slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
LA RETE TERRITORIALE REGIONALE DEL PRIVATO SOCIALE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 12

LA RETE TERRITORIALE REGIONALE DEL PRIVATO SOCIALE - PowerPoint PPT Presentation


  • 120 Views
  • Uploaded on

LA RETE TERRITORIALE REGIONALE DEL PRIVATO SOCIALE. Mariafederica Massobrio Federazione Italiana Comunità Terapeutiche.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'LA RETE TERRITORIALE REGIONALE DEL PRIVATO SOCIALE' - pravat


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1
LA RETE TERRITORIALE REGIONALE

DEL PRIVATO SOCIALE

Mariafederica Massobrio

Federazione Italiana Comunità Terapeutiche

slide2
La necessità di collaborazione tra gli enti che compongono il variegato mondo dei servizi sociali è ormai da tempo assodata da parte degli operatori del settore, nonché oggetto di attenzione anche da parte del legislatore, che a partire dalla LEGGE 328 DEL 2000, legge di riforma del sistema integrato di interventi e servizi sociali, considera sempre come fondamentale la collaborazione tra gli enti e tra il pubblico e il privato

(Maggian 2001)

slide3
L. 328/2000 soggetti coinvolti nella realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali
  • I soggetti pubblici
  • Lo Stato
    • Il Ministero del Welfare (Dip. del Lavoro - Dip. Politiche Sociali e Previdenziali)*
    • Il Ministero della Salute
    • ...
  • La Conferenza Stato-Regioni
  • Gli enti pubblici nazionali
    • Istituto centrale di statistica (ISTAT)
    • Consiglio nazionale delle ricerche (CNR)
    • Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS)
    • Istituto nazionale per gli infortuni sul lavoro (INAIL)
    • Istituto nazionale di previdenza dipendenti amministrazione pubblica (INPDAP)
    • L’Istituto superiore di sanità (ISS)
    • Gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS)
    • ...
  • Le Regioni
  • Le comunità locali
    • Le Province
    • I Comuni
  • Altri enti pubblici presenti a livello locale
    • Le Comunità montane
    • Le Aziende sanitarie locali e le aziende ospedaliere
    • Le Aziende speciali e le istituzioni
    • I consorzi tra enti locali
    • Le unioni di comuni
    • Le Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB)
    • Gli Istituti autonomi per le case popolari (IACP)
    • ...
  • Le organizzazioni internazionali ed europee
    • L’ONU
    • Il Consiglio d’Europa
    • L’Unione Europea
  • Le imprese
    • Le imprese individuali
    • Le società
    • Le cooperative

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali

  • I soggetti del terzo settore
    • Gli organismi della cooperazione sociale
    • Gli Organismi non lucrativi di utilità sociali (ONLUS)
    • Le associazioni e gli enti di promozione sociale
    • Le organizzazioni di volontariato
    • Le fondazioni
    • Gli enti di patronato
    • Gli enti riconosciuti delle confessioni religiose
  • Le famiglie
    • Singole persone
    • Famiglie nucleari
    • Famiglie estese

Tratto da Maggian Il sistema integrato dell’assistenza Carocci – Roma - 2002

slide4
COS’È OGGI LA RETE SOCIALE TERRITORIALE

♦ è strumento e metodo di lavoro dell’operatore sociale

♦ è un sistema di nodi e connessioni tra soggetti istituzionali e non, pubblici e privati che operano e si relazionano con pari dignità e responsabilitàcaratteristiche del lavorodi rete

♦ presuppone una metodologia di presa in carico di un problema da parte di tanti servizi in uncontinuum di intervento: i diversi servizi avranno un unico progetto per quel problema ed un diverso ruolo da svolgere

♦ presupponeautonomia e autoregolazione dei singoli soggetti di rete

♦ presuppone l’esistenza di una struttura generale di sistema e di un coordinamento che renda possibile laconnessione delle parti

♦ presuppone un collegamento tra i diversi soggetti, ma soprattutto un collegamento di tutti con ilcentro

♦ il collegamento dei servizi è dovuto ad obiettivi su un problema e perciò alla formulazione di unprogetto

slide5
PROGETTAZIONE DI UNA RETE

sul singolo caso:

♦ prima analisi conoscitiva del caso dell’utente e della sua

rete primaria

♦ siraccolgono datisui singoli casi per individuare

problemi e cause ricorrenti

♦ coinvolgimento, promozione di cambiamenti

rappresentano un processoche è in grado di incidere

anche sull’ organizzazione dei servizi, politica dei servizi

e politica sociale

slide6
PROGETTAZIONE DI UNA RETE

sul territorio:

♦ riflessione sul fenomeno

♦ socializzazione

♦ creazione di protocolli d’intesa

♦ operatività integrata

♦ verifica

slide7
PROGETTAZIONE DI UNA RETE

Questo particolare processo di integrazione si realizza nell’ottica della partecipazione declinata nei diversi aspetti, con attività di:

Consultazione

Concertazione

Co-progettazione

Co-gestione

slide8
RETE E SUSSIDIARIETÀ

Sussidiarietà è un parola chiave per le politiche di welfare il termine significa“portare aiuto”e si declina in due tipologie:

♦ sussidiarietà orizzontale

♦ sussidiarietà verticale

slide9
LE FINALITÀ DEL LAVORO DI RETE

Guardarsi attorno e avviare relazioni interpersonali

significative che:

♦ aggiungono valore all’esistente

♦ danno all’operatore una maggiore capacità di

mettersi in gioco

♦ permettono di partecipare

♦ permettono di agire nei confronti della realtà di

tutti i giorni

slide10
CONDIZIONI PER ATTIVARE LE RETI

♦ Le premesse per la costruzione della rete sociale locale si fondano su di un forte interesse per il perseguimento di specifici obiettivi, almeno per uno dei protagonisti della rete (spesso l’ente pubblico)

♦ L’obiettivo deve essere sufficientemente articolato e complesso per permettere il coinvolgimento di più soggetti (ad esempio l’attività di pianificazione sociale)

♦ Gli enti pubblici e privati coinvolti nella rete devono formalizzare l’impegno richiesto, non si può contare solo sulla buona volontà del singolo

♦ Tutti i protagonisti della rete devono poter mettere in campo competenze

♦ Devono essere presenti linguaggi riconoscibili, non omogenei,ma compatibili, come metodologie, modelli, teorie professionali

♦ Il modello di comunicazione, attivato nella rete, deve essere dialogico e quindi interattivo

slide11
IN CONCLUSIONE …

♦“Relazioni significative”permettono di agire concretamente nei

confronti della realtà di tutti i giorni

♦ Con un po’ di ottimismo, si può dire che sembra terminata l’epoca

dei vari e paradossali centralismi

♦ Il welfare fai-da-te non funziona, quindi non funziona più il

protagonismo auto-referenziale dell’Ente Pubblico o della realtà

del privato-sociale; sembra concluso il braccio di ferro “conta più

la sanità o conta più il sociale!”

♦ Preso atto dunque che non esiste oggettività, ma solo punti di

vista, è necessario adesso completare un percorso culturale

ancora incompiuto nel processo di pianificazione sociale.

I protagonisti della rete devono tenere conto che i loro diversi ruoli,

le diverse culture politiche o professionali, sono modi di vedere la

realtà che caratterizzano, ma non ostacolano il lavoro di rete

slide12
LA RETE FICT

Varese

Mantova

Cremona

Bolzano Trento

Belluno Venezia Verona

Vicenza Treviso

Modena Piacenza

Reggio Emilia

Bologna Parma Ravenna

Torino (2)

Vercelli Ivrea

Sanremo La Spezia

Genova Chiavari

Iesi

Spoleto

Arezzo Prato

Firenze Pistoia

Pescara

Viterbo

Anguillara

Civitavecchia

Cagliari

Avellino

Caserta

Benevento

Catanzaro

Cosenza

Reggio Calabria

ad