IL NUOVO SPESOMETRO Il modello di comunicazione polivalente - PowerPoint PPT Presentation

sakura
il nuovo spesometro il modello di comunicazione polivalente n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
IL NUOVO SPESOMETRO Il modello di comunicazione polivalente PowerPoint Presentation
Download Presentation
IL NUOVO SPESOMETRO Il modello di comunicazione polivalente

play fullscreen
1 / 10
Download Presentation
IL NUOVO SPESOMETRO Il modello di comunicazione polivalente
189 Views
Download Presentation

IL NUOVO SPESOMETRO Il modello di comunicazione polivalente

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. IL NUOVO SPESOMETROIl modello di comunicazione polivalente SPESOMETRO A DATI AGGREGATI (quadri FA, SA, BL): • Partita IVA o codice fiscale; • Numero delle operazioni aggregate; • Importo totale operazioni imponibili, non imponibili ed esenti; • Importo totale operazioni fuori campo IVA (solo quadro BL); • Importo totale delle operazioni con IVA non esposta in fattura (es. operazioni nel regime del margine); • Importo totale delle note di variazione; • Imposta totale sulle operazioni imponibili; • Imposta totale relativa alle note di variazione.

  2. IL NUOVO SPESOMETROIl modello di comunicazione polivalente SPESOMETRO A DATI ANALITICI (quadri FE, FR, NE, NR, DF, FN) : Per ciascuna operazione attiva o passiva: • Anno di riferimento; • Partita IVA o codice fiscale del cliente o fornitore; • Per ciascuna fattura attiva: data del documento, corri-spettivo al netto dell’IVA, IVA o che trattasi di operazioni non imponibili o esenti, numero del documento; • Per ciascuna fattura passiva: data di registrazione, corri- spettivo al netto dell’IVA, IVA o che trattasi di operazioni non imponibili o esenti, data del documento, numero del documento. • Note di variazione: importo della nota di variazione e dell’eventuale imposta ad essa relativa.

  3. IL NUOVO SPESOMETROIl modello di comunicazione polivalente ASPETTI PARTICOLARI PER COMMERCIANTI AL DETTAGLIO E AGENZIE DI VIAGGIO (art. 22 e 74-ter D.P.R. 633/72). • Il provvedimento n. 2013/94908 chiarisce che l’emissione della fattura, in sostituzione di altro idoneo documento fiscale, determina l’obbligo di comunicazione dell’ operazione. • Le operazioni attive documentate da fattura negli anni 2012 e 2013, poste in essere dai commercianti al dettaglio e dalle agenzie di viaggio, devono essere comunicate solo se di importo non inferiore a 3.600 €. • A decorrere dall’anno 2014, anche tali operazioni dovranno essere comunicate senza alcun limite di importo.

  4. IL NUOVO SPESOMETROLe comunicazioni incorporate dal nuovo modello Il modello polivalente verrà adottato anche per altre comunicazioni: • Comunicazione leasing e noleggi (presentazione annuale); • Comunicazione operazioni Black list (presentazione mensile o trimestrale); • Comunicazione acquisti da San Marino (presentazione mensile); • Comunicazione operazioni legate al turismo (presentazione annuale);

  5. IL NUOVO SPESOMETROLe comunicazioni incorporate dal nuovo modello COMUNICAZIONE LEASING E NOLEGGI • Il contribuente che svolge attività di leasing, noleggio o locazione di autovetture e altri veicoli, può scegliere se effettuare la comunicazione utilizzando il vecchio modello di cui al provvedimento del 21 novembre 2011, oppure adottare il modello di comunicazione polivalente. • Il nuovo modello sembrerebbe di più semplice utilizzo rispetto a quello dedicato esclusivamente alle operazioni di leasing e noleggio, che prevedeva anche informazioni difficili da recuperare, come ad esempio la data di stipula del contratto, la durata e altre. • La periodicità della comunicazione è annuale (30 giugno).

  6. IL NUOVO SPESOMETROLe comunicazioni incorporate dal nuovo modello OPERAZIONI BLACK LIST (quadro BL) • Il precedente modello per la comunicazione delle operazioni verso soggetti residenti in Stati a regime fiscale privilegiato verrà sostituito dal modello di comunicazione polivalente; • In base a quanto chiarito dall’agenzia delle entrate il 10 ottobre 2013, il vecchio modello per la comunicazione black list potrà essere utilizzato per comunicare le operazioni poste in essere fino al 31 dicembre; • È stato chiarito che le operazioni già oggetto di comunicazione black list, non dovranno confluire nel nuovo spesometro; • La periodicità della comunicazione rimane invariata (mensile o trimestrale) .

  7. IL NUOVO SPESOMETROLe comunicazioni incorporate dal nuovo modello OPERAZIONI CON SAN MARINO (quadro SE) • A decorrere dal primo ottobre 2013 il modello polivalente dovrà essere utilizzato per comunicare gli acquisti da San Marino con applicazione del reverse charge; • Non è possibile comunicare i dati in modo aggregato; • L’agenzia delle entrate consente, fino alla fine del 2013, di continuare ad adottare la vecchia modalità di trasmissione anziché il nuovo modello; • Gli acquisti in reverse charge non dovranno essere riportati anche nel quadro BL dedicato alle operazioni black list, quindi non si ha duplicazione dell’adempimento.

  8. IL NUOVO SPESOMETROLe comunicazioni incorporate dal nuovo modello OPERAZIONI CON SAN MARINO (quadro SE) • ATTENZIONE: nell’ultima frazione del 2013, se si opta per l’utilizzo dei vecchi modelli, resta ferma la doppia comunicazione dei dati tramite modello black list e vecchio modello cartaceo; • Tali operazioni devono essere comunicate entro l’ultimo giorno del mese successivo alla registrazione in contabilità dell’operazione.

  9. IL NUOVO SPESOMETROLe comunicazioni incorporate dal nuovo modello OPERAZIONI COLLEGATE AL TURISMO (quadro TU) • I soggetti di cui agli artt. 22 e 74-ter del DPR 633/72 sono tenuti a comunicare le operazioni poste in essere con le persone fisiche non residenti con cittadinanza diversa da quella italiana o comunque da quella di uno dei paesi dell’Unione europea, ovvero del SEE, di importo superiore a 1.000 € (v. art. 3, co 2-bis D.L. 16/12); • La periodicità della comunicazione è ancora da definire.

  10. Grazie per l’attenzione