slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Charles Darwin e la Selezione Naturale PowerPoint Presentation
Download Presentation
Charles Darwin e la Selezione Naturale

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 9

Charles Darwin e la Selezione Naturale - PowerPoint PPT Presentation


  • 251 Views
  • Uploaded on

Charles Darwin e la Selezione Naturale. Un’idea che ha cambiato il mondo. Introduzione. Charles Darwin ha sviluppato la sua teoria dell’evoluzione per selezione naturale a partire da quattro importanti osservazioni poi tradotte in due deduzioni. Osservazioni:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Charles Darwin e la Selezione Naturale' - qabil


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Charles Darwin e la Selezione Naturale

Un’idea che ha cambiato il mondo

slide2

Introduzione

Charles Darwin ha sviluppato la sua teoria dell’evoluzione per selezione naturale a partire da quattro importanti osservazioni poi tradotte in due deduzioni.

Osservazioni:

1. Tutti gli organismi generano più figli di quanti ne sopravvivano fino all’età adulta

2. Le popolazioni rimangono più o meno costanti in termini di numero di individui

3. Le caratteristiche dei membri di una stessa specie variano

4. Alcune caratteristiche sono ereditate e quindi trasmesse alla generazione successiva

Deduzioni:

A. Tutti gli organismi sono impegnati in una lotta per la sopravvivenza e solo quelli meglio adattati sopravvivono

B. Gli organismi che sopravvivono hanno maggiori probabilità di riprodursi, e quindi di trasmettere i caratteri utili per l’adattamento alla propria progenie

slide3

Osservazioni

1. Tutti gli organismi producono più figli di quanti ne sopravvivano fino a un’età adulta

Una delle prime osservazioni di Darwin fu che tutti gli esseri viventi sono in grado di generare più figli di quanti ne siano necessari a rimpiazzare i propri genitori. Per esempio, una coniglia può produrre anche sette cuccioli ad ogni gravidanza, ma questi non sopravvivono tutti fino all’età adulta.

slide4

Osservazioni

2. Le popolazioni rimangono più o meno costanti in termini di numero di individui

La seconda osservazione di Darwin fu che il numero totale di individui in molte diverse specie di animali e piante tende a mantenersi più o meno costante nel lungo periodo.

Ad esempio, branchi di diversi animali vivono sugli altopiani dell’Africa: gnu, zebre, gazzelle, etc. Ogni anno le femmine partoriscono molti cuccioli, ma la dimensione complessiva della popolazione di ciascuna di queste specie rimane la stessa.

Ci sono diversi fattori che mantengono costante la popolazione, tra i quali la competizione per il cibo, la predazione e le malattie.

slide5

Osservazioni

3. Le caratteristiche dei membri di una stessa specie variano

La terza osservazione di Darwin fu che tutti gli organismi viventi variano in termini di colore, forma, taglia o comportamento.

Qui sotto ci sono tre diversi tipi di colore e di disegno del mantello delle giraffe.

Giraffa dell’Africa occidentale

Giraffa reticolata

Giraffa di Thornicroft

slide6

Osservazioni

4. Alcune caratteristiche sono ereditate e quindi trasmesse alla generazione successiva

La quarta osservazione di Darwin fu che molte caratteristiche venivano trasmesse dai genitori ai figli.

Alcuni caratteri ereditari sono piuttosto evidenti negli esseri umani:

Colore degli occhi

Colore degli occhi

Altri sono meno evidenti:

Gruppo sanguigno

slide7

Conclusioni

Dalle sue quattro osservazioni Darwin riuscì a trarre due conclusioni importanti.

A. Tutti gli organismi sono impegnati in una lotta per la sopravvivenza.B. Alcuni individui sono meglio adattati al proprio ambiente di altri.

Orsi polari in lotta

Un cavalluccio marino pigmeo mimetizzato tra i coralli

slide8

Sopravvivenza del più adatto

Gli individui meglio adattati al proprio ambiente hanno maggiori probabilità di sopravvivere e di riprodursi, trasmettendo quindi i caratteri utili alla generazione successiva. Gli individui meno adattati non sopravvivono abbastanza a lungo per riprodursi. Queste idee formarono la base della teoria dell’evoluzione per selezione naturale di Darwin.

Maschio di leone africano

Gorilla di montagna africano

slide9

Evoluzione per selezione naturale

Darwin concluse che la selezione naturale poteva spiegare come gli organismi cambiano gradualmente nel tempo ed evolvono in nuove specie. Al tempo in cui fu pubblicata, Darwin ebbe difficoltà a far accettare la sua teoria, perché era difficile da provare. Altri scienziati dell’epoca volevano che Darwing spiegasse come gli individui riescono a trasmettere i propri caratteri ai figli.I risultati e le conoscenze genetiche accumulate dai tempi di Darwin a oggi hanno fornito le evidenze necessarie a sostenere e ampliare la teoria di Darwin.