le persone con sindrome down nel mercato del lavoro un obiettivo possibile n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Le persone con sindrome Down nel mercato del lavoro: un obiettivo possibile PowerPoint Presentation
Download Presentation
Le persone con sindrome Down nel mercato del lavoro: un obiettivo possibile

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 17
rupali

Le persone con sindrome Down nel mercato del lavoro: un obiettivo possibile - PowerPoint PPT Presentation

151 Views
Download Presentation
Le persone con sindrome Down nel mercato del lavoro: un obiettivo possibile
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Le persone con sindrome Down nel mercato del lavoro:un obiettivo possibile Anna Contardi Associazione Italiana Persone Down www.aipd.it

  2. UNA PREMESSA Oggi in Italia vivono circa 30.000 adulti con SD • affrontare il tema del lavoro vuol dire riconoscere un’adultità possibile anche per loro • non esiste inserimento senza formazione ..ma la formazione non è solo apprendimento di mansioni • bisogna imparare a lavorare e poi imparare un lavoro

  3. Il corso di educazione all’autonomia dell’AIPD • Un’esperienza importante nel percorso verso il divenire adulti, • Autonomia prerequisito per il lavoro, indispensabile per l’inserimento sociale • nato nel 1989 a Roma, ora in più di 25 città, per acquisire autonomie utili nella vita fuori casa. • Lavora su saper fare : acquisire nuove competenze saper essere: sviluppare la propria identità di giovane/adulto

  4. Le esperienze ci dicono... Nel 1992 una ricerca individua alla base del successo dei primi inserimenti: • l’autonomia dei lavoratori • formazione in situazione • collocamento mirato

  5. Nel 1993 si avvia a Roma una collaborazione AIPD - McDonald’s • Selezione potenziali lavoratori (riemerge l’autonomia!!) • Organizzazione del lavoro part-time pausa e turni settimanali fissi formazione sul posto di lavoro uniforme gerarchie chiare

  6. Qualche risultato.. • Dal 1993 al 1998: 8 inserimenti • contratto a tempo indeterminato • tutti raggiungono da soli il posto di lavoro • produttività tra il 70 e l’80% • crescita dell’autostima “prendo la busta paga con l’accredito in banca, quando finisco i soldi, li prendo col Bancomat ….da quando lavoro la mia vita è cambiata in meglio..sono diventata una signora”

  7. La legge 68/’99 Al centro il COLLOCAMENTO MIRATO Elementi importanti per l’inserimento delle persone con SD: collocamento mirato agevolazioni alle aziende in particolare per h. intellettivi posti disponibili anche in piccole aziende le Convenzioni anche come strumento formativo

  8. Non esiste un censimento ….ma il numero di chi lavora è inferiore rispetto a chi sarebbe in grado di farlo • Fino al 2007 Aipd ha seguito 69 inserimenti lavorativi a Roma e 19 in altre 10 città sedi di sezioni • Un’indagine del Coordinamento Down italiano ( 2007) ha individuato su un campione di 1167 persone maggiorenni in contatto con le associazioni solo l’8,4% lavora con un regolare contratto di lavoro • La maggior parte ha contratti part time a tempo indeterminato

  9. Non è particolarmente significativa la tipologia dei lavori quanto l’organizzazione del lavoro

  10. mansioni semplici e ben organizzate

  11. chiarezza dei ruoli considerazione del lavoratore come tale

  12. Nel 2002 l’AIPD a livello nazionale ha avviato l’Osservatorio sul mondo del Lavoro • Azioni di informazione sensibilizzazione • Realizzazione del film “Lavoratori in corso” • Stesura e diffusione protocollo • Consulenza e supporto sezioni

  13. Programma di inserimento lavorativo: le azioni necessarie • Informazione e sensibilizzazione delle aziende • Informazione delle famiglie e degli interessati sui diritti • Accompagnamento delle famiglie nella presa di coscienza di che cosa vuol dire andare a lavorare, che vuol dire essere adulti

  14. …le azioni • Percorso educativo con i ragazzi nella comprensione del ruolo • Costruzione di profili personali e curriculum • Accompagnamento nella definizione del rapporto di lavoro • Eventuale tutoraggio nei primi 6 mesi

  15. le azioni... • Monitoraggio del servizio nei primi 2 anni • Sostegno ai lavoratori nell’assunzione del proprio ruolo • Disponibilità a consulenze per azienda, lavoratori e famiglie senza limiti di tempo

  16. Concludendo • L’inserimento lavorativo delle persone con SD è possibile • Un lavoratore con la SD è un lavoratore, adulto, con la sindrome di Down • E’ indispensabile procedere ad un collocamento mirato, bisogna potenziare i servizi, ma soprattutto BISOGNA COMINCIARE • La flessibilità è importante per fare progetti adeguati alle persone

  17. play