slide1 l.
Download
Skip this Video
Download Presentation
Esperimenti di elettrostatica

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 11

Esperimenti di elettrostatica - PowerPoint PPT Presentation


  • 199 Views
  • Uploaded on

Per lo schermo intero, “clic” su tasto destro e scegli. Per avanzare con la presentazione, “frecce”. Per chiudere, “esc”. Esperimenti di elettrostatica. Sintesi delle osservazioni di laboratorio. a cura di F. Barbarossa.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Esperimenti di elettrostatica' - presley


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Per lo schermo intero, “clic” su tasto destro e scegli. Per avanzare con la presentazione, “frecce”. Per chiudere, “esc”

Esperimenti di

elettrostatica

Sintesi delle osservazioni di laboratorio

a cura di F. Barbarossa

slide2

Questa osservazione restò a livello di “giochetto” per quasi 2000 anni, finché non venne ripresa dopo il 1600 e, pur con molte incertezze interpretative, sviluppata fino a diventare il fondamento dell’elettrologia.

Esperimenti di elettrostatica

INTRODUZIONE

Fin dal VI secolo avanti Cristo, i Greci avevano scoperto che una sbarretta di ambra (eléctron), strofinata con un pezzo di stoffa, aveva la proprietà di attirare oggetti leggeri, come pezzi di carta, palline di sambuco ecc.

slide3

Esperimenti di elettrostatica

La causa che determina l’attrazione dei pezzetti di carta da parte non solo della sbarretta di ambra, ma anche di vetro, di ebanite ed altri materiali, viene chiamata carica elettrica.

?

Fu scoperto in seguito che

dovevano esistere

due specie di carica elettrica.

slide4

Esperimenti di elettrostatica

Se si strofinano due sferette di ebanite con uno stesso panno e si sospendono ad un filo, esse tendono a respingersi

Se si strofinano due sferette di vetro con uno stesso panno e si sospendono ad un filo, esse tendono a respingersi

slide5

Esperimenti di elettrostatica

Invece

una sferetta di vetro e una di ebanite, strofinate con il medesimo panno, si attirano

slide6

-

-

-

+

+

+

Esperimenti di elettrostatica

Questo comportamento si può spiegare se ipotizziamo che le coppie di sferette strofinate acquisiscono “proprietà” differenti collegate a cariche elettriche differenti

Le due sferette di vetro, strofinate, acquisiscono carica positiva

Le due sferette di ebanite, strofinate, acquisiscono carica negativa

Cariche opposte si attraggono

slide7

Esperimenti di elettrostatica

Fissiamo qualche idea

Lo STROFINIO di sostanze come il vetro e l’ebanite fa nascere, in questi materiali, qualcosa che chiameremo “carica elettrica”

Gli effetti di questa carica elettrica, che si manifestano con delle forze all’esterno (attrazione dei pezzetti di carta), sono due e due soltanto: attrazione e repulsione

Dobbiamo quindi ammettere che ci sono due tipi di carica che chiameremo: “carica positiva” e “carica negativa”.

Esse godono della seguente proprietà:

le cariche di eguale segno si respingono(forze repulsive)

le cariche di segno diverso si attraggono(forze attrattive)

slide8

Esperimenti di elettrostatica

Tutte le sostanze si possono elettrizzare per strofinio ?

NO: se proviamo ad elettrizzare per strofinio una barra di metallo, tenendola in mano, essa non attira pezzi di carta.

Però se la barra di metallo viene tenuta in mano mediante un manico di vetro, l’elettrizzazione si verifica.

Esperimenti di questo tipo permettono di distinguere i materiali in due categorie:

Materiali isolanti (come il vetro e l’ebanite)

Materiali conduttori (come i metalli)

Nei materiali isolanti la carica resta localizzata in certi punti del corpo elettrizzato

Nei materiali conduttori la carica si distribuisce dappertutto

slide9

-

-

-

-

-

-

--

-

-

-

-

-

-

Esperimenti di elettrostatica

Elettrizzazione per contatto

Se con una sbarretta elettrizzata si tocca una pallina di sambuco appesa ad un filo di seta (pendolino elettrico), si vedrà che subito dopo il contatto la pallina verrà respinta dalla bacchetta.

Questo non può che significare che la pallina e la bacchetta hanno il medesimo tipo di carica……….

……quindi dobbiamo trarre la conclusione che la bacchetta ha “versato” (ceduto) un po’ della propria carica alla pallina, durante il contatto.

La pallina di sambuco si è elettrizzata per contatto con la bacchetta elettrizzata, acquisendone il medesimo tipo di carica

slide10

-

-

-

-

-

-

+

-

-

-

+

-

+

-

Esperimenti di elettrostatica

Elettrizzazione per induzione (induzione elettrostatica)

Se con la sbarretta elettrizzata ci avviciniamo alla pallina di sambuco appesa al filo di seta, evitando che vi sia contatto, si noterà che la pallina si mette in movimento spontaneamente verso la bacchetta.

Questo comportamentopuò essere spiegato solo se si ammette che nella pallina sono state indotte cariche elettriche opposte a quelle presenti nella bacchetta…………..

……… di conseguenza dobbiamo ammettere che la carica elettrica preesista nel corpo e che la vicinanza della bacchetta, provochi (induca) uno spostamento di tali cariche, in modo che, cariche dello stesso tipo, siano più lontane possibili.

slide11

-

-

-

-

-

-

+

-

-

-

+

-

+

-

Esperimenti di elettrostatica

induzione elettrostatica

Dunque le cariche elettriche preesistono nei corpi e possono essere separate fra loro dalla presenza di una carica esterna (bacchetta elettrizzata). Questo fenomeno si chiama induzione elettrostatica.

Il fenomeno dell’induzione elettrostatica permane per tutto il tempo durante il quale la bacchetta inducente è presente, e cessa quando questa viene allontanata, perché le cariche all’interno del corpo si miscelano nuovamente e il corpo torna allo stato neutro.

ad