slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La parola alle Associazioni dei genitori PowerPoint Presentation
Download Presentation
La parola alle Associazioni dei genitori

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 21

La parola alle Associazioni dei genitori - PowerPoint PPT Presentation


  • 88 Views
  • Uploaded on

La parola alle Associazioni dei genitori. Regina Sironi. Segretario Generale Fondazione ABIO Italia Onlus. COME e PERCHÉ è nata ABIO. A S S O C I A Z I O N E P E R I L B A M B I N O I N O S P E D A L E.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La parola alle Associazioni dei genitori' - ponce


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

La parola alle Associazioni dei genitori

Regina Sironi

Segretario Generale Fondazione ABIO Italia Onlus

slide2

COME e PERCHÉ

è nata

ABIO

A S S O C I A Z I O N E P E R I L B A M B I N O I N O S P E D A L E

slide3

“l’ospedalizzazione è un fattore di rischio per lo sviluppo psichico del bambino, tanto più grave quanto più è piccolo il bambino”

slide4

Il 16 novembre 1978

fu costituita ABIO

A S S O C I A Z I O N E P E R I L B A M B I N O I N O S P E D A L E

Il 9 maggio 2006 nasce

Fondazione ABIO Italia Onlus

slide5

ABIO

A S S O C I A Z I O N E P E R I L B A M B I N O I N O S P E D A L E

apolitica e aconfessionale

slide6

MILANO,

BARI, BERGAMO, BIELLA, BOLOGNA,

CAGLIARI, CALTAGIRONE, CANTÙ, CARATE,

CASTELFRANCO VENETO,

CASTELLAMMARE di STABIA, CATANIA,

CERNUSCO sul NAVIGLIO, CINISELLO BALSAMO,

COMO, COSENZA, CREMA, CREMONA, CROTONE, CUNEO, DESENZANO DEL GARDA, DESIO, ERBA, ESINE, FIRENZE, FOGGIA, GROSSETO, IGLESIAS,

L'AQUILA, LECCE, LECCO, LODI, LUCCA,

MAGENTA, MANERBIO, MANTOVA, MELEGNANO,

MELZO, MERATE, MESTRE, MONDOVÌ,

MONTEBELLUNA, MONZA,

NAPOLI, NOVARA,

PALERMO, PARTINICO, PAVIA, PERUGIA, PESARO, POTENZA, RAGUSA, RHO, ROMA, ROVERETO,

SAVIGLIANO, SCIACCA, SOAVE, SONDRIO,

TARANTO, TORINO, TRENTO, TREVIGLIO, TRIESTE,

UDINE, VERBANIA, VERCELLI, VERONA ,

VIAREGGIO, VIMERCATE, VITERBO

fondazione abio italia onlus
Fondazione ABIO Italia Onlus:
  • Favorisce le aperture di nuove Sedi ABIO
  • Coordina e sostiene le Sedi ABIO presenti sul territorio
  • Sensibilizza il territorio nazionale
  • Promuove progetti per ridurre il rischio di trauma che l’ospedalizzazione comporta
  • Progetta e allestisce sale gioco
slide8

scopo primario di ABIO è concorrere all’umanizzazione dell’ospedale, offrendo appoggio al bambino e alla sua famiglia, per rendere loro meno traumatica possibile l’esperienza del ricovero. L’attività dei volontari ABIO si rivolge al bambino e ai suoi genitori.

OBIETTIVO

slide9
ABIO per ridurre al minimo il potenziale rischio di trauma che ogni ricovero presenta, collabora con le diverse figure operanti in ospedale per attuare, ciascuno nel proprio ruolo, una strategia di attiva promozione del benessere del bambino.
slide10

ABIO

A S S O C I A Z I O N E P E R I L B A M B I N O I N O S P E D A L E

ACCOGLIENZA

assistenza

sostegno

intrattenimento

gioco

slide12

REQUISITI

  • età compresa fra 18 e 69 anni
  • essere una persona serena e positiva
  • essere capaci di comunicare
  • essere capaci di ascoltare
  • essere capaci di lavorare in gruppo
  • essere capaci di accettare le diversità
  • essere in condizioni fisiche idonee al servizio
  • avere pazienza
  • avere fantasia
  • avere disponibilità di tempo
slide14

la FORMAZIONE di base consiste in:

  • un incontro informativo
  • lavoro di gruppo: valutazione di idoneità al servizio
  • due lezioni in aula
  • un seminario
slide15

COMPITI DEL VOLONTARIO

  • accogliere il bambino con la sua

famiglia

  • offrire un sostegno al genitore
  • ridare interessi al bambino attraverso

il gioco, il disegno, le attività di

socializzazione

slide16

PERCHE’ GIOCARE

E’IMPORTANTE

slide17

PERCHE’ IL GIOCO:

  • aiuta a dirottare l’ansia legata alla malattia
  • dà al bambino la possibilità di recuperare la sua dimensione

sana in un ambiente che ne sottolinea quella malata

  • permette al bambino di scaricare energie e sentimenti

in modo accettabile e piacevole

  • promuove attività di socializzazione
slide18

Realizzazione di ambienti pediatrici in sintonia con i bisogni emotivi e affettivi dei bambini e degli adolescenti

Obiettivo

Camere e sale gioco accoglienti e colorate rendono l’ospedale meno estraneo e spaventoso, stimolano la fantasia e favoriscono il gioco: fattori decisivi nel ristabilire il benessere del bambino.

slide19

Fondazione ABIO Italia Onlus:

  • Promuove la Carta

dei Diritti

dei Bambini e degli

Adolescenti

in Ospedale

la carta dei diritti dei bambini e degli adolescenti in ospedale
La Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale
  • Redatta da Fondazione ABIO Italia in collaborazione con la SIP e promossa a partire dal 2008:
  • presso gliospedaliche hanno aderito e distribuita dai volontari ABIO nei reparti in cui prestano il loro servizio.
  • presso leIstituzionie l’opinionepubblica

Evidenzia in 10 punti i principi che da sempre guidano il Movimento ABIO:

  • l'importanza di unambienteil più possibile a misura di bambino
  • l'opportunità di garantire ilgiocodurante il ricovero
  • la necessità della presenza deigenitori
  • il diritto allecuremigliori e al ricovero all'interno di reparti pediatrici
slide21

Il percorso di Certificazionedai principi all’applicazione pratica

I 10 punti della Carta sono stati suddivisi in 4 aree:

Accoglienza e supporto

Diritti dei bambini, degli adolescenti, dei familiari e informazioni

Continuità delle cure e integrazione

Specificità delle cure

Per ciascuna area sono previsti standard concreti e misurabili, allo scopo di definire livelli di qualità che i reparti di pediatria devono rispettare nell’erogazione dei servizi di diagnosi e di cura.

Il percorso di certificazione, realizzato da valutatori formati da Joint Commission International, se positivo porta all’ottenimento del Certificato ABIO/SIP di “Ospedale all’altezza dei bambini”.