE CONOSCENZE illustrano come la docente mette i bambini nelle condizioni di capire da soli come calcolare il quadrato dei numeri da 2 a 10.




La slide seguente illustra le esercitazioni base.

dei bambini nel costruire figure con strisce

di carta colorata.


In questa lezione i bambini imparano la differenza tra il calcolo del perimetro e il calcolo dell’area di una figura.


I bambini imparano a calcolare anche il perimetro e l’area delle figure composte sommando i valori delle diverse figure.


In questa lezione l’insegnante introduce il concetto di area e superficie. L’esercizio chiede di contare da quanti quadratini è formata ogni figura e quindi di determinare quale figura è più estesa.


Come ultimo traguardo i bambini imparano a misurare gli angoli con il goniometro
Come ultimo traguardo i bambini area e superficie. L’esercizio chiede di contare da quanti quadratini è formata ogni figura e quindi di determinare quale figura è più estesaimparano a misurare gli angoli con il goniometro.


Ancora poche domande cosa piace ai bambini della geometria
ANCORA POCHE DOMANDE: COSA PIACE AI BAMBINI DELLA GEOMETRIA? area e superficie. L’esercizio chiede di contare da quanti quadratini è formata ogni figura e quindi di determinare quale figura è più estesa

La cosa è molto soggettiva, varia da bambino a bambino, ciò che piace ad uno può non piacere all’altro. Ciò che fa la differenza è il lavoro svolto dalla maestra. Ogni bambino ha già un suo bagaglio di conoscenze che deve essere recuperato, rinforzato, completato ed approfondito.


Cosa non piace ai bambini della geometria
COSA NON PIACE AI BAMBINI DELLA GEOMETRIA? area e superficie. L’esercizio chiede di contare da quanti quadratini è formata ogni figura e quindi di determinare quale figura è più estesa

Sicuramente non amano le definizioni come tali senza l’esperienzialità. I bambini fanno molta fatica a mostrare precisione e cura nella realizzazione del disegno geometrico. Spesso tengono in mano con difficoltà i semplici strumenti connessi alla geometria come il semplice righello. Penso che ciò dipenda dalla poca manualità e coordinazione di cui sono dotati.


Nella tua classe ci sono alunni in difficolt
NELLA TUA CLASSE CI SONO ALUNNI IN DIFFICOLTÀ? area e superficie. L’esercizio chiede di contare da quanti quadratini è formata ogni figura e quindi di determinare quale figura è più estesa

Per fortuna nella mia classe non ci sono bambini con queste difficoltà e neppure con problemi di discalculia, ma solo lievi difficoltà. A questi suggerisco semplicemente una attenta riflessione, li invito a non scoraggiarsi sottolineando come l’errore serva per migliorare e dando loro un aiuto ad hoc.


Come aiuteresti gli studenti con difficolt in geometria
COME AIUTERESTI GLI STUDENTI CON DIFFICOLTÀ IN GEOMETRIA? area e superficie. L’esercizio chiede di contare da quanti quadratini è formata ogni figura e quindi di determinare quale figura è più estesa

Molti bambini con difficoltà non espongono i loro problemi forse per paura di apparire “meno capaci” di fronte ai compagni. Alla luce di questo solitamente alla fine di ogni nuovo argomento somministro ai bambini delle esercitazioni che devono svolgere autonomamente e che mi permettono di valutare chi veramente ha interiorizzato il contenuto proposto e chi invece necessita di ulteriori spiegazioni. Durante le lezioni chiamo i bambini alla lavagna per svolgere gli esercizi insieme e verificare immediatamente eventuali difficoltà.


Segui corsi di aggiornamento
SEGUI CORSI DI AGGIORNAMENTO? area e superficie. L’esercizio chiede di contare da quanti quadratini è formata ogni figura e quindi di determinare quale figura è più estesa

Sì, in questi ultimi due anni ho seguito corsi di matematica e geometria col professor Pea e corsi relativi ai disturbi specifici di apprendimento. L’aggiornamento è fondamentale per noi insegnanti, proprio durante uno di questi ho capito come i bambini con discalculia abbiano difficoltà nell’ambito delle forme geometriche e sul piano delle abilità prassiche e grafo – spaziali.


Ti ringraziamo per l’attenzione e la pazienza. Cercheremo di prendere spunto da quanto ci hai spiegato.


Hanno partecipato
HANNO PARTECIPATO di prendere spunto da quanto ci hai spiegato.

  • Berardi Verdiana

  • Bono Stefania

  • Corengia Micol

  • Frasconi Giulia

  • Rampini Ilaria


ad