slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 6

Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza - PowerPoint PPT Presentation


  • 88 Views
  • Uploaded on

Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza ASME.net Calabria – ASME.net Campania Innovazione e Qualità per gli Enti Locali CST provinciali e territoriali ll progetto IQuEL.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza' - ria-le


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza

ASME.net Calabria – ASME.net Campania

Innovazione e Qualità per gli Enti Locali

CST provinciali e territoriali

ll progetto IQuEL

Il gruppo di lavoro CST - Province è composto dai CST delle province di Brescia, Chieti, Padova, Parma, Pesaro Urbino, Rimini e Vicenza e dai consorzi Asmenet Calabria e Asmenet Campania.

I CST del gruppo di lavoro IQuEL operano prevalentemente attraverso convenzioni tra Enti per realizzare un potenziamento dei servizi ICT da parte dei piccoli Comuni.

Rappresentano circa 1200 Comuni pari al 15% dei Comuni italiani.

In ragione della funzione di supporto tecnologico e coordinamento organizzativo svolto dai CST nei confronti dei Comuni, i servizi erogati dal CST sono caratterizzati da un doppio livello di interazione:

Il Dirigente Settore Sistemi Informativi

Coordinatore del sottogruppo CST province

Provincia di Padova

ing. Roberto Lago

slide2
Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza

ASME.net Calabria – ASME.net Campania

Innovazione e Qualità per gli Enti Locali

CST provinciali e territoriali

ll progetto IQuEL

La prima fase del progetto, che si è conclusa il 20 novembre, è stata dedicata ad azioni di carattere conoscitivo finalizzate

all’analisi dei contesti in cui i CST operano

 all’individuazione delle variabili che possono incidere sulla qualità dei servizi

 alla comparazione degli standard dei servizi erogati dai CST

 alla scelta dei servizi da monitorare

 alla descrizione degli indicatori

Tra novembre e dicembre si concluderanno le altri azioni complementari orientate alla scelta delle aree test per mettere definitivamente a punto le metodologie di indagine.

Il Dirigente Settore Sistemi Informativi

Coordinatore del sottogruppo CST province

Provincia di Padova

ing. Roberto Lago

slide3
Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza

ASME.net Calabria – ASME.net Campania

Innovazione e Qualità per gli Enti Locali

CST provinciali e territoriali

ll progetto IQuEL

In base alla loro tipologia i servizi dei CST saranno analizzati nella loro possibile doppia forma di flussi di erogazione:

Il Dirigente Settore Sistemi Informativi

Coordinatore del sottogruppo CST province

Provincia di Padova

ing. Roberto Lago

slide4
Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza

ASME.net Calabria – ASME.net Campania

Innovazione e Qualità per gli Enti Locali

CST provinciali e territoriali

ll progetto IQuEL

La scelta e la descrizione del piano degli indicatori è stata effettuata tenendo conto della specifica tipologia di servizi, caratterizzati da:

 basso numero di utenti (bassa standardizzazione) con alto livello di personalizzazione del servizio (molte variabili);

alto numero di interlocutori nella filiera di erogazione, in ragione della specializzazione delle diverse componenti richieste.

La più evidente conseguenza di queste specificità dei servizi forniti dal CST ai Comuni è il peso significativo svolto dalla struttura organizzativa, che rappresenta una delle variabili meno visibili del processo.

Il Dirigente Settore Sistemi Informativi

Coordinatore del sottogruppo CST province

Provincia di Padova

ing. Roberto Lago

slide5
Province di: Brescia – Chieti - Padova – Parma – Pesaro e Urbino – Rimini – Vicenza

ASME.net Calabria – ASME.net Campania

Innovazione e Qualità per gli Enti Locali

CST provinciali e territoriali

ll progetto IQuEL

I servizi su cui sarà effettuata l’indagine sono quindi:

i servizi infrastrutturali di supporto all’attività ICT e specificamente rivolti agli EELL (connettività, helpdesk, backup, sicurezza, ecc.);

identity management, rivolto a un numero circoscritto di utenti qualificati (carta digitale, posta certificata, ecc.)

comunicazione web attraverso i siti degli EELL, rivolto a tutti i cittadini.

Ogni CST avrà la possibilità di monitorare are un servizio di suo specifico interesse relativo a iniziative consolidate o in corso di implementazione, tra cui:

 Servizi per le biblioteche comunali e scolastiche

 Sportello unico alle imprese

 Servizi per il turismo e il marketing territoriale

 Fornitura modulistica e autocertificazione del cittadino

 Lo sportello elettronico

Il Dirigente Settore Sistemi Informativi

Coordinatore del sottogruppo CST province

Provincia di Padova

ing. Roberto Lago

ad