gli integratori nelle patologie dell anziano n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Gli integratori nelle patologie dell ’ anziano PowerPoint Presentation
Download Presentation
Gli integratori nelle patologie dell ’ anziano

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 55

Gli integratori nelle patologie dell ’ anziano - PowerPoint PPT Presentation


  • 246 Views
  • Uploaded on

Gli integratori nelle patologie dell ’ anziano. Prof. V. Santilli Dott.ssa Francesca Costabile. La senilità comporta ridotta autonomia funzionale e coesistenza di più malattie croniche con conseguente assunzione di molti tipi di farmaci. Paziente geriatrico. Fattori genetici

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Gli integratori nelle patologie dell ’ anziano' - sage-richard


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
gli integratori nelle patologie dell anziano

Gli integratori nelle patologie dell’anziano

Prof. V. Santilli

Dott.ssa Francesca Costabile

slide2

La senilità comporta ridotta autonomia funzionale e coesistenza di più malattie croniche con

conseguente assunzione di molti tipi di farmaci.

Paziente

geriatrico

Fattori genetici

Fattori ambientali

Comorbidità

Politerapia

Problemi nutrizionali

Presentazione clinica atipica

Tendenza a rapido aggravamento,

complicanze e scompensi a cascata

fragilit dell anziano

Perdita dell’autosufficienza

istituzionalizzazione

“fragilità” dell’anziano

Morte

Stato

funzionale

Condizione di estrema instabilità omeostatica che comporta gravi complicanza

tempo

malattie neurologiche
Malattie neurologiche

contribuiscono in modo rilevante sulla fragilità dell’anziano compromettendo l’autonomia:

  • Cognitiva
  • Motoria
  • Linguaggio
  • Alimentazione
  • Igiene personale
slide6

La dieta dell’anziano

La dieta dell’anziano

Ridotta autonomia motoria

Declino cognitivo

  • Ridotta (pericolosamente) l’ assunzione di liquidi
  • Monotona e poco variata

edentulia

solitudine

differenze nell assorbimento degli anziani
Differenze nell’assorbimento degli anziani
  • Fisiologicamente i villi intestinali degli anziani hanno cellule scarsamente differenziate che hanno scarsa funzione assorbente
  • Mancano alcuni enzimi: delta 6 desaturasi
  • Sono diffusi deficit di vitamine e micro-macroelementi
slide8

…conseguenze

  • Osteoporosi (Deficit di vitamina D e calcio)
  • Ridotto apporto proteico
  • Deficit di vitamina (B12 …..)
  • Deficit di acido folico
slide9

Le membrane cellulari sono particolarmente vulnerabili ai danni radicali liberi. Questa circostanza richiede l'uso di antiossidanti lipofili come la ,, vitamina E (tocoferoli), o acidi grassi essenziali della serie omega 3 (antiossidanti indiretti). Di particolare pregio comuni antiossidanti, luteina, licopene, acido tioctico, acido alfa lipoico, coenzima Q10, polifenoli del tè verde o caffè, bioflavanoidi e isoflavoni.HarmanD.,Aging.Atheorybasedonfreeradicaland radiation chemistry. J. Gerontol. 1956;11: 288-300. :

  • Coenzima Q10 (ubichinone) è un potente antiossidante con ben documentati vantaggi nella gestione delle malattie cardiovascolari (angina, insufficienza cardiaca congestizia, ipercolesterolemia..
  • Gaby AR. Enzyme CoQ10. In Pizzorno JE, Murray MT, eds. Textbook of Natural Medicine. New YorkHarcourt, Brace and Co Ltd; 1999; 2(1): 663-670
slide10
AGE
  • Risultati glicazione o glicosilazione dalla combinazione di aldeidi, glucosio, fruttosio o con proteine. 24 Durante danni membrana cellulare dai radicali liberi, vengono rilasciati aldeidi (malondialdeide MDA),
  • Queste aldeidi possono attraversare gli zuccheri link e proteine, provocando l'aggregazione delle proteine con la conseguente perdita della integrità funzionale e strutturale delle proteine dei tessuti diversi.
  • Il collegamento di proteine con zuccheri o aldeidi implica un processo di carbonilazione, innescando ulteriori danni dei radicali liberi, causando la formazione di avanzati prodotti finali della glicazione

(AGE)

slide11
AGE
  • Questi AGE rendono allegati cellulari che inducono la distruzione del tessuto e la generazione di dirompente prodotti finali (ad esempio, l'ossido di azoto o di mediatori infiammatori, tra cui il fattore di necrosi tumorale [TNF] e interleuchine indesiderabili [iL-6]) .
  • La generazione di AGE può essere interrotto con l'uso di carnosina che provoca "carnosinylation.” Questa reazione chimica è protettivo contro il processo di carbonilazione. La carnosina può combinarsi con MDA, inibendo così il processo di glicazione. Risultati glicazione nel compromesso gravi della struttura dei tessuti e la funzione di molti organi.
  • Lo sviluppdi AGE nella sindrome X metabolica e diabete mellito spiega la presenza caratteristica di invecchiamento precoce in questi glicazione disorders.24 è chiaramente legata allo sviluppo di aterosclerosi, deposizione di beta amiloide nel cervello (tipica del morbo di Alzheimer), e l'invecchiamento della pelle. 8 Inoltre, glicazione può comportare cross-linking di zuccheri o di aldeidi con entrambe le proteine e DNA. Questa circostanza pregiudica le normali funzioni di genetica DNA.8, 2
slide12

Acido tioctico, acido alfa lipoico

  • Aumento del NGF quindi della velocità di conduzione dei nervi periferici
  • 600 mg /die
  • Azione mitocondriale
demenza
demenza
  • Uno studio in pazienti con demenza di Alzheimer di vitamina E (2000 UI / die) e selegilina riportato benefici modesti da vitamina E non ha mostrato alcun beneficio sulla progressione di demenza (Sano M, Ernesto C, Thomas RG, et al. A controlled trial of selegiline, alpha-tocopherol, or both as treatment for Alzheimer’s disease. The Alzheimer’s Disease Cooperative Study. N Engl J Med 1997;336: 1216–22)
  • Non esistono studi umani su larga scala fino ad oggi hanno specificatamente affrontato l'influenza di varianti di tocoferolo sui risultati cognitivi.
  • vitamina E non può impedire il declino cognitivo.
  • Alte dosi di vitamina E sono anche associati ad alcuni effetti negativi, come sanguinamento
  • dovrebbero essere presi in considerazione il rapporto rischio/beneficio
  • C'è abbastanza evidenza, a questo punto da giustificare studi randomizzati per esaminare gli effetti delle varianti tocoferolo da solo e in combinazione con la vitamina C in relazione ai risultati cognitivi.
omega 3
OMEGA 3

gli omega 3 rappresentano un valido

supporto per chiunque, ma addirittura indispensabile per l’anziano,

  • favoriscono la produzione di buoni eicosanoidi,
  • inibiscono l’aggregazione piastrinica e la circolazione sanguigna tramite vasodilatazione e prevengono quindi problemi cardiovascolari.
  • sono antinfiammatori
  • controllano la proliferazione cellulare e possono essere di aiuto nella prevenzione dei tumori;
  • migliorano la funzione immunitaria (che nell’anziano tende a deprimersi)
  • migliorano nettamente il rapporto tra colesterolo Hdl ed Ldl.
  • addizionato da vit.E, che funziona da antiossidante difende la struttura di questi grassi polinsaturi dall’azione dei radicali liberi.
slide15

Integrazione alimentare:

Fabbisogno di Sali minerali

I minerali di cui è più facile sviluppare carenza sono:

Calcio, Ferro (donne) e Zinco.

Calcio (RDA: M1000-F1200 mg/die):

diete ipocaloriche, scarsa esposizione al sole (aggiungere Vit.D), esclusione di latticini dalla dieta

Ferro (RDA M10-F15 mg/die):

Aumentato catabolismo, sanguinamento, vegetariani

Zinco (RDA M15-F12 mg/die):

L’assunzione è carente anche nella popolazione generale, meglio supplementare.

slide16

Calcio

  • Costituente essenziale del tessuto osseo
  • Contrasta la demineralizzazione indotta dall’immobilità
  • Fabbisogno :

1000 mg/die nell’adulto

1200-1500 mg/die nell’adolescente o in donne in gravidanza /allattamento

slide17

VITAMINA D3

  • Favorisce l’assorbimento di Ca e P a livello intestinale

Fabbisogno giornaliero:

400 UI/die (10 μg/die)

  • Aumenta il riassorbimento osseo (stimola il differenziamento degli osteoclasti)
  • Aumenta la capacità del PTH di riassorbire Ca a livello renale

Ha un effetto netto positivo sull’osso, in quanto fornisce Ca e P per la formazione di osso mineralizzato

slide18

Scarsa esposizione alla luce solare

  • Deficit di idrossilazione della vitamina D a livello epatico o renale (insufficienza epatica o renale di variabile entità)
slide19

vitamine

  • Le vitamine sono sostanze che l’organismo non è in grado di produrre, vengono introdotte con gli alimenti
  • Si distinguono in vitamine liposolubili (A, D, E, K) e idrosolubili (gruppo B e vit. C)
  • Sono indispensabili per i processi di costruzione, utilizzo ed eliminazione dei nutrienti
  • Non esistono studi clinici che dimostrino un reale effetto delle vitamine contro la stanchezza muscolare o come ergogenici
  • Un’alimentazione adeguata fornisce all’organismo il fabbisogno necessario di vitamine
  • A parte negli accertati casi di carenza, la supplementazione di vitamine non è necessaria e può provocare fenomeni di tossicità da sovradosaggio
fabbisogno di vitamina b12
Fabbisogno di vitamina B12

Sorgenti di vitamina B12

  • Cause
  • Malassorbimento intestinale
  • Ridotto legame con il fattore intrinseco:
  • Risezione gastrica, Gastrite atrofica
  • Basso consumo
  • Conseguenze:
  • Anemia perniciosa
  • Perdita di memoria
  • Ridotta coordinazione motoria
  • miopatia

modesto ma comunque essenziale.

dose giornaliera richiesta per l'adulto è di circa 2 - 2,5 µg,

i depositi presenti nell'organismo ammontano a circa 4 mg.

slide21

ipovitaminosi

  • Sono a rischio di sviluppare ipovitaminosi soggetti:
  • Che seguono diete ipocaloriche estreme
  • Diete ipolipidiche
  • Vegetariani (o esclusione di cibi specifici)
  • Anziani (difficile assorbimento di B12)
  • Scarsa esposizione al sole (Vit. D)
slide22

Sintesi: antiossidanti

alla catena respiratoria partecipano:

Coenzimi (NADH, FADH2, FMN)

Coenzima Q, molecola

diffusibile nel doppio strato

proteine integrali di membrana come

- citocromi (contenenti gruppi eme)

- proteine ferro-zolfo

nicotinamide vit pp
Nicotinamide (Vit.PP)
  • Precursore di coenzimi indispensabili nelle catene respiratorie (NAD)
  • Incrementa la produzione di energia nelle cellule muscolari striate
  • Migliora la circolazione sanguigna
slide24

La Nicotinamide, amide della niacina (vitamine idrosolubili) costituente di due coenzimi: nicotinamide adenina dinucleotide (NAD) e nicotinamide adenina dinucleotide fosfato (NADP).

  • vettori di idrogeno e di elettroni attraverso ossidazioni e riduzioni reversibili ed hanno un ruolo vitale nel metabolismo.
  • attivita` preventiva in alcuni modelli sperimentali di mutagenesi e di oncogenesi.
riboflavina vit b2
Riboflavina (Vit.B2)
  • Precursore di coenzimi indispensabili nelle catene respiratorie (FAD)
  • Incrementa la produzione di energia durante esercizio fisico
  • Ha effetti trofici sul tessuto nervoso
acido pantotenico vit b5
Acido Pantotenico (Vit.B5)
  • Precursore del Coenzima A
  • Indispensabile per l’estrazione di energia dal metabolismo lipidico
  • Ha effetto neuroprotettivo
coenzima q10
Coenzima Q10
  • Importante fattore antiossidante
  • Ruolo fondamentale nella catena respiratoria ai fini della produzione di energia
  • Migliora la performance muscolare durante l’esercizio fisico
  • Migliora le performance cardiovascolari
  • Effetto neuroprotettivo
slide28

Skeltonet al. (1994)

Instabilità posturale

Aumento della massa grassa

Riduzione della potenza

sarcopenia

Riduzione della forza

Accelerazione della perdita di massa ossea

Riduzione della resistenza muscolare

Minore capacità di termoregolazione

Riduzione del metabolismo basale

ipotonotrofia muscolare
Ipotonotrofia muscolare

In caso di ipocinesia prolungata…

  • Riduzione della forza muscolare: 5% al giorno
  • Diminuzione dei depositi di glicogeno
  • Si riduce la lunghezza fibre muscolari
  • Si riduce lunghezza e peso delle masse muscolari
slide31

Trials begun in recent years clearly indicate a beneficial effect of vitamin D supplements on mortality, cardiovascular risk,development of tumors and prevention

Vitamin D levels were significantly lower in subjects with sarcopenia than in those without, regardless of obesity. We found a strong inverse association between 25(OH)D level and sarcopenia in the older Korean population.

Dosaggio del livello di Pth e sarcopenia (massa muscolare dello scheletro appendicolare e peso corporeo)

Conclusioni non esiste comunque la definizione di una soglia circolatoria per il benessere dell’osso

slide32

Studio francese: settembre 2011

  • Solo il 15% degli anziani raggiunge il terget ematico di vitamina D
  • La vitamina D riduce il rischio di cadute e di fratture
slide33

L-Carnitina

Favorisce il metabolismo energetico

e la differenziazione degli osteoblasti

Favorisce l’anabolismo proteico

e il trofismo delle cellule muscolari

Inibisce la proteolisi nel tessuto muscolare

Mantenimento della massa muscolare

slide34

L-carnitina:

sintetizzata dal fegato a partire dalla lisina, la sua funzione è quella di trasportare gli acidi grassi all’interno dei mitocondri. Si trova in particolare nel muscolo scheletrico e nel miocardio. L’ipotesi che la sua assunzione abbia degli effetti ergogenici non è supportata da evidenze scientifiche. Può causare nausea, vomito e crampi addominali.

propionil l carnitina
Propionil-L-Carnitina
  • Migliora l’utilizzazione dei substrati energetici a livello muscolare
  • Interviene direttamente sul Ciclo di Krebs nelle cellule muscolari striate
  • Migliora il microcircolo a livello dei

vasa nervorum

slide36

CREATINADerivato aminoacidico confunzione di riserva di fosfati energetici a livello muscolare e di ottimizzazione della disponibilità di ATP necessario per la contrazione muscolare.

  • Migliora la performance durante l’esercizio fisico
  • Riduce l’affaticamento muscolare
slide37

Prodotti finalizzati ad una integrazione di proteine

  • Le calorie fornite dalla quota proteica devono essere dominanti rispetto alle calorie totali fornite dal prodotto
  • Deve essere presente vitamina B6
  • Avvertenze: l’apporto proteico (dieta+integratore) non superiore a 1,5 gr/die/Kg di peso corporeo
  • Controindicati nei casi di patologia renale, epatica
slide38
Integratore alimentare a base di Creatina, Propionil-L-Carnitina, Coenzima Q10, Riboflavina, Nicotinamide e Acido Pantotenico

Favorisce la produzione di energia

Migliora il microcircolo a livello neuronale e muscolare

Utile per favorire la produzione di energia e migliorare il recupero del tono muscolare

  • Formulazione:
    • Propionyl-L-Carnitina HCl 250 mg
    • Creatina 1500 mg
    • Riboflavina 1.6 mg
    • Nicotinamide 18 mg
    • Acido Pantotenico 6 mg
    • Coenzima Q10 20 mg
slide39

Integratori alimentare a base di calcio,

Magnesio, Vitamina D3, L-Carnitina,

L- Leucina

  • Migliora il metabolismo dell’osso
  • Aumentandone la densità
  • Rafforzandone la struttura

Favorisce il mantenimento della massa muscolare

Aumentando la sintesi proteica

Riducendo la proteolisi

  • Formulazione:
    • L-Carnitina fumarate 345 mg
    • Calcio 500 mg
    • Magnesio 250 mg
    • Vitamin D3 5 ug
    • L-Leucine 500 mg
slide40

L-leucina

  • Aminoacido essenziale che incrementa la sintesi proteica e inibisce la proteolisi nel tessuto muscolare
  • Favorisce il mantenimento della massa muscolare
slide41

Somministrazione per un mese e mezzo:

  • Riduzione del 40% dell’uso di analgesici
  • Miglioramento della albumina e della emoglobina,
  • Recupero funzionale >del 50%.
  • Riduzione di 2,5 gg di giornate di degenza
  • anticipazione di 2,2 gg dell’inizio della deambulazione
in fase di riabilitazione l apporto di micronutrienti essenziali
In fase di riabilitazione l’apporto di micronutrienti essenziali

Limita la perdita di massa ossea e muscolare

Rende più rapidi ed efficienti i processi riparativi

Migliora il recupero funzionale

integratori
Integratori

Può essere vantaggioso l’utilizzo di

  • Integratori (Prodotti a base di vitamine, minerali ed altre sostanze di interesse fisiologico in particolare ma non in via esclusiva aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale sia monocomposti che pluricomposti in forme predosate destinati ad integrare la comune dieta)
  • Medical food
  • Cibi funzionali
pazienti allettati

Pazienti allettati

La “ Critical Illness Polyneuropathy” (CIP) è una complicanza

neurologica frequente nei pazienti ricoverati in Rianimazione

a seguito di una prolungata degenza

nel reparto di terapia intensiva, in cui può subentrare sepsi, shock

settico o danno multi-organo.

la CIP ostacola

il recupero e la guarigione ed in alcuni casi può provocare esiti

invalidanti

slide45

Linee guida: nutrizione e ulcere da pressione

  • assicurare un adeguato apporto calorico e proteico.
  • È possibile calcolare il fabbisogno energetico con la formula di Harrison-Benedict
  • È necessario considerare il rischio di malnutrizione il BMI l’anamnesi alimentaree la comorbilità

Se il paziente è malnutrito si deve incoraggiare l’assunzione

di cibo e somministrare integratori contenenti

vitamine ed oligoelementi. Se l’introito calorico

continua ad essere inadeguato, si dovrebbe con la nutrizione

enterale assicurare 30 Kcal/kg/die

slide46

Sarcopenia e Fragilità

sono inevitabile conseguenze dell’invecchiamento

ma

L’attività fisica/esercizio fisico può

posticiparla e contrastarla

Esercizio aerobico:

Vantaggi cardiovascolari

omocisteina
omocisteina
  • Il mantenimento della integrità strutturale e funzionale di diversi composti chimici chiave nel corpo comporta la donazione di gruppi metilici
  • Esempi di composti che richiedono la metilazione vitali per il funzionamento ottimale sono lipoproteine ad alta densità (HDL), DNA, fosfolipidi, serotonina e adrenalina.
  • Senza una continua capacità del corpo di metilato di molti composti cardine, le funzioni di tessuto normale non può procedere. Un risultato comune di metilazione compromessa è l'accumulo di omocisteina dannoso.
  • L'omocisteina si accumula a causa della sua mancanza di conversione a metionina (un donatore di metile) .

Miller AL, Kelly GS. Homocysteine metabolism: nutritional modulation and impact on health and disease. In Pizzorno JE, Murray MT, eds. Textbook of Natural Medicine. New York: Harcourt, Brace and Co Ltd; 1999; 2(1): 461-475.

slide48

consigli

La deregolamentazione della metilazione tende a verificarsi con

l'età

l'esercizio fisico

aumenta la necessità di donazione gruppi metilici

I tessuti possono soffrire di proteine e danno al DNA. (Kyriazis M. Anti-Aging Medicines. London, UK: Watkins Publishing; 2005)

Un particolare problema si verifica con la distruzione del collagene negli individui impegnati nello sport.

atleti impegnati o d'elite possono trarre beneficio da metil-donatori

slide49

L'ottima "dieta anti-aging " deve essere una dieta ridotta in zuccheri semplici e grassi saturi, pur essendo integrato con omega-3, acidi grassi essenziali (EFA) . La dieta dovrebbe contenere modeste quantità di proteine di origine mista (vegetale , carne, latticini e pesce di origine), ad alto contenuto di fibre e densi di nutrienti vitali, come vitamine, minerali e sostanze fitochimiche. Forse le regolazioni più importanti nella dieta comporta la riduzione di inutili calorie alimentari (ad esempio, gli zuccheri semplici, grassi saturi,

AGE

Willcox B, Willcox D, Suzuki M. The Okinawa

Program. New York, NY: Clarkson Potter; 2001.

Walford R. The 120 Year Diet: How to Double Your Vital Years. New York, NY: Simon & Schuster;1986.

Atkins R, Buff S. Dr. Atkins’ Age-Defying Diet

Revolution. New York, NY:St. Martin’s Press; 2000.

willcox b willcox d suzuki m the okinawa program new york ny clarkson potter 2001
Willcox B, Willcox D, Suzuki M. The OkinawaProgram. New York, NY: Clarkson Potter; 2001

Ci sono molti resoconti del ruolo di arricchimento minerale nella dieta di alcuni gruppi etnici che godono di longevità.

  • . L'uso combinato di melatonina con DHEA potrebbe aver aggiunto benefici anti-invecchiamento . La melatonina è un ormone potente antiossidante che può migliorare la menopausa (Yu HS, Reiter RJ, Eds. 35. Melatonin Biosynthesis, Physiological Effects and Clinical Applications. Boca Raton, FL: CRC Press; 1993)
  • Kyriazis M. 8. Anti-Aging Medicines. London, UK: Watkins Publishing; 2005.
conclusioni
conclusioni

Un focus su un approccio olistico alla anti-invecchiamento con un cambiamento positivo dello stile di vita e la medicina naturale è un'iniziativa fondamentale nella sanità moderna.

Il medico coinvolto nella medicina anti-aging dovrebbero prendere in considerazione "messo in scena strategie" di intervento a partire con l'approccio più naturale e semplice di

  • raccomandazioni stile di vita sano,
  • l'approccio nutrizionale ben progettato e adattato.
  • Popolari interventi ormonali possono essere esercitati in queste strategie ma con supervisione medica
slide52

Necessari gli integratori?

Quando usiamo integratori proteici..

  • dieta spesso eccessivamente ricca dal punto di vista calorico
slide53

Integrazione alimentare:

È veramente necessaria?

Se l’alimentazione è varia ed adeguata, si ritiene che non lo sia. Particolare attenzione a Ca, Fe e Zn.

Utile/necessaria:

Diete fortemente ipocaloriche

Vegetariani

Esclusione di latticini

Atleti anziani

Stati patologici particolari

un'alimentazione è in grado di fornire tutti i macro e micronutrienti indispensabili per la piena efficienza metabolica, ma oggi questo non è sempre del tuttovero, per diverse ragioni.

conclusioni1
conclusioni
  • Introdurre integratori in relazione alle reali necessità della persona e sotto stretto monitoraggio medico
  • Eseguire una corretta valutazione nutrizionale
  • Eseguire uno studio delle comorbidità
  • Fare attenzione alle vitamine liposolubili e ai micronutrienti da accumulo
  • Ragionare anche in senso preventivo (evitare una caduta per quanto possibie a 80 anni..)
  • considerare che dopo una certà età può essere necessario introdurre una supplementazione alimentare”
slide55

GRAZIE

per

l’ascolto